fbpx

L’esperienza di José Manuel, volontario internazionale, con l’Associazione “Vivere la Montagna”

 

Sono José Manuel Cuenca Lerma, un ingegnere informatico laureato presso l’Università Veracruzana in Messico. Ho frequentato il workcamp “Mountains Enchanted: The Art of Water Springs” nelle Alpi italiane nell’agosto 2019.

Ho lavorato a Cumiana, Torino, Italia con l’Associazione “Vivere la Montagna”. Ho collaborato in molte attività per aiutare nel raggiungimento degli obiettivi dell’associazione. In questo senso ho partecipato a iniziative per mantenere lo stato delle sorgenti d’acqua nella regione. Questi luoghi sono iconici della Cumiana e sono un’attrazione turistica.

Inoltre, l’associazione ci ha dato molte opportunità per conoscere le tradizioni, i costumi, la gastronomia e la cultura della Cumiana e di tutta Italia. Ci hanno insegnato la storia del Piamonte, condiviso con noi le specificità culturali italiane e dato modo di spiegare le caratteristiche delle nostre culture, nel mio caso quella messicana. Inoltre, abbiamo partecipato a eventi comunitari tradizionali in cui abbiamo potuto interagire con tutti i cittadini e conoscere la vita quotidiana della Cumiana.

La sfida di quell’avventura era interagire con una lingua straniera. Fortunatamente molte persone parlavano inglese e spagnolo e questo ha reso le cose più facili. Un’altra preziosa esperienza è stata quella di fare amicizia con gli italiani e gli altri colleghi europei al campo di lavoro. Anche se vi sono molte differenze nei costumi, possiamo vivere benissimo insieme e imparare il meglio l’uno dall’altro.

Di sera abbiamo cenato e giocato a carte, condiviso le nostre ambizioni lavorative, imparato le lingue straniere e cantato canzoni iconiche delle nostre regioni. Ho apprezzato tutti quei momenti, sono così utili per internazionalizzare i miei pensieri e lavorare con più qualità.

 

In quel campo di lavoro ho avuto l’idea di sviluppare un’app per conoscere le caratteristiche della flora della Cumiana. Con questo progetto ho partecipato ad un concorso scientifico quando sono tornato in Messico. Pertanto, ho vinto il primo posto al sesto incontro dei giovani talenti Veracruz 2019.

Oggi ricordo la mia esperienza italiana con un grande sorriso. Sono così orgoglioso di aver rappresentato il mio paese in Europa. Miglioro le mie abilità per sviluppare progetti migliori e lavoro in team ad alte prestazioni. Inoltre, sto ancora imparando la lingua italiana, ascoltando la loro musica, mangiando la loro gastronomia iconica con la speranza di tornare presto. Inoltre condivido questa conoscenza con la mia comunità per incoraggiare altri giovani cittadini a partecipare a programmi di volontariato internazionale, specialmente in Italia.