Interventi Civili di Pace a sostegno dei rifugiati: testimonianza dalla Serbia [P.te II]

Interventi Civili di Pace a sostegno dei rifugiati: testimonianza dalla Serbia [P.te II]

Pubblichiamo il seguito della testimonianza di Silvia Valdrè e Alessandra Dallari, volontarie attualmente in Serbia dallo scorso maggio (in seguito alla apertura del progetto) per supportare il lavoro delle organizzazioni di volontari internazionali indipendenti che sostengono i rifugiati bloccati al confine serbo-croato e serbo-ungherese.

Ci sono stati tanti momenti questa settimana, in cui abbiamo veramente compreso la dura realtà della vita qui per i profughi che cercano di attraversare la frontiera con la Croazia. Tutti loro continuano a provare il così detto “Game”, il “gioco”, che di divertente ha ben poco, visto che si tratta del tentativo di attraversamento del confine (cinque giorni di cammino tra i boschi con cibo e acqua limitati) che purtroppo quasi sempre finisce con la cattura, gli abusi e il respingimento in Serbia da parte della polizia croata. Vale la pena segnalare, inoltre, che gli abusi da parte delle autorità sono ricominciati anche al confine ungherese, dove, per un certo periodo, la situazione sembrava essersi calmata. Dopo settimane trascorse con loro ogni sera, ci siamo affezionate a molte persone e non sappiamo mai se augurarci di non vederle il giorno seguente, nella speranza che siano riuscite ad attraversare il confine e ad arrivare in Europa, o, al contrario, di continuare a poterle incontrare e assicurarci che stiano bene.

Spesso, la sera, durante la distribuzione del cibo, si presentano gruppi più o meno grandi di ragazzi di ritorno dal “Game”: è successo, per esempio, l’altro ieri. All’improvviso sono arrivati 20 ragazzi esausti, sporchi di fango, i loro corpi coperti di punture di zanzare e lesioni, le scarpe rotte. Il cibo era già finito e le volontarie di SolidareTea hanno cercato di raccogliere qualcosa da mangiare, mettendo a disposizione la frutta e i pochi biscotti rimasti. Siamo rimaste ad osservarli mentre li mangiavano freneticamente nella speranza di sfamarsi, scioccate nel sentire che questi ragazzi avrebbero tentato di attraversare il confine nuovamente quella sera stessa, senza darsi il tempo di riposare e recuperare le energie. Durante il Ramadan il gioco è ancora più difficile.

Parlando con uno di loro abbiamo percepito come siano esausti, ma come, allo stesso tempo, la voglia di farcela gli permetta di continuare a provare. Una volontaria austriaca che fino al mese scorso di trovava a Belgrado nelle baracche, edifici occupati dai profughi, ha riconosciuto un ragazzo e ci ha rivelato di come se lo ricordasse carino e amichevole, e di come, adesso, lo veda invece con uno sguardo aggressivo ed estraniato allo stesso tempo. Abbiamo potuto notare come alcune persone facciano uso di droghe per sopportare tutto questo e i momenti di tensione, anche durante la distribuzione dei pasti, non mancano, a riprova dell’esaurimento fisico e mentale a cui sono sottoposte.

Pochi giorni fa durante il momento delle docce, un ragazzo ci ha mostrato un foglio con gli orari dei treni diretti in Italia. Ci ha spiegato che ci vorrebbero due notti nascosti in un container per arrivare nel nostro Paese, uno dei più gettonati dove i ragazzi vorrebbero vivere, convinti che i loro problemi termineranno una volta arrivati. Notiamo come ci sia poca consapevolezza sui futuri ostacoli che dovranno affrontare, ma non ce la sentiamo di spegnere in loro la speranza di poter trovare pace e continuare la loro vita. “Se non ci riesco neanche questa volta, pago uno smuggler che conosco che con 300 euro mi fa arrivare a Trieste, ma non vorrei affidarmi a lui perché conosco tante storie finite male”, ci ha confidato un altro.

Questa settimana è nata un’opportunità per A., un ragazzo afghano, di trovare illegalmente documenti per l’Europa. Era molto combattuto se tentare o tornare dalla sua famiglia e al lavoro in Afghanistan. Questa decisione sembrava innescare un conflitto dentro di lui – afflitto da insonnia e da gravi disturbi psicologici, dovuti ai traumi del passato, che manifesta con convulsioni alle quali abbiamo assistito la scorsa settimana. Quando gli abbiamo chiesto cosa sentiva, lui ha fatto un gesto con le mani dicendo: “il mio cuore sta parlando troppo”. Ci ha detto che aveva ricevuto delle telefonate dal suo capo nelle Forze Speciali il quale gli aveva chiesto di tornare a casa per combattere i talebani, minacciando di
pagare la mafia per trovarlo e ucciderlo se non avesse obbedito. Ci ha raccontato che precedentemente era stato catturato e torturato per un mese proprio dai talebani, tenuto in una piccola stanza. Era
sopravvissuto a molte esplosioni di bombe, una delle quali lo aveva portato a passare tre mesi in ospedale. Aveva combattuto insieme ai soldati britannici e americani contro i talebani e quando era stato costretto a fuggire a causa della paura della morte, non aveva trovato nessuno a sostenerlo. Come una pedina era stato usato e poi scartato. Per noi si è trattato di uno sguardo in un passato sconvolgente di terrore e di brutalità. Perché nessuno si assume la responsabilità di coloro che sono colpiti da una guerra in cui siamo così fortemente coinvolti?

Questo stesso ragazzo pochi giorni fa si trovava nel solito luogo dove provvediamo a fornire le docce, di fianco ad un piccolo fiume. Quel giorno noi non eravamo presenti, e ci ha raccontato che la polizia è
arrivata e lo ha picchiato, sottraendogli il cellulare, i pochi soldi che aveva e il diario che stava scrivendo da 5 anni. Ci ha riferito di come non gli importasse delle cose materiali che aveva, quanto del
suo diario e delle foto della sua famiglia che portava sempre con sé. Abbiamo percepito la frustrazione, la paura e l’umiliazione che vivono ogni giorno, soprattutto quando lui ci ha detto sorridendo “Le uniche ore del giorno in cui mi sento tranquillo e non ho paura sono quelle in cui veniamo qui a mangiare con voi, in cui stiamo insieme e ci divertiamo”.

A causa della scoperta della polizia del luogo delle docce siamo stati costretti a cambiare posto, per evitare di avere problemi e sottoporre i ragazzi a un possibile pericolo. Stasera, inoltre, ci è arrivata una voce sulla possibilità che giovedì la polizia arrivi con dei bus negli squat dove molti ragazzi dormono, per deportarli a Presevo, il campo al confine con la Macedonia. Pur non essendo certi che la cosa avvenga, li abbiamo avvertiti, perché per loro essere portati in quel campo significherebbe tornare
due passi indietro: molti di loro ci sono già passati e ne sono scappati.

Per alleggerire il clima, sabato scorso, dopo la distribuzione, abbiamo dato inizio alle serate di cinema all’aperto, durante le quali proiettiamo film consigliati da loro, che terminano con quella che
abbiamo soprannominato ironicamente “Pashtu disco”. E’ in questi momenti di allegria e spensieratezza che ci guardiamo e ci sentiamo nel “posto giusto”.

