“Peace on the streets” call aperta per formazione a Vienna

“Peace on the streets” call aperta per formazione a Vienna

peace on the street formazione volontariato servizio civile internazionale

Il progetto

“Peace on the Streets” è una formazione di 7 giorni che si svolgerà a Vienna dal 1 ° al 7 giugno 2019. La formazione riunirà 30 partecipanti provenienti da 18 paesi in Europa (Austria, Estonia, Bulgaria, Germania, Italia, Svezia , Finlandia, Polonia, Regno Unito, Ungheria, Spagna, Repubblica Ceca, Macedonia, Belgio, Turchia, Serbia, Francia e Slovenia), tre dei quali si occuperanno di facilitare la formazione. Il progetto ha come obiettivo quello di fornire a giovani, a organizzazioni di volontariato e ad attivisti/e pacifisti/e strumenti e conoscenze utili per l’organizzazione di campagne e azioni di strada sul tema della pace e della non violenza. “Peace on the Streets” è organizzato da SCI-Austria,  branca austriaca del Servizio Civile Internazionale.

Durante la formazione, i/le partecipanti potranno conoscere le pratiche più efficaci per dare vita a campagne e azioni sul tema della pace e della non violenza, traendo ispirazione da personaggi storici come Bertha von Suttner e dalle più recenti strategie come la guerriglia comunicazione e le campagne online. Avranno gli strumenti e le conoscenze per organizzarsi da soli/e, per applicarli ai loro contesti locali e per raggiungere e coinvolgere efficacemente i/le giovani in questi progetti.

Gran parte del progetto sarà frutto dello lo scambio tra reti diverse che lavorano per la promozione di una cultura della pace e della non violenza. Le organizzazioni partecipanti sono collegate a reti come SCI, War Resisters International, IFOR, Alliance, ICYE e CCIVS. A parte le campagne e le azioni di strada da attuare dopo la formazione, il risultato più forte sarà la produzione di un toolkit mirato alla raccolta di strumenti per i/le giovani attivisti/e e pacifisti/e. Il progetto prevede la realizzazione di un’azione di strada relativa a questi temi da mettere in campo a Vienna. Il toolkit e il progetto nel suo complesso cercano di rafforzare l’idea che l’attivismo per la pace sia giovane, creativo, professionale, rilevante e attrattivo.

Profilo dei/delle partecipanti

I partecipanti saranno formatori/trici, coordinatori/trici di progetti e volontari/e, educatori/trici, operatori/trici o attivisti/e per la pace.

Tutti i/le partecipanti saranno coinvolti nel contribuire alle attività e alle discussioni. Invitiamo infatti, chi intendesse partecipare, a presentare le proprie idee, metodi o workshop che si desiderano condividere. Vi preghiamo di contattarci in anticipo per comunicarcelo e vedremo come potranno essere inseriti nell’agenda di formazione.

Per partecipare a questo progetto è necessario:

  •  avere 18 anni o più;
  • essere fortemente interessati/e all’organizzazione di campagne per la pace e la non violenza;
  • essere attivi/e nella loro organizzazione di invio;
  • essere in grado di lavorare in inglese;
  • essere interessati/e ai temi della formazione e avere una forte motivazione ad agire come moltiplicatori;
  • impegnarsi a mettere in pratica le conoscenze e le competenze apprese precedentemente;
  • impegnarsi a partecipare attivamente dall’inizio alla fine della formazione.

Incoraggiamo esplicitamente i/le partecipanti di tutti i generi, gli orientamenti sessuali e le origini etniche ad partecipare al progetto.

Si prega di notare che ci saranno opportunità di visitare Vienna, ma che questo non è un progetto dedicato alla conoscenza della città. In alcuni giorni, la formazione prevede anche sessioni serali.

Condizioni finanziarie

Tutti i costi principali del programma (inclusi i pasti, i costi di viaggio, l’alloggio e la formazione) sono coperti da SCI-Austria.

Come partecipare

Per partecipare è necessario compilare la scheda a questo link e inviarla all’indirizzo e-mail: coordinamento@sci-italia.it. Per poter aderire al progetto è necessario essere socio/a SCI-Italia. La domanda deve essere inviata entro il 29 marzo 2019.

Call coordinamento Scambio Giovanile “Think Global, act Rural” in Catalogna

Call coordinamento Scambio Giovanile “Think Global, act Rural” in Catalogna

call coordinamento scambio giovanile catalogna

Cerchiamo un/a coordinatore/trice per lo scambio giovanile “Think global, act rural” che si svolgerà in Catalogna dal 27 Giugno al 5 Luglio 2019.

Il progetto.

Il working group YUWG lavora per lo sviluppo di progetti pensati per aiutare i/le giovani nel superare gli ostacoli che potrebbero impedire loro di diventare volontari/e internazionali (per ragioni di origine, background economico, situazione legale, geografica o funzionale diversità, tra gli altri).
È per questo che gli scambi giovanili dedicati a giovani con minori opportunità sono uno dei nostri obiettivi.

Le finalità principali di questo scambio sono:

  • combattere il razzismo e il sessismo attraverso l’analisi della cultura e degli stereotipi di genere;
  • fornire strumenti per sviluppare capacità comunicative nell’ambito di un ambiente interculturale;
  • sensibilizzare i/le partecipanti alla salvaguardia dell’ambiente di una zona rurale attraverso attività come escursioni in montagna e visite alla scoperta del luogo;
  • utilizzare l’educazione non formale e diversi metodi educativi per garantire un processo di apprendimento di qualità.

