fbpx

51ª Giornata ONU di Solidarietà con il Popolo Palestinese

51ª Giornata ONU di Solidarietà con il Popolo Palestinese

70 anni di diritti negati: giornata mondiale di solidarietà con il popolo palestinese.

Sito: www.giornataonu.it

Il 29 novembre di ogni anno l’ONU celebra la Giornata Mondiale di Solidarietà con il Popolo Palestinese, in virtù del mandato conferito dall’Assemblea Generale il 2 dicembre 1977.

La Giornata Mondiale di Solidarietà ha tradizionalmente rappresentato un’opportunità per la comunità internazionale di portare la propria attenzione sul fatto che la questione palestinese è ancora irrisolta e che il popolo palestinese deve ancora vedere conseguiti i propri inalienabili diritti così come sanciti dall’Assemblea Generale, cioè, il diritto all’autodeterminazione senza interferenze esterne, il diritto a indipendenza e sovranità nazionali, e il diritto di fare ritorno alle proprie dimore e rientrare in controllo dei propri beni dai quali sono stati allontanati.

In risposta all’appello delle Nazioni Unite, governi e società civile organizzano ogni anno una vasta gamma di attività per celebrare la Giornata di Solidarietà.

In Italia la celebrazione della Giornata ONU di Solidarietà con il Popolo è promossa da Società Civile Palestina (SCP), rete di organizzazioni a vario titolo e missione impegnate per l’affermazione dei diritti dei popoli che ha avviato a Torino un gruppo promotore facilitato dal Centro Studi Sereno Regis.

Il comitato torinese sta preparando la giornata e alcuni eventi di avvicinamento: presentazione di libri, conferenze, incontri…

Per le iscrizioni scrivere a: giornataonu@gmail.com

Clicca qui per l’evento Facebook.

La sede della giornata si trova a 10 minuti a piedi dalla Stazione di Porta Nuova.

Per dormire:

Tomato Backpackers Hotel, in s. Salvario, www.tomato.to.it
AIG Ostello Torio, zona Lingotto, www.ostellotorino.it
Bamboo Eco Hostel, c.so Palermo, www.bambooecohostel.com
Rifugio Urbano, zona centro-sotto mole antonelliana, www.bed-and-breakfast.it/it/piemonte/rifugio-urbano-torino/48941
presso il Collegio S.Giuseppe dove si terrà il convegno ci saranno dei posti disponibili, per info: gianni 3336749056

Comitato organizzatore di Torino:

Assopace Palestina, BDS Torino, Centro Studi Sereno Regis, Comitato di Solidarietà con il popolo Palestinese di Torino, Donne in Nero della Casa delle donne di Torino, Invicta Palestina, Movimento Internazionale per la Riconciliazione, Pax Christi, Rete ECO-Ebrei Contro l’Occupazione, SCI-Servizio Civile Internazionale, Progetto Palestina, Un Ponte Per

Seminare giustizia per raccogliere pace – venerdì 26 ottobre a Torino

Seminare giustizia per raccogliere pace – venerdì 26 ottobre a Torino

Seminare giustizia per raccogliere pace

Interventi civili di pace con la società palestinese

Serata di avvicinamento alla 51ma Giornata Onu di Solidarietà con il Popolo Palestinese del 1 dicembre 2018.

Torino, 26 ottobre 2018

Centro Studi Sereno Regis (sala Gandhi)
via Garibaldi 13
ore 18-22.

Ore 18: “Lode all’ulivo del mediterraneo” con Francesco Migliaccio
A seguire presentazione del progetto “Raccogliendo la pace” a cura di Ilaria Zomer e collegamento Skype con le volontarie del progetto presenti in Palestina.

Ore 19,30: aperitivo di autofinanziamento

Ore 20,30: introduzione di Ahmad Al.Khalil
Intervento di Giulia Campanile, Corpo Civile di Pace del Progetto “Dealing with the future” di Un Ponte Per… nel campo profughi di Chatila, in LIbano.

 

 

 

La serata è tra gli eventi di avvicinamento alla 51esima Giornata Onu di Solidarietà per il Popolo Palestinese che avverrà 1 Dicembre 2018. L’iniziativa ha l’obiettivo di raccontare alcuni progetti e riflettere su quale presenza civile sia più utile per il popolo palestinese, per andare oltre la generica solidarietà e costruire ponti.

L’evento è organizzato e promosso da Un Ponte Per… Torino, Centro Studi Sereno Regis e SCI Italia.