Lezioni d’inglese a Diyarbakir: testimonianza del progetto Yazidi’s Voice [P.te II]

Lezioni d’inglese a Diyarbakir: testimonianza del progetto Yazidi’s Voice [P.te II]

Pubblichiamo il seguito della testimonianza di Cherif, volontario lungo termine attualmente in Turchia, partito nel contesto del progetto Yazidi’s Voice per l’avviamento di corsi di lingua inglese per i/le bambini/e di Sur (quartiere centrale di Diyarbakir) e per quelli/e Yazidi rifugiati in Turchia, ospitati al momento nel campo di Midyat.

Cene per l’iftar, inviti a visitare la città, lezioni. È così che sta proseguendo la mia splendida esperienza qui a Diyarbakir. Ogni giorno è un’esperienza nuova, ogni giorno faccio la conoscenza di persone nuove. È come se vivessi qui da tutta una vita!  Forse questa sensazione è data dal fatto che qui le persone sono super calorose e cordiali? Direi proprio di sì!

Essendo l’unico straniero presente in città, tutti e tutte mi domandano continuamente: ma cosa ci fai qui? Cosa ti porta in quel di Diyarbakir? Si sente proprio che è da un sacco di tempo che i turisti, stranieri e locali, non si fanno più vedere da queste parti. Questo in seguito ai bombardamenti del 2016, che hanno causato la rovina del turismo che caratterizzava questa città, e tutto ciò che ne consegue.
Un ragazzo mi dice: «Ci vogliono più persone come te qui, che portino un po di umorismo, di cambiamento!» Sono super onorato per queste parole che mi riempono il cuore.

Il ramadan prosegue alla grande, ormai siamo verso la fine ed il caldo si fa sempre più sentire. Ho cominciato, oltre alle lezioni di inglese (ormai molto frequentate), ad organizzare anche delle lezioni di italiano. È buffo sentirli parlare italiano, soprattutto con un accento del tutto nuovo alle mie orecchie. Favolosi!

Sono stato a Midyat, distante un’ora di autobus, dove si trova il campo in cui risiedono curdi e siriani. Da come mi dice Jamal ed il suo amico, che vivono all’interno del campo, la situazione è veramente brutta. Da esterno, non è possibile accedervi in nessun modo. Non vengono distribuiti i pasti, i rifugiati ricevono 100 lire al mese per sopravvivere. All’interno del campo è presente un piccolo market che fa enormi profitti sulle persone, poiché non è possibile acquistare cibo fuori e introdurlo all’interno della struttura. La libertà di uscire dal campo viene concessa una volta alla settimana, sempre che venga concessa. Problematiche interne tra curdi e siriani non ce ne sono. Grazie alla raccolta effettuata dal Servizio Civile Internazionale, abbiamo ricevuto fondi sufficienti per acquistare latte e biscotti per i 170 bambini neonati o molto piccoli (la fascia d’età varia da l’1 ai 3 anni) presenti a nel campo di Midyat.

Allo Youth and Change Association, invece, sono iniziati anche i lavori di ristrutturazione e di abbellimento del centro. Pittura, amici, musica. Momenti di condivisione utili a capire ancora di più la situazione locale e le problematiche presenti. Assieme agli amici dell’organizzazione, abbiamo anche festeggiato il compleanno di Sevda, una delle volontarie che, non dico gli anni, è cresciuta.
L’esperienza prosegue!!

Interventi Civili di Pace a sostegno dei rifugiati: testimonianza dalla Serbia

Interventi Civili di Pace a sostegno dei rifugiati: testimonianza dalla Serbia

Pubblichiamo la prima testimonianza di Silvia Valdrè e Alessandra Dallari, volontarie attualmente in Serbia dallo scorso maggio (in seguito alla apertura del progetto) per supportare il lavoro delle organizzazioni di volontari internazionali indipendenti che sostengono i rifugiati bloccati al confine serbo-croato e serbo-ungherese.

Šid, Serbia – 8 Giugno 2017

“Oggi si respira!” ho pensato, forse ingenuamente, stamattina. La temperatura, fino a ieri altissima, è calata considerevolmente, regalandoci un po’ di refrigerio. I problemi, però, non sono tardati ad arrivare: al posto del sole incandescente è arrivata la pioggia e, con questa, una bella dose di fango. Stasera, durante la distribuzione del cibo, sono stati in tanti ad avvicinarsi al furgone per chiederci tende e teli di plastica sotto la quale ripararsi. Sembra che al clima serbo non piacciano le mezze misure.

In questi giorni io ed Alessandra ci siamo spostate da Subotica, sul confine ungherese, a Šid, a pochi chilometri dalla Croazia. Questa piccola cittadina passerebbe sicuramente inosservata se non fosse che, al momento, veda la presenza di diverse centinaia di profughi che vivono in condizioni di estrema vulnerabilità. L’attuale impossibilità di varcare il confine con l’Ungheria ha reso il confine serbo-croato, e Šid in particolare, la seconda scelta per tutti coloro che cercano di entrare in Europa attraverso la rotta balcanica. Di fatto però, si sta riproponendo la stessa situazione che fino a pochi mesi fa era possibile osservare a Subotica: frontiere invalicabili, presenza ingente di polizia, respingimenti forzati, abusi da parte delle autorità di frontiera e, in pratica, migranti abbandonati a sé stessi, costretti ad un’attesa infinita.

Mentre scrivo, ripenso alle conversazioni avute oggi durante la cena. Ho fatto amicizia in particolare con X, un simpatico signore algerino che ha vissuto a Bologna per diversi anni e con cui passo il tempo a chiacchierare di cucina. Sa che negli ultimi giorni io ed Alessandra stiamo aiutando i i volontari di No Name Kitchen, che tutte le sere preparano e distribuiscono i pasti alle oltre 200 persone che affollano la jungle. Si è quindi probabilmente convinto che io abbia una qualche (pressoché inesistente) dote culinaria e dispensa consigli sulla quantità di sale da usare e sulle verdure più adatte, lamentando la sua voglia di lasagne e tortellini. È una sorta di figura paterna qui: è raro, infatti, incontrare ragazzi sopra i 30 anni. Vedo che saluta sempre tutti e che c’è sempre qualcuno che lo lascia passare davanti in fila. Mentre ci parlo, mi chiedo sempre quale sia la sua storia, ma non voglio essere indiscreta. Qui, di storie interessanti, in realtà, ce ne sarebbero sicuramente tante da raccontare. Ad esempio, qualche giorno fa un gruppo di ragazzi ci è venuto a chiamare: aveva fatto la sua comparsa un piccolo gruppo di Cubani che, chiaramente confusi, avevano bisogno di qualcuno che fornisse loro informazioni. Cubani? In Serbia? Non ci potevamo credere! Eppure erano lì, seduti in un angolo. Nonostante se ne stessero in disparte, cercando di passare inosservati, è stato facile notarli: la ragazza, in particolare, sempre con lo zaino sulle spalle e la mano stretta in quella del suo compagno di viaggio, spiccava chiaramente, unica donna tra la folla di uomini. Mi sarebbe piaciuto riuscire a scambiarci due parole, ma di loro, oggi, già non c’era più traccia.

