fbpx

The Gender Effect: Corso di formazione sull’educazione di genere

 

Il progetto “The Gender Effect” è stato il corso di formazione internazionale sull’educazione di genere. Per una settimana, 27 giovani provenienti da tutta Europa e non solo si sono incontrati per esplorare, imparare e sviluppare competenze nei vari aspetti legati al tema del genere. L’obiettivo era quello di migliorare le competenze dei partecipanti sull’identificazione della violenza di genere e sulla discriminazione in tutte le forme, nonché il modo di reagire ad esse.

Per saperne di più su “The Gender Effect”, abbiamo chiesto a Thomas, uno dei facilitatori e coordinatori della formazione, circa il suo scopo. Ha spiegato come pochi anni fa, è stata pubblicata una ricerca sulla discriminazione di genere all’interno dei campi di volontariato SCI, che ha mostrato i molti modi in cui l’oppressione di genere/ discriminazione/ violenza/ ecc. esistono ancora all’interno dei nostri progetti.

“Spesso pensiamo che la SCI sia un luogo sicuro per tutti, che riuniamo persone provenienti da contesti diversi, li facciamo incontrare e creiamo una cultura di pace. Ci siamo resi conto attraverso la ricerca che c’è ancora sessismo, omofobia, transfobia all’interno dei nostri campi di volontariato e dei nostri progetti di volontariato. Abbiamo creato questa formazione per contrastare questo e per creare uno spazio in cui le persone provenienti da SCI vengono educati sul genere e trovare mutuals per combattere queste discriminazioni“, ha detto.

Inoltre, durante la formazione, i partecipanti hanno conosciuto, creato e provato diversi metodi attraverso diversi seminari, workshops, dibattiti ecc… Zana, rappresentante di GAIA Kosovo, ci ha parlato delle sua attività preferita: La Mostra silenziosa: “Abbiamo avuto l’opportunità di camminare per la stanza mentre rispondevamo in silenzio a diverse domande sulla carta, abbiamo visto alcuni video informativi, brevi documentari e altri contenuti” ci commenta.

Visita al centro sociale trans-femminista: Auro E Marco

Durante la formazione, i partecipanti hanno avuto l’opportunità di visitare Auro E Marco – un centro sociale nel sud di Roma in cui i locali lavorano su vari argomenti, ma con particolare attenzione alle questioni di genere e LGBTQIA +. Zana ci spiega: “Siamo andati a visitare una comunità trans-femminista dove hanno spiegato l’area in cui vivono, come hanno creato qualcosa da soli e hanno fatto qualcosa per la comunità per sentirsi liberi. Hanno una piccola biblioteca con diversi tipi di libri femministi ed è stato molto bello sentire l’intero processo di come sono arrivati al punto in cui sono ora.”

Il workshop pubblico

La sera del 14 aprile, la formazione è culminata con un evento pubblico, chiamato “Let’s talk about the gender”, coordinato dagli stessi partecipanti negli spazi de “La Città dell’Utopia” a Roma. Qui, i partecipanti hanno discusso i contenuti della formazione, includendo la creatività degli ospiti nelle loro attività. Più specificamente, i partecipanti hanno creato e designato diverse parole relative al tema del genere a più squadre. È stato poi compito delle diverse squadre illustrare la loro parola specifica attraverso un’immagine utilizzando l’ambiente circostante e poi indovinare le parole delle altre squadre. Ha creato un sacco di discussioni produttive intorno al tema, la consapevolezza per i nuovi arrivati, nonché per le persone con esperienza e non meno risate tra i partecipanti e il quartiere locale.

The Gender Effect è un progetto del Servizio Civile Internazionale Italia in collaborazione con CVS Bulgaria, INEX, GAIA, SCI Germany, SCI Austria, SCI Catalunya, SCI France, VSI Ireland, Volonterski Centar Vojvodine, AYA Volunteer Center, PVN Albania, ISKRA, OWA Polonia e SSD Jordan e cofinanziato dal programma Erasmus+ dell’Unione europea, supportato dall’Agenzia Nazionale italiana.