fbpx

Promozione culturale e coesione sociale: un campo in Sudafrica

Promozione culturale e coesione sociale: un campo in Sudafrica

promozione culturale coesione sociale volontariato sudafricaIl Campo

Dal 6 al 19 maggio 2019 un campo di volontariato in Sudafrica dedicato alla promozione culturale e alla coesione sociale, organizzato dal nostro partner SAVWA.

L’associazione SAVWA si occupa di preservare, sviluppare e promuovere il patrimonio culturale e linguistico del Sudafrica. In particolare, il lavoro viene svolto attraverso iniziative dedicate alla promozione culturale e alla coesione sociale, al fine di partecipare attivamente alle trasformazioni in corso nel paese. In aggiunta a questo, SAVWA promuove l’accesso alle informazioni attraverso la creazione e gestione di sistemi di archiviazione dati e s’impegna concretamente nella diffusione di eventi artistici e culturali.

Attività

I/le volontari/e verranno coinvolti in attività manuali come la conservazione delle sculture e la manutenzione generale dell’area.
Questo campo è un’opportunità per imparare tecniche artistiche e condividere attività di promozione culturale, realizzare piccoli prodotti di bigiotteria con i materiali locali, conoscere la storia del Sudafrica ed entrare in contatto con la comunità ospitante.

La parte studio è dedicata alla conoscenza dell’arte e della cultura del Sudafrica, le sue origini e le sue trasformazioni attraverso le nuove generazioni.

Alloggio

I/le volontari/e alloggeranno in tenda presso il camping della Fountains Valley. Ai/lle partecipanti è richiesto di portare il proprio sacco a pelo. L’alloggio è dotato di bagno, doccia ed acqua corrente ma non di elettricità.
Sono consigliati abiti caldi per la sera, crema solare, spray antizanzare, sandali, guanti da lavoro e scarpe chiuse per alcune attività. Possono essere utili giacche per la pioggia e torce da lavoro.
La comunità ospitante è uno spazio multiculturale in cui l’inglese è la lingua prevalentemente parlata insieme allo Sotho, Zulu e Tshwana.

Leggi la scheda completa del campo.

Questo progetto fa parte dei programmi Nord/Sud. I volontari devono avere almeno 20 anni e aver preso parte alle formazioni (primo incontro e 2 livello) di preparazione organizzate dallo SCI Italia.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Sud del mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Sviluppo ecosostenibile e solidarietà: un campo di volontariato in Mongolia

Sviluppo ecosostenibile e solidarietà: un campo di volontariato in Mongolia

sviluppo ecosostenibile mongolia campo di volontariato internazionaleIl Campo

Dal 19 Maggio al 1 Giugno 2019 un campo di volontariato in Mongolia per praticare l’ecologismo e collaborare allo sviluppo ecosostenibile delle campagne. I raccolti verranno donati a famiglie locali in difficoltà economica.

Durante l’ultimo anno abbiamo lavorato sulle strutture della fattoria e meno sui metodi di coltivazione. Così, guardando al nostro lavoro, abbiamo capito di dover migliorare i nostri metodi di lavorare della terra per aumentare la produttività e allo stesso tempo potenziare il nostro approccio ecosostenibile. In particolare, le persone del luogo lavorano molto duramente in estate ma il raccolto autunnale non è mai sufficiente! Per questi motivi abbiamo intenzione di usare la nostra fattoria come un centro dedicato alla popolazione locale dove insegnare e migliorare metodologie di sviluppo ecosostenibile per la coltivazione della terra. Il nostro desiderio è aumentare i raccolti e ridurre le terre coltivate. I/le volontari/e lavoreranno sia nella coltivazione ecologica che nel centro formativo. Le i prodotti ricavati dal lavoro collettivo verranno donati alle famiglie locali in difficoltà economica.

Attività

I/le volontari/e partecipanti sanno impegnati/e nella coltivazione della terra ed in mansioni inerenti come la produzione di compost e la creazione di canali d’irrigazione.

Come parte studio verranno approfonditi i metodi in uso per coltivare in maniera ecosostenibile, scambiandosi conoscenze e pratiche a seconda dei paesi di provenienza.

Alloggio

I/le volontari/e alloggeranno in una casa estiva o in una tenda tradizionale mongola. Il gruppo si organizzerà in turni per la preparazione dei pasti insieme allo staff locale.

La lingua del campo è l’inglese. Se non parli inglese, non preoccuparti! Molti volontari/e partecipano ai campi per migliorare il proprio inglese.