Quello che abbiamo notato è che sono in tanti qui, a parlare diverse lingue: pashtu, urdu, farsi…ma anche italiano, spagnolo, francese. Molte di queste persone, hanno vissuto per tanti anni nei nostri Paesi, costruendo una vita in quell’Europa che adesso si chiude davanti a loro.
Quando Henry, un volontario inglese, ci è venuto a chiamare per andare a casa, ho salutato X, augurandomi che riuscisse a riposarsi un po’, nonostante l’acquazzone. “Sister, lo sai che io non dormo!”, mi ha risposto, riferendosi al fatto che anche oggi, come tutte le altre notti, proverà a passare il confine con la Croazia. “Non molliamo mai!”, ha gridato, in italiano, mentre correva via.

Giunta a casa, mi arriva un messaggio da Victor, uno dei volontari dell’organizzazione tedesca Regardu che da diversi mesi lavorano qui a Šid. Chiede se può passare da casa nostra per lasciare un sacco di vestiti da lavare, sono tanti e con una sola lavatrice a loro disposizione non sarebbero mai pronti da distribuire per il giorno dopo. I volontari di Regardu stanno portando avanti un progetto davvero bello: offrono un servizio di docce “portatili” per i profughi che, non avendo accesso ai campi ufficiali, non saprebbero dove altro lavarsi. Si caricano sulle spalle tutto il necessario e montano le docce in un luogo nascosto in mezzo al bosco. Con un sistema di tubi prendono l’acqua da un fiume vicino e fanno in modo di riversarla all’interno di tre tende, adibite a docce. Grazie a dei tasselli numerati, i volontari controllano che la fila sia rispettata, dosano il sapone e cronometrano il tempo necessario ad ognuno per lavarsi. Dopo ogni doccia raccolgono i vestiti sporchi di ciascuno e danno un ricambio pulito a tutti. Con questo sistema riescono a provvedere ai bisogni di circa 50 persone al giorno. Tra l’altro sono stati costretti a cambiare postazione diverse volte dalla polizia, che non vuole che si distribuiscano beni ai profughi e accampa motivazioni di salvaguardia dell’ambiente. Hannah, la responsabile del servizio, mi ha raccontato di come, per evitare ulteriori problemi con la polizia, i volontari siano addirittura arrivati ad evitare di dare direttamente ai migranti il flacone del bagnoschiuma, preferendo versarglielo in mano quando necessario: “Se ci dovessero cogliere sul fatto, nelle loro mani non troverebbero nulla, nemmeno un flacone di plastica. In fin dei conti l’acqua è un bene pubblico, non possono vietarne l’accesso!”. Abbiamo capito che, almeno per i prossimi giorni, il nostro appartamento sarà trasformato in una lavanderia a pieno ritmo.

Qui i problemi da risolvere sono tanti, troppi. Le uniche organizzazioni che supportano i profughi esclusi dai campi sono tutte finanziate da donazioni, o dai volontari stessi che in caso di necessità pagano di tasca loro le spese necessarie. Eppure sembra funzionare tutto bene: ogni settimana i volontari si incontrano per fare il punto della situazione, per dare suggerimenti, per capire semplicemente se tutti siano sulla stessa lunghezza d’onda e come sia il morale. Ogni volta c’è un dilemma in più: i migranti musulmani chiedono del latte per rompere il digiuno del Ramadan, si può trovare? Si vorrebbe arricchire la dieta con della frutta fresca, ma i fondi stanno finendo: c’è qualcuno che possa finanziarla? È stata notata la presenza di polizia attorno al luogo della distribuzione: è stato fermato qualcuno? Ci sono dei ragazzi che hanno bisogno del dentista: qualcuno può accompagnarli? La comunicazione è continua e il sistema collaudato. Mi chiedo però, cosa succederà quando i volontari se ne dovranno andare. Per quanto si potrà andare avanti?

Tra tutti, il problema delle visite mediche, forse, è quello più stringente. Mentre trovare cibo è più facile, non lo è altrettanto assicurare la presenza di medici qualificati. I volontari adeguatamente formati sono pochi e spesso i medici delle cliniche si rifiutano di visitare i profughi, invitando ad andare a registrarsi ai campi, già sovraffollati. Anche il supporto psicologico manca. Offrire il proprio tempo per ascoltare, “esserci” , è sicuramente importante, ma può non essere sufficiente. Purtroppo è fin troppo chiaro come sia necessario, per alcuni, un serio sostegno professionale. I volontari spagnoli, che hanno accolto in casa loro un ragazzo afghano che li aiuta nella preparazione dei pasti, ci hanno confidato come siano preoccupati per lui: non dorme da giorni e si isola spesso. Il trauma del viaggio, la mancanza di prospettive, gli abusi fisici e psicologici a cui molti sono sottoposti hanno lasciato segni più difficili da vedere, ma che hanno gravi conseguenze sulla loro capacità di “non mollare mai”.

Lezioni d’inglese a Diyarbakir: testimonianza del progetto Yazidi’s Voice

Lezioni d’inglese a Diyarbakir: testimonianza del progetto Yazidi’s Voice

Presentiamo la testimonianza di Cherif, volontario lungo termine attualmente in Turchia, partito nel contesto del progetto Yazidi’s Voice per l’avviamento di corsi di lingua inglese per i/le bambini/e di Sur (quartiere centrale di Diyarbakir) e per quelli/e Yazidi rifugiati in Turchia, ospitati al momento nel campo di Midyat.

Sono arrivato il 17 Maggio in quel di Diyarbakir. Visto che le lezioni sarebbero cominciate il 21, ho passato quattro giorni ad ambientarmi, cercando di capire la situazione locale e le problematiche che ci sono, oltre che a conoscere la zona. La situazione sembra tranquilla anche se le persone sono stanche, paurose del proprio futuro e di quello che succederà nei mesi a venire. Tutto è un punto interrogativo qui, non sanno cosa gli succederà. La zona è molto controllata dalla polizia e dai militari con moltissimi posti di controllo. Tutto è però quieto.

Il 21 di maggio sono iniziate le lezioni, con la mia prima lezione conoscitiva degli studenti nel centro di Umut. Il livello generale è elementare, per lo più. Ho diviso gli studenti in due classi, beginner e intermedi: il martedì e il giovedì la classe intermedi dalle 16 alle 18, mentre sabato e domenica (sempre dalle 16 alle 18) c’è la classe beginner. Ho iniziato anche a lavorare presso il Cultural Center dove i bimbi e le maestre mi hanno subito accolto e coccolato. Favolosi. Mercoledì, giovedì e venerdì, dalle ore 12.30 alle ore 16, mi diletto a giocare con i bimbi e fare attività, mentre sabato e domenica lezione di inglese. Al mattino dalle 10 alle 12 insegno inglese agli insegnanti, mentre nel pomeriggio dalle 13 alle 15 svolgo le lezioni ai ragazzini.

