fbpx

Promozione culturale e coesione sociale: un campo in Sudafrica

Promozione culturale e coesione sociale: un campo in Sudafrica

promozione culturale coesione sociale volontariato sudafricaIl Campo

Dal 6 al 19 maggio 2019 un campo di volontariato in Sudafrica dedicato alla promozione culturale e alla coesione sociale, organizzato dal nostro partner SAVWA.

L’associazione SAVWA si occupa di preservare, sviluppare e promuovere il patrimonio culturale e linguistico del Sudafrica. In particolare, il lavoro viene svolto attraverso iniziative dedicate alla promozione culturale e alla coesione sociale, al fine di partecipare attivamente alle trasformazioni in corso nel paese. In aggiunta a questo, SAVWA promuove l’accesso alle informazioni attraverso la creazione e gestione di sistemi di archiviazione dati e s’impegna concretamente nella diffusione di eventi artistici e culturali.

Attività

I/le volontari/e verranno coinvolti in attività manuali come la conservazione delle sculture e la manutenzione generale dell’area.
Questo campo è un’opportunità per imparare tecniche artistiche e condividere attività di promozione culturale, realizzare piccoli prodotti di bigiotteria con i materiali locali, conoscere la storia del Sudafrica ed entrare in contatto con la comunità ospitante.

La parte studio è dedicata alla conoscenza dell’arte e della cultura del Sudafrica, le sue origini e le sue trasformazioni attraverso le nuove generazioni.

Alloggio

I/le volontari/e alloggeranno in tenda presso il camping della Fountains Valley. Ai/lle partecipanti è richiesto di portare il proprio sacco a pelo. L’alloggio è dotato di bagno, doccia ed acqua corrente ma non di elettricità.
Sono consigliati abiti caldi per la sera, crema solare, spray antizanzare, sandali, guanti da lavoro e scarpe chiuse per alcune attività. Possono essere utili giacche per la pioggia e torce da lavoro.
La comunità ospitante è uno spazio multiculturale in cui l’inglese è la lingua prevalentemente parlata insieme allo Sotho, Zulu e Tshwana.

Leggi la scheda completa del campo.

Questo progetto fa parte dei programmi Nord/Sud. I volontari devono avere almeno 20 anni e aver preso parte alle formazioni (primo incontro e 2 livello) di preparazione organizzate dallo SCI Italia.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Sud del mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Sviluppo ecosostenibile e solidarietà: un campo di volontariato in Mongolia

Sviluppo ecosostenibile e solidarietà: un campo di volontariato in Mongolia

sviluppo ecosostenibile mongolia campo di volontariato internazionaleIl Campo

Dal 19 Maggio al 1 Giugno 2019 un campo di volontariato in Mongolia per praticare l’ecologismo e collaborare allo sviluppo ecosostenibile delle campagne. I raccolti verranno donati a famiglie locali in difficoltà economica.

Durante l’ultimo anno abbiamo lavorato sulle strutture della fattoria e meno sui metodi di coltivazione. Così, guardando al nostro lavoro, abbiamo capito di dover migliorare i nostri metodi di lavorare della terra per aumentare la produttività e allo stesso tempo potenziare il nostro approccio ecosostenibile. In particolare, le persone del luogo lavorano molto duramente in estate ma il raccolto autunnale non è mai sufficiente! Per questi motivi abbiamo intenzione di usare la nostra fattoria come un centro dedicato alla popolazione locale dove insegnare e migliorare metodologie di sviluppo ecosostenibile per la coltivazione della terra. Il nostro desiderio è aumentare i raccolti e ridurre le terre coltivate. I/le volontari/e lavoreranno sia nella coltivazione ecologica che nel centro formativo. Le i prodotti ricavati dal lavoro collettivo verranno donati alle famiglie locali in difficoltà economica.

Attività

I/le volontari/e partecipanti sanno impegnati/e nella coltivazione della terra ed in mansioni inerenti come la produzione di compost e la creazione di canali d’irrigazione.

