Little Big Stories in Rome II: La Città dell’Utopia 2.0 [Parte II]

Little Big Stories in Rome II: La Città dell’Utopia 2.0 [Parte II]

L’articolo è stato scritto da Way Farer, volontario argentino che ha soggiornato presso La Città dell’Utopia nel mese di aprile 2017, prendendo parte, tra le altre cose, all’organizzazione del Festival Internazionale della Zuppa. Le foto sono state scattate da Way Farer (qui la fonte originale dell’articolo).

Among the long-term volunteers this year, I also met Yana, from Ukraine. She has been in Casale for some months now and I had the opportunity to join a work camp (The Soup Festival) she coordinated. With a cheerful spirit, Yana consummates her desire to give by being a transparent water stream, with her deep will to learn about everything, embracing each one of the volunteers she was leading, reflecting all their gazes in her own eyes, delving into their stories and rescuing from each one of them not only the skills that better suited the context but also, and mainly, those that put them in contact with the best version of themselves (understanding by “best version” that instance of oneself that feels complete and realized). The authenticity and lightness of her movements is evidence of rivers that flow within herself, defining her silhouette with a precision worthy of those who know what they want and what they can do.

Damir, from Serbia, a philanthropic clown who knows how to transmute dense energies into air, with an acute perception of the world, attentive to details that most of us overlook. During the time I was living with this family in Casale (almost a month), there was no single day I wouldn’t be delighted by his timely smile and perspicacious insights. And, of course, the small glass with rakia, which he shared with us after the meals, had its best effects on the group: it not only shook away our siesta ambitions but it also pushed us to keep on working, inspired now also by that exquisite plumb elixir, made by the hidden dimensions of his family’s hands. From him I learnt, most of all, how necessary it is to laugh if one wishes to change the world. Now I am writing it down, I wonder, how ever would it be possible, truly, without the power of laughter? Why not using, in that extremely hard work, which will surely last all of our lives, the most non-lethal weapon that provokes mass rebellions?

Finally, the person who coordinates Casale, who makes sure, day by day, that this magnificent huge living house feeds and breathes the purest air, that its cells keep on restituting themselves efficiently. Who guarantees that its heartbeat is the healthiest possible: Silvio, an endearing long-haired Roman who smokes rolling tobacco called Pueblo, carries a kitchen lighter as a cigarette lighter and does not hesitate to use it anywhere, with the same spontaneity and grace as that of a child. A born activist, during his early youth he did several jobs until he got to Via Valeriano 3, where his name is on everyone’s lips for the simple reason that they trust him and believe in him. From skillfully and exquisitely cooking for events that take place in La Città, to interviewing the possible work camp coordinators, setting up sound equipment for festivals and exhibiting handyman and gardener expertise, or welcoming wandering friends (like me) as if they were brothers, Silvio is Casale; Casale is Silvio.

One evening, with a spritz drink in his hand, at the Chiringuito opposite the Basilica of San Pablo, while we shot the breeze a little, and also rambled on the labyrinthine doings of human emotions, the nonsense of foreign politics and the so-long-desired revolutions, he honestly and acutely stated: “Give me total freedom, or do not give me anything at all. Teach me to be a ‘leader’ of my own self so that, when the time comes, no one needs to lead anyone. That, for me, would be a perfect society. That means, as I understand it, to be a revolutionary.” The spirit of La Città dell’Utopia, a huge flow of amassed energy, in service of a better world.

All this, more or less, was what La Città dell’Utopia imprinted on my body this time.

And this is and will be for me not only this huge house in San Paolo neighborhood in Rome, but also any other place that believes in the progress of humankind, whose inhabitants are people “who do not have” any reason to help but, in spite of that, they help, giving that which the other really needs and not what any materialistic or idealistic philosophy or theory states they need.

A reason to speak your language when you are the only one in the group who does not speak their own and who, in spite of that, immediately recognize your presence and communicate in the language you speak.

Those people who include others in their world, and give them a room of their own, and gently let themselves be included in your world, appreciating you.

Who make room so that you can sit next to them even though the sofa is so small that it would not even be possible to swing a cat.