Tutto procede tranquillo e nel migliore dei modi. Ho conosciuto tante persone meravigliose, e ne conoscerò altrettante. Essendo l’unico straniero in città e per di più l’English Teacher sono super adorato. È anche cominciato il mese del Ramadan qui a Diyarbakir e anche io lo osservo, per cercare di coglierne ogni sfumatura e conoscere appieno la cultura locale; ogni sera, apprezzo il cibo locale all’iftar (orario in cui il sole cala e si può mangiare): faccio la fila nella piazza principale della città dove è stata posizionata una tenda in cui viene effettuata la distribuzione gratuita del cibo in vassoi. Anche se trovare posto non è assolutamente facile, e benché meno fare la fila (visto che bisogna aspettare 30 minuti prima di poter varcare l’ingresso della tenda), lo sforzo viene sempre ripagato dalle stesse persone che, una volta seduto di fronte a loro, ti accolgono e ti trattano come da pari – anche se non ci si intende non parlando la stessa lingua!

Io, lo SVE con lo SCI in Belgio presso l’International Secretariat

Io, lo SVE con lo SCI in Belgio presso l’International Secretariat

L’articolo è stato scritto da Martina Pieri, attualmente volontaria SVE per un anno ad Anversa, presso l’Internationl Secretariat dello SCI.

Ho sempre pensato di fare uno SVE, da quando più o meno ho scoperto — in maniera vaga — cosa fosse. E’ una di quelle idee che ad un certo punto ti dimentichi di come è nata, ma che piano piano prendono il sopravvento. Per me è un’altra possibilità di lavorare un po’ nella cooperazione allo sviluppo, che è quello che ho studiato.

Sono inciampata un po’ per caso, scorrendo facebook, sulla call dello SCI per lo SVE in Belgio. Ho fatto il colloquio, è andato bene e dallo scorso ottobre sono stata catapultata nel gigantesco e magmatico mondo SCI: precisamente, all’International Secretariat ad Anversa, l’ufficio di coordinamento delle varie branche e dei gruppi sparsi in tutto il mondo. Io mi occupo della comunicazione, social media, blog, sito web, newsletter (sì newsletter, quindi se vi arriva quella cosa lì a fine mese, leggetela perché è dannatamente complicato mettere insieme informazioni dall’Australia alla Norvegia, passando per lo Sri Lanka!).

Perché lo SVE? Perché è una bella opportunità per i giovani di fare un’altra cosa, di vivere all’estero, di lavorare in un ambiente internazionale o comunque in un ambiente diverso da casa. E’ l’opportunità di andare oltre quello in cui si crede e assecondare le proprie necessità. Che sia quella di passare qualche mese all’estero, quella di fare volontariato, unirsi ad una casa ambientale o educativa in un paese diverso dall’Italia, o semplicemente imparare lo spagnolo, lo SVE è un’opportunità per tutti. E va colta. Quindi eccomi qui.

Perché lo SCI? Non avevo esperienza diretta con lo SCI prima di quest’avventura. Da drogata di comunicazione, cooperazione e tutto quello che lega la comunicazione alla cooperazione, li seguivo su Facebook, conoscevo i workcamps, sapevo dei loro mini corsi di progettazione a cui ho sempre pensato di partecipare, ma il momento non era mai quello giusto. E poi una mia cara amica era stata in Mongolia con lo SCI, mi sono detta: in Mongolia? Cosa spinge una Ong italiana a fare qualcosa in Mongolia? Non so, ma la cosa mi incuriosiva.

Insomma, arrivata ad Anversa sono stata immersa in un mare di nomi, cose, persone, sigle. Lo sapete quante sigle ci sono nello SCI? Una marea, dopo quasi 7 mesi, ancora mi confondo. In 7 mesi ho scritto articoli per il sito, raccolto storie di volontari in giro per il mondo SCI, comunicato con le altre branche, stalkerato le altre branche per avere contributi per la newsletter, creato newsletter, iniziato ad usare MailChimp (no devo dirlo, perchè MailChimp è una figata!), lavorato con programmi di grafica, twittato, ideato video, caricati poi su YouTube e Vimeo, fotocopiato, scannerizzato, spazzato. E poi fatti tanti tiramisù. Fatti un mare di tiramisù. Arrivata l’italiana e allora facciamola cucinare. E diciamoci la verità, a noi piace cucinare. Se non proprio a tutti alla maggior parte. E così la terza settimana che ero qui ho invitato tutto l’ufficio e l’ufficio di VIA (la branca fiamminga dello SCI) a casa per una cena italiana. Aperitivo, tre assaggi di pasta e tiramisù. Non ci tiriamo mai indietro noi di fronte al cibo, soprattutto se lo cuciniamo noi.

Perché il Belgio? Pensavo allo SVE come ad un’opportunità per vivere l’Ong in ufficio, dato che gli ultimi due anni avevo lavorato più sul campo direttamente nei progetti. E pertanto mi interessava lavorare nella comunicazione per il no-profit, la mia passione, che avevo già sperimentato qualche anno fa. Però volevo trovare il modo di avvicinarmi al magico mondo di Brussels, che non credo sia veramente magico, ma per chi esce da Scienze Politiche, Brussels è un’opportunità. Se sei fortunato, una molto valida. E allora questa call è stata un po’ un colpo di fortuna, metteva insieme la vicinanza a Brussels e il lavoro di comunicazione. E poi alle patatine fritte. E alla cioccolata. E alla birra. Va be, ciao Italia, io vado.

Lo SVE mi ha insegnato che lo SCI non è solo un’associazione, ma è uno stile di vita. E’ un posto di gente stupenda, che non molla mai, che si ritrova sempre, che condivide, che sperimenta, che lavora sodo e crede in un mondo più bello. Lo SCI Italia poi visto da qui – posizione un po’ privilegiata per avere uno sguardo sulle varie branche – è una fonte di ispirazione quotidiana, di attivismo, di idee. E’ forse una delle branche più attive che mi capita di incrociare ogni giorno sul web, assieme a quella catalana in Spagna. Poi c’è quella metodica tedesca, quella puntuale Svizzera, quella super fundraising Inglese, quella tenera Ucraina, quella attivissima Bulgara, quella Svedese, che re-posta tutto quello che postiamo noi su Facebook, quella Kosovara, che adoro perché conosco il Kosovo, quella Greca, che organizza sempre serate a tema con i propri volontari e tante altre. Le conosco tutte, per nome. So cosa pubblicano, cosa promuovono, il modo in cui lo fanno, chi mi risponderà alla loro chat privata di Facebook. Ma quella italiana, ah! Quella italiana ce l’ho nel cuore. Soprattutto perché sono dei gran femministi come me.

Lo SCI mi ha insegnato che ognuno parla l’inglese un po’ così. Che è meglio muoversi in autobus o in treno rispetto all’aereo, per una questione ambientale. Che in ufficio si può fare il compost con i vermi, ma noi mangiamo solo mandarini e beviamo tè in ufficio e i vermi morirebbero perché non hanno abbastanza cibo organico da mangiare. Che la mia project officer parla ceco e olandese, il mio amministratore finlandese, la mia coordinatrice serbo, la mia responsabile inglese e turco, l’altra SVE finlandese, l’altra SVE ancora cantonese e il Servizio Civile francese. E poi ci sono io, che parlo a gesti. Che lo SCI è pet friendly. Ed environmental friendly. E intercultural friendly. Insomma, lo SCI è friendly un po’ con tutti, perché a fare un sorriso ci si mette meno che ad arrabbiarsi (però la newsletter leggetela, sennò mi arrabbio).