Logistica e contesto

Lo scambio giovanile sarà ospitato presso il “Refugi de les Valls a Siarbb“, un rifugio di montagna che si trova in un piccolo villaggio in Pallars Sobirà.
La location faciliterà la convivenza oltre a fornire i vantaggi di una città tra le montagne dei Pirenei come la tranquillità,  un’atmosfera rilassata e la possibilità di fare molte attività. Il contatto con la natura aiuterà i/le partecipanti ad ottenere il meglio da loro stessi/e. Inoltre, i grandi cambiamenti che le persone locali hanno sofferto a Llagunes negli ultimi decenni saranno argomenti su cui lavorare e riflettere insieme: la diminuzione della popolazione e la necessità di reinventarsi a causa della crisi dell’agricoltura dagli anni ’60 e ’70.

Alloggio

Il rifugio ha diverse stanze a disposizione, tra cui una sala da pranzo con camino che verrà utilizzata durante i pasti. È presente una cucina completamente attrezzata e in aggiunta a questo il cibo sarà spesso cucinato con ingredienti del giardino biologico. Il bagno è condiviso e prevede 2 docce, 2 lavandini e 2 servizi igienici. Infine è presente una sala polivalente dove verranno svolte alcune delle nostre attività e che sarà accessibile per il tempo libero.

Per maggiori informazioni sul rifugio: http://www.refugivalldesiarb.com/refugi/

Informazioni per il viaggio

I/le partecipanti dovranno arrivare il 26 giugno all’aereoporto di Barcellona e cioè un giorno prima dell’inizio dello scambio giovanile. Il nostro hosting partner SCI Catalunya sarà responsabile della prenotazione dei biglietti aerei e del bus per raggiungere la sede dello scambio. Per questo motivo sarà importante rispettare le scadenze per permetterci di prenotare i biglietti appena possibile e per organizzare al meglio la logistica.

Per candidarsi per il ruolo di coordinatore/trice proveniente dall’Italia, è necessario essere socio/a SCI e compilare il form entro il 1° Marzo 2019.
Il/la coordinatrice scelto/a, sarà invitato/a a partecipare ad un incontro preparatorio che si svolgerà tra aprile e maggio a Barcellona.

Call aperta per la conferenza finale di “Volunteering VS Violence”

Call aperta per la conferenza finale di “Volunteering VS Violence”

Volunteering VS Violence call ateneIl progetto

SCI Hellas, in qualità di organizzazione coordinatrice, insieme a SCI Catalunya, SCI Italy e OWA Poland come partner, sono felici di invitare alla conferenza finale del progetto “Volontariato VS Violence” che si terrà ad Atene dal 17 Marzo al 20 Marzo 2019. Il progetto è stato caratterizzato da una serie di incontri dedicati ad analizzare l’impatto del volontariato nel tempo, specialmente in situazioni di conflitto o periodi di cambiamento. Lo scopo principale della conferenza è presentare, condividere e discutere i risultati del progetto per promuovere una discussione sul futuro del volontariato.

I tre campi studio sono stati organizzati nei tre rispettivi paesi secondo assi di discussione focalizzati su differenti periodi storici: dal 1920 al 1945 in Catalogna, dal 1945 al 1990 in Italia e dal 1990 ad oggi in Polonia. L’obiettivo dei campi è stato quello di studiare lo sviluppo del volontariato internazionale e del servizio civile attraverso diverse attività: visite a strutture di volontariato, partecipazione attiva agli eventi delle organizzazioni, ricerche storiche sul volontariato, interviste e discussioni di confronto.

Il programma

Durante il primo giorno, la conferenza si concentrerà sulla storia del volontariato nel periodo che va dal 1920 al 1990 e dal 1990 ad oggi. Seguirà un dibattito su “Il volontariato nel futuro” e nell’ultima parte della mattinata cercheremo di rispondere alla domanda: “IVS è un movimento?” Durante la serata, ci sarà un momento condiviso in cui raccontare e scambiarsi storie legate all’esperienza del volontariato, seguite dalla proiezioni di video, in modo che sia i volontari più anziani sia i più nuovi possano condividere, ricordare e immaginare il futuro del volontariato.

L’ultimo giorno della conferenza, i/le partecipanti avranno l’opportunità di visitare altre organizzazioni ed incontrarsi con i/le loro volontari/e. Avranno, inoltre, la possibilità di confrontarsi con i giovani richiedenti asilo impegnati in  progetti di volontariato nella città di Atene.

Requisiti:

I/Le partecipanti/e devono avere più di 18 anni; sono invitati allo scambio tutti i 28 stati membri dell’UE più l’Albania, l’ex Repubblica jugoslava di Macedonia, Montenegro, Serbia e Bosnia Erzegovina.

I/le partecipanti devono essere interessati/e al volontariato, alla sua storia e le sue attività ed essere in grado di lavorare e comunicare bene in inglese.

Ai/alle partecipanti è richiesto il tesseramento presso il Servizio Civile Italia Onlus.

Questo progetto si sta svolgendo nell’ambito del progetto Europe for Citizens, Strad 1, Remembrance.