Leggi la scheda completa del campo.

Leggi una testimonianza da un campo in Mongolia.

Questo progetto fa parte dei programmi Nord/Sud. I volontari devono avere almeno 20 anni e aver preso parte alle formazioni (primo incontro e 2 livello) di preparazione organizzate dallo SCI Italia.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Sud del mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Natale solidale e inclusione sociale: regala TuttInclusi!

Natale solidale e inclusione sociale: regala TuttInclusi!

natale solidale TuttInclusi boscoLa nostra prima campagna natalizia

Per la prima volta il Servizio Civile Internazionale (SCI Italia) si lancia nell’avventura di una campagna di raccolta fondi per promuovere un Natale solidale. Una grande sfida in cui la nostra associazione sta mettendo energia e passione per sostenere una delle azioni più d’impatto che porta avanti: il programma TuttInclusi.
Negli ultimi anni le possibilità di ottenere finanziamenti pubblici per promuovere azioni come TuttInclusi sono drasticamente diminuite. Inoltre non ricorriamo a fondazioni bancarie e aziende private che non diano garanzie rispetto al coinvolgimento nell’industria bellica. Per queste ragioni sperimentiamo nuove fonti di finanziamento con l’obiettivo di renderci sempre più indipendenti.

Il sostegno di amiche e amici, soci e simpatizzanti dello SCI è quindi assolutamente necessario!

Natale solidale TuttInclusiPerché sostenere il programma “TuttInclusi”

Da tre anni organizziamo la partecipazione di persone a rischio marginalità sociale, giovani messi alla prova, rifugiati, richiedenti asilo e minori non accompagnati a progetti internazionali come i campi di volontariato e gli scambi giovanili.

Il risultato positivo è testimoniato dai beneficiari di queste azioni quanto dagli enti che lavorano per/con essi. Le persone che partecipano si sentono infatti autonome e attive, spesso per la prima volta, e non soggetti da aiutare ed integrare. Ad esempio, nelle due settimane che condividono con gli altri volontari, non sono affiancati da operatori o mediatori ma trattati “alla pari”. Inoltre,  il loro “status” di “inclusi” non è dichiarato al resto del gruppo. Questo permette relazioni paritarie, sincere e spesso durature al di là del pregiudizio e del sentimento caritatevole.
In molti casi, la rete che si intesse e la sensazione di poter esser elemento attivo parte della comunità si riflettono positivamente sul contesto a cui il partecipante fa ritorno dopo la fine dell’esperienza specifica. Ed è questa la forza principale di TuttInclusi.

Il programma prevede ovviamente che i partecipanti siano attentamente accompagnati in un percorso che precede l’attività del campo di volontariato o scambio giovanile e poi seguiti “a distanza” durante il progetto da chi li ha accompagnati, dallo SCI-Italia e dagli enti d’invio, e “in loco” dal coordinatore del campo e dall’associazione ospitante. I costi per il partecipante sono tutti coperti.

L’inclusione sociale si costruisce insieme

La buona riuscita del programma è il risultato di un grande lavoro di coordinamento fra l’ente di invio, lo SCI e l’ente di recezione. È grazie all’opera collettiva che questa meravigliosa opportunità esiste. Le organizzazioni di invio con cui collaboriamo sono: Laboratorio 53 (Rm), USSM (Mi), SEAD (Mi), La Cooperativa Sociale Arca di Noè (Bo), AMECE (To), Cooperativa Pollicino (Ivrea – To). Le organizzazioni di ricezione: La Città dell’Utopia (Rm), La fabbrica di Olinda (Mi), Ente morale dei Frati Minori Cappuccini (Imola – Bo), Pro Villa Capricchia (Amatrice – Ri), Pacefuturo Onlus (Pettinengo – Bi), Gruppo informale assemblea Cavallerizza (To), Ads Ciampacavallo onlus e asd EquiAzione, Cascina Casotello (Mi), Principi Pellegrini DiVangAzioni (Avigliana – To).

Contribuire per un Natale solidale è possibile, sfidare l’esclusione sociale anche! Visita la pagina dedicata alla nostra campagna “A Natale Regala TuttInclusi

Ringraziamo tantissimo chi donando renderà possibile la partecipazione di una persona in più e auguriamo un buon Natale e felice Anno nuovo TuttInclusi!

>> VAI ALLA PAGINA DELLA CAMPAGNA <<

Servizio Civile Internazionale

Per maggiori informazioni, per diventare ente di invio o di ricezione: inclusione@sci-italia.it