Come parte studio verranno approfonditi i metodi in uso per coltivare in maniera ecosostenibile, scambiandosi conoscenze e pratiche a seconda dei paesi di provenienza.

Alloggio

I/le volontari/e alloggeranno in una casa estiva o in una tenda tradizionale mongola. Il gruppo si organizzerà in turni per la preparazione dei pasti insieme allo staff locale.

La lingua del campo è l’inglese. Se non parli inglese, non preoccuparti! Molti volontari/e partecipano ai campi per migliorare il proprio inglese.

Leggi la scheda completa del campo.

Leggi una testimonianza da un campo in Mongolia.

Questo progetto fa parte dei programmi Nord/Sud. I volontari devono avere almeno 20 anni e aver preso parte alle formazioni (primo incontro e 2 livello) di preparazione organizzate dallo SCI Italia.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Sud del mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Un Capodanno all’insegna della sostenibilità ambientale a Reykjavik

Un Capodanno all’insegna della sostenibilità ambientale a Reykjavik

Sostenibilità ambientale Capodanno Reykjavik Islanda Campo volontariato internazionaleIl Campo

Dal 27 Dicembre 2018 al 04 Gennaio 2019 un campo di volontariato in Islanda dedicato alla protezione e alla sostenibilità ambientale, promosso dal nostro partner SEEDS Iceland.

In questo campo i/le partecipanti saranno coinvolti in progetti che riguardano problematiche ambientali locali e globali, attraverso approfondimenti teorici e momenti pratici. Oltre a questo, sarà un’occasione unica per festeggiare un Capodanno ecologista e internazionale!

Se ad esempio sei preoccupato/a dal cambiamento climatico, dal problema dell’inquinamento o hai a cuore la protezione degli animali questo progetto fa per te. Infatti avrai modo di confrontarti con l’organizzazione gli/le altri/e partecipanti a partire dalla tua esperienza e scoprire attraverso lo scambio possibili soluzioni per la sostenibilità ambientale.

Attività

Gli argomenti principali riguarderanno le energie rinnovabili, lo spreco alimentare e le pratiche di sostenibilità come il consumo collaborativo o un’alimentazione consapevole. Ad esempio, ogni anno l’Islanda è visitata da oltre 2 milioni di turisti, che puntualmente lasciano il segno del loro passaggio, dovuto a leggerezza e incuria. Questo campo ti aiuterà a diventare un viaggiatore attento e consapevole dell’impatto che ha sull’ambiente.
I/le partecipanti avranno inoltre la possibilità di visitare progetti locali ecologisti, come uno dei centri di riciclaggio dei rifiuti o la centrale elettrica geotermica.
Infine, laddove le condizioni climatiche lo permetteranno, i/le volontari/e saranno coinvolti/e in attività di tutela ambientale, portate avanti dai/dalle volontari/e del posto.

Alloggio

I/le volontari/e alloggeranno presso una casa a Reykjavík, completa dei servizi (bagni con docce), cucina, e lavatrice. Le camere sono condivise ed è necessario portare il proprio sacco a pelo. Il gruppo si organizzerà in turni per la preparazione dei pasti, forniti dal partner locale. Tutti/e sono invitati/e a portare prodotti tipici del proprio paese per condividere cene internazionali!

La lingua del campo è l’inglese.

Leggi la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

 

 

Tutela ambientale e biodiversità: un campo di volontariato in Giappone

Tutela ambientale e biodiversità: un campo di volontariato in Giappone

tutela ambientale biodiversità giapponeIl campo

Dal 4 marzo al 18 marzo 2019 un campo in Giappone, organizzato dal nostro partner AKKS (Akame no SATOYAMA wo Sodateru kai) che dal 1999 lavora per la tutela ambientale e soprattutto per la valorizzazione della biodiversità della foresta di Satoyama.

