Across The Land: reportage audio dalla Balkan route

Across The Land: reportage audio dalla Balkan route

È online da oggi il reportage audio in quattro tappe frutto del progetto Across the Land, un lavoro di documentazione sulla rotta migratoria balcanica meglio conosciuta come “Balkan route”. Incentrato sulla Bulgaria, il reportage sarà pubblicato a cadenza settimanale sul sito Across the Sea, in quanto follow-up del progetto omonimo avviato nel 2014.

Across the Land, portato avanti da Echis.org in collaborazione con il Servizio Civile Internazionale, è un progetto che attraversa i confini della Bulgaria, partendo dalla Turchia e arrivando fino alla Serbia. Realizzato nell’inverno 2016, quando i riflettori mediatici su questa rotta migratoria erano più accesi che mai, Across the Land – come fu Across the Sea – racconta il vissuto di tutte le persone che vogliono bruciare la frontiera – come si dice in lingua araba – ricercando per sé, il nucleo familiare e la propria comunità le condizioni per il soddisfacimento dei propri progetti di vita. Una ricerca che ha determinato e continua a determinare per milioni di persone l’esigenza di muoversi, di trovare la propria strada in altri luoghi diversi da quello di nascita.

Una volta ultimato il progetto vuole essere strumento dinamico e implementabile tramite i contributi di quanti lavorano al monitoraggio delle frontiere e delle rotte di migrazione verso l’Europa. Affinchè si vada accumulando nel tempo un archivio il più possibile aggiornato, che sia strumento di lettura dei cambiamenti in atto e fonte di informazioni utili a contrastare efficacemente le politiche di esclusione e morte alle frontiere europee, sarà necessario il contributo di tutti e tutte.

Per informazioni:
info@echis.org
coordinamento@sci-italia.it

Across the Land è un progetto finanziato dalla PME Foundation

“Io sono sahrawi”: storia e speranze di un popolo senza terra

“Io sono sahrawi”: storia e speranze di un popolo  senza terra

Articolo di Taghla Brahim Salem, volontaria di Shanti Sahara, associazione di volontariato che si occupa di minori disabili nei campi profughi saharawi, attraverso progetti di sostegno sanitario in Italia e sul campo.

Nella seconda metà degli anni settanta, gli anni delle rivoluzioni, dei movimenti di indipendenza e di legittimazione della maggior parte degli stati attuali, quando ormai si andava terminando il processo di decolonizzazione dell’Africa, il Sahara Occidentale rimaneva l’ultima colonia spagnola del continente. Era il 10 maggio del 1973 quando vedeva la luce il Fronte Polisario, ovvero il movimento di liberazione saharawi, guidato da El Ouali, uomo comune destinato a diventare un leader e un simbolo della lotta.

La Spagna, in una situazione di transizione verso la democrazia, si ritira dal paese senza completare il processo di decolonizzazione chiesto dalle Nazioni Unite. Ed è con i famosi “Accordi Tripartiti” che il governo madrileno cede l’amministrazione di quei territori ai due stati confinanti, Marocco e Mauritania.

Se sulla carta già erano state determinate le sorti del Sahara Occidentale, con l’organizzazione da parte del Marocco della “Marcia Verde” si ha l’effettiva occupazione del territorio da forze ostili: oltre 350.000 coloni invadono le principali città privando la popolazione delle proprie abitazioni.

Nel caos dei bombardamenti e degli attacchi, molte famiglie si separarono, molti uomini si unirono al Fronte Polisario per combattere, mentre i civili fuggirono a piedi in zone controllate dagli indipendentisti sahrawi. Per molti nella fuga si intravede l’unica flebile speranza di sopravvivenza e la maggior parte della popolazione autoctona si vede costretta a questa scelta. Tra i molti, i miei genitori che portano, ancora oggi, vivido il ricordo di quei giorni di terrore ed incertezza.

Dopo mesi di guerra e la conseguente perdita di molti civili, soprattutto per le frequenti e massicce incursioni aeree marocchine, l’Algeria offre ai sahrawi una parte del proprio territorio, lontano dai bombardamenti, dove vengono organizzati i campi profughi e le prime tendopoli. Nel silenzio del deserto, uno dei deserti più aridi e inospitali al mondo, in queste tendopoli di fortuna vicino alla città algerina di Tindouf, sono nata io, 30 anni fa. E come me molti, troppi, sono nati e cresciuti chiamando casa una tenda di fortuna in mezzo al niente, con l’acqua portata da autobotti che ogni 25-30 giorni riempiono le piccole cisterne e con il clima che alterna periodi aridi a devastanti alluvioni che ogni volta distruggono tutto quanto è stato costruito con mattoni di sabbia.

Intanto il Fronte Polisario, temendo che il Marocco potesse occupare il vuoto istituzionale lasciato dalla partenza degli spagnoli, proclama la RASD, Repubblica Araba Sahrawi Democratica creando così le basi di uno Stato che esercita la propria sovranità effettiva sui campi di rifugiati a sud di Tindouf e su un quarto dei territori liberati, e che solo teoricamente ha potere su tutto il territorio del Sahara Occidentale.

Dopo 4 anni di conflitto armato, la Mauritania decide di ritirarsi dal mio paese e di riconoscere la RASD, ma il Marocco continua ad occupare l’altra parte del territorio iniziando a costruire un muro di rocce e sabbia, lungo 2.720 km (1). Per noi sahrawi rappresenta il cosiddetto “muro della vergogna”, disseminato di postazioni militari, filo spinato, campi minati e sofisticati sistemi radar. Un’impresa a dir poco ciclopica, iniziata nel 1980 e terminata sette anni dopo, mirata fin dal principio ad isolare la parte economicamente utile (Smara, Al-Aaiun e le miniere di fosfati di Bou Craa) dal resto del territorio.