Failing to attest to beauty when one finds it and experiences it is maybe one of the worst things that delay our evolution, I think. Not so much to satisfy a moral or ethical imperative, but to speak up for those who disbelieve in apocalyptic predictions, those who still have not been convinced by the overwhelming machinery of mass media and existential pessimism that hold that the world will soon be over and that there is no new and close horizon at sight.

Yes, it is true we may be at war, my friends. Yes, it is true that insane people have come to power in more than one country. Yes, it is true that people are starving right now when I am writing, and you reading, this. No one could deny it.

But it is exactly for all those reasons that it is high time to focus the best of each one of us on what IS working, on what IS generating life, on those who day after day share their wellbeing and good will in this precise moment in which the change we have so long desired is in our hands.

There is another world emerging from underneath this one which is crumbling down. The new world is growing silently, without impositions, just because that will be its cornerstone. And, as I always say, we do not need to travel to begin to find its traces, or smell its fresh and sweet fragrance.

Maybe right now, right where we are, if we look again where we thought there was nothing worth noting, we may find a kindling spark.

Little Big Stories in Rome II: La Città dell’Utopia 2.0 [Parte I]

Little Big Stories in Rome II: La Città dell’Utopia 2.0 [Parte I]

L’articolo è stato scritto da Way Farer, volontario argentino che ha soggiornato presso La Città dell’Utopia nel mese di aprile 2017, prendendo parte, tra le altre cose, all’organizzazione del Festival Internazionale della Zuppa. Le foto sono state scattate da Way Farer (qui la fonte originale dell’articolo).

«La razza umana si trova

nella sua migliore condizione

quando possiede il più alto grado di libertà.»

Dante Alighieri

«La liberté est toujours auto-affirmation,
jamais réponse à l’ennemi.»

Miguel Benasayag

La Città dell’Utopia is a project of the SCI (Service Civil International) that takes place in Casale Garibaldi, in Rome’s San Paolo neighborhood. It constitutes a social and cultural laboratory dealing with key matters related to a new model of local and global development which is balanced, sustainable and fair. It is based on the concept of «social capital», according to which a region’s resources are not measured by economic indicators but by its capacity to generate social cohesion, inclusion and solidarity.

In this huge house in which, rumor has it, Giuseppe Garibaldi sojourned some time back in the XIXth century, volunteers from all over the world meet to experience cultural and generational exchanges in different activities. It is an open space for anyone who wants to participate, and it also works as headquarters for a number of organizations committed to working on issues such as immigration, childhood, sustainable lifestyles, gender equality and the promotion of culture.

I visited it for the first time in 2013. I remember that the decision to do a work camp there (the No Border Fest) was more inspired by a causality than it was motivated by a clear philanthropic intention: it was my first journey with open wings, I was beginning to test the heights and depths of what I was able to do, and I had correctly assumed that living for fifteen days in the company of “total strangers”, working with a common objective, would somehow give me the nudge I needed to finally let go of the past and gain new heights in my flight towards a different horizon. The experience turned out to be great. Not only because of the work camp itself but mainly thanks to the people I met and their life stories.

This year, the day that Spring began in the Northern hemisphere, I was arriving back again in Rome, for the third time. From Fiumicino to Termini, I gave in to the exhaustion of a whole day of intercontinental travelling and snoozed on the bus, to wake up in the city center itself, on a Wednesday at noon. I let myself go, backpacks and all, with the unstoppable flow of human energy descending into the dense atmosphere of subways: I did not need to check with any map because I knew that I had to take Line B, heading to Laurentina. As the recorded voice of the wagon announced the next stops, I felt that an invisible and indefinite part of my body began to expand. Cavour (the traditional via that ascends from the Italian capital’s heart up to the Piazza del Cinquecento); Colosseo (and I did not think about gladiators nor emperors, but just about the last time I had seen that monumental building, in 2013, when, together with my work camp mates, we had witnessed the LGTB Collective parade and we had wondered at such a perfect contrast of ancient history and vibrant new world); Circo Massimo (and, as a charioteer, I felt that two huge white horses pushed that invisible and indefinite part of me into even higher places); Piramide (where, as the myth goes, Romulus buried Remus); Garbatella (the mythical area built as a garden city around the Via delle Sette Chiese, which can easily be mistaken for a neighborhood in Buenos Aires)…