Il Belgio mi ha insegnato che qui si vive tutto in modo rilassato. Che il tramonto arriva sempre più tardi ora. Che dopo lavoro puoi berti una birra sullo Schelde, il fiume di Anversa. Che io volevo vedere Brussels, ma Anversa è dieci volte più bella, talmente bella che non vorrei più andarmene. Che puoi fare yoga al parco. Che tutti i supermercati hanno sempre la baguette fresca. Che se vai al pub e non prendi almeno tre birre, non sei nessuno. Che se dopo le birre non mangi le frites, non sai cosa ti perdi (e soprattutto assorbono un po’ di birra). Che con il treno in un paio d’ore attraversi tutto il Belgio. Che i treni in Belgio sono una cosa spettacolare che Trenitalia levate proprio. Che dal medico prendo appuntamento con un sms. Che i waffle sono una cosa straordinariamente magica e super ingrassante. Poi tanto prendi appuntamento con un sms dal medico per le analisi del diabete. No problem.
Fatelo uno SVE con lo SCI, prima o poi. Perché vi abbellisce la vita.

“Hey mzungo, jambo!”: storia di una volontaria a Zanzibar

“Hey mzungo, jambo!”: storia di una volontaria a Zanzibar

L’articolo è stato scritto da Marianna Visotti, che nell’estate 2016 ha partecipato a un campo di volontariato nell’isola di Zanzibar, in Tanzania.

[Questa testimonianza ci dimostra come l’esperienza di un campo di volontariato non sempre si svolge “da manuale”: i contesti sociali e culturali in cui i/le volontari/e si muovono sono sempre diversi e spesso riserbano sorprese inaspettate; ciò non significa che le difficoltà debbano diventare un ostacolo, anzi. Affrontarle con una buona dose di pazienza e di capacità di adattamento è sempre il primo passo di un percorso di crescita. Lo spirito che anima i campi di lavoro può essere lo stesso dal Nord al Sud del mondo, ma ben diverse sono le situazioni che si possono incontrare e le maniere di affrontarle. Proprio per questo, consigliamo sempre di partecipare agli incontri di formazione che SCI-Italia organizza per i/le volontari/e in partenza: per prendere coscienza del percorso che si sta intraprendendo, e farlo con uno spiccato senso dell’adattamento e grande sensibilità.]

Dopo anni di università, lavoro e altri diversivi, a gennaio ho deciso di realizzare uno dei miei sogni nel cassetto, partire per un progetto di volontariato in Africa, destinazione Zanzibar.

Il progetto da me scelto era della durata complessiva di tre settimane e composto da due attività principali: piantare mangrovie (piante che, tollerando l’elevata salinità del mare aperto, sono parte attiva nella conformazione delle coste, le proteggono dall’innalzamento del livello del mare e vengono utilizzate anche per il loro legno) e insegnare inglese ai ragazzi del villaggio.

La nostra casa era a 10 chilometri dalla capitale Zanzibar City, in un paese rurale chiamato Maungani e, oltre a me, partecipavano al campo anche un altro volontario italiano, un portoghese, una spagnola, una taiwanese, una polacca e svariati volontari locali. All’inizio tutto andava come da programma. La mattina, dopo aver fatto colazione insieme, raggiungevamo in bici il mangrovieto, verso le 13 c’era il pranzo cucinato da una volontaria locale, relax in spiaggia (in fondo eravamo su un’isola!) e intorno alle 16.30 iniziava l’attività pomeridiana, che si protraeva per un paio d’ore fino all’ora di cena. La sera invece, quando non c’era la cultural night, serata dedicata alla scoperta delle nazioni dei volontari, ci ritrovavamo sotto il portico di casa per chiacchiere e godere dei pochi momenti freschi della giornata. Purtroppo però, dopo solo una settimana di volontariato, mi sono resa conto che c’era qualcosa che non andava. Il problema fondamentale era che i volontari locali non sembravano così preparati al nostro arrivo. Il luogo destinato a piantare le mangrovie era saturo, c’erano pochissimi spazi liberi dove posizionare i semi e, per quanto riguardava le lezioni di inglese, eravamo 5 insegnanti (un volontario aveva un altro progetto) e 3 studenti.

Perciò, dalla seconda settimana, trovando più interessante comprendere la loro cultura e le loro tradizioni, ho chiesto di potermi unire al women group, ossia il gruppo delle donne del villaggio. Tra le tante attività svolte, ho imparato a cucinare chapati – tipico pane locale che utilizzano per qualsiasi pasto -, mi hanno insegnato a intrecciare foglie di banano, che vengono impiegate come tetti per le capanne e mi hanno mostrato come indossare il kanga, indumento locale molto colorato, composto da due pezzi, uno utilizzato come gonna e l’altro come velo per coprire il capo. Nel pomeriggio, alternavo le lezioni di lingua con gli adolescenti a quelle, improvvisate, con i bambini che tutti i giorni si radunavano davanti a casa nostra. Duranti i week-end invece, abbiamo partecipato a numerose escursioni organizzate dai volontari locali, tra cui Safari Blu, Jozani Forest e Prison Island.

A fine progetto, vista l’insoddisfazione di alcune persone, ci siamo confrontati, prima tra di noi, arrivando alla conclusione che a volte la parola “work(camp)” sia solo un pretesto per avere uno scambio culturale (anche perché, aggiungo io, in tre settimane non ci si può proporre di cambiare il mondo) e, in seguito, parlando con i volontari locali, abbiamo capito che la nostra è stata solo sfortuna. Nei campi precedenti si è sempre insegnato in una scuola, ma questa volta ci sono stati problemi tecnici tali per cui hanno dovuto chiamare i ragazzi a casa e invece, per problemi di distanza dal villaggio, avevano appena deciso di abbandonare una foresta di mangrovie più bisognosa del nostro intervento.

Personalmente, avendo già avuto pregresse esperienze di volontariato e sapendo che spesso quello che viene scritto negli infosheet differisce da quello che poi si andrà realmente a realizzare, sono partita senza aspettative. Così i problemi sopra citati, che per alcuni sono stati motivo di delusione momentanea, io li ho presi semplicemente come imprevisto e sono molto felice di aver partecipato a questo progetto. Ho potuto approfondire la mia conoscenza dell’Africa, c’è stato un magnifico scambio culturale sia tra di noi che con gli abitanti del villaggio. Finalmente sono riuscita a vedere la vita da un altro punto di vista.

Testimonianza di un Servizio Volontario Europeo in itinere a Praga

Testimonianza di un Servizio Volontario Europeo in itinere a Praga

L’articolo è stato scritto da Rosemarie Di Blasio, attualmente volontaria per un anno a Praga, presso l’Ong INEX SDA.

Il mio inizio di SVE è stato alquanto freddo. Partita per Praga a Febbraio l’ho trovata ricoperta da un sottile velo bianco, più bella e magica che mai. Per fortuna il mio SVE ha la durata di un anno e avrò quindi l’opportunità di ammirarla durante ogni sua stagione. Adesso la primavera si è già fatta spazio tra le strette vie di Praga, dipingendo ogni angolo della città di rosa e di verde, arricchendola di baretti lungo il fiume, di turisti e locali sorridenti.

