A West Bank water crisis for Palestinians only

When Israel’s national water company operates more than 40 wells in the West Bank, appropriates Palestinian water resources and controls the valves, is it any surprise that priority is given to Israeli settlements?

By Stephanie Westbrook, published at 972mag.com

Qarawat Bani Zeid is a small Palestinian town of 3,500 north of Ramallah in the occupied West Bank. There are no Israeli settlements in the immediate vicinity. The route of Israel’s separation wall does not run through the area and Qarawat is in Area A — under the full control of the Palestinian Authority. And yet, Israel’s military occupation and discriminatory policies manage to cut into everyday life.

Palestinian children bringing water to school
Children bring water from home to the school in Qarawat Bani Zeid where water from the school’s well is not safe to drink. (photo: Cinzia Di Napoli)

“Our biggest problem is water,” explained Sabri Arah, a member of the town council.
Qarawat sits atop the Western Aquifer, the largest and most productive sub-basin of the Mountain Aquifer, the main groundwater source in the West Bank, yet 80 percent of the town’s taps are dry. “Water is pumped out before it arrives to the town,” noted Arah.

Water pipe
New water infrastructure in the Jordan Valley. (photo: Cinzia Di Napoli)

 

The company pumping the water out is Mekorot, Israel’s national water company. Mekorot not only operates more than 40 wells in the West Bank, appropriating Palestinian water resources, Israel also effectively controls the valves, deciding who gets water and who does not. It should be no surprise that priority is given to Israeli settlements while service to Palestinian towns is routinely reduced or cut off.

The right to water was the focus of a recent delegation of the Italian Forum of Water Movements visiting Palestinian communities in the West Bank and Israel as part of the Beyond Walls project of Servizio Civile Internazionale, an Italian NGO committed to human rights and social justice.

Last December, during the Italy-Israel bilateral summit, a cooperation agreement was signed between Mekorot and Acea, Italy’s largest water utility.

Water tanker
Water tanker in the village of At Tuwani, South Hebron Hills. (photo: Cinzia Di Napoli)

Together with Palestine solidarity groups, Italian water movements have been waging a campaign calling on Acea, as well as the City of Rome, a majority shareholder in the company, to cancel the agreement due to Mekorot’s violations of international law.
The main goal of the trip was to gather documentation and direct testimony to support the campaign against the Mekorot agreement, identifying ways to further involve Palestinian groups.

Mekorot’s role in water privatization around the world was an added incentive for Italian water movements to get involved. Water as a common good has been their focus of the movements, which have been hugely successful, several times over.

Water tanker on the road
Water tanker near the village of Nabi Saleh. (photo: Cinzia Di Napoli)

 

In 2010, over 1.4 million signatures forced a national Italian referendum on the issue. In June 2011, over 26 million ballots were cast, meeting the quorum for the first time since 1995, with a crushing majority of over 95 percent voting in favor of keeping water public.

Despite what could not have been a more clear indication, successive governments have attempted to circumvent the public’s will and the referendum remains unimplemented.

The Palestinians we met were able to relate to this turn of events. They, too, have to continually fight for their rights. Evidence of Israel’s discriminatory policies, which create an artificial water crisis affecting only one people, was everywhere to be seen.

Man looking in a well
Well in the Bedouin village of al-Mufaqarah, South Hebron Hills. (photo: Cinzia Di Napoli)

 

At the Aida refugee camp on the outskirts of Bethlehem, a cramped, overcrowded home to about 5000 people, nearly 40 percent under the age of 14, water from the mains comes an average of 6 hours per week.

People at a checkpoint
Palestinian workers returning from Israel at the Nil’in checkpoint. (photo: Cinzia Di Napoli)

In his award-winning short film “Everyday Nakba”, Mohammed al Azzeh, of the camp’s Lajee Center, captures the joy and the frantic rush to get the pumps working to fill rooftop tanks the moment the water comes on.

“Look at the settlement of Gilo next door. Do you see any water tanks on their roofs?” asked Azzeh. “They have water 24 hours a day, seven days a week.”

