fbpx

Sci-Italia cerca un coordinatore/trice per un campo sul restauro a Cascina Casottello (MI)

Sci-Italia cerca un coordinatore/trice per un campo sul restauro a Cascina Casottello (MI)

SCI-Italia è in cerca di un coordinatore/trice per un campo internazionale di volontariato sul restauro che si svolgerà a Cascina Casottello (Lombardia) dal 10 al 23 settembre

Il campo è organizzato insieme all’associazione socio-culturale di Sunugal e la cooperativa Fate Artigiane, che hanno vinto, all’inizio del 2016, un bando pubblico per il restauro e la rivalorizzazione di Cascina Casottello. L’edificio si trova nella periferia sud-est di Milano, un’area con diverse problematiche occupazionali e sociali, caratterizzata anche da situazioni di degrado ambientale. Le associazioni partner mirano ad avviare un processo di rigenerazione territoriale e architettonica, reinterpretando l’identità della Cascina attraverso proposte creative, artistiche e sociali, guidate dalla partecipazione attiva dei cittadini.

Cascina Casottello sarà un luogo aperto al quartiere e alla città, uno strumento di dialogo, incontri e discussioni, il legame tra risorse collettive e bisogni sociali.

Scegliere di diventare coordinatore di campo è un contributo importante nei confronti dell’associazione e allo stesso tempo è anche un percorso formativo valido per il coordinatore.

Leggi la scheda completa del campo.

Per candidarsi o ricevere informazioni scrivere a workcamps@sci-italia.it o contattare la Segreteria Nazionale al numero 06 5580644.

 

Valorizzare le risorse naturali all’interno di un parco: un campo in Messico

Valorizzare le risorse naturali all’interno di un parco: un campo in Messico

 Il campo:

Dall’1 al 15 Settembre 2018 Sci Italia promuove un campo di volontariato internazionale in Messico, all’interno del Parco San José, su sostenibilità e valorizzazione delle risorse ambientali.

Il Parco educativo San Josè, è un centro di educazione ambientale e cultura della formazione, che incoraggia una società partecipativa verso la conservazione delle risorse naturali nella regione di Tsotsil nel Chiapas.

Il parco è situato a 8 km dalla città di San Cristobal de las Casas, in Chiapas, in un’area di 16 ettari di foresta di querce e pini, ecologicamente importante in termini di conservazione della flora e della fauna.

All’interno di questo parco si trovano l’Unità di Gestione Ambientale (UMA) e la Stazione Biologica e tra i progetti ci sono la costruzione, la riabilitazione e la manutenzione delle strutture del parco.

Le attività:

I/Le volontari/e parteciperanno alla creazione e allo sviluppo di materiali didattici per la comprensione delle problematiche ambientali. Questo materiale didattico consentirà al team del parco di continuare ad insegnare e trasmettere un senso di partecipazione e responsabilità di fronte a problemi ambientali.

Allo stesso tempo i/le volontari/e lavoreranno alla progettazione e alla creazione di uno spazio con giochi per bambini, così da svolgere attività ludiche durante il loro soggiorno nel Parco Educativo San José.

Alloggio:

I/le volontari/e alloggeranno presso le strutture del progetto in una camerata mista e condivisa e dovranno portare il proprio sacco a pelo e le coperte. Avranno anche accesso a servizi come acqua calda, bagni e cucina, NO WIFI.

Il cibo sarà ovviamente preparato da tutti i volontari ed eventuali esigenze dietetiche particolari devono essere comunicate prima dell’inizio del campo.

Requisiti:

I/Le volontari/e dovranno avere una mentalità aperta e dimostrare una certa flessibilità per lavorare in un ambiente a pieno contatto con la natura ed essere pronti ad affrontare il lavoro fisico.

La lingua ufficiale del campo è l’inglese, ma sarebbe gradito un livello base di spagnolo. Inoltre i/le volontari che vorranno, sono invitati a registrarsi per un programma intensivo di spagnolo o  altra lingua maya o indigena nella scuola  culturale “La casa en el árbol”.

Ubicazione approssimata:

Il parco appartiene al comune di Zinacantan e dista 8 km dalla città di San Cristóbal de las Casas, Chiapas. San Cristobal è un’incantevole cittadina che ha mantenuto la sua architettura coloniale e il suo sapore messicano, accogliendo un misto di culture indigene, nazionali e internazionali.

