Da Perm (Russia) alla Sacra di San Michele (Piemonte): testimonianza da un campo

Da Perm (Russia) alla Sacra di San Michele (Piemonte): testimonianza da un campo

Pubblichiamo la testimonianza di Ekaterina e Marina, due volontarie russe che hanno preso parte a un campo di volontariato internazionale in Piemonte, dal 25 agosto al 4 settembre 2017, presso la Cascina Pogolotti, a Sant’Ambrogio di Torino, in collaborazione con l’associazione Principi Pellegrini – diVangAzioni.

I cambiamenti più belli accadono proprio quando meno te lo aspetti.

Questa estate due ragazze russe hanno partecipato a un progetto ambientale in Italia. Il progetto si è svolto in Piemonte, vicino alla Sacra di San Michele. I volontari hanno aiutato la comunità locale a proteggere la foresta da possibili incendi.

Nuovi incontri, nuovi amici, l’incredibile bellezza dei luoghi, una vita italiana a loro sconosciuta…

La cosa più importante che può cambiare durante un’esperienza del genere è l’attitudine al lavoro. Non c’è scelta tra ciò che voglio e non voglio fare. C’è solo una cosa che conta: portarla a termine. Se hai preso l’impegno di essere un volontario e più in generale di assumerti la responsabilità delle tue azioni, devi onorare questa scelta.

All’inizio le ragazze pensavano fra sé e sé: per che cosa siamo venute veramente qui? Poi l’hanno scoperto: tornare a casa come persone diverse, cambiate, più consapevoli. Tali piccoli passi iniziano con i grandi cambiamenti per l’appunto.

Workcamp non è solo un lavoro. Lo scopo principale di questi progetti è quello di abbattere i pregiudizi di nazionalità e culture provenienti da diverse aree del pianeta. Questo obiettivo è stato raggiunto con successo.

Concerti serali con la chitarra, conversazioni sincere sulla vita nei diversi Paesi, discussioni su problemi politici attuali, cucina deliziosa e vino… Un sacco di vino, tanti sorrisi e canzoni, tante emozioni vere insomma. Tutto questo e altro ancora è stato vissuto dai volontari.

Se stai ancora pensando se partire o no come volontario, ecco la risposta: fallo subito!

Ekaterina Sitnikova & Marina Iashina

Perm, Russia

Doposcuola di inglese e matematica per i bambini: un campo in Sud Africa

Doposcuola di inglese e matematica per i bambini: un campo in Sud Africa

Dall’8 al 20 gennaio 2018 un campo in Sud Africa, a Mabopane, nei pressi di Pretoria, per organizzare e gestire un doposcuola dedicato a corsi di inglese e matematica per i bambini e le bambine della comunità locale.

I/le volontari/e del campo, insieme ad alcuni membri della comunità, daranno supporto al percorso di apprendimento dell’inglese e della matematica, materie fondamentali per lo sviluppo dei/delle bambini/e. Nel corso delle lezioni, è loro compito comprendere se il percorso scolastico dei bambini si sta svolgendo in maniera adeguata e, laddove ci fossero carenze, cercare di intervenire offrendo nozioni di educazione sociale, economica, comunitaria, familiare, religiosa.

Grazie a questo progetto i/le volontari/e avranno l’opportunità di conoscere e lavorare con diverse comunità e interagire con i/le bambini/e; avranno inoltre l’opportunità di essere ospitati/e dalle famiglie durante il periodo del campo, immergendosi completamente nella cultura locale.

I/le volontari/e del campo saranno impegnati principalmente nell’attività di insegnamento dell’inglese e della matematica ma avranno la libertà si sviluppare anche attività ludiche (oltre che didattiche) per i/le bambini/e.

Come parte studio, si elaboreranno in gruppo i percorsi didattici del doposcuola e si viaggerà in quattro differenti scuole elementari, nelle quali si svolgerà il doposcuola. Insegnanti ed educatori saranno ad disposizione e supporto del gruppo nell’organizzazione delle attività.

La lingua del campo è l’inglese, quelle locali (per citarne solo alcune) il Sotho, lo Zulu e il Tshwana.

Leggi la scheda completa del campo.

