fbpx

Living Library Week: Approfondire le emozioni per potenziare le società

 

Dal 4 al 13 maggio 2022, giovani provenienti da Austria, Grecia, Ungheria, Spagna e Italia hanno partecipato alla Living Library Week, lo Scambio Giovanile organizzata da SCI Italia a Roma presso “La Città dell’Utopia”.

Che cos’è Living Library (biblioteca vivente) ?

Il concetto di Living Library è nato nel 2000 in Danimarca. La prima Living Library è stata organizzata da una ONG giovanile chiamata “Stop the Violence” durante il Roskilde Festival. È stato motivato dall’assassinio di un amico dei cinque fondatori. L’obiettivo del progetto era educare i giovani alla violenza e prevenirla. Da allora lo strumento Living Library è stato utilizzato negli anni in diversi contesti con un unico obiettivo: sfidare stereotipi, stigmatizzare, pregiudizi e discriminazioni.

La metodologia Living Library mira a costruire un quadro positivo per la comunicazione tra le persone, attraverso lo storytelling, (ma anche esplorando attraverso il teatro e l’arte terapia. Il tema di ogni libro è la vita di una persona, e il narratore è lo stesso individuo che, attraverso la loro voce e testimonianza, condivide non solo parole ed espressioni, ma anche i propri valori e credenze, norme e miti delle comunità in cui sono stati sollevati. Questa metodologia permette non solo di riunire le persone ma anche di sviluppare le loro capacità emotive con un impatto importante in termini di sviluppo personale e cittadinanza attiva.

 

Scambio giovanile Living Library Week

Durante 10 giorni, i partecipanti hanno avuto l’opportunità di esplorare i temi dell’intelligenza emotiva e delle relazioni interpersonali insieme, attraverso lo strumento Living Library. Molte attività sono state organizzate per aiutarli a conoscersi, sentirsi più a proprio agio ed essere in grado di condividere le loro storie. Hanno fatto alcuni giochi, un museo umano, visita guidata in città, teatro, e molte altre attività facilitate dalle nostre due organizzazioni partner Eduraduno e Laboratorio 53. L’obiettivo era anche quello di permettere loro di esprimersi attraverso qualsiasi metodo incoraggiandoli ad essere creativi, un sacco di materiale era disponibile per loro di utilizzare durante il loro tempo libero.

È un progetto coordinato da SCI Italia in collaborazione con Útilapu Hálózat – SCI Ungheria, SCI Austria, Servei Civil Internacional, SCI Hellas, Eduraduno, Laboratorio 53 e cofinanziato dal programma Erasmus+ dell’Unione Europea con il supporto dell’Agenzia Nazionale.

La nostra biblioteca vivente

Abbiamo aperto la nostra Living Library due giorni: il pomeriggio dell’11 maggio con gli studenti della scuola IIS Leonardo Da Vinci e la sera del 12 maggio come evento pubblico, entrambi a “La Città dell’Utopia” a sud di Roma. Durante gli eventi, 9 libri sono stati presentati con diversi argomenti: viaggi, sogni, genere, discriminazione, razzismo, attivismo ecc. I lettori hanno potuto sfogliare il catalogo e scegliere il libro che li ha ispirati di più. Erano guidati da bibliotecari e supportati da dizionari se necessario. Abbiamo lasciato che i nostri libri si esprimessero come volevano: leggere, parlare, cantare, abbiamo anche ospitato una sessione di graffiti dal vivo.

Una delle cose più belle è che le storie condivise sono state ascoltate da persone di diversa provenienza e i lettori hanno avuto l’occasione di avere una discussione con i libri. Tra questi, Francesca, ci ha raccontato la sua esperienza come libro:

“La storia che ho portata è una storia che avevo già raccontato molte volte ma che non avevo mai raccontato in modo così sintetico e strutturato con un tono narrativo. Con gli amici con cui l’ho condivisa è stato più informale, non c’è bisogno di creare un filo narrativo. E ‘stato molto interessante ed è stato bello vedere l’interesse da parte dei lettori che era anche diverso tra le persone”, ha detto.

I partecipanti sono stati anche incaricati di decorare lo spazio e hanno presentato una piccola mostra di tutte le creazioni che sono state fatte durante le attività in modo che i lettori potessero immergersi nel nostro piccolo mondo.

Scambio di giovani: un modo per connettersi con gli altri – alcune parole dei nostri partecipanti

Al di là degli eventi, una delle cose che per noi era importante era permettere ai partecipanti di creare collegamenti e buoni ricordi tra di loro. Per 10 giorni, hanno dovuto imparare a vivere insieme, ad adattarsi l’uno all’altro. Per alcuni aveva già avuto l’opportunità di vivere questo tipo di esperienza, per altri era totalmente nuovo. Volevamo sapere di più su come si sentivano così abbiamo chiesto loro di raccontarci il loro viaggio.

Marta, group-leader della Catalunya: “Secondo me, il progetto è andato molto bene, mi sono sentita bene e rispettata dai coordinatori e dai partecipanti. Mi è piaciuto molto partecipare e ascoltare gli altri. È stata un’opportunità per me di conoscere persone che non ho mai visto prima in un altro modo che sicuramente se non fosse stato per questo progetto, non mi sarei connessa con queste persone in questo modo.”

Francesca: “È un occasione meravigliosa per mettersi in gioco, per conoscere persone della tua età in tutta Europa. Stringere dei rapporti nel contesto in cui i si passano 24 ore su 24 e quindi diventate molto rapidamente vicini anche grazie alle attività che facilitano la creazione di legami. Nel complesso, è una bellissima opportunità per migliorare come persona e per una migliore rete sociale.”

 

Inoltre, sono stati creati tre poster sul progetto che puoi scaricare ora in italiano e in italiano: