fbpx

L’esperienza ESC di Hasna: Un anno di volontariato in Belgio presso il Segretariato Internazionale

 

 

Hasna è stata volontaria attraverso il programma European Solidarity Corps dell’Unione Europea inviata da SCI Italia lo scorso anno. Ha lavorato per un anno presso l’ufficio internazionale del nostro network sci.ngo ad Anversa (Belgio). Attraverso questa intervista, Hasna ci riporta indietro nel tempo per raccontarci la sua esperienza.

 

Intervista condotta in inglese da Tenna Sørensen e trascritta da Carole Corbeau.

 

– Anzitutto, potresti presentarti?

Sono Hasna, vengo dall’Italia, dalla provincia di Macerata nelle Marche, vengo da un background di immigrati. Sono nata in Marocco, quando avevo 5 anni e poi mi sono trasferita in Italia. Quindi mi considero sia marocchina che italiana. Ho fatto tutti i miei studi qui, in Italia. Ho studiato giurisprudenza. Poi e dopo un periodo complesso avevo bisogno di un cambiamento. Penso che stare a Macerata non mi stesse davvero aiutando a causa, ad esempio, della mentalità della mia famiglia: Vengo da una famiglia musulmana dove non puoi sfogarti, non si viaggia molto… Devi chiedere in anticipo, e mostrare loro i piani A, B e C. È stato un grande sforzo per me perché ho uno spirito più libero. Fondamentalmente, avevo bisogno di uscire dalla cerchia familiare per salvare la mia salute mentale. Non mi sono ancora laureata all’Università. Al momento mi sto prendendo una pausa e spero di tornare a studiare.

 

– Puoi parlarmi della tua esperienza come volontario?  

Sulla mia esperienza, i miei compiti erano l’implementazione di progetti, l’assistenza, la comunicazione con i partecipanti, la raccolta di informazioni, la comunicazione con le branche e i partners e la logistica su basi internazionali.

I miei obiettivi principali erano seguire due progetti. Uno era “From Dreams to Actions”, sull’idea di pace, su come la pace sia coordinata in diversi aspetti ma allo stesso tempo su questioni politiche. Il mio ruolo era quello di gestire la comunicazione con i partecipanti per essere in contatto con i formatori e le persone parte del progetto. Avrei dovuto essere presente. Ma sfortunatamente, è stato spostato online. Uno dei risultati di questo progetto sono le carte della pace SCI che abbiamo creato.

Poi ho partecipato a “Grassroot Project” (di cui SCI Italia è anche partner). Ci sono diversi argomenti in questo progetto che sono la decolonizzazione, la giustizia climatica e di genere. Per ogni argomento abbiamo creato un gruppo. Ad esempio, nel gruppo di genere abbiamo creato un toolkit di genere dal punto di vista africano. Avevamo già un toolkit di genere nel movimento SCI. Lo abbiamo adattato da una prospettiva africana con molti partecipanti africani, l’ho guidato e coordinato. Ho seguito tutti i viaggi e tutte le piccole cose intorno.

Un altro dei miei compiti principali mi è piaciuto molto, è stata l’email info.

Ultimo ma non meno importante, se ho visto un progetto cool a cui volevo partecipare, ho chiesto ai miei collaboratori se era possibile e mi hanno permesso di farlo. Grazie ad esso, sono andata a un seminario in Germania e ho coordinato la Peace Week in Catalogna sulla fobia LGTBQ+.

 

– Mi diresti di più sul luogo dove lavoravi : the international secretariat?

La Segretaria Internazionale non è una filiale ne un partner. Cerca di collegare tutti i movimenti seguendo le linee guida dell’international secretariat. A quel tempo c’era Alena che era la mia coordinatrice, il resto dello staff: Pierrette, Claudia, Chantal e gli altri volontari. E ‘un bel posto e un ufficio fresco. Sono ancora in contatto con loro.

 

 

– Perché hai fatto il tuo ESC con SCI?

La mia motivazione principale con SCI è perché ho iniziato a partecipare ai suoi seminari nel 2019, proprio a “La Città dell’Utopia” e poi ho continuato a essere in contatto con lo SCI e ho persino coordinato uno scambio giovanile nel 2019. Volevo fare di più, ma poi, naturalmente, prima di finire gli studi il COVID è arrivato ed è stato un po’ difficile. Mi sono trovata nello SCI in 2019 e ho visto che quel posto era per me. Sai quando entri da qualche parte e ti senti come a casa, è così che mi sentivo. SCI mi ha aiutato in qualche modo a capire cosa voglio fare nella vita. Il sistema educativo non era fatto per me, ma ho ottenuto così tante conoscenze e sono cresciuta così tanto professionalmente grazie all’educazione non-formale. 