In questo modo la popolazione si ritrova divisa da un confine invalicabile: da una parte i campi rifugiati nel sud-ovest dell’Algeria, organizzati in tendopoli e completamente dipendenti dagli aiuti internazionali, dall’altra i territori occupati, condannati a vivere sotto la difficile dominazione marocchina. Qui permangono, ancora oggi, condizioni di emarginazione sociale, di controllo sulle mobilitazioni, di divieto di espressione del dissenso, aggravate dalle detenzioni arbitrarie, dalle torture e dall’uso della forza.

In termini economici, la guerra costa molto al Marocco e intanto la questione passa in mano alle Nazioni Unite che nel 1991 dichiarano il cessate il fuoco istituendo una missione ONU (MINURSO) con il compito di indire un referendum nel Sahara Occidentale, referendum ostacolato a più riprese dal Marocco, poiché tra le opzioni prevede l’indipendenza.

Nonostante le pressioni del Polisario e di altri paesi africani, la MINURSO rimane l’unica missione delle Nazioni Unite a non avere il mandato di controllo sulla violazione dei diritti umani, osteggiato dal Marocco col sostegno della Francia (membro permanente nel Consiglio di sicurezza ONU e quindi con diritto di veto). Molti Stati si sono pronunciati a favore dell’ampliamento del mandato della missione ONU, reso ancora più urgente dopo gli episodi del novembre 2010 avvenuti a Gdeim Izik, a 12 km da Al-Aaiun: in questa città si assiste alla scintilla che, come afferma Noam Chomsky, scatena le cosiddette “primavere arabe”, una grande manifestazione pacifica nei territori occupati che vede l’installazione di molte jaimas (tende) al fine di denunciare le intollerabili condizioni economiche e sociali in cui vivono i sahrawi sotto occupazione. L’accampamento di Gdeim Izik vede la partecipazione di circa 20.000 persone ed é una delle più grandi dimostrazioni contro gli abusi, le torture, gli arresti arbitrari e lo sfruttamento delle risorse naturali. Purtroppo il campo di protesta pacifica di Gdeim Izik viene isolato attraverso la costruzione di diversi muri e recinzioni, e dopo aver effettuato un embargo mediatico, l’esercito marocchino rade al suolo l’accampamento, attraverso l’utilizzo di elicotteri, gas lacrimogeni, cannoni ad acqua.

Anche in questa circostanza non mancano morti e feriti.

Già negli anni ’70 la Corte Internazionale di Giustizia afferma il diritto all’autodeterminazione del popolo sahrawi, così come da sempre dichiarato dalle risoluzioni ONU in cui si parla anche di indipendenza.

Il Sahara Occidentale, al contrario del Marocco che è l’unico paese africano a non farne parte, è membro fondatore dell’Unione Africana, il cui attuale vicepresidente è sahrawi; la Repubblica Araba Sahrawi Democratica è riconosciuta da ben 84 paesi e nessuno Stato riconosce la sovranità marocchina sull’ex colonia spagnola.

Ad oggi il Sahara Occidentale rappresenta uno degli ultimi esempi di decolonizzazione incompleta rimanendo una ferita aperta da oltre 40 anni che necessita di un maggior coinvolgimento della comunità internazionale al fine di superare la situazione di stallo e organizzare il referendum di autodeterminazione.

Il mio popolo ha sofferto l’esilio, un genocidio (2), persecuzioni (3), l’occupazione, ma continua a lottare per ciò che gli spetta, per la propria terra, per la propria cultura, per la propria identità.

Sono più di 40 anni che siamo in attesa di celebrare il referendum e, l’ONU, insieme alla comunità internazionale ha una grave responsabilità nei confronti della nostra Repubblica: si mostra cieca di fronte al principio di autodeterminazione, uno dei principali diritti riconosciuti a ciascun popolo, e lascia prevalere la legge del più forte, la legge di uno Stato che, aiutato politicamente, militarmente e finanziariamente da paesi occidentali come Francia e Stati Uniti, non si fa scrupoli ad usare la forza contro una popolazione pacifica, pur di mantenerne il controllo economico.

Siamo un popolo molto paziente e pacifico, che ha fatto della diplomazia la sua unica arma, e che pur diviso fisicamente rimane unito per un unico obiettivo: vedere un giorno il proprio paese indipendente e libero senza dover più sopravvivere grazie agli aiuti umanitari.

Noi sahrawi continueremo a lottare per la nostra autodeterminazione con dignità e vigore, e, nonostante le innumerevoli ingiustizie subite nei territori occupati, le nuove generazioni nei campi profughi manterranno sempre viva la speranza di potersi ricongiungere in un’unica forte nazione e di poter tornare a vivere da uomini liberi.

Io sono Sahrawi, una rifugiata dei campi profughi, sono nata in quei campi e non ho mai visto la terra di origine del mio popolo, la mia terra. Questa realtà triste e dolorosa, lascia il segno nella vita di tutti noi che viviamo nella speranza di poter riavere un giorno la nostra terra, il luogo dove poter tornare a vivere liberi e uniti.

