fbpx

Brezita, Tabata, Vesna e Ariane – Le nuove volontarie internazionale di lungo termine con SCI Italia

Un mese fa, sono arrivate le nuove volontarie di lungo termine attraverso il programma “European Solidarity Corps” e “Service Civique Francia” che supporteranno l’ufficio SCI-Italia e il progetto “La Città dell’Utopia” insieme agli attivisti, volontarie e il resto dello staff.

Da sinistra a destra: Vesna, Brezita, Ariane e Tabata

Mi chiamo Brezita, ho 24 anni e sono albanese dal Kosovo. Sono una delle nuove volontarie per il progetto “La Città dell’Utopia”. Ho avuto conoscenza del progetto attraverso Gaia Kosovo” che è la branca kosovara del Service Civil International” e sono arrivata attraverso il programma “European Solidarity Corps” dell’Unione Europea. La mia prima esperienza con il network SCI è stata uno scambio giovanile (Youth Exchange) in un monastero serbo nel 2017. Poi ho partecipato in diversi eventi, trainings, campi di volontariato e ho anche coordinato un campo. Ho finito la mia laurea triennale dopo uno scambio universitario in Inghilterra e questi ultimi anni, ho studiato antropologia e ho fatto dei lavori di ricerca. Le attività dello SCI in Kosovo mi piacciono tanto perché mi sembra che emancipa la gioventù nella conoscenza delle questioni ambiatali e culturali. È una delle ragioni perché ero interessata a fare un volontariato di lungo termine e quando ho visto la call per il progetto de “La Città dell’Utopia” ho pensato che era un progetto interessante.  Cercando di fare qualcosa di diverso, ho trovato delle pubblicazioni delle scorse volontarie che me hanno dato la voglia di raggiungere il progetto. Ho sempre voluto avere un’esperienza di volontaria all’estero con un gruppo internazionale.

È una buona opportunità per vivere all’estero, uscire della mia bolla e dei libri per incontrare nuove persone, nuove culture e condividere la mia. Sono curiosa, voglio sapere come la gente vive, quale sono le loro tradizione. Penso che sia importante dare a tutti l’opportunità di condividere la sua cultura, le cose belle e le cose brutte, è anche un buon mezzo per lottare contro il razzismo. Fare un volontariato, secondo me, è uno delle migliore maniere di essere d’utilità alla società e a me. Voglio aiutare in tutti i settori che posso, provo sempre di fare l’ottimo ! Mi piace di poter fare un legame fra l’antropologia e il volontariato perché i due favoriscono l’esplorazione di altre culture, il lavoro con le popolazione migrante, l’interesso per il cibo. Mi piace anche la possibilità di condividere i pranzi e cucinare per gli altri come durante i mercati.

La prima impressione che ho avuto de “La Città dell’Utopia” era che c’è tanto lavoro da fare ! Il luogo sembra tranquillo, rilassato e questo penso sia un buono e cattivo nello stesso tempo. Quest’anno spero fare conoscere il progetto al pubblico locale e internazionale e dare la voglia di partecipare. Non vedo l’ora d’insegnare l’inglese, cucinare per gli altri e organizzare degli eventi. Voglio aiutare tutti, senza sguardo sulle opinioni politiche o religiose. Il mio sfido maggiore sarà la mia sensibilità e sarà anche di sorpassare le differenze culturale che possono essere pesante. Per esempio, ho un po’ di male con il rumore o con mangiare troppo tardi. Tuttavia, so che posso contare sul mio impegno e la mia empatia verso gli altri.

 

Mi chiamo Tabata, ho 29 anni e sono una delle nuove volontarie del progetto de “La Città dell’Utopia”. Parteciperò alla comunicazione de “La Città dell’Utopia” e nella manutenzione di questo luogo. Ho sentito parlare di questo progetto attraverso lo SCI Madrid dove sono andata da quattro anni per dare delle lezioni di spagnolo a delle persone migrante. Poi, ho mandato la mia candidatura attraverso il Corpo Europeo di Solidarietà. Volevo cambiare di percorso perché ho fatto la magistrale in scienze politiche e migrazioni ma non avevo troppa esperienza pratica in quest’universo… Nel futuro mi piacerebbe lavorare per un organizzazione non profit. Non ho mai fatto della comunicazione quindi sono molto contenta d’imparare una nuova cosa. Ho tanta esperienza nel insegno delle lingue perché le ho insegnato da quando avevo 16 anni. Ho l’abitudine di vivere all’estero perché ho vissuto nei Stati-Uniti insegnando lo spagnolo e in Svezia per la mia laurea magistrale. Sono anche stata assistente di volo. Sono spagnola , parlo inglese e ho delle conoscenze in tedesco e svedese. Mi piacerebbe parlare un buon italiano alla fine dell’anno.

Non vedo l’ora di lavorare sul progetto e l’identità visuale de “La Città dell’Utopia”. Spero di aiutare con le mie conoscenze in migrazioni e politica. Voglio anche portare le mie capacità di mediazione e la mia calma. La sfida più grande per me sarà la vita in comunità perché sono molto indipendente e mi piace separare vita privata e “professionale”. Provo di essere una persona positiva. Il luogo di vita potrebbe essere meglio ma sono contenta di avere delle coinquiline che condividono lo stesso senso di pulizia.

La mia prima impressione che ho avuto de “La Città dell’Utopia” è quella di un luogo tranquillo dove trovi gente molto gentile e simpatica. Sono molto contenta ora perché sto facendo qualcosa che non ho mai fatto e voglio avere la più ottima esperienze possibile !