L’alloggio:

L’alloggio e i pasti dei/lle partecipanti saranno forniti dall’organizzazione. Sarà rimborsato il costo dei biglietti di viaggio fino ad un massimo di 120€ entro Giugno 2019. Incoraggiamo l’uso di mezzi con un più basso impatto sull’ambiente (bus, treni, car sharing), quando possibile.

Come candidarsi:

Compilare il form on line  entro il 17 di Febbraio.

Per ulteriori informazioni scrivere a: info@sci-italia.it

Call aperta per collaborazione Settore Comunicazione

Call aperta per collaborazione Settore Comunicazione

call tirocinante comunicazioneLa Segreteria Nazionale del Servizio Civile Internazionale cerca una persona di supporto per le attività del settore Comunicazione.
Il/candidato/a ideale ha una forte motivazione legata alla visione dell’associazione e alle azioni che mette in campo, ha delle conoscenze base nel settore della comunicazione, e ha voglia di accrescerle, praticandole in un contesto strutturato.

Mansioni

  •  Supporto all’implementazione della campagna di comunicazione per la promozione dei progetti di volontariato internazionale e delle attività del Servizio Civile Internazionale;
  • supporto nell’elaborazione del materiale grafico promozionale in collaborazione con lo staff SCI;
  • supporto nell’ideazione e implementazione della campagna comunicativa per la promozione delle attività e degli eventi collegati al XI Festival Internazionale della Zuppa di Roma, che include social network, ufficio stampa e gestione di un blog/sito dedicato all’evento;
  • partecipazione alle riunioni del gruppo di attivisti per l’organizzazione del XII Festival Internazionale della
    Zuppa di Roma;
  • risposta a generiche richieste di informazione sull’evento e sulle attività di SCI-Italia;
  • supporto alla creazione del sito del progetto “Edumapping: Alternative Pedagogy for capacity building&social inclusion”.

Requisiti

  • buona capacità redazionale e di sintesi;
  • interesse per il settore del no-profit e della comunicazione;
  • intraprendenza e voglia di mettersi in gioco;
  • autonomia lavorativa e capacità di lavorare in team;
  • flessibilità di orari;
  • capacità utilizzo strumenti fotografici;
  • conoscenza dei social media, in particolare facebook e instagram;
  • esperienza pregressa nell’uso della piattaforma WordPress;
  • conoscenza di software di grafica (preferenziale).

Opportunità formativa

L’esperienza darà opportunità di lavorare in un contesto complesso e di professionalizzare le prime competenze già maturate nell’ambito della comunicazione, partecipando attivamente alla realizzazione di campagne
comunicative e alla ideazione e creazione di un sito web.
Gli obiettivi formativi e i compiti specifici saranno concordati fra il/la collaboratore/trice, la Referente del Settore Comunicazione e la Coordinatrice de La Città dell’Utopia.
Sono previsti un momento di pianificazione, fasi di monitoraggio e una valutazione conclusiva.
Inoltre sarà offerta al/alla collaboratore/trice la possibilità di partecipare gratuitamente a incontri di formazione legati alle tematiche del volontariato e della cittadinanza globale e ad un corso base di progettazione. Avrà modo di prender parte a sessioni di seminari e training in programma al La Città dell’Utopia sui temi dell’inclusione sociale, della sostenibilità ambientale e dell’educazione non-formale.

E’ previsto un rimborso spese.

Periodo

18 febbraio – 18 luglio

Sede di lavoro

Segreteria Nazionale, Via Cruto 43, 000146, Roma

La Città dell’Utopia, Via Valeriano 3F, 00145 Roma

Per candidarsi:

Inviare CV e lettera di motivazione a coordinamento@sci-italia.it, specificando nell’oggetto “Supporto settore comunicazione SCI”, entro il 10 febbraio 2019. Le candidature incomplete non verranno prese in considerazione.

I colloqui si terranno nella sede di Via Cruto 43, Roma.

NB: per lettera motivazionale si intende l’esposizione delle ragioni per cui si applica, non si intende lettera d’introduzione o presentazione.

Call aperta per il progetto “Un pasto quotidiano di pace e nonviolenza”

Call aperta per il progetto “Un pasto quotidiano di pace e nonviolenza”

cibo nonviolenza servizio civile internazionale“Un pasto quotidiano di pace e nonviolenza: i nostri valori devono e possono essere rappresentati nel consumo alimentare”, è un progetto promosso da SCI Germania diviso in tre parti: un training dal 16 al 23 novembre 2018 a Witzenhausen, Germania; un seminario dal 10 al 17 marzo 2019 a Roma, Italia; infine, un seminario conclusivo dal 24 al 29 settembre 2019 a Vienna, Austria.

SCI Italia cerca 2 partecipanti per il secondo training che si terrà a Roma dal 10 al 17 Marzo 2019.

Tutte le spese di vitto e alloggio sono coperte, mentre quelle di viaggio verranno rimborsate previa presentazione della documentazione fino ad un massimo di 80 euro.