Thus, with the euphoric vibration that dominated my now completely lucid movements, the subway got to Basilica San Paolo, where an impressive church stands which, so they say, hosts the sepulcher of Paul of Tarsus (he who received god through lightning). I began to walk the three or four blocks that separate the subway station from Casale and, to my great joy, from a corner, the voice of a woman shouted my name in Italian. That first meeting after four years was like in a movie: the beautiful Giulia, an activist in La Città, was welcoming me literally open arms (it was at the corners of Pietro Giordani and via Gabriello Chiabrera). Besides being an activist, Giulia’s life story is worth including in a film (read her story and listen to her in this link).

Thus I finally got to Casale, which is also the home of long-term volunteers who give life, during the months they stay there, to many projects within La Città, adding up more than one heartbeat to the big heart of this space.

Via Valeriano 3, where little things happen, those things that utopians call insufficient and we, realists, believe essential. Where one understands from praxis that any theory is merely a hypothesis and that any legitimate change generates from whatever an individual body expresses they need, and not from supposedly scholarly discourses that proudly state what they know to be the basic needs of every man.  The Città dell’Utopia, where you can find people who understand that it is not time to wait until any condition is given, but that it is urgent and possible to create the minimum conditions required by the here and now. People who grow up at a personal level while they sow seeds of new ways and methodologies on the fertile soil they are standing on, which they till and water every single day, without falling into despair, much as though it would sometimes seem like the only thing to do.

Louison, from Tahiti, an activist as peaceful as, I guess, the Southern seas that saw her birth, who is fire burning more and more each time and that feeds mainly from Art. In her, universes of words are hidden, stages, clothes and emotions that are making one of the most prolific and colorful stagings of which she is the director and in which she exposes, courageously, her artistic body, telling stories that free all women around the world, empowering them and giving them back the innate right they seemed to have lost, placing them under the spotlight, turning them into examples of persistence and lively and creative nature. The igneous voices of Louison’s characters also redeem those who are left behind, those who suffer from the slavery imposed by the fervent advocates of what I understand to be humanity’s original sin: the belief that there is only one way. Also, Louison cooks the most delicious brownies I have ever tasted and she likes finding a place to sit in nature, under the sun, in cool days. It was she who taught me that it is not necessary to wield any sword to convince anyone of anything. That, as Whitman used to say, not more nor less than a presence of integrity can break loose in others the chains that do not allow them to walk (the truth of which has to be experienced in one’s own skin, needless to read or be told about it!).

Alessandra, from Italy, the perfect balance of beauty, intelligence, sensitivity, passion, authenticity, freshness and strength. The first day I saw her, she was weaving a papier mâché magic wand that a certain “signora pazza” had given her somewhere. She probably did not know it but, in her hand, that object, exotic to most people in the world, drawing indefinite doodles in the air of spring, spoke about her way of creating: the efficiency of simplicity, the unity of word, action and emotion, the trust in the truth that wherever we may be, we will always be surrounded only by those people with whom we will have the opportunity to create. In her, the loving energies of the Earth coalesce and create around her that which makes her what she is: a ragazza carina, able to embrace her pet dog, Tsipouro, with the same enthusiasm that she embraces her friends or a total stranger like I was the moment I arrived at Casale. Whatever omniscient and plainly happy authority in the world has said that to change the world magic is not needed?

 

Il “No Border Fest” a La Città dell’Utopia: il racconto di un volontario

Il “No Border Fest” a La Città dell’Utopia: il racconto di un volontario

L’articolo è stato scritto da Way Farer, volontario argentino che ha partecipato al campo No Border a La Città dell’Utopia nell’estate 2013. Anche le foto sono state scattate da Way Farer (qui la fonte originale dell’articolo).

A 10-day volunteer job. 11 people, a huge house in a neighborhood in Rome. Many experiences together. Many life stories interwoven.

So we met to organize “No Border Fest”, an event to raise awareness of non-discrimination of immigrants who, already by that time (2013), were becoming an “issue” in Europe.

During the festival, I met William, who was born in Togo, Africa. A country that has long fought for independence. First, escape France’s ambitions. And then, until today, a combination of military coups and the establishing of single political parties prevent democracy to root itself. I met William in this festival.