Palestinian rooftops
Rooftops jam-packed with water tanks in the Aida refugee camp near Bethlehem. (photo: Cinzia Di Napoli)

 

The delegation also visited Palestinian communities within Israel, like Al Araqib where, despite being Israeli citizens, residents face nearly identical policies denying them access to water.

Tankers in the desert
Tanker trucks bring water to trees planted by the Jewish National Fund at Al Araqib in the Naqab (Negev). (photo: Cinzia Di Napoli)

Across the world, as the part of the international campaign against Mekorot, those working for Palestinian rights have joined forces with those struggling against the privatization of water to denounce Mekorot’s role in both denying Palestinians access to water and in the commodification of a fundamental common good.

Stephanie Westbrook is a U.S. citizen based in Rome, Italy. Her articles have been published by Common Dreams, Counterpunch, Electronic Intifada, In These Times and Z Magazine. Follow her on Twitter at @stephinrome.

#Water4Palestine: How do you tell the difference between an Israeli settlement and a Palestinian town?

Israeli settlements vs Palestinian towns
Photo by Cinzia Di Napoli

By Stephanie Westbrook

How do you tell the difference between an Israeli settlement and a Palestinian town? Just look at the rooftops.” That was advice given to a delegation of activists from the Italian movements against water privatization visiting Palestinian and Bedouin communities in the occupied Palestinian territories and Israel as part of SCI Italy’s Beyond Walls project.

The rooftops of Palestinian houses are dotted with water tanks as a reserve for water that is never sufficient. However, it is not water that is lacking, but access. Israel’s discriminatory policies have created a manufactured water crisis used as one of the tools to drive Palestinians from their land.

The main goal of the delegation was to document these policies in support of the campaign against the cooperation agreement signed between Israel’s national water company, Mekorot, and Acea, Italy’s largest water company.

Mekorot operates some 40 wells in the occupied West Bank and regularly reduces or cuts off water supplies to Palestinian communities, who are forced to purchase their own water from the Israeli company, in order to guarantee service to illegal Israeli settlements.

Israeli water policies towards Palestinians, and Mekorot’s role in implementing them, are perhaps most evident in the occupied Jordan Valley. The date palm plantations and greenhouses of Israeli agricultural settlements stretch out as far as the eye can see. Perched on the hills throughout the valley are Mekorot water tanks, while the company’s deep wells and pumping stations are drying up Palestinian water sources, leaving Palestinian towns, and the valley’s farmers, without sufficient water. Some Palestinian farmers have taken the drastic step of cutting down their own trees and crops. No longer able to work their own fields, many Palestinians have no other choice but to work as day laborers in the settlements.

In the Dheisheh refugee camp near Bethlehem, where 13,000 refugees have lived on little more than one square kilometer since they were forced from their homes in 1948, having water often comes down to timing. Water is turned on just once every two weeks and being home that day becomes crucial, as does having electricity and a working pump to fill rooftop tanks. Next door, at the illegal Israeli settlement of Gilo there are no water tanks on the roofs and water runs 24 hours a day, seven days a week.

However, it is not just in the occupied West Bank that Israel is using denied access to water to force Palestinians from their land.

Although Al Araqib was founded in 1905 in the Naqab desert, the Israeli government considers it to be one of 176 so-called “unrecognized” villages. Israeli authorities refuse to provide even basic services to these villages, whose residents are citizens of Israel, including water and electricity. Making matters decidedly worse, since July 2010, Israel has demolished Al Araqib 76 times. Israel has confiscated the villages water tanks and declared it illegal to bring in water from outside the village. Meanwhile, not only is the neighboring Jewish Israeli settlement of Givot Bar, created just ten years ago, connected to the Israeli water network, it also refuses to sell water to the families of Al Araqib.