All’inizio devo ammettere non era questa la prima impressione che mi ero fatta degli abitanti praghesi. Tutt’altro. I primi incontri con loro mi hanno fatto credere che erano persone molto diverse da quelle “mediterranee” alla quale sono abituata. Erano freddi, sgarbati e con il broncio costante. Tra vita quotidiana e occasioni di scambio e confronto con i miei colleghi, mi ci sono voluti due mesi per iniziare ad ambientarmi e comprenderli; questa mia esperienza mi dà la prova che lo SVE è una tra le migliori scommesse che l’Unione Europea possa fare per i giovani. Lo SVE abbatte le barriere, smonta i pregiudizi e proprio in tal modo ti fa sentire appartenente a una comunità più ampia, come ad esempio quella europea.

Durante i primi mesi ci sono stati incontri tra persone locali e internazionali, tra lavoratori e volontari come me venuti da ogni angolo d’Europa, e questo stare insieme dimostra come tra un italiano e uno spagnolo non ci siano differenze, che un tedesco e un francese possono passare ore a chiacchierare senza dare peso alla loro nazionalità! Questo l’ho capito anche grazie all’opportunità che ho avuto durante i giorni di formazione, dove ho diretto un workshop proprio sul concetto dell’identità Europea, ed ho condiviso insieme agli altri volontari SVE la ricchezza di ciò che stiamo vivendo.

Il mio lavoro qui però si dedica a tutt’altro. Attualmente sto svolgendo il mio anno di volontariato a Praga presso INEX SDA. Un ramo di questa Ong si dedica al calcio, al potere che il calcio ha nel costruire ponti, nell’abbattere gli stereotipi e nel creare coesione sociale. Il mio lavoro consiste nell’organizzare tornei di calcio con bambini economicamente e/o socialmente disagiati e incentivare la loro partecipazione a giocare in modo giusto, un calcio fairplay con altri bambini come loro. A breve sarò in tour per un mese per tutta la Repubblica Ceca, accompagnata da ambasciatori del calcio fairplay del Kenya, e giocheremo a calcio affinché il nostro messaggio venga raccolto dai bambini locali.

Sono solo al mio terzo mese qui in Repubblica Ceca, ma sono curiosa di vedere quanto altro quest’anno mi può ancora offrire, quante opportunità di crescita avrò, e quanti ostacoli dovrò superare ancora, cosicché al mio rientro a Roma la mia valigia non sarà solo colma di cartoline e foto ma anche di apprendimento, nuove amicizie e nuove abilità lavorative.

Latitudine 64°N: impressioni islandesi [Parte II]

Latitudine 64°N: impressioni islandesi [Parte II]

Una sera partecipammo ad un aperitivo (al museo) dove c’era anche la possibilità di ballare su musiche islandesi, che poi lasciarono il posto agli Abba. Quella sera facemmo la conoscenza di tre ragazzi che erano capitati per caso a Reykholar e che stavano facendo il giro dell’Islanda con una macchina noleggiata. Due di loro venivano da Bruxelles, uno da New Orleans, e ciò che li accomunava era la passione per il viaggio. Ci fecero vedere le foto dei posti dov’erano stati, che la parola “incredibili” non potrebbe descrivere neanche lontanamente. Mi ripromisi che, se avessi avuto la possibilità di tornare in Islanda, avrei assolutamente noleggiato una macchina e avrei girato in lungo e in largo quei posti indescrivibili. I nostri nuovi amici ripartirono la mattina seguente, ma non prima di salutarci alla competizione di trattori, dove eravamo impegnati a controllare i bambini sui gonfiabili. La domenica assistemmo (per curiosità culturale) alla messa tenuta da una sacerdotessa nella chiesa di Reykholar. Non avevo mai visto una donna celebrare la messa e fu un’occasione rara, considerando il rigido rigorismo italiano in fatto di sacerdozio. Il giorno seguente le fattorie del posto organizzarono un giro a tappe, in cui ciascuna metteva a disposizione zuppe di propria produzione.

Quello fu l’ultimo giorno di lavoro, ma Harpa, il nostro “boss”, organizzò per noi volontari una cavalcata tra i fiordi sui suoi cavalli. I cavalli islandesi sono un po’ più tozzi di quelli a cui ero abituata, la maggior parte sono molto docili e non è difficile cavalcarli (salvo la mia cavalla, una vera prima donna, che non ne voleva sapere di seguire le mie indicazioni e, ogni volta che riprendevo il controllo, mi riportava dai suoi amici cavalli, cosa che, evidentemente, riteneva un impiego del tempo molto migliore rispetto a quello che le chiedevo di fare io). Harpa ci raccontò che i cavalli islandesi sono particolarissimi, perché lontani da casa muoiono per la nostalgia. Sono certa che non sia un’esagerazione, perché le terre islandesi sono una specie di microcosmo incantato, dove, su sfondi mozzafiato di natura incontaminata, si svolge l’esistenza pacifica di un popolo che non ha dimenticato il valore della cura e della dedizione verso gli altri e verso l’ambiente in cui vive, in una forma di solidarietà disinteressata e genuina, e che, pur non precludendosi le innovazioni che hanno portato la scienza e la tecnica (tutti gli islandesi che ho conosciuto hanno almeno un Suv e un iPhone), ha saputo farne un uso misurato, senza abbandonarsi ai ritmi frenetici della vita moderna, per conservare ancora quei momenti in cui ci si accorge della vita che tutta freme e fermenta intorno e non è soffocata da colate di cemento e non è stretta da fili elettrici.

Infine, con gli altri volontari tornammo a Reykjavik, un po’ dispiaciuti che il viaggio fosse quasi al termine, ma riuscimmo a regalarci comunque un’ultima gita: in verità, fu il giro più turistico e meno entusiasmante di tutta la “vacanza”, perché dati i tempi stretti l’unica possibilità era visitare il “Golden Circle”, che probabilmente ci riportò alla disincantata dimensione massificata del turismo mondiale, con i suoi bagni di folla che si riversa nei 30 minuti concessi dalla guida nelle tappe previste, accanto la geyser più grande d’Islanda (Geysir), le cascate Gullfoss e il Thingvellir National Park, ex sede del Parlamento e punto di contatto fra i due continenti. Ricordo che fece a tutti noi volontari uno strano effetto vedere quelle meraviglie naturali imbrigliate entro cordicelle e cartelli: era uno scenario completamente diverso da quello a cui ci eravamo abituati nell’Ovest e ricordo come l’impressione generale fosse di forze della natura “addomesticate”, o forse infiacchite dalle folle di turisti preoccupati di riuscire a fotografarle-farsi­fotografare.

La sera cenammo con altri volontari che incontrammo al dormitorio di SEEDS e che avrebbero iniziato un campo l’indomani. Non fu una cena tipica islandese, perché nell’indecisione generale la fame prevalse (era piuttosto tardi) e ci accontentammo di hamburger e birra, ma le risate e i racconti di quella sera resero quei panini assolutamente speciali. Passeggiammo per la città fino a mezzanotte, nonostante sembrassero le cinque del pomeriggio, con il cielo striato dalle luci rosse del tramonto. Nessuno aveva voglia di tornare al dormitorio, perché sapevamo che quello sarebbe stato il momento del disincanto, dello stacco, il momento in cui si traccia il confine fra l’oggi e il domani. Infatti, in Islanda il sole non tramonta mai d’estate, per cui sembra di vivere un giorno che dura all’infinito, l’orologio è un residuo che odora di casa, ma non c’è nulla che dia davvero l’impressione dello scorrere del tempo, sembra sempre di avere tutto il tempo del mondo.