Interventi Civili di Pace in Palestina

Con questi stessi partner, da nove anni costruiamo insieme il progetto Interventi Civili di Pace in Palestina, nato dalla richiesta della società civile palestinese di essere affiancata da una presenza internazionale con ruolo di interposizione durante il periodo della raccolta delle olive. Spesso ostacolata dalle forze militari israeliane e dagli attacchi dei coloni, la raccolta rappresenta un’importante se non l’unica fonte di reddito per molte famiglie delle aree agricole della Cisgiordania sotto amministrazione militare e civile israeliana.

Il progetto attualmente si sviluppa in collaborazione con associazioni che da anni lottano contro l’occupazione con metodi nonviolenti, quali i Comitati Popolari di Resistenza Nonviolenta di Betlemme e At Twani, Youth Against Settlements e Human Rights Supporters.

Clicca qui per più informazioni sul progetto.

Corso base in “Progettazione Europea e Attivazione Sociale” [VII edizione]

Corso base in “Progettazione Europea e Attivazione Sociale” [VII edizione]

Il Servizio Civile Internazionale organizza la settima edizione del corso di base in “Progettazione Europea e Attivazione Sociale”, volto a favorire l’acquisizione degli strumenti progettuali legati al settore no-profit e all’attivismo sociale.

  • Cagliari, 9-10 novembre presso il Jester Club (Via Roma, 257)
  • Torino, 24-25 novembre presso il Centro Studi Sereno Regis (Via Giuseppe Garibaldi, 13)
  • Milano, 30 novembre – 1 dicembre presso la Cascina Casottello (Via Fabio Massimo, 19)

Il corso è aperto a tutti/e e destinato in particolare a laureandi, neo-laureati e volontari legati al mondo della cooperazione internazionale e dell’associazionismo, e attivisti legati al mondo dei movimenti sociali.

Attraverso sessioni frontali, presentazioni interattive, sessioni di educazione non-formale, laboratori di idee, i/le corsisti/e – con il supporto di lavoratori impegnati da anni nel settore della progettazione – potranno acquisire le basi del ciclo progettuale e sperimentarsi nello sviluppo di proposte proprie.

Grazie alla sua articolazione e all’expertise maturato negli ultimi quindici anni dal Servizio Civile Internazionale, il corso è pensato per fornire elementi pratici di progettazione di base, con un focus specifico su quella europea. Non è necessario avere competenze specifiche in materia.

A seguire il programma completo del corso con tutte le informazioni relative alle modalità d’iscrizione, ai costi e alle agevolazioni.


Ambiti progettuali:

  • Mobilità internazionale
  • Cittadinanza attiva
  • Inclusione sociale
  • Partenariati internazionali

Alcuni progetti SCI:

  • Across the sea – testimonianze migranti tra le sponde nord e sud del Mediterraneo
  • Beyond Walls – supporto ai difensori dei diritti umani israeliani e palestinesi
  • Building Inclusive Paths – trasformazione e risoluzione nonviolenta dei conflitti
  • Grassroot Youth Democracy – l’acqua come bene comune e diritto umano in Europa, Sud America e Asia
  • Tutti Inclusi! – inclusione di rifugiati e richiedenti asilo in progetti di volontariato internazionale

INFO: info@sci-italia.it


Programma e modalità di partecipazione

PROGRAMMA

Modulo I (Prima giornata – h.10.00 – 13.00)

  • Presentazione del corso e group-building
  • Il ciclo del progetto: dalla definizione di progetto all’analisi delle fasi

Modulo II (Prima giornata – h.14.30 – 18.30)

  • Analisi di contesto e degli stakeholders: dall’albero dei problemi al quadro logico
  • La logica di intervento progettuale: definizione di obiettivi, risultati attesi, attività e beneficiari

Modulo III (Seconda giornata – h.10.00 – 13.00)

  • Elementi per la costruzione del budget: voci di spesa, eleggibilità, coerenza e pertinenza dei costi
  • La bandistica nazionale ed europea: criteri di eleggibilità

Modulo IV (Seconda giornata – h.14.30 – 18.30)

  • Case studies e quadro logico: esempi di progettazione legata all’attivazione sociale
  • Project work – Laboratorio di idee progettuali

Analizzando i principi della progettazione, formulazione a gruppi di una proposta progettuale e verifica della stessa con confronto in plenaria.

Iscrizioni, costi e attestato

Iscrizioni: info@sci-italia.it (oggetto dell’e-mail “Iscrizione corso progettazione [specificare quale città]”)

Scadenza iscrizioni:

  • Cagliari, 7 novembre;
  • Torino, 22 novembre;
  • Milano, 28 novembre.

Numero massimo di persone: 15

Costi del corso: 140 euro

Agevolazioni: sconto del 20% per chi prenota entro il:

  • Cagliari, 2 novembre;
  • Torino, 17 novembre;
  • Milano, 23 novembre.