I listened to him for about two hours. Together we remembered Thomas Sankara and Burkina Faso. I asked him all I could, trying to articulate clearly every word in my poor Italian, and sharpening my ears to understand him fully. He listened to me patiently and told me that, for example, due to the political situation in his country, he cannot go back and, obviously, he cannot see his family. He also told me that Italy had not turned out to be what he had expected, in almost any way. In South America these topics are not new, of course. The context and the people involved may change. The dates and the political spectrums. But we do know what it takes to achieve a true democratic independence. And we also know what it means to think different and be able to say it. Sometime during the conversation, William takes his bag, he takes out a small pocket with the name “Fuji” printed on one side and he pulls out something from it. I tried to guess what would come out of it. Actually, I think I knew. And until that moment, I thought I knew many things. When William finished explaining with an infinite love where his wife, his son and the rest of his family were on the few photos he was showing to me, I felt a surge of anger and pain inside: I knew very few things, I realized that almost without realizing it. William knew what exile was, and what a total uncertainty about present and future was. Being stripped of everything. Because he thought different. Beginning from scratch again. I left the meeting almost running. I went up to my room and, while I questioned myself about concepts such as freedom, human being, politics, revolution, love, non-violence, nationalism, I closed my eyes and I saw William’s family in my mind. And I took a deep breath.

Call aperta: Coordinamento progetto “La Città dell’Utopia” a Roma

Call aperta: Coordinamento progetto “La Città dell’Utopia” a Roma

Il Servizio Civile Internazionale ricerca un/una collaboratore/ice per l’incarico di Coordinamento del progetto “La Città dell’Utopia” a Roma.

Job Description:

Il/la candidato/a coordinerà le attività legate al progetto locale del Servizio Civile Internazionale “La Città dell’Utopia”, ospitato presso il Casale Garibaldi di via Valeriano 3F a Roma. Nello specifico:

  • Gestirà le relazioni con le varie realtà organizzate e informali legate al progetto “La Città dell’Utopia”, nonché con quelle territoriali (associazioni, spazi sociali, istituzioni locali);
  • Faciliterà e valorizzerà le attività promosse dal Servizio Civile Internazionale presso La Città dell’Utopia, curando le relazioni con la Segreteria Nazionale SCI e l’associazione tutta;
  • Faciliterà e valorizzerà le attività promosse dalle attiviste e attivisti de La Città dell’Utopia;
  • Pianificherà e organizzerà il lavoro delle/dei volontari locali e internazionali coinvolti nel progetto “La Città dell’Utopia” attraverso il Servizio Volontario Europeo, i campi di volontariato internazionale e altre attività legate al Servizio Civile Internazionale;
  • Coordinerà la promozione e la comunicazione del progetto e delle sue attività a livello locale e internazionale;
  • Ricercherà fondi per l’implementazione delle attività e i lavori di manutenzione della struttura, in collaborazione con la Segreteria Nazionale SCI;
  • Supporterà le attività ordinarie del Servizio Civile Internazionale e quelle legate a iniziative e progetti specifici di rilevanza internazionale, con tutte/i gli altri collaboratori della Segreteria Nazionale SCI.

Requisiti obbligatori:

Il/la candidato/a – oltre alla capacità di svolgere in autonomia tutte le mansioni elencate – dovrà possedere i seguenti requisiti:

  • Conoscenza del Servizio Civile Internazionale;
  • Capacità di coordinamento, progettazione e logistica;
  • Conoscenza della lingua inglese scritta e parlata (livello min. C1);
  • Buona conoscenza dei sistemi operativi Windows/Linux;
  • Conoscenza di editing grafico e video;
  • Esperienza nell’organizzazione di attività di tipo socio-culturale;
  • Capacità di lavorare in gruppo, sia all’interno di dinamiche associative che di cittadinanza attiva;
  • Capacità di valorizzare l’operato dei singoli e della collettività;
  • Capacità nella gestione delle risorse umane;
  • Conoscenze di base della gestione amministrativa dei progetti (contabilità, rendicontazione ecc…);
  • Disponibilità a lavorare in orari flessibili e nel weekend;
  • Disponibilità a partecipare all’Assemblea Nazionale SCI (03-05.11.2017)

Requisiti preferenziali:

  • Abilità manuali;
  • Conoscenza delle realtà associative e di attivismo della città di Roma e italiane;
  • Esperienza nel settore del volontariato internazionale;
  • Conoscenza di altre lingue;
  • Conoscenze base della stesura di proposte progettuali e dei programmi di finaziamento europei.