(1) https://www.amnesty.org/en/countries/middle-east-and-north-africa/morocco/report-morocco/

(2) http://www.middleeasteye.net/news/spainish-judge-upholds-western-sahara-genocide-charges-against-moroccan-officials-1791193667

(3) https://www.amnesty.org/en/latest/news/2016/04/un-must-monitor-human-rights-in-western-sahara-and-sahrawi-refugee-camps/

Nella “ghiacciaia d’Europa”: cronache dal confine serbo-ungherese

Nella “ghiacciaia d’Europa”: cronache dal confine serbo-ungherese

Le immagini scioccanti della condizione dei rifugiati in Serbia stanno iniziando a fare il giro del mondo. Le temperature di questo inverno gelido sono calate a picco verso i -20 gradi, e mentre i Balcani si trasformano nella “ghiacciaia d’Europa” migliaia di migranti e richiedenti asilo sono costretti a vivere all’aperto, in edifici abbandonati, in tende di fortuna, senza acqua, cibo, assistenza, forniture igienico-sanitarie, in attesa da mesi che l’Europa apra le sue porte.

Sono circa 8000 i rifugiati in territorio serbo, di cui solo 6000 ospitati in campi e strutture ufficiali (ma non sempre adeguate e attrezzate per l’inverno), e circa 2000 sono i disperati che affollano le strade di Belgrado. Medici Senza Frontiere denuncia le terribili condizioni in cui sono costretti a vivere, abbandonati a se stessi e alle temperature polari delle ultime settimane. Casi di ipotermia, di congelamento degli arti, di intossicazione per inalazione di fumi tossici (per resistere al freddo viene bruciato di tutto) sono sempre più frequenti; per non parlare di malattie minori generate dalle condizioni igieniche nulle, come la scabbia, diffusissima. L’UNHCR, nonostante fosse stata avvertita per tempo e avesse assicurato la presenza di sufficienti strutture a norma, è stata in grado di fornire unicamente qualche tenda, telone e coperte – oggi sepolte dalla neve. Il governo serbo, da parte sua, fa quel che può con fondi che non sono sufficienti: quelli promessi tempo addietro dall’Europa sono arrivati dimezzati e mai rinnovati.

I campi attualmente presenti sono pieni e in alcuni casi sovraffollati, e da tempo non accettano più nessuno. Un nuovo campo è stato aperto negli ultimi giorni nei pressi di Belgrado, dove ricollocare le 2000 anime che affollano le strade della capitale. Ma la sua capacità è di 600 persone, nient’affatto sufficiente. Come se non bastasse, circa due mesi fa il governo serbo ha pubblicato una lettera aperta rivolta a tutte le organizzazioni e ong attive in campo umanitario, proibendo loro di servire cibo ai migranti non registrati nei campi. Da allora, le organizzazioni locali non svolgono più una regolare attività di assistenza, le uniche ong rimaste attive sono internazionali o provenienti da altri paesi. Senza queste organizzazioni internazionali, i rifugiati non riceverebbero assistenza alcuna, né cibo, né acqua, né assistenza medica. Organizzare qualsiasi genere di attività umanitaria è di giorno in giorno più complicato: il governo non vuole che i rifugiati dimorino in campi di fortuna e quindi chiude i centri per attività diurne che supportano i migranti non registrati; in questo modo si tenta di scoraggiare la scelta di restare fuori dal sistema ufficiale, costringendo i rifugiati a registrarsi regolarmente avviando la procedura di richiesta di asilo (nonostante non siano disponibili posti a sufficienza per tutti/e!).

Questo comporta una notevole difficoltà anche per chi svolge un lavoro umanitario. Nei mesi scorsi esperienze locali come Infopark (chiosco allestito all’interno del parco antistante la stazione centrale di Belgrado, gestito da volontari che ogni giorno davano informazioni logistiche e legali ai rifugiati) o Miksalište (centro diurno dove ai rifugiati venivano offerti due pasti al giorno e delle attività ricreative) sono state chiuse o ridotte di attività. La polizia effettua regolari ronde di controllo nelle zone dove sono accampati i migranti, e i volontari che vengono colti nel distribuire cibo, o vestiti, o coperte, vengono portati in commissariato per effettuare dei controlli. La logica di questa morsa restrittiva è in linea con le criminalizzazioni di attivisti e volontari di mezza Europa, a rischio di condanne molto gravi per aver dato un passaggio in macchina o ospitato in casa o semplicemente aiutato i rifugiati.

Essere una/un volontaria/o oggi significa muoversi in bilico tra l’aiuto umanitario e l’illegalità. Come esempio concreto posso riportare l’attività dei volontari di Fresh Response e North Star nella zona di Subotica e Kelebija. Qui, al ridosso del confine ungherese, un numero oscillante tra i 200 e i 300 rifugiati preme sulla frontiera, ogni notte, tentando, a piccoli gruppi, di attraversarla. La condizione di questi rifugiati è estremamente critica: esclusi dal sistema di accoglienza, vivono in alloggi di fortuna come una fabbrica di mattoni abbandonata, i vagoni in disuso nel deposito ferroviario, o nella cosiddetta “jungle”, in tende da campeggio. Le temperature non salgono più sopra lo zero da settimane, non ci sono servizi igienici attrezzati, né acqua. Se qui non fosse attivo questo gruppo di volontari internazionali, indipendente, ai rifugiati mancherebbe ogni genere di assistenza, anche primaria. Tramite donazioni private e il supporto di organizzazioni locali (quali Eastern European Outreach e Volonterski Centar Vojvodine) e internazionali (prima tra tutte Medici Senza Frontiere), FR e NS riescono a distribuire ogni giorno circa 200 “food bags”, con all’interno frutta, verdura, pane, riso, olio, acqua, latte, zucchero. Il lavoro è incessante perché l’obiettivo è tutelare la sopravvivenza di ogni gruppo di rifugiati; vengono quindi distribuite pentole per cucinare, legna per i fuochi. Tende, sacchi a pelo, coperte, teli isolanti. Per ogni rifugiato vengono garantiti capi di vestiario secondo necessità: scarpe invernali, giacche, maglioni, magliette, intimo. Guanti, calze, sciarpe e cappelli vengono distribuiti senza limite. Tutto questo è possibile grazie all’aiuto di donatori che da tutto il mondo supportano l’attività di questo incredibile e infaticabile gruppo di volontari.

