fbpx

Studiare le migrazioni attraverso il volontariato: testimonianza da un campo

Pubblichiamo la testimonianza di Angela e Giulia, due volontarie che lo scorso settembre hanno preso parte al campo di volontariato internazionale “Migration studycamp: Entre[Terres]” a Barcellona.

Ci presentiamo: siamo Angela e Giulia, rispettivamente una ragazza veneta di 23 anni, educatrice e aspirante assistente sociale, e una picciotta siciliana di 24 anni, studentessa esportata a Lisbona. Tutt’e due interessate al tema della migrazione e dell’interculturalità, ci siamo conosciute nell’estate 2017 allo scambio giovanile in Catalunya “Open Borders for Diversity” organizzato da SCI.

Dalla condivisione dell’esperienza del campo è nata la nostra amicizia che, nonostante la distanza (2000 km), abbiamo continuato a coltivare grazie alle affinità e agli interessi comuni.

Appena si è ripresentata l’occasione di candidarsi ad un nuovo campo su questi temi, non abbiamo esitato a tuffarci dentro questa nuova avventura.

Così, il 19 di settembre ci siamo riviste all’aeroporto di Barcellona, nello stesso luogo dove ci eravamo incontrate per la prima volta, ignare di ciò che ci aspettava.

Dopo essere state accolte nella sede dello SCI Catalunya, abbiamo conosciuto gli altri partecipanti del Migration studycamp: Entre[Terres]. Ci siamo ritrovate in un gruppo multietnico formato da giovani provenienti da Russia, Portogallo, Corea del Sud, Danimarca, Kurdistan, Belgio, Palestina, Spagna, accomunati dalla curiosità, ma soprattutto dalla volontà di approfondire la migrazione nei suoi vari aspetti.

Il campo di studio era diviso in 5 tipi di attività: momenti di presentazione e valutazione; approfondimenti specifici sui servizi inerenti la migrazione nel territorio; lezioni teoriche tenute da esperti in alcune tematiche della migrazione, quali le frontiere del Mediterraneo e spagnole, il teatro dell’oppresso, la prospettiva del genere, le politiche migratorie spagnole, l’islamofobia; dibattiti e riflessioni all’interno dibattiti e riflessioni del gruppo; workshop Entre[terres], ovvero un laboratorio che ci ha messo in gioco nell’elaborazione di un nuovo strumento per le scuole per sensibilizzare al tema.

In realtà, prima del nostro arrivo è stato richiesto a ognuno di noi di preparare una presentazione sulla situazione attuale migratoria del paese di appartenenza, come primo step di quello che sarebbe stato un continuo scambio di esperienze e conoscenze.

Durante i 10 giorni di permanenza abbiamo dormito in un appartamento in pieno Barrio Gotico a un quarto d’ora a piedi dall’ufficio dello SCI Catalunya (Raval) dove si svolgevano le attività del campo. Essendo un campo di volontari, una delle varie sfide che abbiamo dovuto affrontare è stata la gestione e la condivisione della casa e dei pasti. Anche questa è stato un’occasione di scambio che ci ha arricchito e insegnato a rispettare le abitudini diverse di ognuno.

Non solo abbiamo avuto la possibilità di convivere con un gruppo interculturale ma allo stesso tempo l’opportunità di vivere la città di Barcellona che ci ha ospitato in quei giorni, infatti proprio nello stesso periodo abbiamo vissuto la contestazione dei cittadini catalani e abbiamo anche partecipato alla festa principale della città: La Mercé.

Questo secondo campo ci ha confermato il fatto che non solo partire ti arricchisce a livello di conoscenze ma anche ti aiuta a crescere a livello umano grazie all’esperienza che vivi. Grazie al campo ognuno di noi ha imparato qualcosa dagli altri e ha cominciato a farsi nuove domande, guardando il mondo da un’altra prospettiva.

Ciò che ci portiamo nel cuore di questo campo è la scoperta che ci si può sentire un gruppo omogeneo nonostante le diversità, se liberi di esprimerci e rispettati per le proprie idee.

Non vediamo l’ora di partecipare la prossima estate ad un altro campo insieme!