Background del progetto

Prima mangiamo, poi facciamo tutto il resto” M.F.K. Fisher

Mangiare è una delle cose più importanti che facciamo, e certamente lo è altrettanto durante i campi di volontariato e gli scambi giovanili. Cucinare e mangiare unisce e fortifica un gruppo, riesce a mostrare quanto le persone siano simili o diverse, aiuta a sentirsi soddisfatti e felici. Molti valori possono essere rappresentati dalle modalità di consumo di cibo – e il cibo è connesso con la questione del cambiamento climatico, delle ingiustizie sociali, del capitalismo e dello sfruttamento.

Come SCI, da 100 anni a questa parte, abbiamo sempre lavorato verso l’obiettivo di promuovere una cultura di pace e nonviolenza; in particolare, il consumo di cibo e l’impatto che questo ha sulle ineguaglianze sociali e sulla sostenibilità della vita sul pianeta ne fa parte, ed è necessario affrontare la questione con un approccio olistico. Perciò, grazie al progetto “Un pasto quotidiano di pace e nonviolenza” vogliamo rafforzare un modello di consumo alimentare più sostenibile e giusto all’interno delle attività del network. Infatti, con questo progetto si mira ad accrescere la consapevolezza e la riflessione critica sulle attuali pratiche di consumo alimentare negli scambi giovanili, nei seminari, nelle formazioni e nei campi di volontariato SCI.

I/le partecipanti al progetti saranno 23, provenienti da 9 paesi europei (Austria, Croazia, Germania, Ungheria, Italia, Irlanda, Olanda, Polonia e Spagna), e si incontreranno 3 volte nel periodo compreso tra novembre 2018 e settembre 2019.

Risultati attesi

  • un libro di ricette e linee guida sul consumo alimentare durante i campi, le formazioni, i seminari, gli incontri internazionali e via dicendo;
  • una “cassetta degli attrezzi” con i metodi dell’educazione non formale per workshop e attività di gruppo sulla tematica del consumo alimentare sostenibile.

Cronologia del progetto

Lo sviluppo del progetto consisterà in 3 incontri internazionali, parallelamente ad attività locali:

  • “Preparare il nostro pasto” (https://sci-italia.it/pasto-pace-nonviolenza-call-training-germania/) – training: 16-23 novembre a Witzenhausen (vicino Göttingen);
  • “Condividere il nostro cibo” – seminario: 10-17 marzo 2019 a Roma;
  • “Valutazione, disseminazione e follow-up” – seminario: 24-29 settembre 2019 a Vienna.

Il training

“Condividere il nostro cibo” è il secondo appuntamento del progetto, un incontro di formazione e laboratorio che si svolgerà a Roma dal 10 al 17 Marzo 2019.

Il programma

Dopo aver rivisto in generale il lavoro svolto nel primo incontro in Witzenhausen, ci focalizzeremo sulle pratiche più efficaci e interessanti che si sono prodotte e attivate a seguito del training. Ci focalizzeremo sul tema della giustizia sociale e dei diritti umani e sul lavoro in relazione al settore della produzione alimentare e scopriremo temi quali la sovranità alimentare e la sua importanza nei percorsi pacifisti.

Una parte ampia del seminario sarà dedicata a lavorare attivamente sulle pubblicazioni che saranno l’obiettivo finale del training, un libro di ricette con linee guida sul consumo alimentare ed un vademecum dedicati ai metodi dell’educazione non formale per workshop e attività di gruppo sulla tematica del consumo alimentare sostenibile.

Dove

Il seminario si svolgerà presso la Città dell’Utopia, un progetto del Servizio Civile Internazionale Italia. La Città dell’Utopia è uno spazio reso vitale da molte attività promosse da attivisti/e e abitanti del quartiere, un laboratorio aperto in cui si svolgono diversi corsi e si ospitano, in modalità collaborativa, diverse associazioni dedicate alla promozione di una cultura dell’accoglienza e della condivisione. Ad esempio, è uno spazio in cui rifugiati ed richiedenti politici possono interagire e incontrare il quartiere, ma è anche un luogo in cui quotidianamente si promuovono iniziative legate alla produzione di un rapporto sostenibile (e gustoso) con l’alimentazione, attraverso gruppi di acquisto solidali, mercatini ed incontri. La Città dell’Utopia offre inoltre un servizio di ostello.

Dalla teoria alla pratica

Dopo il seminario a Roma è il momento di trasformare la teoria in pratica! Avrai l’opportunità di supportare lo Sci-Italia nell’organizzazione dei training dedicati ai/alle Coordinatori/trici di campo e le attività di coordinamento dei campi di volontariato implementando pratiche inerenti la sostenibilità alimentare e la condivisione del cibo.

Profilo dei/delle partecipanti

  • avere più di 18 anni;
  • provare a raggiungere il training in treno o autobus, a causa del forte impatto climatico dell’aereo (in caso non ci fosse altro modo di viaggiare se non in aereo, si prega di contattare gli organizzatori);
  • essere attivi/e nella propria organizzazione di invio;
  • avere le competenze linguistiche necessarie per comunicare e lavorare in inglese;
  • essere interessati/e negli argomenti trattati durante il traning ed avere una forte motivazione a riportare indietro i contenuti;
  • impegnarsi a tradurre in pratica concreta le cose apprese durante il traning;
  • scrivere e inviare un report alla propria organizzazione di invio;
  • impegnarsi a prendere parte a tutti gli appuntamenti del progetto;
  • essere motivati/e a lavorare con persone provenienti da contesti e culture differenti.