Note:

Importante portare repellente per insetti e vestiti che possano coprire la maggior parte del corpo, questo perché il periodo prevede una stagione calda e piovosa. Fondamentale inoltre tenere un comportamento appropriato di fronte ai bambini nella comunità.

Leggi la scheda completa del campo.

Questo progetto fa parte dei programmi Nord/Sud. I volontari devono avere almeno 20 anni e aver preso parte alle formazioni (primo incontro e 2 livello) di preparazione organizzate dallo SCI Italia.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Sud del mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

 

Supportare le comunità locali attraverso la sostenibilità ambientale e l’educazione informale: un campo in Thailandia

Supportare le comunità locali attraverso la sostenibilità ambientale e l’educazione informale: un campo in Thailandia

Il campo:

Dal 5 al 18 agosto 2018 il Servizio Civile Internazionale-Italia organizza un campo di volontariato internazionale sulla sostenibilità ambientale nelle piccole comunità nel sud della Thailandia. Koh Yao è un’isola musulmana nel mare delle Andamane e da quando ha iniziato a diventare un’attrazione turistica, ci sono stati alcuni grandi cambiamenti nello stile di vita delle comunità locali.

Gli abitanti del villaggio hanno iniziato a cambiare stile di vita, passando dalla pesca e dall’agricoltura al lavoro legato al settore turistico. Le persone hanno capito lentamente i problemi che ne derivano, soprattutto per ciò che riguarda le questioni ambientali.

Attività:

Durante queste 2 settimane, i/le volontari/e contribuiranno a supportare le attività organizzate dalla rete di scuole per aiutare i bambini e condivideranno lo stile di vita della popolazione locale. L’obiettivo è quello di ottenere una maggiore comprensione reciproca tra la popolazione locale e le comunità internazionali in visita sull’isola.

I/le volontari/e saranno dunque impegnati/e nell’organizzazione di attività ricreative e nell’insegnamento dell’inglese ai bambini presso alcune scuole di Koh Yao ed ovviamente in altre attività di volontariato a beneficio della comunità autoctona, supportando percorsi di educazione informale e promuovendo uno scambio culturale tra i membri della comunità.

Requisiti:

I volontari dovranno essere pronti a soggiornare in una zona rurale e ad adattarsi alle condizioni di vita locali utilizzando solo strutture di base.  Richiesta una buona capacità a relazionarsi con i bambini e a produrre materiale utile all’insegnamento. Da tener presente inoltre che poche persone sull’isola sono in grado di parlare in inglese, sarà quindi necessario l’apprendimento del linguaggio  del corpo e qualche rudimento di thailandese base.

Alloggio:

I/Le volontari/e dormiranno nelle aule o nella casa del villaggio (a seconda del numero di volontari). Nella struttura saranno a disposizione delle semplici stuoie, cuscini e zanzariere, quindi si dovrà provvedere singolarmente a portare un sacco a pelo e un piccolo materasso. Ci sono servizi igienici di base, docce e una cucina nella mensa scolastica.

Ubicazione approssimata: Koh Yao Yai, provincia di Phanga, Tailandia del sud

Leggi la scheda completa del campo.

Questo progetto fa parte dei programmi Nord/Sud. I volontari devono avere almeno 20 anni e aver preso parte alle formazioni (primo incontro e 2 livello) di preparazione organizzate dallo SCI Italia.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Sud del mondoecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Un progetto di solidarietà in Libano nel campo profughi di Tel Abbas

Un progetto di solidarietà in Libano nel campo profughi di Tel Abbas

Il campo:

Dal 15 al 25 luglio SCI-Italia organizza un campo di volontariato in Libano, presso il campo profughi di Tel Abbas.

Il campo profughi di Tel Abbas si trova nella parte settentrionale del Libano, a 5km dal confine siriano.

Il campo ospita un centinaio di persone fuggite dalla Siria.

La vita al campo è dura e caratterizzata da difficoltà quotidiane. Tra le tante: condizioni climatiche avverse, libertà di movimento limitata, difficoltà economiche, ostilità di una parte della popolazione locale, gestione di risorse idriche e dei rifiuti complicata.

Al campo sono presenti i volontari di Operazione Colomba, con l’obiettivo di condividere la quotidianità con i/le profughi/e, assistendoli/e nelle loro necessità più immediate, mediando con la popolazione autoctona e svolgendo un lavoro di advocacy per diminuire i rischi dovuti ad azioni di violenza da parte delle forze governative.