Modalità di pagamento: bonifico bancario a Servizio Civile Internazionale Onlus, IBAN: IT71F0501803200000011014412

Causale: “Donazione corso progettazione + nome e cognome del/della partecipante”

(Nota: Tutte le donazioni a favore dello SCI sono fiscalmente deducibili o detraibili)

Attestato: verrà rilasciato un attestato di partecipazione a chi ha frequentato almeno l’80% delle ore del corso.

Una volta volontario, sarai per sempre un volontario! Testimonianza da una coordinatrice di campi

Una volta volontario, sarai per sempre un volontario! Testimonianza da una coordinatrice di campi

Pubblichiamo la testimonianza di Marija Melchiorre, volontaria SCI e coordinatrice del campo “Re-appropriation of historical buildings for public use”, tenutosi alla Cavallerizza Irreale di Torino la scorsa estate.

La mia storia inizia così:

Correva il 2007, è uscito il primo modello dell’iphone, è stata pubblicata la settima e ultima parte di Harry Potter, Martin Scorsese ha vinto il suo primo premio Oscar e per la prima volta abbiamo sentito Rihanna e la sua canzone Umbrella. Ed io, mi stavo preparando per le mie prime ferie da quando lavoravo come architetto in un studio.

Anche se qualcuno potrebbe pensare che gli architetti guadagnano bene, la realtà è molto diversa. In più, sono nata in un paese appena uscito da un passato burrascoso e noi cittadini avevamo bisogno di un visto per poter entrare in ogni altro Paese. Tre domande mi passavano per la testa: dove andare, come andare e con chi.

In quei giorni nuvolosi di ottobre passati a pensare dove andare in vacanza, mentre leggevo un articolo su un giornale online, sull’angolo dello schermo, appariva un annuncio con il titolo “Diventa volontario”.

Dopo le prime frasi dell’articolo, mi è stato chiaro. Quell’articolo era indirizzato proprio a me. Stavano parlando con me. Tutti i miei problemi sono scomparsi immediatamente: mi mandano un visto, ho un posto dove dormire, non sarò da sola, e mi sentirò molto utile contribuendo con le mie capacità.

La lista dei campi non era molto lunga. Ma c’è ne erano alcuni molto interessanti. La mia scelta cadde sulla Romania: “Transilvania Jazz Festival”. Non immaginavo nemmeno che tutta questa avventura, apparentemente normale, mi avrebbe cambiata completamente e che sarei tornata in Serbia come un’altra persona.

Il volontariato mi ha aiutato a visitare gran parte dell’Europa, ad incontrare persone interessanti, a cambiare la mia professione ed infine cambiare il paese in cui ho vissuto più di una volta, spingendomi ad imparare nuove lingue.

Con il passare del tempo volevo essere più coinvolta nel volontariato. Ho sempre sollevato l’asticella, anno dopo anno. Volendo essere sempre più parte attiva, con il tempo, sono diventata prima un capo squadra e poi una coordinatrice di campi.

Qualunque cosa abbia fatto in questi 10 anni, il volontariato è sempre stato parte integrante della mia vita. Quindi, venire in Italia per me significava cercare dove, con chi e quando fare volontariato. Così un giorno ho trovato il sito dello SCI Italia ed ho fato domanda per partecipare al corso di formazione per Camp Leader. Mi sentivo pronta ad affrontare una nuova sfida, questa volta in un nuovo paese e in una lingua per me abbastanza nuova.

Il corso di formazione per Camp Leader si è svolto a La Città dell’Utopia, e per la prima volta ho conosciuto lo SCI e questa bellissima struttura che ne è progetto locale. Con le nostre formatrici Alessandra e Claudia c’è stato subito un ottimo feeling. Noi, i futuri coordinatori dei campi, eravamo un gruppo piccolo ma ben affiatato, di diverse età, diversa nazionalità, ma per questo ancora più bello. Durante il corso abbiamo simulato un vero e proprio workcamp e ci siamo preparati per il prossimo passo: scegliere un campo.

Ero indecisa sul campo da scegliere, così è stato il campo che ha scelto me: “Cavallerizza Reale”, in un palazzo barocco nel centro di Torino! Con un programma rivolto al restauro e alla valorizzazione degli spazi comuni, il tutto condito da arte e teatro.

Il Cavallerizza per me ha rappresentato un bella sfida, era la prima volta che facevo un campo in Italia, la prima volta che facevo da Camp Leader e la prima volta che il Cavallerizza ospitava un campo internazionale. Ma come tutte le prime volte della vita è stata una esperienza indimenticabile, rimarrà per sempre nei nostri ricordi assieme alla passione e all’energia di tutti i 10 partecipanti internazionali provenienti da tutto il mondo (Messico, Niger, Polonia, Russia…), assieme a tutti i momenti belli ed alle sfide affrontate nei 14 giorni durante i quali abbiamo formato la nostra piccola comunità.