Logistica e costi

I costi dei pasti, dell’alloggio e della formazione, saranno coperti dalla branca SCI Germania.

I viaggi saranno rimborsabili a persona, previa presentazione della documentazione, fino ad un massimo di 80 euro.

Al partecipante è richiesto il tesseramento al Servizio Civile Internazionale per l’anno 2019.

Candidatura

Per candidarsi, compilare l’application form a questo link e inviarla a coordinamento@sci-italia.it, inserendo come oggetto “Training_Roma_Sharing_Food”, entro e non oltre il 15 febbraio 2019.

Cinque posizioni aperte per 3 progetti SVE in Svizzera

Cinque posizioni aperte per 3 progetti SVE in Svizzera

I progetti SVE

Il nostro partner SCI Switzerland cerca cinque volontari/e tra i 18 e i 30 anni per tre diversi progetti SVE in differenti località della Svizzera. Tutti i progetti inizieranno a marzo 2019.

Come per ogni progetto SVE, sono garantite le spese di alloggio, vitto, viaggio, corso di lingua ed assicurazione.

1. Circus Lollyop a Lüen

Posizioni: 1 volontario

Durata: 6 mesi (marzo 2019 – settembre 2019)

Il progetto:

Circus Lollypop è un progetto molto particolare, poiché è un progetto itinerante; nello specifico, è un progetto circense pensato per i/le bambini/e e giovani. Il circo comincerà il suo tour a marzo: l’obiettivo è attraversare la Svizzera e fermarsi nelle scuole in varie zone del paese. Al termine del progetto SVE, il volontario (per questo specifico progetto si cerca un volontario maschio) potrebbe avere la possibilità di accompagnare il circo in un paese dell’Europa dell’Est durante il mese di settembre, ma questo mese non farà parte del progetto SVE e sarà quindi, eventualmente, interesse del volontario organizzarlo.

Alloggio:

Il volontario vivrà all’interno di una roulotte durante il tour e per la maggior parte del tempo userà i bagni e le docce delle scuole; la cucina è presente all’interno della roulotte.

Requisiti:

Per questo progetto si cerca un ragazzo realmente motivato a lavorare con bambini e giovani, che si diverta facendolo e che rispetti le idee e i desideri degli stessi bambini con i quali lavorerà. Inoltre, dovrà essere fisicamente in grado di supportare il circo anche nello svolgimento delle mansioni fisiche (come montare e smontare il tendone). Sono considerate positivamente eventuali competenze musicali o teatrali.

2. Asylum Center a Valais

Posizioni: 3 volontari/e.

Durata: 12 mesi (marzo 2019 – febbraio 2020)

Il progetto:

L’Asylum Office di Valais assiste diversi centri di accoglienza nella regione, dove i rifugiati politici vivono, lavorano e ricevono formazione durante l’attesa delle risposte relative alle domande di asilo di ciascuno/a. I/le volontari/e presso l’Asylum Office lavoreranno a Sion nel centro RADOS (il centro per i rifugiati minorenni), e vicino a Vétroz, nel centro Le Botza (il centro per l’integrazione sociale e professionale dei rifugiati). I/le volontari/e supporteranno i rifugiati anche individualmente, accompagnandoli agli appuntamenti medici ed amministrativi, supportandoli nel prendersi cura dei bambini ed organizzando con loro e per loro eventi.

Alloggio:

I/le volontari/e vivranno in due appartamenti condivisi a Sion (situato nelle vicinanze dell’Asylum Center).

Requisiti:

Dal momento che i/le rifugiati politici hanno vissuto esperienze traumatiche e sono stati/e sottoposti/e a forti stress, è richiesta una particolare sensibilità ai/alle volontari/e che li supporteranno, oltre che la condivisione di un approccio teso all’accoglienza e alla cultura della pace. Per partecipare a questo progetto è necessario fornire il proprio casellario giudiziario. Chi ha già svolto esperienze in questo settore avrà più possibilità di essere scelto/a per questo progetto.

3. Centre of Unity Schweibenalp, Brienz

Posizioni: 1 volontario/a

Durata: 12 mesi ( inizio marzo)

Il progetto:

Il “Centro dell’Unità Schweibenalp”, gestisce l’attività seminariale e i giardini di permacultura alpina. Come parte del Global Ecovillages Network (GEN), è considerato come uno dei modelli emergenti per una trasformazione culturale olistica, contribuendo da oltre 30 anni allo sviluppo di una cultura della vita integrale e di sperimentare una convivenza in comunità. Il/la volontario/a svolgerà attività in diverse aree: dal giardino di permacultura (erbaceo, orto, vivaio) ai lavori di casa, dalla cucina alla manutenzione degli ambienti. Sarà possibile inoltre sviluppare un progetto proprio.

Alloggio:

Il/la volontario/a vivrà in un appartamento con altri/e volontari/e (a breve e lungo termine). Ci sono stanze comuni che possono essere utilizzate anche da tutti (ad esempio salottino, biblioteca, sala meditazione, ecc.). I volontari cucineranno e mangeranno insieme alla comunità e agli ospiti del seminario (cucina vegetariana, vegana e in parte ayurvedica).

Requisiti:

I/le partecipanti devono essere motivati a vivere e lavorare in una comunità ecologica, spirituale, composita di tutte le età e le culture.