La situazione è ancor più drammatica se si pensa che in questa zona manca un presidio medico deputato ad assistere i rifugiati; accade quindi spesso che i volontari si ritrovano a dover affrontare situazioni che solo un medico dovrebbe trattare. Oltre ai problemi causati dall’esposizione al freddo intenso (nello specifico, i casi di congelamento delle estremità degli arti, che se non curati in tempo possono causare il decesso del tessuto, e portare quindi all’amputazione), i casi più gravi sono conseguenza della violenza della polizia ungherese sui corpi di chi ha tentato di attraversare la frontiera durante la notte. Decine di uomini tornano indietro brutalmente pestati, feriti. Contusioni, nasi rotti, dita spezzate, dolori intercostali, difficoltà respiratorie. In questi casi, i volontari non possono che accompagnare i feriti al pronto soccorso locale, dove fino ad oggi i rifugiati sono stati accettati e presi in cura. Ma la situazione potrebbe presto cambiare, poiché una direttiva del Ministero della Salute proibisce agli ospedali di trattare i rifugiati come pazienti normali: è vietato per loro attendere nella stessa sala di attesa degli altri pazienti. Devono essere collocati in un edificio separato ed essere presi in cura per ultimi, quando la lista di attesa è terminata.

Questo rende il lavoro umanitario sempre più arduo, insieme alle retate sempre più frequenti della polizia. Tali retate sono dirette principalmente contro i rifugiati: con la scusa del freddo intenso, all’incirca una volta al mese vengono deportate a sud, nel campo chiuso di Presevo, quante più persone possibile. Molte di loro vengono direttamente portate oltre il confine macedone, per respingerle sempre più lontano dai confini europei. Per quanto riguarda il rapporto tra la polizia e i volontari, si basa su un confine labile di tolleranza: finché l’attività di assistenza viene svolta in modo discreto e invisibile, viene lasciata correre; ma quando questa diventa pubblica e palese, iniziano i problemi. Ad esempio, sia FR che NS fino a qualche settimana fa avevano degli spazi ai confini della città di Subotica dove svolgere attività diurne per i rifugiati. Tali spazi, regolarmente affittati, venivano chiamati Community Center: per 6 ore al giorno, tutti i giorni, ai rifugiati era possibile sostare in un luogo chiuso, riscaldato, con wifi gratuito, docce per lavarsi, e via dicendo. Entrambi i Community Center sono stati chiusi dalla polizia, minacciando di arresto i proprietari con l’accusa di traffico di uomini. In questo modo le autorità riescono a mantenere l’attività dei volontari il più possibile nell’ombra, e le condizioni dei rifugiati sempre più critiche.

Quella che abbiamo davanti ai nostri occhi è una tragedia umanitaria di proporzioni gigantesche. La gestione che le autorità e i governi europei stanno attuando di tale crisi è nulla, benché politici e politicanti si riempiano la bocca di soluzioni per l’emergenza migratoria. Di fatto davvero presenti sul territorio sono solo organizzazioni di volontari che rimangono piccoli baluardi di umanità, di fronte allo scempio della democratica Europa che rimane a guardare.

America Latina oggi: comunità indigene e nuove sfide

America Latina oggi: comunità indigene e nuove sfide

Articolo di Maria Paola Montisci, human right defender in Guatemala, America Latina.

Tirando le somme di un 2016 che si è ormai chiuso, possiamo mettere in conto alcuni fatti che lasceranno l’impronta in America: una pace firmata e rifiutata in Colombia dopo 50 anni di guerra civile, l’elezione di Donald Trump, la celebrazione dei 20 anni della firma della pace in Guatemala e l’annuncio di una candidatura alle elezioni messicane di una donna indigena da parte dell’EZLN.

Non è esattamente facile spiegare come questi fatti possano essere legati l’uno con l’altro o come possano avere l’uno influenza sull’altro, ma ci proveremo. In Centro America, il cuore del mesoamerica, e, nello specifico in Guatemala, dopo 20 anni dalla firma della pace che mise fine a una guerra civile durata 36 anni, la popolazione indigena di cui 22 etnie maya, una xinca e una garifuna rappresenta la maggior parte degli abitanti di questo paese, una maggioranza oscurata da troppi poteri: l’oligarchia costituita da un G8 di vecchie famiglie che detengono il possesso della terra e le grandi produzioni d’esportazione del paese quali caffè e zucchero, i grandi monocoltivi, i nuovi poteri economici come le compagnie telefoniche e ormai le troppe transnazionali tra cui l’italiana ENEL, che estraggono e traggono beneficio da un territorio in cui vivono altre persone, quelle indigene, che ancora non hanno il potere di decidere delle proprie terre, dove lo strumento della consulta comunitaria garantita dalla convenzione OIT 169 è solo un pezzo di carta e le resistenze contro lo sfruttamento della madre terra vengono criminalizzate, incarcerate, minacciate e troppe volte uccise.