Questo campo ci ha aiutato a conoscerci meglio attraverso l’incontro tra culture diverse e l’inserimento in una comunità solida, espansa dalle nostre diverse nazionalità; differenti lingue si sono incontrate e “scontrate”, per raggiungere un accordo su come realizzare qualcosa di costruttivo che permettesse di esprimere il potenziale di ognuno di noi. Il tutto gestito in pura democrazia dove non esistevano gerarchie verticali, dove le parole di ogni partecipante hanno importanza. È stato un posto dove siamo riusciti a dare valore alle differenze senza giudizi, un modo di vivere la comunità molto diverso rispetto a quello in cui viviamo normalmente.

Questi 14 giorni sono stati giorni speciali lontani dalla solita routine quotidiana, riempiti da persone con cui abbiamo condiviso tutto: le loro storie, i loro sorrisi e la loro gioia. Tutto ciò è diventato parte della mia esperienza, della mia conoscenza e mi ha ulteriormente formato ed arricchito come persona.

Da quel lontano ottobre 2007, la porta di questo meraviglioso mondo di volontariato si è aperta, e non smette di accompagnarmi nella mia vita. Tutte quelle persone meravigliose che ho incontrato in questi 10 anni mi hanno reso quello che sono oggi.

Narrazioni Jazz 2017: minicampo a Torino [20-21/05/17]

Narrazioni Jazz 2017: minicampo a Torino [20-21/05/17]

Il 20 e 21 maggio il Servizio Civile Internazionale (SCI) – Gruppo Piemonte e l’associazione Comala organizzano un minicampo in occasione dell’evento “Narrazioni Jazz 2017”.

Gli obiettivi principali del minicampo riguarderanno il supporto logistico e la preparazione degli eventi musicali che l’associazione Comala organizzerà in occasione del festival “Narrazioni Jazz 2017” nella propria sede e nelle vie adiacenti. In particolare nella giornata di Sabato verrà supportato l’evento “WalkAboutJazz“, un percorso narrativo strutturato in 4 stazioni dedicate a Origini, Swing, Bebop e Free Jazz e animate da musica dal vivo, reading e interventi teatrali. Smartrams, un tram ad accesso libero allestito per l’occasione, all’interno del quale si svolgeranno performance di musica jazz e reading a tema, collegherà le varie stazioni, portando un concerto itinerante lungo i binari.

Per partecipare è prevista una quota di 10€ più la tessera socio SCI 2017 (20€).

Date: da sabato 20 a domenica 21 Maggio 2017 (ci sarà la possibilità di arrivare già dal venerdì sera).

Luogo: Associazione Comala, corso Ferrucci 65/a a Torino.

Quota campo: 10 € più tessera associativa SCI 2017 (20€).

Numero volontari: 10

Pernottamento: i volontari dormiranno all’interno della struttura dell’associazione Comala (portare materassino e sacco a pelo!) o ospitati dagli attivisti del gruppo Piemonte dello SCI.

Cosa portare: materassino e sacco a pelo.

Informazioni e iscrizioni: entro mercoledì 17 maggio a minicampi@sci-piemonte.it

Per saperne di più: comala.it, walkaboutjazz.it, narrazionijazz.it

Aperitivo dal mondo: SCI Piemonte presenta le sue attività

Aperitivo dal mondo: SCI Piemonte presenta le sue attività

Martedì 20 dicembre, alle ore 20.00, siete tutt* invitat* alla serata di presentazione delle attività sul territorio del Gruppo Regionale Piemonte del Servizio Civile Internazionale. L’evento si terrà presso il Polo 365, in Corso Ferrucci 65/A, a Torino.

La serata è aperta a tutti i soci, vecchi e nuovi, ai volontari e a chi sia interessato a conoscere il Servizio Civile Internazionale. Sarà un’occasione per incontrare gli attivisti del Gruppo Piemonte del Servizio Civile Internazionale e le Associazioni partner con cui lo SCI collabora per la realizzazione dei campi di volontariato e delle altre attività.

Durante la serata, potrete inoltre trovare un banchetto con i vini della Cascina Agrinova, azienda della Val di Susa appartenente ad Etinomia, network di imprenditori, agricoltori, commercianti, artigiani e liberi professionisti impegnati nel riportare l’Etica al centro dell’economia locale. Con una piccola offerta avrete modo di sostenere le nostre attività in Italia e nel Mondo.

E’ gradita la conferma di partecipazione all’email piemonte@sci-italia.

Non dimenticate di visitare la pagina facebook di SCI Piemonte.

Vi aspettiamo numerosi!