Candidature:

Per candidarsi, è necessario inviare CV e lettera di motivazione in inglese all’indirizzo mail evs@sci-italia.it (specificando nell’oggetto della mail “SVE Svizzera + numero del progetto“) entro e non oltre il 30 novembre.

Call aperta per il corso di formazione “Maps of Volunterra”

Call aperta per il corso di formazione “Maps of Volunterra”

SCI Italia cerca dei/delle partecipanti al corso di formazione “Maps of Volunterra”, che si terrà a Kharkiv (Ucraina) dal 1 al 9 dicembre 2019.

Descrizione del progetto

Il corso riunirà 28 partecipanti provenienti da 9 paesi europei. L’obiettivo del progetto è di rinforzare le capacità leadeship e gestione dei gruppi di giovani attivisti/e, operatori e operatrici in contesti giovanili così come educatori/trici provenienti da diverse branche SCI.

Attraverso il rafforzamento delle capacità e competenze pratiche, infatti, si cercherà di lavorare sullo sviluppo e l’implementazione di progetti di inclusione sociale, promozione di cittadinanza attiva ed innovazione nei contesti giovanili.

I/le partecipanti al corso saranno così in grado di diventare leader di progetti di volontariato (in particolare giovanili) nel corso della primavera-estate 2019; di fatto, in questo modo si rafforzeranno le competenze delle organizzazioni di invio in quest’ambito, lavorando proprio sulle capacità di gestione e interpersonali, nell’educazione alla nonviolenza e la promozione di percorsi di pace.

Uno dei principali risultati di questo progetto, infatti, sarà la creazione di un ebook, il quale raccoglierà al suo interno strumenti, metodi e pratiche utili per i coordinatori e le coordinatrici di campi di volontariato e scambi giovanili.

Obiettivi del corso di formazione

  • promozione del volontariato, della cittadinanza attiva e dei principi democratici;
  • incremento delle capacità di leadership e di lavoro di gruppo in contesti internazionali;
  • contribuire alla sostenibilità delle attività di volontariato internazionale in quanto strumento ideale per la promozione della cittadinanza attiva e dello sviluppo comunitario;
  • incoraggiare i/le giovani ad essere parte attiva nella promozione di una cultura di pace mondiale, in quanto promotori di solidarietà internazionale ad un livello globale e locale;
  • rafforzamento delle competenze decisionali, di affiancamento e risoluzione dei conflitti;
  • incremento delle competenze comunicative;
  • scambio di esperienze e buone pratiche a partire da contesti differenti, con l’obiettivo di sistematizzarle ed inserirle nell’ebook;
  • promuovere la sostenibilità del viaggiare, della vita quotidiana e dello sviluppo progettuale.

Principali argomenti e metodi del corso

Il programma del corso include temi diversi, quali le capacità di leadership, i differenti modi di essere leader e di guidare un processo decisionale, le dinamiche di un gruppo e la gestione dello stesso, l’autorganizzazione del gruppo, la cooperazione tra leader, il lavoro di gruppo e la divisione di responsabilità, strategie comunicative, prendere decisioni, rivolvere problemi, il ruolo dell’educazione non formale, inclusione sociale, il superamento delle barriere linguistiche, e così via.

Ai/alle partecipanti è richiesto di portare la propria esperienze personale, mettendola a disposizione di un processo di apprendimento basato sui principi dell’educazione peer to peer. I/le formatori/trici non avranno il ruolo diretto di insegnare ai/alle partecipanti, bensì li aiuteranno nella facilitazione delle discussioni e nello sviluppo di idee e proposte. Tutte le attività sono pensate per creare un ambiente sicuro in cui mettersi in discussione.

Profilo dei/delle partecipanti

Il corso è rivolto a giovani attivisti/e, operatori/trici sociali, insegnanti e chiunque fosse interessato/a ad incrementare le proprie capacità di leadership, accogliere nuove idee, conoscenze e ispirazioni riguardo alla gestione dei progetti di volontariato internazionale.

Requisiti richiesti:

  • essere maggiori di 18 anni;
  • avere precedenti esperienze nell’ambito del volontariato;
  • essere interessati/e a compiere l’esperienza di coordinamento di un gruppo internazionale;
  • essere in grado di lavorare e comunicare in inglese;
  • avere interesse negli argomenti trattati dal corso;
  • dimostrarsi volenterosi a voler mettere in pratica nel proprio paese di provenienza le cose imparate durante il corso;
  • partecipare attivamente al corso per tutta la sua durata.

Come candidarsi

Compilare l’application form e inviarlo a ivanova.vik90@gmail.com entro e non oltre il 27 novembre.

Ai/alle partecipanti è richiesto di versare una quota di 20 euro di tessera annuale SCI.

Tutte le spese di vitto e alloggio sono coperte dal progetto. Le spese di viaggio sono rimborsate (clicca qui per visualizzare la tabella con i limiti dei travel cost).

“Un pasto quotidiano di pace e nonviolenza”: call aperta per un training in Germania

“Un pasto quotidiano di pace e nonviolenza”: call aperta per un training in Germania

Il progetto “Un pasto quotidiano di pace e nonviolenza”

“Un pasto quotidiano di pace e nonviolenza: i nostri valori devono e possono essere rappresentati nel consumo alimentare”, è un progetto promosso da SCI Germania diviso in tre parti: un training dal 16 al 23 novembre 2018 a Witzenhausen, Germania; un seminario dal 10 al 17 marzo 2019 a Roma, Italia; infine, un seminario conclusivo dal 24 al 29 settembre 2019 a Vienna, Austria.