Questo progetto fa parte dei programmi Nord/Sud. I volontari devono avere almeno 20 anni e aver preso parte alle formazioni (primo incontro e 2 livello) di preparazione organizzate dallo SCI Italia.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Sud del mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Costruire e organizzare la festa della cultura Mapuche (II): campo in Chile

Costruire e organizzare la festa della cultura Mapuche (II): campo in Chile

Dal 2 febbraio al 24 febbraio 2018 un campo in Chile, presso la Comunidad Feria Walung de Kurarewe, composta a maggioranza da donne mapuche, piccoli produttori ed artigiani dell’Araucanía (sud del Chile).

L’obiettivo di questa comunità è di generare un’economia alternativa, solidale e in armonia con l’ambiente, dando vita al Küme Mongen (buon vivere) che da valore al legame ancestrale tra la popolazione mapuche e la sua terra attraverso la coltivazione di prodotti autoctoni e la valorizzazione di antiche pratiche di trasformazione degli stessi.

L’evento annuale più importante per questa comunità è la Feira Walung (il tempo della raccolta) che ha luogo a febbraio. Tutti e tutte lavorano per la realizzazione dell’evento, affinché sia un momento speciale di incontro e discussione su temi sociali ed economici.

Questo campo segue un precedente che ha come obiettivo l’organizzazione strutturale del festival e la costruzione delle strutture destinate ad accogliere la Feria Walung; durante il secondo campo, i/le volontari/e supporteranno l’organizzazione e la logistica dell’evento e la sua promozione e divulgazione sul territorio.

Come parte studio, verrà approfondita la storia e la cultura mapuche, la sua cosmovisione e le problematiche attuali. Inoltre si approfondirà la storia della fiera e le pratiche organizzative di difesa del territorio e della sovranità alimentare mapuche.

La lingua del campo è lo spagnolo.

Leggi la scheda completa del campo.

Questo progetto fa parte dei programmi Nord/Sud. I volontari devono avere almeno 20 anni e aver preso parte alle formazioni (primo incontro e 2 livello) di preparazione organizzate dallo SCI Italia.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Sud del mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Costruire e organizzare la festa della cultura Mapuche: un campo in Chile

Costruire e organizzare la festa della cultura Mapuche: un campo in Chile

Dall’11 gennaio al 1 febbraio 2018 un campo in Chile, presso la Comunidad Feria Walung de Kurarewe, composta a maggioranza da donne mapuche, piccoli produttori ed artigiani dell’Araucanía (sud del Chile).

L’obiettivo di questa comunità è di generare un’economia alternativa, solidale e in armonia con l’ambiente, dando vita al Küme Mongen (buon vivere) che da valore al legame ancestrale tra la popolazione mapuche e la sua terra attraverso la coltivazione di prodotti autoctoni e la valorizzazione di antiche pratiche di trasformazione degli stessi.

L’evento annuale più importante per questa comunità è la Feira Walung (il tempo della raccolta) che ha luogo a febbraio. Tutti e tutte lavorano per la realizzazione dell’evento, affinché sia un momento speciale di incontro e discussione su temi sociali ed economici.

I/le volontari/e del campo saranno impegnati/e in: lavorare all’organizzazione degli spazi e alla costruzione delle strutture destinate ad accogliere la Feria Walung de Curarrehue 2018; curare la pulizia del sito; supportare il lavoro di preparazione e trasformazione degli alimenti in prodotti (verdure, marmellate, etc) destinati alla vendita durante la fiera; promozione e divulgazione dell’evento e della cultura mapuche.

Come parte studio, verrà approfondita la storia e la cultura mapuche, la sua cosmovisione e le problematiche attuali. Inoltre si approfondirà la storia della fiera e le pratiche organizzative di difesa del territorio e della sovranità alimentare mapuche.

La lingua del campo è lo spagnolo.

Leggi la scheda completa del campo.

Questo progetto fa parte dei programmi Nord/Sud. I volontari devono avere almeno 20 anni e aver preso parte alle formazioni (primo incontro e 2 livello) di preparazione organizzate dallo SCI Italia.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Sud del mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Sulla dichiarazione di Trump e il riconoscimento di Gerusalemme come capitale dello stato di Israele

Sulla dichiarazione di Trump e il riconoscimento di Gerusalemme come capitale dello stato di Israele

Statement del Service Civil International rispetto alla dichiarazione di Donald Trump sul riconoscimento di Gerusalemme come capitale dello stato di Israele e sullo spostamento dell’Ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme.