Mi ha aiutato molto mostrare chiaramente cosa voglio fare. Le mie motivazioni principali erano conoscere meglio lo SCI per vedere come funzionano i progetti. Perché alla fine li vediamo, ma non quello che c’è dietro. Volevo sapere come funziona il network tra comunità diverse che fanno parte della stessa famiglia.

 

– Come ha contribuito SCI per aiutarti a sapere cosa vuoi fare?

Quando ho partecipato al seminario, riguardava la giustizia climatica e il modo in cui è collegata al modo in cui mangiamo e alla discriminazione, che sono stati argomenti molto importanti che ho intrecciato in tutta la mia vita. Da bambina, ho sempre voluto proteggere le persone a cui mancavano le risorse. Ho visto quanto grande fosse l’impatto del seminario su di me e sui partecipanti. Hanno creato questo incredibile toolkit e libro di cucina e io ero come “Wow, questo è come posso anche aiutare altre persone nella loro vita”. Non penso di poter cambiare il mondo ma penso di poter avere un impatto positivo su di esso (o negativo, non si sa mai).

Quando ho coordinato lo scambio giovanile, tutto è venuto naturalmente. Ero in grado di farlo e mi stavo divertendo molto. Voglio essere una trainer professionista e coordinatrice di campi di volontaraito. Voglio creare i miei progetti e cercare finanziamenti. Questo è ciò su cui sto lavorando.

 

– Consiglieresti questa esperienza a qualcun’altro e se sì, perché?

Vedo il livello di impegno da un volontario ad un altro, e dipende da come ti piace il lavoro che stai per fare. Ma allo stesso tempo, ha avuto un impatto positivo su di me mostrando che ero capace di fare qualcosa, mi ha aiutato a connettermi con persone che pensano come me. Altre persone potrebbero avere un’esperienza più negativa, realizzando che “Questo non è quello che voglio fare” è ancora positivo, è un anno in cui le persone possono realizzare così tanto di se stessi in così tanti aspetti diversi, non solo professionalmente. Ho imparato così tante cose su di me che non sarei stato in grado di farlo se fossi rimasto a Macerata, per esempio.

Suggerirei alla gente prendersi un anno all’estero. Facendo qualunque cosa vorrebbero fare: volontariato nelle organizzazioni di pace, a scuola, nelle feste…

 

– Puoi parlarmi di un momento particolare che si è distinto durante la tua esperienza?  

Ci sono stati così tanti momenti speciali. Questo è stato il mio primo anno senza i miei genitori. Sono musulmana. C’era Ramadan quest’anno e ho scoperto che c’erano altri volontari musulmani nell’appartamento dove mi trovavo. Così l’abbiamo fatto insieme. Il Ramadan dà vibrazioni natalizie, ma è per un mese. Durante questo periodo ci sono tutti quei principi di unità, di stare insieme, festeggiare, pensare di più alla tua vita, buone azioni… Così abbiamo passato il Ramadan insieme. Questo non significa che eravamo solo noi due soli, l’intera casa ha finito per partecipare attivamente, il che significa che avremmo ogni giorno un compito insieme, avremmo cucinare per tutti, altri volontari al di fuori SCI che sapevamo uniti un paio di volte. Per me questo mese ha portato questo tipo di unità, è stato un momento così legato per tutti. È qualcosa che non dimenticherò mai. E anche i volontari non musulmani hanno voluto sperimentare il tutto ed è così che hanno digiunato con noi. Che da un punto di vista esterno potrebbe essere come non rispettare la cultura. Ma per noi è stato bello, volevano sapere come ci si sente davvero, anche se non lo sanno davvero, almeno ci hanno provato.

 

– E adesso che fai?

Lavoro con la Croce Rossa come assistente sociale in un centro di emergenza per persone in fuga dall’Ucraina. Mi piace, c’è sempre un sacco di adrenalina quindi mi piace.

 

 

SCI Italia, in quanto a organizzazione di invio di progetti ESC, ti accompagnerà in tutto il percorso in caso vorresti vivere una esperienza di volontariato attraverso questo programma.

Hai dei dubbi? Contattaci via e-mail all’indirizzo esc@sci-italia.it o chiamaci in ufficio dal lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 17.00, al numero 346 5019990.