Quest’anno in Honduras, come molte altre volte è avvenuto in Centro America, è stata assassinata Bertha Caceres, che si batteva per il diritto del popolo lenca a non cedere la propria terra e il proprio fiume per la costruzione di una grande diga che avrebbe generato grandi watt di energia e che avrebbe alimentato l’estrazione mineraria e le “maquilas” (1) di altre periferie. E in Centro America, mentre gli Stati Uniti andranno avanti con il piano della prosperità, un seguito del piano puebla panama che punta a dare sicurezza e lavoro laddove la maggior parte della popolazione cerca di andar al nord sfidando la sorte e la vita, cerca di risolvere i problemi “aiutandoli a casa loro” come qualche noto politico italiano direbbe.

In Colombia, altro paese in mano alla oligarchia e al narco-traffico, ci si trova davanti al passo che si compì 20 anni fa in Guatemala e nonostante la firma della pace, con un referendum tanta gente dice NO alla pace. Un paese militarizzato e in mano ad altri poteri che non ha trovato una buona ragione per aprirsi a un periodo di stabilità, a un periodo che avrebbe dovuto avere come seguito la persecuzione dei crimini di guerra, la smobilitazione delle FARC e delle forze guerrigliere, compito non da poco, rendere un controllo territoriale alla popolazione, diminuire la corruzione tra politica, economia e narcotraffico diretto verso gli USA. La Colombia potrebbe dare un’occhiata al Guatemala e avere la delusione di vedere il paese saccheggiato dei suoi beni comuni e delitti come genocidio, crimini di guerra e contro l’umanità, che con grande difficoltà avanzano nei tribunali perché il potere militare ha permeato ogni strato dell’economia, e la produzione, il narco-traffico, la tratta di persone e la politica sono ancora in mano loro da troppo tempo, sotto gli occhi degli Stati Uniti che traggono vantaggio da uno status quo necessario.

Davanti a una situazione di violazione perpetua dei diritti umani in America Latina da parte degli stati, è proprio del basso che nasce la proposta, in Messico, di candidare un’indigena alla guida di una paese che attualmente conta 27.000 sparizioni l’anno(2), militarizzato e ancora una volta in mano ai narcos e a forze paramilitari: la proposta è stata chiaramente provocativa, in Chiapas il CNI (3) e l’EZLN (4) hanno deciso di vivere in un altro territorio con un altro governo e un’altra forza di andare avanti, ma il segnale è stato importante per ricordare che gli invisibili, i popoli indigeni, esistono e ancora resistono, hanno piena capacità decisionale e sono intenzionati ad andare avanti nella lunga notte dei 500 anni.

Due cose, ormai viralizzate nelle reti sociali, danno una grande preoccupazione: la morte di Fidel Castro e l’elezione di Donald Trump.

Il nuovo capo degli Stati Uniti conferisce e legittima il potere delle oligarchie latine che aumentano le minacce contro i difensori della vita, della terra e del territorio, certi di avere l’appoggio del neoliberalismo razzista e classista più sfrenato, e dall’altra ci si ritrova con il timore che Fidel Castro si sia portato nella tomba ben più di un sogno rivoluzionario: la capacità di aver dimostrato, anche se con tante contraddizioni, che il capitalismo si può sfidare. Potrebbero arrivare tempi duri per tutti coloro che camminano alla ricerca della luce, e allo stesso tempo siamo davanti a tante persone che nonostante le persecuzioni, le sparizioni forzate, gli assassinati, le torture, i numerosi femminicidi, ci insegnano che resistere non solo è legittimo ma è un dovere di tutti e tutte.

(1) Vedi https://it.wikipedia.org/wiki/Maquiladora

2) http://rapportoannuale.amnesty.it/sites/default/files/2016/Messico.pdf

(3) Congresso Nazionale Indigeno

(4) Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale

“I curdi non hanno amici, ma montagne”: sguardo sul Kurdistan di Umut Suvari

“I curdi non hanno amici, ma montagne”: sguardo sul Kurdistan di Umut Suvari

Articolo di Umut Suvari, di Youth and Change Association, partner di SCI-Italia in Kurdistan.

Read the English version.

Nel 2014, quando il mondo aveva appena iniziato a conoscere e ad essere colpito dalle “feroci storie” dell’ISIS, la gente curda è stata colpita dritta al cuore dal tentativo di massacro/genocidio degli Yazidi provenienti da Sinjar, in Iraq, e da Kobanê, Rojava, Kurdistan. I curdi di Kobanê hanno avuto la possibilità di autodifendersi ma, sfortunatamente, gli Yazidi non hanno avuto né la possibilità di difendersi da soli, né sono stati protetti dalle forze dell’ordine della regione curda dell’Iraq. Gli Yazidi sono stati lasciati soli. Migliaia sono stati uccisi, migliaia di ragazze e donne sono state rapite come schiave, e centinaia di migliaia sono stati costretti a fuggire.

Gli Yazidi hanno dovuto affrontare tentativi di massacro e di genocidio (l’attacco dell’ISIS è stato considerato dagli Yazidi come il settantaquattresimo tentativo di genocidio). A causa di ciò, tutto il popolo curdo si è vergognato per non essere stato in grado di proteggerli. Ciò nonostante, gli Yazidi hanno un ruolo molto importante nel mantenere vive le vecchie culture e tradizioni curde. Per questo motivo noi, come popolo curdo, abbiamo considerato questo attacco come un tentativo di genocidio culturale. Ecco perché, quando gli Yazidi sono arrivati in Turchia, tutto il popolo curdo ha cercato di aiutarli e di mostrarsi solidale nei loro confronti.

Molti Yazidi non volevano essere sistemati nei campi profughi gestiti dal governo turco che ospitano siriani, perché convinti che siano legati allo Stato Islamico e gli Yazidi sono spaventati dai simboli islamici presenti in quei campi. I ricordi passati e presenti di questi simboli li perseguitano ancora, perciò sono stati sistemati nei campi gestiti dalle municipalità curde.