Prima di partire per il campo di volontariato pensai che partecipare ad un’iniziativa che poneva a diretto contatto con la popolazione del luogo, che faceva entrare nelle maglie dell’organizzazione locale, toccare magari le problematiche, approfondire gli usi e le tradizioni locali fosse il punto di partenza migliore per avvicinarmi ad un luogo così distante dall’Italia e da ciò a cui ero abituata, un luogo che da una parte ammicca al vicino circolo polare e dall’altro sorride caustico all’occidente che si srotola come un tappeto ricamato ai suoi piedi. Un’isola con una lingua che, per emanciparsi dal dominio danese e rivendicare la propria indipendenza, addirittura ha coniato termini sostitutivi suoi propri per nomi che il nostro vocabolario ha recepito per osmosi da altre lingue e che ora sono patrimonio comune, compreso da tutti, non legato ad un’area geografica specifica (mi riferisco a “computer”, “garage”, “monitor”, ecc.).

Togliersi gli abiti da turista e vestire quelli scomodi e sporchi da lavoro permette certamente di calarsi meglio nella realtà locale, anche se, forse, mi aspettavo qualcosa di più, quando invece gli islandesi ci consentirono di dare solo un piccolo contributo al loro festival. Ma fu comunque un primo e prezioso approccio, che ci consentì di conoscere la gente del luogo (con cui ancora oggi siamo in contatto), scoprire il loro irresistibile senso dell’umorismo, la loro generosa e spontanea ospitalità, il loro stile di vita ammirevole (per come riescono a sopravvivere in quei luoghi incontaminati, a volte faticosi e anche ostili nelle stagioni più fredde), di imparare molto e ricordare quanto a volte ci si perda sullo strato epidermico delle cose; di scoprire quanto non sia, in definitiva, così lontana una latitudine 64°N dai miei pensieri.

Coordinare un campo in Sardegna: il racconto di Mattia

Coordinare un campo in Sardegna: il racconto di Mattia

L’articolo è stato scritto da Mattia Livraghi, coordinatore, nell’estate 2016, di due campi di volontariato presso il Villaggio Carovana di Castiadas, Sardegna. 

La scorsa estate ho coordinato i primi due campi Summer at the Villaggio, siti al Villaggio Carovana, presso Castiadas, in Sardegna. Il Villaggio è una casa per ferie che accoglie, fra gli altri, anche ospiti speciali (come li chiamavamo in gergo affettuoso), ovvero portatori di qualche disabilità intellettiva. Ma sia chiaro, non si chiama Carovana di certo solo per quello: famiglie più o meno numerose, coppiette giovani e datate, i relativi bambini liberi di scorrazzare per il salone comune, in compagnia dei figli dei gestori del Villaggio. Persino ignari turisti che avevano prenotato una notte con formula bed and breakfast, per scoprire, a colazione, che non avevano scelto il solito albergo in Sardegna. Ma tutto questo lo sapevo già, perché due anni prima ero stato volontario nello stesso campo.

Essendomi trovato a mio agio in un ambiente così variopinto, avevo accolto con piacere l’invito del Villaggio a tornare, ma questa volta come coordinatore. Avevo anche frequentato la formazione coordinatori e mi ero fatto un’idea generale sul ruolo: interfacciarsi con l’associazione partner e assicurarsi che il gruppo dei volontari lavori in armonia. Oltre a questo, adempiere anche alle mansioni del volontario. Più facile a dirsi che a farsi, già starete pensando.

Giunto in Sardegna, il primo gruppo di volontari era composto da due ragazze catalane piuttosto spigliate, da una ragazza russa molto più introversa e dal sottoscritto. Nell’arco del primo giorno è stato evidente che la volontaria russa si sentiva fuori dal giro: la differenza linguistica non le permetteva di ridere delle battute a tavola, e la sua personalità nordica contrastava con il ben noto calore sardo e catalano. In più, la vicinanza tra italiano e catalano spesso rendeva l’inglese superfluo tra me e le altre due ragazze, fatto che accentuava il suo isolamento. In quanto coordinatore, sapevo di dover fare qualcosa.

Quella prima notte mi ero addormentato ponderando una soluzione. Non so in che sogno fossi quando, alle quattro del mattino, sono stato svegliato di soprassalto dalle urla delle tre ragazze, che avevano sentito dei rumori fuori dalla roulotte e avevano pensato a qualche maniaco serial killer. Ovviamente hanno insistito che andassi a controllare di persona che non ci fosse nessuno. La mattina dopo, mentre a colazione ci ribadivano che condividevamo la collina con dei cinghiali selvatici, non sempre silenziosi, le tre ragazze stavano parlando animatamente. Insieme avevamo riso e discusso dell’accaduto, e insieme ci preparavamo alla prima giornata di lavoro. Da quel momento in poi, tradurre tutte le nostre conversazioni in inglese è stato più piacevole e naturale; allo stesso tempo la volontaria russa ha iniziato ad aprirsi di più. In altri termini, il pericolo che si isolasse un membro del gruppo è stato scongiurato grazie ad un cinghiale notturno. Mica l’avevano menzionato questo, alla formazione coordinatori.

La morale è che il coordinatore non è onnisciente, e che non tutte le soluzioni possono, o devono, essere da lui dispensate. Da coordinatori vi potrete impegnare a mediare dispute, sforzarvi affinché tutti si sentano inclusi, organizzare giochi e attività, ma talvolta il vostro problema verrà risolto da un cinghiale selvatico. Oppure magari dall’idea brillante di un altro volontario o dell’associazione partner.

Certo, la pressione a cui vi sottoporrete per il buon esito del campo sarà elevata. Ma ricordate che non siete i primi assoluti, bensì i primi fra i pari. È questo l’unico vero fattore che vi contraddistingue dagli altri volontari: avete riflettuto di più su quella pala che spezza una spada nel logo dello SCI. Sapete cioè che è lavorando fianco a fianco, e non da soli, che potrete risolvere il problema.

Latitudine 64°N: impressioni islandesi [Parte I]

Latitudine 64°N: impressioni islandesi [Parte I]

L’articolo è stato scritto da Irene Ottolini, che nel luglio 2016 ha partecipato a un campo di volontariato SCI in Islanda.

Riuscite a immaginare un luogo che come coordinate ha 64°N di latitudine? Siete nel punto più estremo, tangente il circolo polare artico, oltre il quale c’è spazio solo per l’immaginazione. Quindi mettetevi comodi, attenti a non oltrepassare il confine, perché oltre non esiste più strada, passaggio, sentiero, o rotta. Quanto può essere suggestivo un luogo del genere? Impossibile non rimanerne sedotti…Per me fu una di quelle volte in cui addirittura semplici numeri ebbero la capacità di evocare universi sconosciuti, senza tracciarne la fisionomia, ma lasciando dietro di sé il chiaro sentore di occasione irripetibile e, con il classico entusiasmo portentoso e travolgente dei vent’anni, non ci pensai due volte quando lessi la destinazione “Islanda” nella lista dei campi di volontariato proposti dal Servizio Civile Internazionale.