La foresta si trova a ridosso delle grandi città di Osaka e Nagoya ed ha rischiato di essere rovinata dalla costruzione di un grande campo da golf e di un inceneritore. La popolazione locale è però riuscita a bloccare questi progetti dando vita al movimento “National trust” e acquistando i terreni, con lo scopo di tutelarli.
Ancora oggi, i diversi gruppi nati da questo movimento continuano il lavoro di tutela ambientale accogliendo persone che amano la natura e che vogliono contribuire a preservarla.
La foresta di Satoyama ha bisogno di essere salvaguardata, in particolare per la ricchezza rappresentata dalla sua biodiversità e per il contribuito che fornisce all’equilibrio idrogeologico dell’area.

Attività

I/le volontari/e si occuperanno di abbattere e ricollocare gli alberi per mantenere la foresta nelle condizioni che più favoriscono la sua biodiversità originaria.
I/le volontari/e utilizzeranno attrezzature da taglio per cui verranno formati/e. Il lavoro è abbastanza faticoso e si estenderà per tutto l’arco della giornata, anche in condizioni di pioggia se sarà possibile. Durante il campo, ci saranno dei momenti di confronto con persone con disabilità mentali che lavorano quotidianamente al progetto.

È richiesta una forte motivazione ed una buona condizione fisica.

I volontari acquisiranno competenze inerenti la tutela ambientale della foresta di Satoyama.

Alloggio

I volontari alloggeranno in una tipica casa di legno e i pasti saranno cucinati a turno.

La lingua del campo è l’inglese.

Leggi la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

 

 

Cambiamento climatico e ecologismo: campo di volontariato in Islanda

Cambiamento climatico e ecologismo: campo di volontariato in Islanda

cambiamento climatico campo volontariato islandaIl campo

Dal 28 gennaio all’8 febbraio 2019 un campo in Islanda, organizzato dal nostro partner SEEDS Iceland, per conoscere gli effetti del cambiamento climatico.

I/le partecipanti dal campo avranno quindi la possibilità di approfondire le questioni ed esso legate, su scala globale e locale. Se sei preoccupato/a, ad esempio, dal cambiamento climatico, così come dal problema dello smaltimento dei rifiuti, o della tutela degli animali ed altre questioni ambientali, questo è il progetto che fa per te.

È importante sapere che questo è un campo basato sul confronto: tutti/e i/le partecipanti sono infatti invitati/e a portare la loro esperienza e le proprie idee. Il principale focus del campo sarà imparare dai differenti aspetti della questione ambientale attraverso workshop, discussioni e visite guidate.

Attività

Gli argomenti trattati saranno principalmente le energie rinnovabili, gli sprechi alimentari e le pratiche sostenibili che possono essere messe in campo. Ad esempio, ogni anno l’Islanda è visitata da oltre 2 milioni di turisti, che puntualmente lasciano il segno del loro passaggio, dovuto a leggerezza e incuria. Questo campo ti aiuterà a diventare un viaggiatore attento e consapevole dell’impatto che ha sull’ambiente.

I/le partecipanti avranno inoltre la possibilità di visitare progetti locali ecologisti, come uno dei centri di riciclaggio dei rifiuti o la centrale elettrica geotermica.

Infine, laddove le condizioni climatiche lo permetteranno, i/le volontari/e saranno coinvolti/e in attività di tutela ambientale, portate avanti dai/dalle volontari/e del posto.

Alloggio

I/le volontari/e alloggeranno presso una casa a Reykjavík, completa dei servizi (bagni con docce), cucina, e lavatrice. Le camere sono condivise ed è necessario portare il proprio sacco a pelo. Il gruppo si organizzerà in turni per la preparazione dei pasti, forniti dal partner locale. Tutti/e sono invitati/e a portare prodotti tipici del proprio paese per condividere cene internazionali!

La lingua del campo è l’inglese.

Leggi la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Manutenzione del parco ecologico per promuovere uno stile di vita sostenibile: un campo in Marocco

Manutenzione del parco ecologico per promuovere uno stile di vita sostenibile: un campo in Marocco

Il campo

Dal 20 gennaio al 3 febbraio 2019 un campo di volontariato in Marocco, per supportare la manutenzione del parco ecologico e contribuire al dibattito sull’ecologia nella vita quotidiana.

