fbpx

10 mesi, 10 momenti – La testimonianza di volontariato di Carole con SCI-Italia

Mi chiamo Carole, ho 24 anni e mi sono laureata con un Master in comunicazione, più precisamente in comunicazione di eventi, nel 2020. In tempo di pandemia non era il momento migliore per trovare lavoro subito dopo gli studi, quindi , nel 2021, sono diventata freelance per un po’ di web marketing, mentre cercavo un’esperienza all’estero. Sul sito del Service Civique Français mi sono imbattuta nella scheda della missione del volontario: “Promozione degli impegni di volontariato e partecipazione alla vita della comunità locale con SCI Italia”.

Dopo un primo colloquio con SCI Francia poi un secondo con SCI Italia, a luglio il verdetto è caduto, sono stata accettata per essere la prossima volontaria Service Civique per 10 mesi con lo SCI Italia!

Quindi sono rimasta 10 mesi ed ecco 10 momenti che voglio mettere in evidenza per illustrare la mia esperienza di volontariato con SCI Italia:

  1. La mia formazione con lo SCI Francia
  2. Il mio arrivo alla Città dell’Utopia
  3. Alla scoperta di Roma e oltre
  4. Le nostre cene di famiglia tra coinquiline
  5. Le nostre lezione di italiano con Antonella
  6. Le lezioni di inglese che ho dati
  7. Il Festivale della Zuppa
  8. Feste all’Acrobax e altri centri sociali
  9. Living Library Week
  10. Formazione coordinatore 
La mia formazione con lo SCI Francia

Pochi giorni prima della grande partenza, una dozzina di altri Service Civique Français ed io siamo stati formati per 5 giorni per conoscere meglio il nostro ruolo, i nostri diritti e doveri di volontari a lungo termine. Le attività allestite sono state super interessanti e ci hanno permesso di comprendere tutte le problematiche e i valori del Servizio Civile Internazionale. Abbiamo fatto giochi, discussioni a tema, un po’ di team building, ecc.

Quello che mi è piaciuto di più durante questa formazione è stato condividere questi momenti con molte persone fantastiche che ho conosciuto, (soprattutto con Lila, la mia coinquilina e collega di SCI Italia). Ho fatto amicizia con la maggior parte di loro e mi ha fatto sentire parte della rete SCI.

“Abbiamo condiviso grandi momenti e abbiamo riso molto con persone che vivranno la nostra stessa esperienza, il che è rassicurante prima di partire. Menzione speciale per il cibo” – Lila, volontaria SCI Italia

È stato il mio primo passo con la SCI e ne ho ottimi ricordi.

Il mio arrivo alla Città dell’Utopia

15 settembre, come dimenticare questa data? Ero appena partita da Parigi e c’erano 16°C. Sono arrivata a Roma con un caldo che non mi aspettavo. Dopo qualche seccatura di trasporto, sono riuscita ad arrivare davanti alle scale de “La Città dell’Utopia”. La mia prima impressione: “è molto verde!”. “La Città dell’Utopia” è un grande casale arancione situato su una piccola collina ricca di alberi e piante. In passato è stata una trattoria, locanda, fattoria, squat… prima di diventare nel 2003 il laboratorio sociale dello SCI Italia.

Questo edificio storico esiste da 200 anni ed è riuscito negli anni a mantenere il suo posto al centro di un’area molto urbanizzata nel rione San Paolo a pochi chilometri dal centro di Roma.

“La cosa più importante per me era che vi sentiste tutte al sicuro e in grado di creare il vostro posto nell’appartamento e in ufficio” – Dora, Coordinatrice SCI Italia

Il mio arrivo è stato segnato dalla scoperta del luogo, in particolare delle sue zanzare (no, non è un dettaglio) ma anche delle altre volontarie (le mie future coinquiline e amiche), lo STAFF di SCI Italia e tutte le altre persone che gravitano intorno a “La Città dell’Utopia”. Mi ci è voluta un po’ per abituarmi a conoscere le persone, ricordare tutti i nomi, capire tutti i ruoli, ma la gentilezza di tutti mi ha permesso di trovare velocemente il mio posto.

Alla scoperta di Roma e oltre

Ho vissuto a Milano per 5 mesi durante il mio Erasmus nel 2019 e nonostante Roma sia anche in Italia, ho subito sentito la differenza nello stile di vita. Roma è una città magnifica (molto più bella di Milano), che delizierà gli appassionati di storia, arte e cultura.