Le Attività:

I/Le volontari/e dovranno gestire l’organizzazione di momenti di svago e di incontro all’interno del campo profughi (tornei sportivi/laboratori d’arte/lezioni di lingua ecc in base alla scelta dei/delle volontari/e). Dovranno anche supportare le visite dello staff alle famiglie siriane, sopratutto a quelle più fragili e in difficoltà, offrendo ascolto e supporto.

I/le volontari/e di OC non potranno sempre affiancare il gruppo di volontari SCI, pertanto ci si aspetta che i volontari sappiano organizzare e gestire le attività con i bambini in piena autonomia.

La parte studio sarà incentrata sull’approfondimento delle condizioni sociali, economiche, politiche e giuridiche dei profughi e sulla discussione circa le loro prospettive future.

Inoltre i volontari saranno invitati a discutere sulle modalità di intervento nonviolento nelle zone di conflitto

L’alloggio

I/le volontari/e dormiranno in tende (grosse tende costruite con assi di legno e teli di plastica, non vere tende da campeggio). I/le volontari/e devono portare il materassino, il sacco a pelo e gli asciugamani. Ci sono due bagni e un tubo per fare la doccia che si trovano fuori dalle tende, sempre in condivisione con i volontari italiani già presenti al campo.

Nei paraggi del campo profughi ci sono dei negozi in cui si possono acquistare gli alimenti. Al campo non è prevista la possibilità di utilizzare fornelli e utensili da cucina per la preparazione dei pasti caldi.

Requisiti

La conoscenza dell’arabo è fortemente apprezzata e si richiede inoltre un atteggiamento propositivo nell’organizzazione delle attività.

Note: nel campo c’è la copertura della rete mobile ma non è disponibile l’accesso alla rete WiFi.

In generale le condizioni di vita nel campo sono molto essenziali quindi si richiede un forte spirito di adattamento.

La prevalenza degli abitanti del campo profughi è di religione musulmana, quindi i volontari sono fortemente invitati a non consumare alcolici durante il campo e a rispettare la cultura locale.

N.B. La permanenza al campo potrebbe essere di un notevole impatto emotivo quindi si richiede forte motivazione.

Leggi la scheda completa del campo

Questo progetto fa parte dei programmi Nord/Sud. I volontari devono avere almeno 20 anni e aver preso parte alle formazioni (primo incontro e 2 livello) di preparazione organizzati dallo SCI Italia.

Consigliabile avere precedenti esperienze di volontariato. Maggiori informazioni: campisud@sci-italia.it / Tel: 065580644

Promuovere la tutela ambientale in un parco regionale: un campo in Svizzera

Promuovere la tutela ambientale in un parco regionale: un campo in Svizzera

Il campo:

Dal 3 al 16 giugno, la branca svizzera dello SCI promuove un campo di volontariato internazionale sulla tutela ambientale e sulla valorizzazione della cultura locale, presso il parco naturale regionale “Pfyn-Finges”, in una valle montana della Svizzera chiamata “Vallese”. Il parco naturale “Pfyn-Finges” è impegnato in una vasta gamma di progetti che mirano a salvaguardare e tramandare i valori culturali e paesaggistici dell’area. Anche l’agricoltura ha una grande influenza sul paesaggio e sulla biodiversità. Per questo motivo il parco naturale “Pfyn-Finges” coordina tutto il lavoro di volontariato, cercando di promuovere uno stile di vita ambientalista.

Il partner:

SCI Svizzera è un’organizzazione senza scopo di lucro che promuove lo scambio interculturale, lo sviluppo sostenibile e la risoluzione nonviolenta dei conflitti. SCI Svizzera organizza dal 1941 campi di lavoro e scambi a lungo termine per volontari in tutto il mondo. Ogni anno oltre 100 volontari svizzeri si impegnano in progetti SCI all’estero, mentre circa 200 volontari internazionali lavorano in progetti in Svizzera. In questa linea SCI Svizzera promuove uno stile di vita più rispettoso dell’ambiente, in linea con gli obiettivi dello sviluppo sostenibile.

Le attività:

I/Le volontari/e saranno impegnati nella pulizia e nella manutenzione degli spazi esterni che compongono il parco, nella costruzione di recinti e sentieri e di qualsiasi altro lavoro pratico ci sia bisogno.