Il campo è organizzato dall’associazione EVO (Espace Volontaire Oujda), fondata nel 2003 a Oujda, in Marocco. È composta da un gruppo di giovani locali che ha scelto di impegnarsi in progetti di volontariato. Infatti, negli anni ha accumulato molta esperienza di lavoro sociale, in particolare nell’organizzazione di campi. Inoltre, è riuscito a creare reti sociali sul territorio, coinvolgendo centri giovanili, organizzazioni locali e partner internazionali. In altre parole, il loro obiettivo è quello di creare un’atmosfera di solidarietà e impegno, in particolare in materia di protezione ambientale e tutela del patrimonio artistico-archeologico. Per queste ragioni, l’obiettivo di questo campo è la manutenzione del parco ecologico e la creazione di dibattito attorno al tema dell’ecologismo.

Attività

I/le volontari/e si impegneranno in lavori manuali e di giardinaggio. In primo luogo, ripareranno i materiali in legno rovinati dall’erosione del tempo. Inoltre, lavoreranno per la manutenzione del parco ecologico in tutti i suoi spazi verdi.

Inoltre, avranno anche l’opportunità di visitare la città di Oujda e i suoi dintorni, grazie al supporto del team di volontari/e locali.

Come parte studio, i/le volontari/e approfondiranno, attraverso dei dibattiti, la questione ecologica nella vita di tutti i giorni; molte di queste discussioni verranno affrontate con il pubblico che quotidianamente attraversa il parco. Il parco ecologico si estende per circa 25 ettari ed è considerato un sito unico in tutto il Marocco.

Alloggio

I/le volontari/e alloggeranno presso un dormitorio condiviso presso il centro giovanile, in camere da 3 o 4 letti. È richiesto di portare le proprie lenzuola e asciugamani, oltre ai vestiti da lavoro.

La lingua del campo è l’inglese, quella locale il francese.

Leggi la scheda completa del campo.

Questo progetto fa parte dei programmi Nord/Sud. I volontari devono avere almeno 20 anni e aver preso parte alle formazioni (primo incontro e 2 livello) di preparazione organizzate dallo SCI Italia.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Sud del mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Proteggere l’ambiente per promuovere la pace: un campo in Indonesia

Proteggere l’ambiente per promuovere la pace: un campo in Indonesia

Il campo

Dal 15 al 28 gennaio 2019 un campo di volontariato in Indonesia per proteggere l’ambiente dalle devastazioni prodotte dal cambiamento climatico.

Il campo si svolgerà a Mangkang, un villaggio di pescatori e agricoltori situato ad ovest di Semarang. Questo progetto è divenuto negli anni una tradizione; infatti, il nostro partner IIWC continua a promuoverlo per rispondere al bisogno di conservare la biodiversità, in particolare presso la zona costiera a nord del mare Java.

In quest’area, più di 1 chilometro di costa è a rischio di abrasione marittima, conseguenza della deforestazione delle mangrovie. Considerando che un tempo quest’area era popolata da un’incredibile quantità di pesci e gamberetti, ad oggi è evidente l’emergenza della scomparsa di tutte queste specie. In particolare, anche i pescatori locali sono costretti a spingersi sempre più lontano per riuscire a trovare del pesce e guadagnarsi quindi la sopravvivenza. Per tutti questi motivi, proteggere l’ambiente in questa zona sta diventando sempre più fondamentale.

Le attività

I/le volontari/e del campo svolgeranno diverse attività, come ad esempio piantare le mangrovie ed altre specie floristiche sulla costa; organizzare attività di sensibilizzazione sulla questione ambientale e sulla gestione dei rifiuti con la popolazione locale, in particolare con i bambini; infine, organizzare campagne informative per la città.