SCI Italia cerca 2 partecipanti per il primo training che si terrà a Witzenhausen, in Germania, dal 16 al 23 novembre.

Tutte le spese di vitto e alloggio sono coperte, mentre quelle di viaggio verranno rimborsate (fino a un massimo di 275 €).

Background del progetto

Mangiare è una delle cose più importanti che facciamo, e certamente lo è altrettanto durante i campi di volontariato e gli scambi giovanili. Cucinare e mangiare unisce e fortifica un gruppo, riesce a mostrare quanto le persone siano simili o diverse, aiuta a sentirsi soddisfatti e felici. Molti valori possono essere rappresentati dalle modalità di consumo di cibo – e il cibo è connesso con la questione del cambiamento climatico, delle ingiustizie sociali, del capitalismo e dello sfruttamento.

Come SCI, da 100 anni a questa parte, abbiamo sempre lavorato verso l’obiettivo di promuovere una cultura di pace e nonviolenza; in particolare, il consumo di cibo e l’impatto che questo ha sulle ineguaglianze sociali e sulla sostenibilità della vita sul pianeta ne fa parte, ed è necessario affrontare la questione con un approccio olistico. Perciò, grazie al progetto “Un pasto quotidiano di pace e nonviolenza” vogliamo rafforzare un modello di consumo alimentare più sostenibile e giusto all’interno delle attività del network. Infatti, con questo progetto si mira ad accrescere la consapevolezza e la riflessione critica sulle attuali pratiche di consumo alimentare negli scambi giovanili, nei seminari, nelle formazioni e nei campi di volontariato SCI.

I/le partecipanti al progetti saranno 23, provenienti da 9 paesi europei (Austria, Croazia, Germania, Ungheria, Italia, Irlanda, Olanda, Polonia e Spagna), e si incontreranno 3 volte nel periodo compreso tra novembre 208 e settembre 2019.

Risultati attesi

  • un libro di ricette e linee guida sul consumo alimentare durante i campi, le formazioni, i seminari, gli incontri internazionali e via dicendo;
  • una “cassetta degli attrezzi” con i metodi dell’educazione non formale per workshop e attività di gruppo sulla tematica del consumo alimentare sostenibile.

Cronologia del progetto

Lo sviluppo del progetto consisterà in 3 incontri internazionali, parallelamente ad attività locali:

  • “Preparare il nostro pasto” – training: 16-23 novembre a Witzenhausen (vicino Göttingen);
  • “Condividere il nostro cibo” – seminario: 10-17 marzo 2019 a Roma;
  • “Valutazione, disseminazione e follow-up” – seminario: 24-29 settembre 2019 a Vienna.

Il training

“Preparare il nostro pasto” è il primo appuntamento del progetto, un incontro di formazione che si svolgerà a Witzenhausen dal 16 al 23 novembre.

Gli argomenti affrontati saranno i seguenti:

  • l’impatto locale e globale del cibo sulle risorse naturali, sul cambiamento climatico e la giustizia sociale;
  • impatto sugli individui e sulle comunità;
  • come sviluppare un modello di consumo alimentare consapevole;
  • pratiche alternative e sostenibili di consumo alimentare, in contesti urbani e rurali;
  • il veganismo e la sua connessione ad una cultura di pace e nonviolenza;
  • diete vegane equilibrate e relative al consumo locale;
  • idee e suggestioni per campagne, eventi e iniziative locali.

Il seminario avrà luogo in un sito speciale per l’attivismo in materia di ambiente e rispetto del clima che lo caratterizza: infatti, a Witzenhausen si trovano due istituti universitari che centrati proprio sull’agricoltura ecologica, con cui SCI Germania ha relazioni da diversi anni.

Una volta rientrati dal training, ai/alle partecipanti è richiesto di inviare dei report alle proprie organizzazioni di invio, su cui sviluppare in seguito un’indagine relativa al consumo alimentare nella stessa organizzazione e i suoi partner.

Profilo dei/delle partecipanti

  • avere più di 18 anni;
  • provare a raggiungere il training in treno o autobus, a causa del forte impatto climatico dell’aereo (in caso non ci fosse altro modo di viaggiare se non in aereo, si prega di contattare gli organizzatori);
  • essere attivi/e nella propria organizzazione di invio;
  • avere le competenze linguistiche necessarie per comunicare e lavorare in inglese;
  • essere interessati/e negli argomenti trattati durante il traning ed avere una forte motivazione a riportare indietro i contenuti;
  • impegnarsi a tradurre in pratica concreta le cose apprese durante il traning;
  • scrivere e inviare un report alla propria organizzazione di invio;
  • impegnarsi a prendere parte a tutti gli appuntamenti del progetto;
  • essere motivati/e a lavorare con persone provenienti da contesti e culture differenti.

Candidatura

Per candidarsi, compilare l’application form a questo link e inviarla a coordinamento@sci-italia.it, inserendo come oggetto “Training_Witzenhausen, Germania”, entro e non oltre il 10 novembre 2018.