Demonstrating extraordinary sumud, or steadfastness, Palestinian communities have stood firm against Israeli policies, refusing to leave their land. And across the world, as part of the international campaign against Mekorot, groups working for Palestinian rights have joined forces with those struggling against the privatization of water to denounce Mekorot’s role in denying Palestinians access to water and oppose its international efforts to turn a profit from a vital common good. The Italian Forum of Water Movement and the No Acea-Mekorot campaign plan to use the first-hand accounts and documentation gathered during the trip to maintain pressure on Acea and the City of Rome, which owns a majority share in the company, to interrupt the agreement with Mekorot, defending the fundamental right to water, from Rome to Palestine.

Leggi anche: 

#Water4Palestine, Valle del Giordano il granaio della Palestina

#Water4Palestine, Welcome to Nabi Saleh

Per gli articoli della delegazione sul web:

www.acquabenecomune.org

www.dinamopress.it

bdsitalia.org

Hashtag

#Water4Palestine

#Water4Palestine, Valle del Giordano il granaio della Palestina

di #Water4Palestine

La Valle del Giordano
La Valle del Giordano

La Valle del Giordano è una striscia di terra lunga 120 chilometri, dal lago Tiberiade al Mar Morto, lungo le rive dell’omonimo fiume. Una vallata rocciosa semidesertica dai paesaggi mozzafiato, con un sottosuolo ricco di acqua. Una condizione che ha permesso la presenza di insediamenti umani fin in tempi remotissimi.

La Valle del Giordano è la parte più estesa dell’area C, ovvero sotto il controllo militare e civile israeliano, di tutta la West Bank. Il 40% del territorio è stato dichiarato zona militare mentre un altro 50% è occupato dalle colonie (37 che ospitano poco più di 9 mila persone), le comunità di palestinesi e beduini ridotte alla precarietà e ai margini.

Lungo la strada che taglia in due la Valle sterminate piantagioni, soprattutto di palme di datteri. Terre sottratte ai palestinesi e in mano a un basso numero di coloni, latifondi dove lavora a nero e senza diritti la mano d’opera palestinese, pagati anche un quarto della paga base prevista dalla legislazione israeliana. Diverse le agenzie per il rispetto dei diritti umani che hanno denunciato negli anni l’utilizzo di mano d’opera minorile nella raccolta e nell’imballaggio.

Prima dell’occupazione del 1967 vivevano in questa striscia di terra più di mezzo milione di palestinesi, ora ne sono rimasti circa 50 mila. Scacciati dalla guerra, costretti ad andarsene dall’impossibilità di sopravvivere senza terra e senza l’acqua per far crescere le piante e abbeverare le greggi. Le prime terre ad essere confiscate quelle al ridosso del Giordano, poi l’espansione lungo la pianura ad occupare le terre più fertili. Al momento gli insediamenti agricoli occupano 54 mila dunum (1000 metri quadri), a fronte dei 14 mila coltivati dai villaggi palestinesi. Una nuova norma permette ai coloni di arrivare fino a 110 mila dunum.

Raed, 27 anni nato e cresciuto qui da una famiglia rifugiata nella Valle del Giordano dalla Nakba, ci guida ai pozzi d’acqua gestiti da Mekorot (l’azienda idrica israeliana), che ha prosciugato i pozzi prima utilizzati dai beduini e dai campi dei palestinesi per portare l’acqua fino alla zona di Ramallah. Le fonti dove arriva Mekorot sono anche a 350 metri di profondità, mentre gli agricoltori palestinesi, qualora avessero il permesso, possono arrivare fino a 150 metri.

Cancello di un pozzo
Uno dei pozzi di Mekorot

Mentre camminiamo incontriamo un pastore beduino con il suo gregge che, grazie alla traduzione di Raed, ci spiega come debba comprare l’acqua per la sua famiglia e il gregge, quando l’unico rivolo di acqua d’estate si prosciuga. Raed è stato un’attivista di Save the Jordan Valley, campagna principalmente finalizzata ad aiutare le famiglie palestinesi a rimanere nella Valle. Certo è dura “ma non ho nessuna intenzione di andarmene, voglio vivere e lavorare qua”. Qui la linea del colore e dell’apartheid si incrociano in maniera lampante con le differenze di classe.