Poichè gli Yazidi hanno rifiutato di stare nei campi profughi governativi, il governo turco non ha dato loro lo status legale di “rifugiati” o “persone che beneficiano di protezione temporanea”. Sono stati aiutati solo dai comuni e dalla gente curda, dalle ONG e dalle organizzazioni internazionali.

Quando arrivarono a Diyarbakir nel 2014 erano più di 5000. La maggior parte si spostò in altri paesi europei, qualcuno di loro rientrò in Iraq. Al momento ci sono 1300 profughi Yazidi nel campo di Diyarbakir e noi, come Youth and Change Association, abbiamo cercato di supportarli soprattutto in ambito sociale e culturale. Una delle attività principali che facciamo per loro è in collaborazione con SCI-Italia e consiste in campi di volontariato internazionali, che hanno ospitato anche volontari di SCI Catalunya. Inoltre, nel 2016 abbiamo organizzato un progetto di scambio internazionale giovanile tenutosi dal 30 settembre al 9 ottobre: 33 partecipanti provenienti da Italia, Germania, Bulgaria, Romania e da Diyarbakir sono stati insieme per 10 giorni. I volontari internazionali e curdi hanno organizzato diversi workshops, seminari, gruppi di discussione, presentazioni, etc; per 3 giorni hanno coordinato varie attività coinvolgendo più di 200 bambini Yazidi.

Da settembre (2016), decine di co-sindaci curdi sono stati arrestati e il Ministro dell’Interno ha nominato governatori e vice-governatori per la gestione dei comuni. Purtroppo, i co-sindaci del comune di Yenisehir – quello maggiormente responsabile del campo profughi – sono stati arrestati il 7 Dicembre del 2016. I “nuovi managers” hanno cercato di convincere gli Yazidi a spostarsi nei campi gestiti dal governo ma loro si sono rifiutati di andare, dicendo che se fossero stati obbligati a lasciare il campo, avrebbero preferito ritornare direttamente nei campi in Iraq. I profughi Yazidi sono impauriti dall’idea di essere mandati nei campi gestiti dal governo durante il periodo invernale. Noi come giovani volontari, cerchiamo di impedire che tale eventualità si verifichi e di dare maggiore visibilità a questa situazione, con l’obiettivo di evitare ulteriori sofferenze agli Yazidi. (1)

È per noi molto importante aumentare la cooperazione a livello internazionale, mostrare maggiore solidarietà e creare relazioni con le varie comunità nel mondo. Le attività che lo SCI sta facendo in tutto il mondo sono per noi di molto valore e di tutto rispetto. Lo scorso anno abbiamo collaborato diverse volte con lo SCI e crediamo di aver fatto insieme delle cose importanti. Per questo motivo, la collaborazione con SCI-Italia è sempre un onore per noi.

C’è un proverbio curdo che dice: “I curdi non hanno amici ma montagne”. Il popolo curdo crede a questo proverbio, forse perché nel corso della sua storia è stato più volte ingannato dai poteri sovrani. Tuttavia, oggi il popolo curdo non ha solo montagne ma anche amici preziosi e forti come le montagne. In particolare i nostri amici italiani, che si sono dimostrati degli amici non solo a Kobanê ma anche a Amed (Diyarbakir).

(1) Alla fine il campo è stato sgomberato e la maggior parte degli ospiti sono stati trasferiti a Mardin. Per approfondire: http://www.uikionlus.com/la-delocalizzazione-degli-yazidi-nel-campo-di-fidanlik/

“Kurds have no friends. But mountains”: an article by Umut Suvari

“Kurds have no friends. But mountains”: an article by Umut Suvari

In 2014 when the World just started to hearing and suffering from ‘savagery stories’ of ISIS, Kurdish people felt it right in their hearts because of the massacre/genocide attempt of Yazidis from Sinjar, Iraq and Kobanê, Rojava Kurdistan. Kurdish people from Kobanê had a chance of self-defence but unfortunately Yazidis neither have that chance for self-defence nor they were protected by the Kurdistan Region of Iraq security forces. Yazidis were left alone. Thousands were killed, thousands more girls and women were kidnapped as slaves, and hundreds of thousands were forced to flee.

Yazidis have been facing massacre and genocide attempts (ISIS attack was accepted as 74th genocide attempt by Yazidis). Because of this, all Kurdish people felt so ashamed not being able to protect them. However, Yazidis have such an important position as still keeping old Kurdish beliefs, cultures, traditions etc. Therefore we, as Kurdish people, accepted it as cultural genocide attempt. That’s why, when Yazidis came to Turkey, all Kurdish people try to help and show the solidarity with them.

Many Yazidis didn’t want to be settled in Syrian refugee camps run by Turkish government. Because they believe that those in the Syrian camps are affiliated with the Islamic State and they are scared of Islamic symbols there. Their historical and current memories of these symbols were still haunting them. So, they have been settled in the camps of the municipalities run by the pro-Kurdish party.

Because of they rejected to stay in the governmental refugee camps, Yazidis have not been given a legal status (“refugees” or “persons benefiting from temporary protection”) by the Turkish government. They have been supported only by Kurdish municipalities and by Kurdish people, NGOs, and international organizations.