 

Mi chiamo Vesna e ho 27 anni. Vengo dalla Serbia. Sono una delle nuove volontare per il progetto de “La Città dell’Utopia”. Sono venuta qui con il programma del “Corpo Europeo di Solidarietà” e la mia organizzazione d’invio è Volonterski Centar Vojvodine” (branca SCI in Serbia). Sarò responsabile della comunicazione sui social media, organizzazione e partecipazione a festival e scrittura di articoli e newsletter. Ho sentito parlare del progetto attraverso la mia organizzazione d’invio, dal momento che ero in liste e-mail. Volevo andare in Italia perché ho studiato la lingua italiana alla Facoltà di Filologia e volevo anche sperimentare il lavoro delle ONG in un paese diverso dalla Serbia. La mia esperienza di volontariato e attivista è iniziata sette anni fa quando ho iniziato i miei studi e ho iniziato a fare volontariato nel settore delle ONG, volevo essere attivo per la mia nuova città e non solo andare e venire all’università.

Ho capito l’importanza del volontariato perché potevo vedere il cambiamento che il mio lavoro ha portato, non importa che tipo di lavoro ho fatto. Ho anche incontrato molte persone entusiaste, mi ha dato energia, mi sentivo meglio e più ricco come individuo. Ho sperimentato progetti ecologici, progetti educativi non formali, insegnamento... La mia prima esperienza di volontariato con SCI è stata nel 2017 in un campo di volontariato chiamato “Balkan Myths Busters”, che aveva lo scopo di distruggere gli stereotipi e dare la possibilità ai giovani del Kosovo e della Serbia di scambiare. È stato un evento fondamentale nella mia vita, allo stesso tempo doloroso e grande. Ho imparato con tutta quell’esperienza che anche se non potete cambiare il mondo facilmente potete contribuire a cambiare dove vivete, in una scala più piccola. Ho molta esperienza nel campo dell’insegnamento da quando ho dato lezioni italiane e serbe già da molto tempo. Imparare una nuova lingua e interessarsi ad altre culture è un modo per essere una persona migliore e di mentalità aperta. Insegno italiano e serbo online e farò volentieri lo stesso a “La Città dell’Utopia”. Spero di poter aiutare e dare strumenti ad altri volontari che non hanno alcuna esperienza per insegnare le loro lingue. La mia porta è aperta per loro !

I miei primi giorni qui sono stati un po’ caotici poiché i ruoli non sembrano essere chiaramente definiti. Mi piace molto stare fuori quindi sono davvero desiderosa di partecipare ad attività come mercati, aperitivi, il No Border fest”… Temo un po’ di essere bloccato in ufficio poiché mi piace essere attivo. Desidero sperimentare la gestione dei progetti e spero di imparare a gestire gli scambi giovanili, i campi di volontariato, i festival e guadagnare indipendenza, potendo creare progetti come questo sul mio futuro. Spero di conoscere meglio cosa c’è dietro la scena, come organizzare e gestire progetti a breve termine. Ho molta energia da dare !

 

Mi chiamo Ariane e ho 21 anni. Quest’anno parteciperò supportando la comunicazione dello SCI Italia. Voglio anche aiutare nei progetti di “La Città dell’Utopia” perché, anche se mi piace scrivere, vorrei anche fare compiti più pratici in questo luogo. Amo incontrare nuove persone e cercare di fare cose nuove. Sono una ragazza francese e ho trovato la call attraverso il “Service Civique” in Francia. Questa è la prima volta che faccio volontariato. Ho voluto fare una pausa di studio. I miei studi hanno cominciato ad essere soffocanti e un po’ troppo teorici. Non ho più capito chi sono. Studio l’italiano dalle scuole medie e voglio migliorarlo. Sono anche molto interessata alla cultura italiana. Spero di conoscermi meglio con questo volontariato, sulla mia personalità, le mie capacità… In effetti, fare cose che hanno un senso, fare cose sapendo perché le faccio è importante per me. Questo è uno dei motivi per cui ho scelto di partecipare a un’organizzazione come SCI piuttosto che lavorare solo un lavoro “normale”. Penso che sono molto energico e appassionato, ma un po’ impaziente così facendo la comunicazione sarà un po’ di una sfida.

Il primo pensiero che ho avuto arrivando a “La Città dell’Utopia” è stato che sarà un grande cambiamento. Cambiamento a causa del nuovo ambiente che è più difficile da affrontare con quello a cui sono abituato. Io e i miei coinquilini avevamo un sacco di cose da fare per le pulizie. Cambiare perché c’era questa atmosfera galleggiante che viene con nuovi inizi, non sono già pronto a fare le cose da solo e non sono sicuro di cosa fare (anche perché il mio compagno di squadra era un po’ occupato). Comunque i primi compiti concreti che ho fatto sono stati molto interessanti. Ho intervistato Thanh una giovane ragazza che ha partecipato a due campi di volontariato questa estate ed è stato un bellissimo incontro. Ho anche aiutato nel mercato terra terra che si svolgono il terzo sabato del mese dove ho cucinato cibo biologico per condividere. Ho anche incontrato l’associazione Laboratorio 53 che è il suo gruppo multiculturale viene ogni settimana a “La Città dell’Utopia”. Ho anche letto un sacco di documenti su SCI e come comunicare. Ho imparato molto sul rispetto di una dignità e non trasmettere opinioni stereotipate di altre culture. Spero di imparare molto di più su questo ed essere in grado di trasmettere altre esperienze abbastanza attraverso la mia scrittura. Spero che quest’anno crescerò come individuo e come membro della società !