È prevista anche una parte studio sulla storia della cooperativa alpina e sulle tradizioni locali alpine.

Nonostante il partner ci abbia contattato con poco preavviso, vogliamo comunque far partire il campo, indipendentemente dal numero di volontari iscritti.

Alloggio:

I materassi saranno forniti, ma si prega di portare le proprie lenzuola e un sacco a pelo caldo, disponibili anche servizi igienici e doccia. I volontari cucineranno insieme. Internet è disponibile solo tramite i telefoni cellulari (e la Svizzera ha ancora costi di roaming molto elevati).

Le lingue del campo sarà l’inglese e il tedesco.

Leggi la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

 

Dare una mano e condividere un sorriso: un campo con bambini e ragazzi in Croazia

Dare una mano e condividere un sorriso: un campo con bambini e ragazzi in Croazia

Il campo:

SCI-Croazia insieme all’ organizzazione Volenterski Centre Zagreb promuove un campo di volontariato dal 17 al 26 agosto per lavorare con bambini e ragazzi con disagi comportamentali.

I/Le volontari/e lavoreranno direttamente con i giovani dell’istituto di istruzione minorile e con i bambini delle scuole elementari che sono inclusi nel programma.

Il lavoro sarà incentrato sulla prevenzione dei problemi comportamentali, con l’obiettivo di far conoscere il lavoro dell’associazione e sensibilizzare la comunità locale sulla prevenzione di questi disturbi. 

L’approccio con cui si continua a lavorare con i bambini e i ragazzi è stato riconosciuto dalle organizzazioni internazionali di volontariato come unico e moderno.

Il lavoro:

I/Le volontari/e dovranno preparare e partecipare a tutte le attività che includono la collaborazione e la condivisione con i bambini e i ragazzi del centro.

Le attività saranno basate principalmente su gruppi di lavoro suddivisi in :

1) Workshop interattivi, tra cui giochi  per conoscersi ed imparare a lavorare insieme, la conoscenza di  altre culture attraverso presentazioni di canzoni o piatti tipici dei paesi di provenienza dei volontari, ed altre attività destinate a migliorare la comunicazione e le capacità sociali.

2) Allestimento ed organizzazione di laboratori creativi di arte e musica, oltre che corsi di riuso e riciclo.

3) Partecipazione alle varie attività sportive e nello svolgimento nei giochi all’aperto.

I volontari durante il campo lavoreranno per un massimo di 6 ore al giorno e avranno ovviamente 1 giorno libero.

Alloggio

I/Le volontari/e saranno sistemati in camere con due letti  nei padiglioni all’interno della struttura. Non serve portare il sacco a pelo in quanto verranno fornite lenzuola e coperte.Ogni padiglione contiene 2 bagni, 2 docce e una piccola cucina.

I/Le volontari/e stessi saranno responsabili della pulizia del padiglione e prepareranno i pasti nella struttura (colazione, pranzo, cena).

Requisiti:

La lingua ufficiale del campo sarà ovviamente l’inglese. Sarà richiesta inoltre una lettera di motivazione che dovrà includere: precedenti esperienze di lavoro con i bambini e i giovani delle scuole (soprattutto nelle istituzioni di assistenza sociale), un piano per il  workshop che vorresti organizzare come volontario/a e i materiali necessari per allestirlo.

Dal momento che il target di questo campo è costituito  da bambini e giovani con problemi comportamentali ed emotivi, ci si aspetta che i volontari siano altamente responsabili e che  siano disponibili a lavorare a stretto contatto con gli educatori.

Obbligatorio : Dal momento che ci si dovrà confrontare con dei minori, dopo essere stati accettati al campo, i volontari dovranno fornire  una certificazione da parte della polizia dove si dichiari ufficialmente che non sono stati commessi reati

Si dovrà anche presentare un certificato medico che attesti di non soffrire di malattie contagiose, psicologiche o mentali; il tutto ovviamente per garantire la sicurezza e la salute degli ospiti della struttura.

Posizione approssimativa:

Bedekovčina è una piccola città, situata nella parte nord occidentale della Croazia, con circa 3.400 abitanti. Si trova a circa 50 km da Zagabria, raggiungibile in circa 1 ora di treno.

Leggi la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.