Due settimane fa un gruppo della branca catalana del Service Civil International si è recato in Palestina/Israele per visitare i partner del network, con cui alcune altre branche hanno collaborato per diversi anni. SCI Catalunya ha avuto l’opportunità di raccogliere maggiori informazioni sulla situazione in Palestina/Israele, comprendendo meglio come la vita quotidiana nei Territori Occupati sia affetta dall’occupazione israeliana nonché il livello di discriminazione messo in atto verso i palestinesi residenti in Israele. Ha avuto anche modo di vedere molti esempi di resistenza nonviolenta nei Territori Occupati e in Israele.

I nostri partner in Palestina/Israele hanno sempre espresso l’importanza del supporto internazionale o di gesti di solidarietà quando si vive in una situazione di repressione costante e si cerca di costruire e portare avanti una resistenza nonviolenta.

È per questo motivo che oggi vogliamo mostrare il nostro pieno supporto alla popolazione palestinese e alla loro lotta di liberazione. Denunciamo la complicità degli Stati Uniti con uno stato repressivo come quello di Israele.

Crediamo che sia nostro compito quello di stare vicini ai nostri partner e che essere neutrali in una situazione di ingiustizia equivalga a schierarsi con l’oppressore. Abbiamo osservato serie violazioni dei diritti umani e una forte negligenza verso il rispetto della Legge Internazionale, e per questo sentiamo che non possiamo rimanere in silenzio.

In linea con i valori SCI, noi come Service Civil International condanniamo le violazioni dei diritti umani e l’uso di continuo di violenza in Israele/Palestina. Vogliamo esprimere il nostro supporto ai nostri partner che subiscono quotidianamente abusi e violenze e che si impegnano in una lotta nonviolenta per realizzare una società giusta.

Vogliamo rilanciare una raccomandazione che era stata accettata alcuni anni fa dall’International Committee Meeting del SCI, la quale promuoveva la campagna Boycott, Divestment and Sanctions (conosciuta come Campagna BDS) come uno strumento che aumenti il livello di consapevolezza e che denunci, tramite il boicottaggio, la complicità di molte aziende, istituzioni e governi con le politiche e pratiche di discriminazione e occupazione portate avanti dallo stato di Israele.

Barcellona, 10 dicembre 2017

Leggi lo statement originale.

IVS GB è in cerca di un/a volontario/a per 12 mesi di progetto a Belfast

IVS GB è in cerca di un/a volontario/a per 12 mesi di progetto a Belfast

Hosting organization: IVS Great Britain
Area tematica: bambini, ragazzi e persone anziane
Luogo: Belfast, Irlanda del Nord
Durata: 6-12 mesi
Candidatura: la candidatura dovrà avvenire attraverso la propria sending organization. In seguito si verrà ricontattati per un colloquio conoscitivo.

Lingua:
# del progetto: Inglese

Il Quaker Cottage è un luogo protetto e di cura per famiglie svantaggiate, il cui obiettivo è la promozione della fiducia in se stessi e di percorsi di comprensione e cooperazione tra membri della stessa famiglia; è un luogo dove accrescere e sviluppare le proprie competenze personali, la comprensione e il rispetto reciproco. I/le volontari/e internazionali vivono e lavorano all’interno del Quaker Cottage di Belfast, un centro diurno speciale che fornisce supporto a famiglie con minori opportunità segnalate dai servizi sociali. Spesso queste famiglie hanno subito dei traumi molto forti in passato o hanno difficoltà ad affrontare la quotidianità. La maggior parte degli utenti del centro vive in aree colpite dal conflitto interno al Nord dell’Irlanda.

ATTIVITÀ:

  • supporto al Childrens Program Volunteer, un progetto che riguarda i bambini 0-8 anni nel quale si segue con percorsi individuali ciascun bambino/a. Questi bambini e bambine provengono da contesti in cui hanno subito alti livelli di violenza, e il loro comportamento è spesso negativo. È per questo necessario che il/la volontario/a abbia un’ottima attitudine alla tolleranza e alla comprensione;
  • supporto al Teenage Program Volunteer, che sviluppa ulteriormente il percorso individuale e lo lega a quello di gruppo, con ragazzi e ragazze 13-25 anni;
  • supporto allo staff per l’adempimento di mansioni amministrative;
  • gestione quotidiana del centro, come cucinare e pulire;
  • guidare il minibus per lo spostamento degli utenti.