Al villaggio di Frosh Beit Dajan, 1200 abitanti (fino al ’67 erano 6 mila) la quasi totalità dei quali impiegati nell’agricoltura e nella pastorizia, ci accoglie Azee, attorno al tavolo ci racconta le difficoltà della cooperativa di agricoltori di cui fa parte. Qui coltivano vite, pomodori e cetrioli in serra, fagioli e altri legumi, ma soprattutto agrumi. Prima dell’arrivo delle colonie coltivavano 2000 dunum, ora appena 300. L’acqua arriva da nove pozzi differenti, quattro dei quali ormai esauriti. Di tanto in tanto gli ispettori israeliani vengono a controllare che i pozzi non superino la profondità consentita. L’acqua è comunque troppa poca per coltivare tutta la terra, così di anno in anno delle colture vengono abbandonate o gli alberi tagliati. Prima dell’arrivo dei coloni l’acqua non mancava, ora le colonie hanno ha disposizione l’87% delle risorse idriche, 9 milioni di metri cubi d’acqua. La speranza è di riuscire, con l’aiuto di un villaggio vicino, di portare una fonte d’acqua naturale fino ai campi.

Fonte prosciugata
Una delle fonti d’acqua di superficie quasi del tutto prosciugata

Azee racconta gli effetti di quella che chiama “l’occupazione più lunga al mondo”. Sharon diceva quando era generale che se non potevano deportare le persone le avrebbero costrette ad andarsene, questo sta accadendo. Ma noi non ce ne vogliamo andare – spiega Azee mentre indica anche i suoi compagni: “vogliamo continuare a vivere e coltivare qui le nostre piante”.

Torniamo indietro e i due ragazzi che ci accompagnano ci chiedono se vogliamo andare al Mar Morto, loro non ci sono mai stati se non da ragazzini. Ritorniamo indietro e andiamo verso il mare, che è confine più che luogo di scambi da queste parti. Proviamo ad avvicinarci con il nostro taxi con targa palestinese ma ci viene fatto presente, da un israeliano che esce dallo stabilimento balneare, che con questa macchina non si può entrare. Proviamo a trovare un altro posto per mettere i piedi nell’acqua ma ci troviamo di fronte le reti che delimitano un campo minato. L’apartheid passa anche per la libertà di farsi un bagno.

 

Leggi anche: 

#Water4Palestine, Welcome to Nabi Saleh

#Water4Palestine, Valle del Giordano il granaio della Palestina

Per seguire la delegazione sul web:

www.acquabenecomune.org

www.dinamopress.it

bdsitalia.org

Hashatag

#Water4Palestine

#Water4Palestine, Welcome to Nabi Saleh

Cartello stradale Nabi Saleh
Foto di Eleonora Gatto

Tre blindati dell’esercito ci passano affianco, dietro un gruppo di ragazzini lancia pietre sui mezzi militari, dal cui interno parte qualche lacrimogeno. Benvenuti a Nabi Saleh.

La storia di questo villaggio potrebbe iniziare con un C’era un volta un villaggio chiamato Nabi Saleh. I suoi abitanti erano gente pacifica e felice, senza voler strafare tiravano avanti. Gli abitanti erano tutti imparentati tra loro, arrivati secoli fa su questa collina da una terra lontana, si chiamavano tutti Tamimi. La vita tra alti bassi, matrimoni e funerali, nuove nascite e dispiaceri, scorreva. Un giorno arrivarono dei signori arroganti che con i loro sgherri gli tolsero la terra, recintandola. Mentre le piante dei nuovi arrivati crescevano rigogliose sulle ceneri di piante secolari, le terre dei Tamimi si seccavano, si aprivano crepe nella terra diventata arida: assieme alla terra gli avevano rubato anche l’acqua.