Tipologia di contratto:

Co.co.co (D.Lgs. 81/2015)

Compenso:

900 euro lordi mensili

Inizio attività:

01.12.2017 con precedente periodo di affiancamento da concordare (1 mese ca.)

Durata incarico:

12 mesi (rinnovabili)

Sede di lavoro:

La Città dell’Utopia, via Valeriano 3F, Roma

Candidatura:

I/le candidati dovranno inviare la propria candidatura via e-mail con oggetto “La Città dell’Utopia_Servizio Civile Internazionale” allegando:

  • CV
  • Lettera di motivazione

Il mancato rispetto dei criteri di cui sopra comporta automaticamente l’esclusione dalle selezioni.

Le candidature dovranno pervenire all’indirizzo coordinamento@sci-italia.it entro il 24.09.2017.

I colloqui si terranno nel mese di ottobre 2017.

No Border Fest – IX edizione: libertà di movimento oltre ogni confine [16-17/06]

No Border Fest – IX edizione: libertà di movimento oltre ogni confine [16-17/06]

Nei giorni 16 e 17 giugno torna a Roma il No Border Fest, organizzato da La Città dell’Utopia, Servizio Civile Internazionale, Laboratorio 53, Echis – incroci di suoni, Eduraduno, Casa dei Venti.
Il festival, giunto quest’anno alla nona edizione, è dalla sua nascita un momento di confronto e di convivialità sul tema delle migrazioni con laboratori sensoriali, esposizioni, dibattiti, musica e teatro.

La nona edizione del No Border Fest si inserisce in un quadro sociale e politico in cui i dispositivi lesivi dei diritti hanno fatto un ulteriore “salto di qualità” con le leggi Minniti-Orlando, che prevedono la moltiplicazione dei centri di detenzione ed espulsione di persone migranti, l’abolizione del secondo grado di giudizio per i richiedenti asilo, la cancellazione dell’udienza e la repressione di ogni dissenso e “diversità”. A queste derive fortemente autoritarie, valide per chiunque proprio perché sperimentate in primis sulla pelle delle persone migranti, il No Border Fest vuole rispondere con suggestioni basate sulla libertà di movimento e sulla cittadinanza universale, e lo farà attraverso narrazioni alternative, decostruzione degli stereotipi e laboratori.

 

Venerdì 16 giugno, dalle 18.00 presso La Città dell’Utopia (via Valeriano 3F), il festival darà spazio al confronto “Guerra alla diversità: le leggi Minniti-Orlando”, che ha l’obiettivo di raccontare la genealogia di entrambe le leggi, il loro radicamento nel tessuto sociale e le conseguenze che avranno. A partire dagli aspetti comunicativi online, che permettono a queste misure repressive di fare presa in un clima politico sempre più apertamente accusatorio, ghettizzante e ammiccante al fascismo, si approfondiranno le ripercussioni sociali interne ed esterne, come ad esempio l’esternalizzazione del controllo alle frontiere.
Alla discussione parteciperanno Enrica Rigo (Docente di Filosofia del Diritto, impegnata nella Legal Clinic di Roma Tre e attivista), Sara Prestianni (ARCI, curatrice del report “Le tappe del processo di esternalizzazione del controllo alle frontiere in Africa, dal Summit della Valletta ad oggi”), Giovanni Baldini (ANPI, curatore dell’inchiesta “La galassia nera su facebook”).