“Roma è un po’ come andare ogni giorno in un museo, ma un museo vivo” ​​- Marie, volontaria SCI Italia

D’altra parte, è una città che richiede pazienza. In effetti, solo 3 linee di metropolitana per una città la cui area è 10 volte più grande di Parigi, significa che i viaggi si fanno al proprio ritmo. Inoltre Roma non è una città molto “bike friendly”, è più pratico avere un’auto, che non è il nostro caso. Quindi ci adattiamo e aspettiamo l’autobus. E se siamo in ritardo, nessun problema, qui è normale. Tuttavia, a San Paolo, abbiamo la fortuna di vivere vicino a una stazione della metropolitana.

Roma è una città dove è difficile annoiarsi. Ci sono così tante cose da fare che non sai dove andare. Mostra qui, festival là. Molti quartieri offrono atmosfere diverse, alcuni non sono vicini ma con un po’ di motivazione e un bel gruppo di amici, le gite passano velocemente, e poi è sempre bello vedere Roma dal bus.

Io che amo anche le passeggiate nella natura, Roma è a pochi chilometri dal mare ea pochi chilometri dalla montagna, la rete ferroviaria nel Lazio è abbastanza sviluppata quindi è facile spostarsi per vedere altre graziose città nei dintorni di Roma: Tivoli , Bracciano, Castel Gandolfo, Santa Marinella… E se muoverci non fa per noi, proprio intorno a “La Città dell’Utopia” ci sono un sacco di bei posti dove passare il tempo. Puoi vivere appieno la tua esperienza italiana poiché anche il non fare nulla è uno stile di vita che chiamano La dolce vità.

Le nostre cene di famiglia tra coinquiline

Vivere in un appartamento condiviso non è sempre facile, soprattutto quando le persone con cui vivi sono anche le persone con cui lavori. Il tutto in un appartamento in cui condividi la tua stanza. Eravamo in 5, tre francese, una portoghese e una danese.

Per fortuna siamo arrivate ​​tutte insieme, è stato più facile per tutte trovare il proprio posto e adattarsi al ritmo della vita a “La Città dell’Utopia”. Per facilitare questa vita in alloggio condiviso, abbiamo allestito “La ruota delle pulizie” che permette ogni settimana di sapere chi era responsabile della pulizia delle diverse stanze della casa. Tra questi compiti c’è quello di cucinare un piatto per l’intero appartamento. Di solito lo facevamo la domenica sera. Ci ha permesso di discutere insieme, di parlare dei nostri sentimenti, tutto intorno a una buona cena cucinata. Penso che queste cene mi abbiano fatto sentire a mio agio nell’appartamento e con i miei coinquilini. Ho sempre avuto un po’ di difficoltà nell’esprimere i miei disaccordi (tendevo a lamentarmi senza spiegare davvero quale fosse il problema) ma per il bene della vita condivisa, ho fatto uno sforzo e ora posso dire che con una buona comunicazione tutto va molto meglio.

“Avete scaldato il posto dopo due anni di COVID” – Fabrizio, coordinatore volontari a breve termine presso SCI Italia

Eravamo una squadra vera, ed era qualcosa che si sentiva in tutta “La Città dell’Utopia”. Quello che ricordo di più con le ragazze è la sorellanza. Abbiamo tutte personalità diverse ma ci siamo sempre supportate a vicenda e penso che senza di loro la mia esperienza non sarebbe stata la stessa

Le nostre lezione di italiano con Antonella

Roma è l’Italia e sebbene quasi tutti coloro che lavorano in SCI parlino inglese, un buon livello di italiano è molto apprezzato e facilita la vita e il lavoro. Parlavo un po’ quando sono arrivata grazie ai miei 5 mesi di Erasmus e ai corsi che ho fatto al liceo. Mi ci è voluto ancora un po’ di tempo per adattarmi. Fortunatamente abbiamo potuto prendere lezioni di italiano a “La Casetta Rossa”, uno spazio sociale autogestito situato alla Garbatella. Tutti i giorni dalle 10:00 alle 12:00, i volontari vengono a insegnare l’italiano agli stranieri. Tra questi volontari, Antonella, hostess in pensione che è stata la nostra insegnante durante tutto il mio soggiorno a Roma. È un’amante delle lingue che parla italiano (“un buon italiano, non quello di Roma”, come amava ricordarci), ma anche francese, inglese, spagnolo e un po’ di portoghese. Ci ha trasmesso la sua passione attraverso lezioni che combinavano lettura di testi, esercizi di grammatica, dettati e discussioni.