 Ma questa non è una favola e non è ambientata in una terra e in un tempo lontani lontani. Siamo in Palestina, più precisamente nei territori occupati, a qualche decina di chilometri a nord-ovest di Ramallah. E’ vero però che da questa parte si chiamano tutti Tamimi e la loro battaglia è diventata uno dei simboli della resistenza popolare all’occupazione, grazie all’ostinazione di questa grande famiglia che non ha nessuna intenzione di rinunciare ai propri diritti, pagando la propria caparbietà con due giovani uccisi dalle pallottole dell’esercito, Rushdie nel 2012 e Mustafa del 2011, centinaia di arresti e violenze quotidiane.

Nabi SalehTre colline e una strada che passa sotto. Uno di fronte all’altro Nabi Saleh e la colonia di Halamish, poco più in là Deir Nizam, altro villaggio dove tutti si chiamano Tamimi. Dalla cima della collina Mohammad, un giovane attivista del comitato di resistenza, ci mostra dall’alto il motivo di questa battaglia trentennale: dal 1977, quando la colonia è nata, questa si è costantemente allargata, confiscando metro dopo metro le terre agli abitanti di Nabi Saleh, fino ad arrivare nel 2008 alla sorgente d’acqua di Ein Al-Qaws, risorsa indispensabile per i 550 abitanti del villaggio palestinese. “Noi non ce l’abbiamo con gli ebrei in quanto tali – spiega Mohammed, che ha passato diversi mesi a Roma ospite della Città dell’Utopia come volontario – ce l’abbiamo con chi ci non ci permette di vivere una vita normale. Ce l’abbiamo con i sionisti, conosciamo tanti israeliani che vengono qua e lottano con noi contro l’occupazione”.

Ogni venerdì gli abitanti di Nabi Saleh provano ad andare alla fonte d’acqua. Alle volte riescono ad arrivare vicino, finché gli spari e le minacce dei coloni sostenuti dall’esercito non li ricacciano indietro. Altre volte neanche riescono a scendere dalla loro collina. Le pendici di Halamish sono rigogliose e ordinate, sulle ceneri delle piante dei palestinesi bruciate e sradicate dai coloni le nuove culture. Dal versante di Nabi Saleh segni di terreno bruciato ovunque: “sono i lacrimogeni, ce ne lanciano decine, a volte anche centinaia, incendiando tutto comprese le case – spiega Mohammed – vedete? Alcune case hanno le reti alle finestre per evitare che i lacrimogeni incendino tutto”.

Manifestazione a Nabi Saleh

Nel salotto della sua casa, tra il tè e il caffè di rito, Naji, il coordinatore del comitato locale, ci racconta la storia del Comitato di lotta popolare di Nabi Saleh. Con la seconda intifada ancora in corso cominciano ad organizzarsi i comitati popolari, le proteste a Nabi Saleh arrivano in ritardo rispetto al resto della Cisgiordania, ma dal 2004 ad oggi è rimasto uno dei più vitali ed ostinati. Naji è stato arrestato durante una manifestazione, scontando un anno e mezzo di carcere, la sua casa è stata crivellata di colpi ma “per fortuna non c’era nessuno”. La forza e la longevità della resistenza in un villaggio di 550 persone l’ha reso uno dei simboli della resistenza, che è possibile seguire sulla pagina Facebook Tamimi Press da cui sono tratte anche le immagini che accompagnano questo articolo.

Ein El Kaws è lì da qualche parte, nascosta dalla vegetazione. Anche domani cartelli e bandiere in mano dalla collina di Nabi Saleh proveranno a raggiungerla. Forse arriveranno lacrimogeni e spari, forse voleranno pietre. Intanto l’acqua manca, e i soldati, nelle quotidiane perlustrazioni condite da provocazioni e prepotenze, non mancano di sparare alle cisterne sulle case.

Guarda la gallery su Flickr

Leggi anche: 

#Water4Palestine, Welcome to Nabi Saleh

#Water4Palestine, Valle del Giordano il granaio della Palestina

Per seguire la delegazione sul web:

www.acquabenecomune.org

www.dinamopress.it

bdsitalia.org

Hashatag

#Water4Palestine

bool(false)