 

Sabato 17 giugno, a partire dalle 09.30 (sempre presso La Città dell’Utopia), il festival affronterà i temi dell’autodeterminazione, dell’inclusione sociale e della libertà di movimento attraverso workshop culinari, educativi e ludici (la cui partecipazione è aperta ma è richiesta la prenotazione):

  • “Yeppo!”, incontro di gioco con il metodo della Ludopedagogia a cura di Liscìa e Laboratorio 53;
  • Laboratori di cucina internazionale a cura de La Città dell’Utopia;
  • “Il movimento non ha barriere”, laboratorio di danza creativa per bambini e genitori a cura dell’associazione Eduraduno;
  • “Riskio! – Gioco migramondo a squadre” a cura de La Città dell’Utopia.

La giornata sarà poi caratterizzata dalla performance “Vita In-Attesa #2” a cura del Laboratorio Teatrale dell’Utopia, con la chiusura affidata alla musica di Nosenzo a suon di balkan folk reggae.

Il festival sarà inoltre la cornice per tre percorsi audio/visivi. Il primo, “Guide invisibili – Passeggiate sonore di e con i nuovi cittadini” a cura di Echis – incroci di suoni, vuole raccontare due quartieri romani attraverso le storie dei nuovi cittadini della Capitale. Due passeggiate audio che disegnano per la città itinerari inesplorati e permettono di osservarla con occhi diversi, con occhi stranieri. Migranti, profughi, rifugiati sono ospiti o abitanti di questa città? Il secondo, “Anime migranti. Al di qua delle parole” è invece la proiezione di un laboratorio di danza movimento terapia con rifugiati e studenti. Infine il terzo, “Come mi vedo, come mi vedi. Narrazioni e altre narrazioni dal quotidiano migrante” è una mostra a cura di Alessandra Cedri e Damir Bojic, che tocca gli argomenti dell’inclusione attraverso l’autoproduzione della dimensione quotidiana, che si scontra con la propaganda mediatica.



> DURANTE IL FESTIVAL <

“Guide invisibili” – Passeggiate sonore di e con i nuovi cittadini, a cura di Echis – incroci di suoni (venerdì 16 e sabato 17, 11:00 – 12.00 @Piazza Vittorio)

Info e iscrizioni: info@echis.org

“Anime migranti. Al di qua delle parole” – Installazione visiva di un laboratorio di danza movimento terapia con rifugiati e studenti, di L. Piermartieri.

“Come mi vedo, come mi vedi. Narrazioni e altre narrazioni dal quotidiano migrante” Mostra a cura di Alessandra Cedri e Damir Bojic.
> VENERDÌ 16 Giugno, @La Città dell’Utopia (via Valeriano 3F, San Paolo) <

18.00 – 20.00

“GUERRA ALLA DIVERSITÀ: LE LEGGI MINNITI-ORLANDO”

Dibattito con: Enrica Rigo (Docente di filosofia del diritto presso Legal Clinic di Roma Tre e attivista), Sara Prestianni (ARCI), Giovanni Baldini (ANPI, curatore dell’inchiesta “La galassia nera su facebook”)

20.30

Cena a cura di Makì – Sapori dal mondo

Info e prenotazioni: 3295336212

21.15

Proiezione del documentario Và pensiero. Storie ambulanti (Italia, 2013), di Dagmawi Yimer
> SABATO 17 GIUGNO, @La Città dell’Utopia (via Valeriano 3F, San Paolo) <

dalle 09.30 alle 13.30

Mercatino contadino e dell’artigianato terra/TERRA

Durante il mercatino:

10.30 – 12.30

“Yeppo!”, incontro di gioco con il metodo della Ludopedagogia. Giocare per incontrarsi. Sorprendersi per conoscersi, a cura di Liscìa e Laboratorio 53.

Info e iscrizioni: ginevra.sam@gmail.com / 3487924055

11.00 – 13.00

Laboratorio di cucina internazionale a cura de La Città dell’Utopia.

Info e iscrizioni: lacittadellutopia@sci-italia.it

13.30

Pranzo a cura della Biosteria dell’Utopia.

16.00 – 18.00

“Il movimento non ha barriere”, laboratorio di danza creativa per bambini e genitori a cura dell’associazione Eduraduno.

Info e iscrizioni: eduraduno@libero.it

16.00 – 18.00

Riskio! – Gioco migramondo a squadre a cura de La Città dell’Utopia.

Info e iscrizioni: lacittadellutopia@sci-italia.it

19.00 – 20.00

“Vita In-Attesa #2”, performance a cura del Laboratorio Teatrale dell’Utopia.