Alloggio

I/le volontari/e alloggeranno presso la casa per volontari di IIWC; è richiesto di portare il proprio sacco a pelo. Il gruppo dei/delle volontari/e si organizzerà autonomamente per i pasti e le pulizie.

La lingua del campo è l’inglese.

Leggi la scheda completa del campo.

Questo progetto fa parte dei programmi Nord/Sud. I volontari devono avere almeno 20 anni e aver preso parte alle formazioni (primo incontro e 2 livello) di preparazione organizzate dallo SCI Italia.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Sud del mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Supportare l’organizzazione della festa della cultura Mapuche: un campo in Cile

Supportare l’organizzazione della festa della cultura Mapuche: un campo in Cile

Il campo

Dal 12 gennaio 2019 al 3 febbraio 2019 un campo di volontariato in Cile per supportare l’organizzazione della tradizionale festa della cultura Mapuche.

La “Community Fair Walung de Kurarewe”, è una comunità composta principalmente da donne Mapuche, piccoli produttori e artigiani dell’Araucanía (sud del Cile), che cerca di generare una propria economia, indipendente, in solidarietà e in armonia con l’ambiente.

L’obiettivo di questa comunità è infatti il dare vita ai Küme Mongen (buon vivere), ovvero momenti di valorizzazione delle conoscenze ancestrali attraverso la coltivazione di prodotti originali e la loro trasformazione: pinoli dall’Araucaria, frutti della foresta, quinoa; ma anche prodotti di artigianato, l’incentivo alla trasmissione dell’antica conoscenza culinaria e curativa, la lavorazione dei prodotti e via dicendo.

Dal 2005, inoltre, sviluppa laboratori di agroecologia, trafkintu (scambi) di sementi, fiere stagionali di produttori e artigiani, trawun (incontri) sulla cura del territorio e altre attività.

Le attività

I/le volontari/e del campo supporteranno l’organizzazione dell’evento annuale più importante per la comunità: la Feira Walung (festa del raccolto), che cade nel periodo di febbraio. Infatti, il lavoro che viene svolto per la sua realizzazione è anche un momento speciale di incontro e discussione su questioni sociali ed economiche.

In particolare, gli obiettivi del campo sono i seguenti: supportare l’organizzazione degli spazi e la costruzione delle strutture destinate ad ospitare la Fiera, nonché svolgere la pulizia del luogo e l’assemblaggio degli stand per i produttori; supportare le attività di trasformazione dei prodotti tipici della zona (marmellate, sottovuoti, etc.); svolgere attività di promozione e sensibilizzazione sulla cultura Mapuche durante lo svolgersi della Feira.

Come parte studio, i/le volontari/e approfondiranno la storia e la cosmovisione della cultura Mapuche, come anche i problemi attuali da cui la comunità è colpita. Inoltre, verrà studiata la storia della Feira Walung, poiché la sua organizzazione è strettamente legata alle attività di difesa del territorio e della sovranità alimentare in Kurarewe.

Alloggio

I/le volontari/e alloggeranno presso le case dei membri della comunità, o in tende messe a disposizione dall’organizzazione presso il sito della fiera.

La lingua del campo è lo spagnolo.

Leggi la scheda completa del campo.

Questo progetto fa parte dei programmi Nord/Sud. I volontari devono avere almeno 20 anni e aver preso parte alle formazioni (primo incontro e 2 livello) di preparazione organizzate dallo SCI Italia.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Sud del mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Praticare la permacultura nel settore ortofrutticolo: un campo in Togo

Praticare la permacultura nel settore ortofrutticolo: un campo in Togo

Il campo

Dal 10 al 23 dicembre 2018 un campo di volontariato in Togo, presso la comunità di Kpalimé, per supportare un progetto agricolo basato sulla permacultura.

Tale progetto è infatti parte di un approccio di sviluppo sostenibile, che rispetta la conservazione della biodiversità e la promozione della coltivazione di prodotti biologici. Attraverso la messa in pratica di tali principi, l’obiettivo dell’Ong ASTOVOT è la promozione della cultura sul biologico e l’accessibilità di tali prodotti per la popolazione locale.