REQUISITI:

  • avere esperienze pregresse di lavoro con bambini/e e ragazzi/e;
  • essere disposti/e a svolgere turni di cucina e di pulizia;
  • possedere la patente B;
  • avere competenze ed idee da utilizzare per attività ludiche (arte, letteratura, giardinaggio, musica, danza, etc.)

Leggi la scheda di descrizione del progetto.

I/Le volontari/ie interessat@ a partecipare a questo progetto in Irlanda del Nord sono invitati/e a segnalarlo all’indirizzo ltv@sci-italia.it. Lo SCI Italia contatterà il/i partner ospitanti per chiedere la disponibilità e la tempistica. A questo punto il/la volontario/a compilerà l’application form e verrà contattato nel minor tempo possibile per un colloquio via Skype. Se il/la volontario/a viene accettato/a, verserà la quota di iscrizione e la tessera a SCI Italia, e provvederà a finalizzare gli ultimi accordi sulle tempistiche di arrivo e di visto se necessario.

Call aperta: SCI Italia cerca 2 partecipanti per un seminario sull’educazione non-formale, a Vienna

Call aperta: SCI Italia cerca 2 partecipanti per un seminario sull’educazione non-formale, a Vienna

SCI Italia cerca 2 partecipanti per il seminario “The bigger picture: NFE for a global perspective”, che avrà luogo dall’8 al 13 Febbraio a Vienna.

“The bigger picture: NFE for a global perspective” è un seminario della durata di 6 giorni organizzato dalla branca austriaca dello SCI, che riunirà 39 partecipanti da 18 paesi europei e non solo (Armenia, Austria, Repubblica Ceca, Germania, Italia, Macedonia, Portogallo, Svezia, Spagna, Tunisia, Slovenia, Ungheria, Finlandia, Lituania, Polonia, Svizzera e Croazia), a discutere insieme di educazione non-formale, condividendo e scambiando pratiche e metodi acquisiti.

I/le partecipanti impareranno come portare i/le giovani a ragionare e interconnettere le sfide globali con la propria vita e la propria società; non a caso, le organizzazioni partecipanti al seminario sono già attive in molti ambiti riguardanti l’educazione globale: alcune preparano formazioni pre-partenza per i/le volontari/e, altre portano avanti campagne di sensibilizzazione sulle ingiustizie globali, altre ancora organizzano sessioni di teatro dell’oppresso per contrastare il razzismo, e via dicendo. Durante il seminario, metodi e pratiche esistenti e nuove verranno discussi, provati, criticati, trasformati, valutati e condivisi attraverso pratiche di educazione non-formale.

Profilo dei partecipanti:

  • avere precedenti esperienze di educazione non-formale ed essere disposti/e a discuterle e condividerle col gruppo;
  • aver compiuto almeno 18 anni;
  • essere attivi/e o essere interessati/e ad attivarsi nella propria sending organization;
  • essere capaci di comunicare in inglese;
  • essere interessati/e ai temi trattati e avere forte motivazione ad imparare e a riportare nel proprio contesto di provenienza ciò che si è appreso.

Tutte le spese sono coperte dal programma Erasmus+. Qualora selezionati, si richiede il tesseramento SCI (20 euro).

Leggi la call completa.

Per candidarsi, inviare CV e breve lettera di motivazioni a nordsud@sci-italia.it entro il 20 dicembre. Gli esiti della selezione saranno comunicati il 22 dicembre.

INEX-SDA è in cerca di un/a volontario/a SVE in supporto al progetto “Football for Development”

INEX-SDA è in cerca di un/a volontario/a SVE in supporto al progetto “Football for Development”

Il nostro partner INEX-SDA (Praga) è in cerca di un/a volontario/a SVE per 12 mesi di progetto, da febbraio 2018 a gennaio 2019.

Come per ogni progetto SVE, sono garantite le spese di alloggio, vitto, viaggio, corso di lingua ed assicurazione.

INEX – Association of voluntary activities (INEX-SDA) è un’organizzazione non governativa e no profit che dal 1991 promuove progetti di volontariato internazionale e di educazione interculturale. Le sue attività promuovono la tolleranza e ambiscono ad una società aperta, che rispetti le differenze culturali e onori i principi dello sviluppo sostenibile, attraverso la promozione di percorsi di cittadinanza attiva e scambi internazionali basati sul principio dell’approccio tra pari, del rispetto e della comprensione reciproca.