20.30

Cena a cura della Biosteria dell’Utopia.

21.00 – 22.15

Concerto di Nosenzo (Balkan folk reggae)

Vai all’evento Facebook.

Il ruolo dei media mainstream nell’ascesa della propaganda fascista: un campo a Roma

Il ruolo dei media mainstream nell’ascesa della propaganda fascista: un campo a Roma

Dal 28 agosto al 4 settembre 2017 un campo a Roma, presso La Città dell’Utopia (progetto locale di SCI-Italia, un laboratorio di cittadinanza attiva e sviluppo locale).

Quest’anno avrà luogo per la seconda volta il campo “Into the cave…”, dedicato alla raccolta di storie e narrazioni mediatiche, modelli di propaganda locale e globale, attuale e storica. In particolare, si analizzerà a fondo il ruolo storico della propaganda nei sistemi totalitari, legandola al ruolo chiave che tutt’oggi svolge nei democratici media mainstream, poiché avere una lettura critica dei media è anche strumento di comprensione della società che viviamo e del flusso di informazioni a cui siamo sottoposti quotidianamente.

A un livello simbolico, assume rilevanza che questo campo si svolga a La Città dell’Utopia che, durante il periodo fascista, era usata come rifugio dai/dalle combattenti partigiani/e che combattevano contro il regime fascista; ancora oggi è il Casale simbolo della Resistenza.

I/le volontari/e presenti lavoreranno alla manutenzione degli spazi, all’ideazione e alla realizzazione di una mostra basata su contenuti portati da ogni volontario/a e alla esposizione di tali contenuti all’evento pubblico Renoize 2017. Prima di arrivare al campo, tutti/e i/le partecipanti sono invitati/e a portare una storia, un esempio di manipolazione mediatica di un evento del proprio paese.

La lingua del campo è l’inglese.

Leggi qui la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

 

Torno Subito 2017 – Call aperta per lavorare nel mondo

Torno Subito 2017 – Call aperta per lavorare nel mondo

Il Servizio Civile Internazionale aderisce per il quarto anno consecutivo al Programma Torno Subito promosso dalla Regione Lazio, offrendo a 3 studenti/studentesse universitar* o neo-laureat* un percorso di un anno all’interno del suo network, strutturato in questa maniera:

Prima fase: 1 Ottobre 2017 – 28 febbraio 2018 → Periodo di tirocinio all’estero in una delle seguenti branche/partner del Servizio Civile Internazionale: SCI Madrid, CVS Bulgaria, VWAN Nigeria.

Seconda fase: 1 Marzo 2018 – 31 Agosto 2018 → Reimpiego sul territorio della regione Lazio presso la Segreteria Nazionale di SCI Italia o presso La Città dell’Utopia, progetto locale di SCI Italia che affronta i principali temi legati ad un nuovo modello di sviluppo locale e globale.

Gli ambiti riguardanti il percorso all’interno del network SCI sono quelli che caratterizzano il nostro movimento: promozione del volontariato internazionale, cooperazione internazionale e disuguaglianze nord-sud del mondo, comunicazione sociale, migrazioni e diritti, inclusione sociale, progettazione europea per il terzo settore.

Nel documento allegato in fondo alla pagina si possono trovare le descrizioni delle attività che le branche SCI propongono al/alla tirocinante.

Il reimpiego nella Regione Lazio sarà così strutturato:

  • n°1 persone presso La Città dell’Utopia
  • n°1 persona presso la Segreteria Nazionale SCI a supporto del settore Comunicazione
  • n°1 persona presso la Segreteria Nazionale SCI a supporto del settore NordSud

Gli/le interessat* dovranno inviare la propria candidatura via e-mail con oggetto “Torno Subito_Servizio Civile Internazionale” allegando:

  • CV
  • Lettera di motivazione

La lettera di motivazione dovrà fare riferimento all’ambito di interesse e alla possibilità di reimpiego nella Regione Lazio, evidenziando eventualmente anche la branca/partner SCI dove si vorrebbe svolgere la prima fase del progetto.
Le candidature dovranno pervenire entro il 3 giugno all’indirizzo: coordinamento@sci-italia.it

L’iter successivo sarà il seguente:

05 giugno: chiusura selezioni

06-09 giugno: skype conoscitiva con le branche/partner SCI

12-16 giugno: scrittura dei progetti formativi individuali. La Segreteria di SCI Italia supporterà l’ideazione dei progetti formativi che i/le tirocinanti dovranno presentare al fine di accedere ai finanziamenti stanziati dal Programma Torno Subito.

