fbpx

RaccontiamoSCI: Intervista ad Alessio Alberti

Mi sono iscritto al Servizio Civile Internazionale nel 2014, a 25 anni. Già avevo alle spalle alcune esperienze nel campo del volontariato, e tramite l’università a Milano sono entrato in contatto con la realtà dello SCI Italia.

Diversi i minicampi e le iniziative a cui ho partecipato in questi anni: dalla sistemazione e pulizia di una cascina nell’Oltrepò, alla tinteggiatura di un centro sociale nella periferia milanese, da conferenze su temi come la violenza sulle donne o le migrazioni nel mondo, a incontri nella nostra sede milanese in viale Suzzani con chi tra noi ha svolto campi di volontariato in giro per il mondo.

In ognuna di queste occasioni ho avuto la fortuna di incontrare e conoscere nuove persone, con punti di vista talvolta anche differenti dai miei, ma sempre guidate dalla ricerca di un bene comune da concretizzarsi con progetti di volontariato e di civismo impegnato nella società. La vera ricchezza dello SCI sono le persone, i volontari che riescono col loro piccolo, ma fondamentale contributo a fare davvero la differenza mentre cercano di migliorare il pezzo di mondo in cui si trovano ad operare.

Per questo sono stato molto contento quando nella mia città natale in Brianza siamo riusciti ad organizzare un weekend di formazione per i volontari, uno di quelli che ogni anno lo SCI organizza sul territorio nazionale per preparare ragazze e ragazzi ad affrontare un campo di volontariato in giro per il mondo, in contesti spesso difficili e in realtà talvolta lontane dalla nostra quotidianità, nel nord e nel sud del globo.

Il Servizio Civile Internazionale nel 2020 compie 100 anni, un secolo di campi di volontariato in tutto il mondo. Il periodo di emergenza che stiamo vivendo ci ha fatto comprendere ancor più quanto la famiglia umana sia una sola, e quanto con il nostro contributo possiamo aiutare gli altri a rendere questo pianeta un luogo migliore dove vivere tutti, in pace e in armonia. La bellezza del donarsi gratuitamente rappresenta l’elemento distintivo nell’operato dello SCI. Una funzione così preziosa quella svolta da questa realtà che non posso che dire grazie ai volontari che in ogni tempo e in ogni luogo hanno fatto e faranno il Servizio Civile Internazionale.

Ci vediamo presto, in Italia e nel mondo!