L’orto in cui il progetto si sviluppa, difatti, rappresenta un luogo di scambio di esperienze sui valori della produzione biologica e sul consumo sostenibile di prodotti locali.

Le attività

Gli obiettivi del campo sono, in particolare, la preservazione della biodiversità e il miglioramento dell’ambiente circostante, lo sviluppo di differenti generi di colture biologiche, l’incoraggiamento al consumo di tali prodotti da parte della popolazione locale.

Oltre a questo, le attività principali del progetto riguarderanno la cura e il mantenimento dell’orto (togliere le erbacce, preparare il terreno, selezionare le sementi, fabbricare il compost, creare un sistema di irrigazione, potature e così via). Inoltre, ai/alle volontari/e del campo è richiesto di svolgere delle attività pedagogiche per i bambini e le bambine locali nell’orto stesso.

Alloggio

Le condizioni dell’alloggio sono generalmente rudimentali. I/le volontari/e alloggeranno presso una casa fornita di più camere da letto, situata in prossimità del sito del progetto. Se possibile, è richiesto di portare con se materassino, sacco a pelo e repellente per zanzare.

La cucina invece sarà gestita dallo stesso gruppo dei volontari. L’acqua potabile è disponibile. L’accesso ad internet e all’elettricità è molto limitato.

Lingua

Le lingue del campo sono l’inglese e il francese. In particolare, la conoscenza del francese è molto utile per poter comunicare più facilmente con la popolazione locale.

Leggi la scheda completa del campo.

Questo progetto fa parte dei programmi Nord/Sud. I volontari devono avere almeno 20 anni e aver preso parte alle formazioni (primo incontro e 2 livello) di preparazione organizzate dallo SCI Italia.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Sud del mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Supportare un festival dedicato all’arte del fuoco: un campo in Estonia

Supportare un festival dedicato all’arte del fuoco: un campo in Estonia

Il campo

Dal 2 al 12 febbraio 2019 un campo di volontariato in Estonia, a supporto della tradizionale competizione degli artisti del fuoco.

La Fire Artist’s Association è stata fondata per promuovere la conoscenza relativa alle arti del fuoco, per poter offrire a tutti la possibilità di imparare a confrontarsi e performarsi con esso. Infatti, l’associazione realizza queste attività in totale sicurezza, garantendo elevati standard di sicurezza per tutti gli artisti, in stretta cooperazione con le unità di soccorso locali.

In particolare, il progetto di punta dell’associazione è la Competizione degli Artisti del Fuoco: alle origini, questa competizione era un piccolo evento locale, mentre oggi è diventato un festival di respiro internazionale. Ogni anno il festival si svolge in Estonia, supportato da volontari locali e internazionali, presso lo storico parco Kadriorg situato nel cuore di Tallinn, splendido esempio di architettura barocca nordeuropea.

Attività

Nel corso della settimana del campo, i/le volontari/e svolgeranno attività pratiche di manutenzione del parco, parallelamente a quelle di preparazione del festival. Ai/alle volontari/e si richiede di essere creativi e di prendere parte attivamente all’allestimento, apportando idee ed energie proprie.

Durante il festival, i/le volontari/e svolgeranno attività di accoglienza al pubblico e aiuteranno nel trasporto dei materiali.

Si ricorda che il campo si svolgerà in un luogo molto freddo e pieno di neve, quindi è importante portare scarpe, giacca e vestiti pesanti!

Alloggio

I/le volontari/e alloggeranno presso lo studio della Fires Artists Association, situato nei pressi del parco. È necessario portare il proprio sacco a pelo. I pasti verranno preparati in gruppo a turno.

Requisiti

Essere aperti e comunicativi, svelti a prendere l’iniziativa e trovare soluzione a problemi disparati. In aggiunta, è importante essere rispettosi degli usi e costumi locali. È richiesta una lettera di motivazioni.

La lingua del campo è l’inglese.

Leggi la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.