When they came to Diyarbakir in 2014, they were more than 5.000 people. Most of them went to the European countries and some of them back to Iraq. Currently there are 1.300 Yazidi refugees in Diyarbakir camp and as Youth and Change Association; we have been trying to support them mostly in the social and cultural fields. One of our main activities for them is with the partnership of SCI Italy. We have organized 2 international work camps (December 2015 and October 2016) with SCI Italy and SCI Catalonia. However, we organized an international youth exchange project between 30th September – 9th October 2016 in Diyarbakir. 33 participants from Italy, Germany, Bulgaria, Romania and Diyarbakir came together for 10 days. They have organized different workshops, seminars, group discussions, presentations etc. And varieties of different activities were coordinated for more than 200 Yazidi children during 3 days.

Dozens of Kurdish co-mayors have been arrested and the Interior Ministry appointed governors and sub-governors to run the municipalities since September. Unfortunately co-mayors of Yenisehir Municipality –which is mainly responsible from the refugee camp-, were arrested in the 7th December, 2016. “The new managers” have been trying to convince Yazidis to move the government camps but they are refusing go there and they said that if they have to leave from the camp, they would prefer to go to the camps in Iraq. Yazidi refugees are afraid of being sent to the government camps during the winter. As youth workers, we are trying to prevent this possibility and making this situation more visible in order to not let Yazidis suffer again (1).

It is very important for us to increase international cooperation, show more solidarity and make relationship with all World communities. The activities which SCI are doing in all around World are very respectful and valuable for us. We have worked many times during this year and we believe that we have achieved something important together. In this sense, partnership with SCI Italy is always a privilage for us.

There is a Kurdish proverb: “Kurds have no friends. But mountains”. Kurdish people believe that probably because of the have been deceived many times by sovereign Powers during their history. But, today Kurdish people don’t have mountains but also have so valuable and strong friends like great mountains. Especially our Italian friends, comrades proved it not only in Kobanê but also in Amed (Diyarbakir).

(1) Eventually the refugee camp was evacuated

Il Kurdistan resiste: riflessioni di un’attivista curda

Il Kurdistan resiste: riflessioni di un’attivista curda

Articolo di Ozlem Tanrikulu, UIKI-Onlus, Ufficio d’Informazione del Kurdistan in Italia.

Bakur (“Nord”) è il nome dato dai curdi all’insieme del territorio delle province turche dell’Anatolia sudorientale. Tale area nella seconda metà dello scorso anno è stata flagellata da operazioni militari. Tuttavia l’attività militare si è caratterizzata per una serie di prolungati coprifuoco che, talora per settimane, hanno impedito una vita regolare alla popolazione di origine curda di Cizre, Silvan, Diyarbakir-Sur, Sirnak, Yuksekova, Nusaybin e altre città. Molti civili si sono rifugiati nelle cantine di edifici e sono morti quando questi sono stati rasi al suolo o incendiati.

Le trattative negoziali finalizzate alla pace, che erano state intraprese a fine 2012 fra lo stato turco e il PKK si sono interrotte a luglio 2015, ormai vanificate. Infatti la rappresentanza legale dei curdi nel Parlamento di Ankara, conquistata dal partito HDP nelle elezioni di giugno e ribadita in quelle di inizio novembre, non ha in pratica mai potuto esprimersi. Addirittura, quest’anno, è stato votato un provvedimento che privava dell’immunità parlamentare numerosi parlamentari, colpendo principalmente quelli dell’HDP.

Il 15 luglio 2016 è stato tentato un colpo di stato, volto al rovesciamento del sempre più autocratico Presidente Erdogan. Da allora la repressione si è inasprita, non solo nei confronti dei curdi. Ha colpito giornalisti ed editori, accademici, magistrati, ufficiali delle forze armate, sospettati a migliaia di un qualche coinvolgimento nel colpo di stato. Quanto ai curdi, molti dei loro rappresentanti parlamentari, che pure avevano condannato il ricorso al colpo di stato del 15 luglio, sono stati arrestati: a partire dai co-presidenti dell’HDP, Figen Yuksegdag e Selahattin Demirtas, 10 deputati e tutti cosindaci comprese ex deputati e ex sindaci curdi.

Le violazioni dei diritti e delle libertà fondamentali in Turchia si sono fatte così evidenti che anche il Parlamento Europeo si è espresso per condannare le politiche repressive portate avanti dal governo Erdogan, con una risoluzione del novembre 2016. E mentre la democrazia turca assume sempre più i tratti di un totalitarismo, i curdi del Bakur– più che chiunque altro – si confermano il suo nemico numero uno.

Alla negazione della propria identità, la popolazione di origine curda risponde, ancora una volta, con la resistenza quotidiana. Nelle città, nei campi profughi, nelle trincee. Nel silenzio o al suono dei mortai. Resistono gli adulti, che intonano canti partigiani per farsi coraggio, e resistono i bambini, che giocano fuori dai tendoni bianchi per sfollati. Resistono da sempre, direbbero le militanti del movimento delle donne del Kurdistan, perché la libertà non rimanga solo un sogno.

Volontariato in Italia: a che punto siamo?

Volontariato in Italia: a che punto siamo?

Cos'è per noi il volontariatoIl 22 giugno 2016, con un articolo intitolato “Arriva il “tripadvisor” del volontariato” 1, Famiglia Cristiana presentava il nuovo portale internet interattivo creato dalla Caritas diocesana di Padova e sostenuto dai fondi dell’8×1000 della Chiesa cattolica. Il progetto è finalizzato a “orientare” i giovani a scegliere l’esperienza più consona alle loro esigenze. In che modo? Un’associazione pubblica i propri progetti e i volontari che vi hanno già preso parte possono lasciare la propria recensione e dare un voto all’esperienza. In questo modo i nuovi futuri volontari e volontarie leggeranno l’esperienza, le recensioni e potranno prendere la propria decisione. Presente come funziona Tripadvisor? Si leggono le caratteristiche della struttura, le recensioni degli ospiti precedenti e si prende una decisione.