“Antonella è molto colta, quindi abbiamo parlato molto di cultura, storia e politica. Le piace condividere le sue conoscenze e si vede” – Sara, volontaria SCI Italia

Anche se non sono stata la più diligente e ho dimenticato di fare i compiti, grazie a lei ho sentito un vero miglioramento nella mia espressione orale, così è stato anche per le mie 3 coinquiline che hanno seguito le lezioni con lei. Oggi posso dire che parlo correntemente l’italiano e mi sento orgogliosa.

Le lezioni di inglese che ho dati

“La Città dell’Utopia” propone anche corsi di lingua popolare aperti a tutti. Chiunque può imparare ma anche insegnare una lingua straniera. È per questo motivo che i volontari sono invitati a dare lezioni se lo desiderano. Ho colto al volo l’occasione di dare lezioni di inglese (i miei due compagni di classe francesi stavano già dando lezioni di francese). Eravamo in duetto con Tenna, la mia coinquilina danese. Ho dato lezioni ai principianti e lei ai livelli più avanzati. Non ho mai avuto l’opportunità di insegnare inglese prima, quindi è stata una sfida. Ogni settimana dovevo preparare una lezione di un’ora, fare ricerche, trovare esercizi, ecc. Ho davvero preso gusto per la classe, soprattutto perché i miei studenti erano premurosi e desiderosi di imparare, tanto che ero molto commossa al fine dell’ultima lezione. Questo mi ha fatto capire che insegnare è qualcosa che mi piace davvero e che mi vedo perpetuare.

“Gli italiani tendono a sottovalutarsi quando si tratta della lingua inglese. Vedere il desiderio di imparare dei nostri studenti e la loro crescente fiducia è un’esperienza molto ricca da portare con noi” – Tenna

 

Il Festival della Zuppa

Una delle cose che mi ha incuriosito molto quando sono arrivata a “La Città dell’Utopia” è il famoso “Festivale Internazionale della Zuppa di Roma” che è la più grande manifestazione organizzata nell’anno. Questo festival è nato a Lille ed è stato portato da un ex attivista qui a Roma più di 15 anni fa. E da allora, ogni anno, viene organizzato questo imperdibile appuntamento dove si mettono in competizione le zuppe, il tutto in un’atmosfera festosa e musicale.

“Per me questo festival riunisce in un giorno tutti i valori de La Città dell’Utopia”. – Laurie, ex-coordinatrice de “La Città dell’Utopia”.

Per l’organizzazione, “La Città dell’Utopia” ha in programma un’assemblea a gennaio aperta a chiunque voglia partecipare. Così, ogni due settimane, abbiamo parlato tutti insieme delle diverse fasi, abbiamo discusso il tema e le attività che volevamo impostare.

Domenica 3 aprile si è svolta la XV edizione sul tema “la cura”. I partecipanti al festival hanno avuto la possibilità di partecipare a laboratori sulla cura, l’esibizione della Murga Sin con Trullo, un pranzo popolare, concerti e, soprattutto: la degustazione e la votazione delle zuppe. Sono stato molto coinvolta, perché ho partecipato a tutte le assemblee e ho visto il festival costruirsi dall’inizio, anche perché quest’anno abbiamo deciso di fare la zuppa delle volontarie. Insieme abbiamo fatto un brainstorming sulla ricetta, cucinato e presentato al pubblico la nostra zuppa Dolce Arancio. Sapevo che la nostra zuppa era buona da quando ci ho messo il tuo amore, ma non mi aspettavo che vincesse il premio di qualità e il secondo premio al concorso! Il sorriso non ha mai lasciato la mia faccia quel giorno.

 

Feste all’Acrobax e altri centri sociali

 

“Acrobax è il luogo perfetto per festeggiare mentre si è con persone che condividono i nostri valori” – Marie, volontaria SCI Italia.

Acrobax è quello che viene chiamato “Centro Sociale”, occupa un antico cinodromo (lo spazio dove si svolgono le corse dei levrieri) a 15 minuti a piedi da “La Città dell’Utopia”, comodo per arrivarci. È piuttosto conosciuto per le sue serate impegnate, ad esempio in collaborazione con organizzazioni femministe o antifasciste. Concerto o dj set, tutto dipenderà dal programma della serata, spesso musica latino americana che permette di divertirsi sul dancefloor.

È un luogo dove si incontrano tante persone della “Rete Roma Sud” che lavorano e fanno volontariato in altri centri sociali. Come “CSOA La Strada”, “CSOA Auro e Marco”, “CSOA Forte Prenestino”, Porto Fluviale… in questi 10 mesi abbiamo visitato tanti luoghi politicamente impegnati, che ci hanno permesso di conoscere tante persone interessanti. Tutti questi incontri mi hanno aiutato a sviluppare il mio impegno politico e a rafforzare i miei valori. Mi sento come se fossi cresciuta come cittadina.