Vacancy: Referente Settore Comunicazione

Vacancy: Referente Settore Comunicazione

Il Servizio Civile Internazionale (www.sci-italia.it) cerca una persona che assuma il ruolo di referente del settore Comunicazione presso la Segreteria Nazionale a Roma.

Mansioni

  • Definizione della strategia di comunicazione annuale insieme al Consiglio Nazionale dell’associazione e agli altri collaboratori e collaboratrici della Segreteria;
  • Coordinamento delle attività di promozione dei progetti di volontariato internazionale e di quelle relative agli ambiti di intervento dell’associazione;
  • Gestione delle relazioni con gli attivisti e i referenti dei Gruppi locali dell’associazione per le attività relative alla comunicazione;
  • Gestione del sito web;
  • Gestione dei social network (Facebook, Instagram, Twitter, YouTube) del Servizio Civile Internazionale;
  • Redazione e pubblicazione della newsletter mensile;
  • Cura del database dei soci dell’associazione;
  • Coordinamento della redazione, stampa e diffusione delle pubblicazioni cartacee e online dell’associazione.

Requisiti obbligatori

  • Laurea ovvero Diploma;
  • Esperienza professionale pregressa di almeno due anni nel Terzo Settore (volontariato internazionale, attivazione e inclusione sociale, mobilità giovanile, cooperazione internazionale);
  • Conoscenza dell’inglese scritto e orale (min. livello B2);
  • Comprovata esperienza nell’utilizzo dei principali CMS per la gestione e amministrazione di siti web;
  • Ottima conoscenza del web e dei social network;
  • Comprovata esperienza nell’utilizzo di Google AdWords e Google Ad Grants;
  • Conoscenza SEO e campagne “pay per click”;
  • Buone doti di scrittura;
  • Conoscenza base di editing grafico e video;
  • Attitudine al problem solving, capacità di lavorare sotto stress e sotto scadenze.

Requisiti preferenziali

  • Conoscenza del lavoro del Servizio Civile Internazionale;
  • Conoscenza dei principali programmi di finanziamento europei e nazionali, nonché dei meccanismi per la presentazione delle proposte progettuali;
  • Esperienza nell’elaborazione di strategie di fundraising compatibili con la vision e mission associativa;
  • Esperienza in graphic design e video making;
  • Laurea in Scienze della Comunicazione o Scienze sociali;
  • Precedenti esperienze in attività formative;
  • Precedenti esperienze nel mondo dell’associazionismo e/o dei movimenti sociali;
  • Conoscenza del contesto politico e sociale italiano, nonché del mondo associazionistico e dei movimenti sociali.

Tipologia di contratto e durata

  • Co.co.co (D.Lgs. 81/2015).
  • 12 mesi, con prospettive di sviluppo nell’associazione in relazione alle mansioni svolte.

Inizio lavoro

5 novembre 2018 con tre settimane di affiancamento; lavoro in autonomia a partire dal 1 dicembre 2018.

Candidatura

I/le candidati dovranno inviare la propria candidatura via e-mail con oggetto “Comunicazione_Servizio Civile Internazionale” allegando:

  •  CV
  • Lettera di motivazione

Le candidature dovranno pervenire all’indirizzo coordinamento@sci-italia.it entro il 21 ottobre 2018.

Uno SVE in Croazia all’insegna del mediattivismo e della comunicazione digitale

Uno SVE in Croazia all’insegna del mediattivismo e della comunicazione digitale

Il progetto SVE

Mreža udruga Zagor – Croazia è in cerca di un/a volontario/a per un progetto SVE della durata di 12 mesi.

Durata del progetto: marzo 2019 – marzo 2020

Come per ogni progetto SVE, sono garantite le spese di alloggio, vitto, viaggio, corso di lingua ed assicurazione.

L’obiettivo a lungo termine del progetto è lo sviluppo comunitario, la promozione di una cultura di solidarietà e del dialogo interculturale. Inoltre, il progetto è mirato al coinvolgimento e all’attivazione dei e delle giovani nelle attività di volontariato internazionale.

Attività

Il/la volontario/a si occuperà di ideare e creare i materiali per le campagne di volontariato, in particolare mirate all’attivazione e alla partecipazione dei e delle giovani. Un caso specifico sarà la manifestazione “Hrvatska volontira” (Volontariato in Croazia), supportandone la preparazione delle attività, l’implementazione di workshops e partecipando ai momenti di condivisione e confronto.

In aggiunta, il/la volontario/a SVE avrà il compito di fotografare e riprendere tali eventi e le diverse attività, in vista della preparazione di un festival conclusivo. Infatti, l’uso delle moderne tecnologie sarà condiviso con altri/e volontari/e locali, ai quali verrà insegnato come realizzare una mostra fotografica e dei brevi videoclip.

Requisiti

  • essere creativi/e e ispirare negli/nelle altri/e la creatività;
  • avere motivazione nell’organizzazione di eventi interculturali e nella promozione di percorsi di cittadinanza attiva;
  • essere in grado di gestire il lavoro in maniera indipendente e di saper lavorare in maniera costruttiva in gruppo;
  • avere competenze grafiche e informatiche;
  • avere una conoscenza base dell’inglese

Candidatura

Per candidarsi, inviare CV e lettera di motivazioni in inglese all’indirizzo evs@sci-italia.it entro il 31 gennaio 2019.