Descrizione del progetto:

Il progetto “Football for Development” è concepito sui principi del gioco leale, l’uguaglianza e il lavoro di gruppo. L’obiettivo è di costruire connessioni tra gruppi o persone singole provenienti da diversi contenti sociali e culturali. Attraverso il calcio, si vuole promuovere il rispetto e la tolleranza reciproca, non solo sul campo ma anche nella vita quotidiana. Il progetto metterà insieme volontari/e internazionali e locali, un team che organizzerà tornei, eventi pubblici, workshop e attività educative per bambini/e e giovani. Questa campagna avrà luogo tra giugno e luglio e si sposterà in diverse regioni della Repubblica Ceca.

Il/la volontario/a SVE avrà il compito di supportare l’organizzazione e la realizzazione del progetto “Football for Development” da febbraio a luglio, contattando i partecipanti, co-organizzando gli eventi pubblici di promozione e sensibilizzazione, i workshop e i tornei; assisterà il coordinamento del progetto nella sua gestione finanziaria e burocratica. Avrà inoltre l’occasione di prendere parte al programma GLEN (Global Education Network of Young Europeans), supportando il lavoro della segreteria di INEX-SDA, e avrà spazio per pensare e realizzare un proprio progetto.

Leggi la call completa del progetto.

Per candidarsi, è necessario inviare il proprio CV e lettera di motivazioni in inglese all’indirizzo evs.applications@inexsda.cz, mettendo in copia evs@sci-italia.it.

Termine ultimo per candidarsi: mercoledì 13 dicembre.

“Smile”: un campo presso un ristorante sociale per persone bisognose

“Smile”: un campo presso un ristorante sociale per persone bisognose

Dall’8 al 15 gennaio 2018 un campo in Vietnam in supporto alle attività quotidiane dello Smile Restaurant, inaugurato nell’ottobre 2012 dall’HCMC Charity Foundation con l’obiettivo di offrire pasti a prezzi privilegiati per studenti, persone migrati e lavoratori/trici dell’area urbana di Ho Chi Minh.

I/le volontari/e del campo saranno coinvolti/e nelle attività del progetto, quali la preparazione dei pasti per persone bisognose e la gestione del locale. I/le volontari/e che hanno già esperienze pregresse nel preparare pasti per molte persone sono più che invitati/e ad unirsi anche al cooking team!

Tra le principali attività del campo vi sono: la preparazione degli ingredienti, la pulizia delle verdure, preparare i tavoli, servire ai commensali, ripulire il locale una volta terminato il pasto.

Come parte studio, si analizzerà il contesto locale e le strategie di welfare sociale da promuovere nel futuro.

La lingua del campo è l’inglese, quella locale il vietnamita.

Leggi la scheda completa del campo.

Questo progetto fa parte dei programmi Nord/Sud. I volontari devono avere almeno 20 anni e aver preso parte alle formazioni (primo incontro e 2 livello) di preparazione organizzate dallo SCI Italia.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Sud del mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Supportare un festival dedicato ai bambini: un campo in Inghilterra

Supportare un festival dedicato ai bambini: un campo in Inghilterra

Dal 26 marzo al 3 aprile 2018 un campo per supportare lo svolgimento del festival pasquale The Easter Kids’ Village, un ritiro per famiglie della durata di 5 giorni.

Ripartendo dal successo del Kids Village al festival One World Health and Wellbeing, anche in questa occasione si vuole proporre uno spazio sicuro per bambini e bambine di ogni età per giocare, imparare e creare. Gestito da un consorzio di genitori e da un gruppo di facilitatori con molti anni di esperienza alle spalle in materia di educazione, drammaturgia e arte terapia, il festival garantisce uno spazio che da un lato rassicura le famiglie, dall’altro incoraggia bambini e genitori a conoscersi e creare connessioni tra loro. I/le volontari/e supporteranno lo svolgimento dei workshop dei facilitatori e le attività che avranno luogo durante il festival (preparare le stanze, raccogliere la legna, cucinare, gestire la logistica, e molto altro).

I/le volontari/e del campo saranno responsabili per il montaggio e lo smontaggio delle strutture del festival (tende e padiglioni) e, durante lo svolgimento dello stesso, avranno il ruolo di agevolare gli spostamenti tra un’area e l’altra. La maggior parte del tempo sarà impegnata nel lavoro con i bambini e le bambine e nel supporto alla logistica del festival.

La parte studio sarà incentrata sul tema dell’educazione infantile.

La lingua del campo è l’inglese.

Leggi la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

bool(false)