Non fu difficile organizzare la partenza (cosa che, forse, mi preoccupava più di tutte, essendo alle prime armi in fatto di campi), perché lo “staff” dello SCI fu da subito molto disponibile ed efficace nel mettermi in contatto con l’associazione SEEDS, che ospitava i campi in Islanda, e in poco tempo mi ritrovai seduta su una valigia troppo piena, cercando di chiudere la cerniera senza rompere nulla. Le tratte Venezia-­Keflavik purtroppo non sono dirette e fu un viaggio interminabile (se non altro per gli scali, quasi più lunghi dei voli), ma non mi sono mai lasciata intimidire dai lunghi viaggi, quantomeno perché danno veramente l’idea di aver raggiunto un posto, molto più di quei voli istantanei che annullano le distanze.

Arrivai a Keflavik a mezzanotte di un giorno alla fine di luglio con il sole ancora alto. Sostenuta da un inaspettato e incrollabile ottimismo, dimenticandomi della stanchezza, trovai senza difficoltà la navetta per Reykjavik, la mia destinazione per quella notte. Ricordo bene quel viaggio in pullman: fu il mio primo assaggio dei paesaggi islandesi e ne rimasi totalmente affascinata. Non avevo mai visto nulla di simile e assaporavo con sguardo insaziabile le sterminate distese di rocce fondersi con la vegetazione locale, illuminate dal sole di mezzanotte, in un connubio di terra, roccia, licheni e acqua, in mezzo solo la strada asfaltata, quasi una concessione di quello sfondo selvaggio che si era lasciato addomesticare per quella lingua d’asfalto. Nonostante l’assenza di tracce umane, non mi sentii affatto dispersa nel nulla: era, al contrario, molto riposante per gli occhi e distensivo per la mente, come una boccata d’ossigeno. Il paesaggio cominciò a cambiare quando arrivammo nei pressi di Reykjavik e allora cominciarono a delinearsi i profili delle case, delle strade, dei semafori e tutto ciò che, in definitiva, avevo lasciato molte ore prima.

Il campo a cui ero iscritta si svolgeva a Reykholar, un paesino a 230km da Reykjavik, e il mio compito insieme a quello degli altri volontari era un indefinito e generico supporto organizzativo al festival di tradizioni e cultura locali. Con altri tre volontari viaggiammo in pullman fino alla regione cosiddetta “Westfjords” (fiordi dell’ovest) e raggiunsi così la destinazione finale.

Reykholar è un paesino costruito alle pendici di un monte e affacciato sui fiordi, popolazione: 135 abitanti, di cui molti bambini e adulti sopra i 35 anni; il gap riguarda i ventenni, quasi tutti concentrati nelle principali città islandesi. Il nostro alloggio era previsto nella scuola locale. Le scuole islandesi sono organizzate in modo da garantire agli studenti un riparo in caso di maltempo e condizioni atmosferiche sfavorevoli, tali da rendere difficile il ritorno a casa, per cui molte strutture sono dotate di camere da letto, bagni e cucina. Fu una vera fortuna perché ero pronta a ben altro, come tende e accampamenti alla buona, quando, invece, ci ritrovammo ad avere addirittura una camera da letto per ciascuno.

Il gruppo di volontari riuniva ragazzi da tutto il mondo: il leader era un ungherese, gli altri erano due spagnoli e una bretone, più avanti ci avrebbe raggiunto anche un ragazzo americano del New Jersey, incaricato di farci delle foto. Si instaurò subito un bel clima, senz’altro merito di Gabor (il nostro leader) che ci mise l’energia giusta, ma anche del fatto che eravamo tutti ben disposti a lavorare e a condividere al meglio quei dieci giorni. Cucinavamo a turno e in coppia, un modo ulteriore per conoscerci, e fu l’occasione per sperimentare cibi tipici di altri luoghi (e anche qualche pasta stracotta, ma ben accetta fuori dall’Italia, dove sarebbe un’eresia!!!). Una sera fu dedicata all’international dinner, in cui ciascuno di noi aveva il compito di cucinare il piatto tipico del proprio paese, con i cibi che, eventualmente, eravamo riusciti a portare da casa. Furono tutti entusiasti della carbonara senza panna (non si capisce perché oltre il confine dell’Italia la carbonara venga automaticamente interpretata con la panna) con pasta italiana e vero pecorino; gli spagnoli condivisero vari salumi tipici, dall’Ungheria assaggiammo il langos (cibo tipico della street food) e dalla Bretagna le varie salse e, la mattina seguente, omelette.

A ritmo di “Bombastic” e di storpiature inglesi passò il tempo, ridendo e scherzando, quasi senza renderci conto del lavoro di ogni giorno. I compiti che ci vennero assegnati non furono particolarmente difficili: per lo più gli organizzatori del festival ci chiesero di spostare tavoli e sedie, a volte anche montare le barche del museo, gonfiare e attaccare per la città palloncini e così via. Presto scoprimmo quanto fosse piccolo quel paesino: c’erano solo tre luoghi d’attrazione, di cui uno, la scuola, fu il primo in cui mettemmo piede; gli altri si riducevano alla piscina e al museo, che fungeva anche da cinema e da luogo per la vendita di alcoolici (soprattutto birre, tra cui anche quella alle alghe di produzione locale), il tutto gestito da una donna di cui non avremmo mai saputo dire l’età, per il suo viso giovane, quasi ventenne, ma i modi bruschi e molto bossy, forse più comuni in una donna di età avanzata.

Un pomeriggio la gente del luogo organizzò una festa per i bambini in piscina: il nostro compito era gonfiare enormi palloni di plastica, infilarci dentro i bambini e lanciarli in piscina per tre minuti, per poi ripescarli. Il tutto a ritmo di canzoni che scoprimmo essere inaspettatamente familiari, infatti si trattava de “il ballo del qua qua” e altre, ma in islandese! Un altro episodio divertente fu la partita di calcio che organizzarono su un campo cosparso di alghe. Immaginate che scivoloni (e come ne uscirono i calciatori: più o meno dello stesso colore del campo)! Arbitrammo una gara di pedalò, al termine della quale era previsto un falò e il concerto di Bjartmar, cantante islandese, che pare fosse molto famoso, al punto che gli altri spettatori erano convinti che noi volontari fossimo venuti dall’Italia, dall’Ungheria e dalla Spagna apposta per assistere al concerto (quando a malapena riuscivamo a pronunciare il suo nome!). Vi partecipò gente più o meno attempata, ma con un entusiasmo giovanile contagioso, che mi fece desiderare più volte di riuscire a capire l’islandese. Al termine della serata due anziane signore furono così gentili da riportarci alla scuola di Reykholar in macchina, ma ogni nostro tentativo di conversazione cadde nel vuoto, perché, come due teenager appena tornate dal concerto del loro cantante preferito, per tutto il tragitto non fecero che parlare fittamente tra loro e lanciarsi in esclamazioni entusiaste (e incomprensibili).

 

bool(false)