 

Living Library Week

Uno dei più grandi progetti durante l’anno a cui ho lavorato è stato il Youth Exchange “Living Library Week”. Un Youth Exchange (scambio giovanile) è un programma Erasmus+ fuori dalla scuola o dall’università per alcuni giorni che consente a persone di età compresa tra i 18 ai 30 anni di diversi paesi di incontrarsi e lavorare insieme su un progetto comune. Inizialmente prevista per il 2020 e posticipata al 2022, le basi c’erano ma c’era ancora tutto da preparare. Con la mia coinquilina Sara, eravamo in coppia per supportare il coordinamento. Lei si è occupata della parte logistica e io del rapporto con i partner ei partecipanti. Dal mese di marzo ho svolto diverse missioni quali: lanciare la chiamata per i group leader, lanciare la chiamata per i partecipanti, scegliere i group leader, condividere le informazioni con i partner, preparare le chiamate online, facilitare le chiamate, aiutare a creare l’agenda, scegliere i partecipanti, entrare in contatto con loro, preparare l’infosheet e inviarla… Stress e dubbi erano presenti in questi mesi di preparazione ma i miei colleghi dello SCI hanno saputo rassicurarmi e supportarmi quando le cose non andavano bene. È stato il loro immancabile supporto che mi ha tenuto motivata fino alla fine.

Dal 4 al 13 maggio abbiamo accolto 25 partecipanti provenienti da Italia, Austria, Ungheria, Spagna e Grecia. Lo scopo di questo scambio era che esploreranno insieme i temi dell’intelligenza emotiva e delle relazioni interpersonali, grazie allo strumento della Living Library (biblioteca vivente). Durante questi dieci giorni abbiamo preparato diverse attività e giochi per aiutarli a sentirsi a proprio agio ed esprimersi. L’evento finale è stato un successo e tutti erano contenti di ciò che abbiamo realizzato insieme.

“Volevo che fosse un progetto che aiutasse le persone a connettersi con i propri sentimenti ed emozioni, i propri bisogni e con gli altri. Sono davvero felice che ci siamo riusciti”. – Sara, volontaria SCI Italia.

Oltre a tutte le competenze che mi ha dato lavorare a questo progetto, mi è piaciuto molto essere in contatto con i partecipanti e conoscerli. Il loro entusiasmo è stato prezioso e mi ha fatto venire voglia di rivivere un’esperienza simile. L’orgoglio che ne traggo è ancora intatto.

 

Coordinator training

Grazie all’anno trascorso con l’organizzazione, ci è stata data l’opportunità di seguire la formazione per diventare coordinatori dal 20 al 22 maggio. Infatti, SCI Italia offre formazione per partecipare o coordinare un campo di volontariato. Queste sessioni di formazione sono disponibili per tutti. Attraverso attività di educazione non formale, abbiamo approfondito le nostre competenze nella comunicazione non violenta e nella gestione dei conflitti, che credo siano concetti fondamentali. Questo mi ha aiutato molto poiché mi ha permesso di rafforzare la mia conoscenza dello SCI e di comprendere meglio il corso di un campo di volontariato.

 

Insomma

Ci sono ancora così tante cose di cui potrei parlare perché in 10 mesi ho avuto il tempo di fare 1001 cose. Attraverso questa testimonianza, vorrei ringraziare tutto il team SCI e LCU, in particolare Marta, la mia partner di comunicazione per avermi trasmesso le sue conoscenze e la sua fiducia, Dora per aver svolto meravigliosamente il suo ruolo di coordinatrice essendo sempre presente per noi, Laurie, per la sua positività e la sua benevolenza, Fabrizio per il suo ascolto e il suo confortante sostegno, le mie coinquiline Marie, Lila, Sara e Tenna per aver condiviso, le mie risate, le mie lacrime, le mie delusioni, le mie gioie… La mia mentor Sara, per il tempo passato insieme, i miei amici per la loro immancabile presenza e tutti gli incontri meravigliosi che ho avuto per permettermi di vivere un anno incredibile, ricco di ricordi indimenticabili. Le parole non basteranno mai per descrivere tutto ciò che questi 10 mesi mi hanno regalato. Quel che è certo è che il mio impegno con lo SCI non si ferma ora. Oggi questi 10 mesi di volontariato con SCI Italia sono finiti ma tornerò in Italia a fine agosto per coordinare un campo in Piemonte. Non vedo l’ora!