Siamo davvero arrivati al punto da dover utilizzare modalità più consone a cibo e camere da letto per valutare un progetto di volontariato? Pare dì sì, ma a un occhio attento non sarà sfuggito il fatto che questa è solo l’ennesima prova della deriva che stanno prendendo il volontariato e la cornice sociale, economica e politica nella quale si inserisce.Il “modello EXPO” ha tracciato una rotta dalla quale sarà difficile tornare indietro se non attraverso sforzi collettivi, proprio da parte delle tante realtà del terzo settore che vi si sono opposte. Il volontariato inteso come sostituto gratuito del lavoro retribuito non è una novità, ma è solo in seguito al Jobs Act e alle sue prove generali durante la kermesse di Milano che è l’approccio è divenuto “strutturale”.

A prova di ciò, un articolo del Corriere della Sera dal titolo “Volontari 2.0, gli «altruisti senza divisa» slegati dalle Onlus”2, che racconta il punto di vista di quelle volontarie e volontari che hanno prestato tempo ed energie per EXPO, una rassegna a scopo di lucro. A fine agosto fu resa pubblica invece la proposta del governo italiano del Programma Odysseus, presentato al vertice di Ventotene fra i capi di governo di Italia, Francia e Germania. Prossimamente analizzeremo nel dettaglio la proposta, ma il lancio di un programma di Servizio Civile Europeo presentato dal ponte di una nave militare non è un biglietto da visita incoraggiante, senza contare che, a una prima lettura, l’approccio è quello di proseguire con lo sfruttamento del volontariato per tappare i buchi politici dei governi nazionali e di quello transnazionale nell’affrontare in maniera organica le vicende contemporanee, in questo caso l’integrazione di persone migranti. In questa cornice si inserisce anche il programma di Alternanza Scuola-Lavoro, con cui il Ministero dell’Istruzione ha stretto partenariati alquanto discutibili – per usare un eufemismo – con enti quali McDonald’s, ENI, Intesa San Paolo3, invece di prediligere un simile accordo con realtà slegate dalla logica profittuale e con una chiara mission associativa legata al sociale come quelle del terzo settore.

Lo scenario che ne emerge è una concezione del volontariato come prodotto da consumare e, come scriviamo nel recente documento politico SCI, “un momento estemporaneo, un’esperienza di solidarietà circoscritta nel tempo e nello spazio” slegato da finalità etiche e sociali. E’ questa la cornice nella quale si inserisce il “tripadvisor” del volontariato.

Per queste ragioni su questo portale non troverete i progetti del Servizio Civile Internazionale. Non li troverete perché non siamo un’agenzia di viaggio con l’obiettivo di riempire i posti vacanti di progetti altrimenti destinati a rimanere vuoti. Al termine di ogni progetto che ci vede coinvolti, sia esso un campo di volontariato internazionale, un seminario, un training o un progetto di Servizio Volontario Europeo, ricaviamo un momento di valutazione collettiva con i/le partecipanti, inviando poi loro un formulario da compilare, senza contare i continui confronti con i nostri partner locali. E’ grazie a questi momenti e alle valutazioni scritte dei volontari e delle volontarie che riusciamo a comprendere i nostri errori, le criticità dei contesti nei quali si inseriscono i progetti e poi lavorare nell’ottica del loro miglioramento.

Non li troverete proprio perché i nostri sono progetti, non solo esperienze. E i progetti, in quanto tali, nascono prima dell’invio di volontari e volontarie e continuano anche dopo, quando questi hanno finito la propria esperienza, grazie agli sforzi dei nostri partner locali con cui ci confrontiamo quotidianamente: sono loro a pensare e a implementare i progetti, il nostro ruolo è solo quello di affiancarli.

Non li troverete perché ci distinguiamo nel mare magnum di quello che sta divenendo il mondo del volontariato in Italia. Ci siamo sempre definiti partigiani e radicali e anche in questo caso vogliamo distinguerci. Crediamo che i nostri progetti abbiano un alto valore sociale per noi, per i volontari che partecipano e per le realtà con cui operiamo.

La domanda che molti si faranno adesso è: sono interessato ai vostri progetti, dove posso trovarli e, soprattutto, dove posso trovare i racconti dei volontari e delle volontarie che mi hanno preceduto?

Potete trovare i campi di volontariato internazionale su www.workcamps.info e trovare tutte le altre informazioni su www.sci-italia.it. Abbiamo sempre dato, erroneamente, poco spazio alle esperienze dei volontari e delle volontarie sul nostro sito. Nella nuova versione c’è una sezione dedicata ai racconti di chi è già partito con noi. Nessun voto e nessuna recensione, solo il racconto dell’esperienza.

E poi un altro modo, il più tradizionale, il più affascinante, quello con cui si sono tramandate le storie in passato: la viva voce dei volontari rientrati. Per questo avrete l’opportunità, durante l’anno, di prendere parte ai nostri incontri di formazione, in cui conoscerci meglio e comprendere a pieno lo spirito SCI, volontario sì, ma sempre vicino all’attivismo socio-politico.

Simone Ogno e Marco Antonioli

 

1 http://www.famigliacristiana.it/articolo/arriva-il-tripadvisor-del-volontariato.aspx

2 http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/16_maggio_20/volontari-f1300fe8-1def-11e6-8d1a-6eb7d9c593f0.shtml

3http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/ministero/cs181016

bool(false)