Visualizza dettagli partner Torno Subito 2017

Thailandia: volontariato a lungo termine nel villaggio di pescatori di Kok Payom

Thailandia: volontariato a lungo termine nel villaggio di pescatori di Kok Payom

Hosting organization: DALAA Thailand
Area tematica: Ambiente
Luogo: Kok Payom village, La Ngoo district, Satun, Thailandia
Durata: Minimo 2 mesi

Lingua:
#del progetto: inglese
#locale: Pak Thai

Kok Payom è una comunità circondata da foreste di mangrovia ad pochi chilometri dalla costa Andamana, in Thailandia. Gli abitanti del villaggio vorrebbero preservare la natura e il loro stile di vita per la generazione futura. Volontari, visitatori ed attivisti sono vengono accolti ed invitati a partecipare alle attività della comunità. Tali attività possono essere di diverso genere, educativo come ambientale, di agricoltura sostenibile, sanitarie, tese alla promozione della solidarietà. La principale attività per molti volontari è quella di insegnare l’inglese, quale mezzo di unione per le comunità future.

ATTIVITÀ:

  • Supportare la scuola alternativa nella foresta di mangrovie vicino Kok Payom
  • Agricoltura su piccola scala
  • Insegnare inglese nella scuola locale
  • Contribuire al mantenimento delle foreste di mangrovie
  • Organizzare attività ludiche per i bambini del villaggio

REQUISITI:

  • Rispettare e voler comprendere altre culture e contesti
  • Essere flessibili ed aperti
  • Amare la natura
  • Amare i bambini e voler organizzare attività con e per loro
  • Amare il lavoro di squadra e la condivisione
  • Sapersi adattare alle condizioni di vita spartane del villaggio

I/Le volontari/e interessat@ a partecipare a questo progetto in Thailandia sono invitati a segnalarlo all’indirizzo ltv@sci-italia.it. Lo SCI Italia contatterà il/i partner ospitanti per chiedere la disponibilità e la tempistica. A questo punto il/la volontario/a compilerà l’application form e verrà contattato nel minor tempo possibile per un colloquio via Skype. Se il/la volontario/a viene accettato/a, verserà la quota di iscrizione e la tessera a SCI Italia, e provvederà a finalizzare gli ultimi accordi sulle tempistiche di arrivo e di visto se necessario.

“No Border Fest”: campo di volontariato a Roma

“No Border Fest”: campo di volontariato a Roma

Dal 12 al 21 giugno 2017 un campo di volontariato a Roma, all’interno del progetto locale La Città dell’Utopia, che promuove percorsi di cittadinanza attiva e sviluppo locale. Eventi, iniziative, workshop e corsi ruoteranno attorno a tre temi principali: interculturalità, stili di vita sostenibili e cittadinanza attiva.

Durante il campo, come ogni anno, avrà luogo il festival “No Border Fest”, tre giorni di dibattiti, musica ed eventi culturali intorno al tema delle migrazioni e della libertà di movimento.

I volontari e le volontarie contribuiranno all’organizzazione del festival, partecipando all’allestimento degli spazi e alla promozione dell’evento. Avranno altresì la possibilità di approfondire le tematiche del progetto incontrando l’assocazione Laboratorio 53, partner del festival, che da anni supporta richiedenti asilo e rifugiati nel territorio romano.

I/Le partecipanti alloggeranno presso l’ostello de La Città dell’Utopia in stanze condivise. Saranno provvisti letti, materassi, lenzuola e coperte.

La lingua del campo è inglese.

Leggi qui la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord del mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

 

Ludopia: il Casale delle bambine e dei bambini

Ludopia: il Casale delle bambine e dei bambini

Nei mesi di aprile, maggio e giugno 2017 avrà luogo il progetto Ludopia – il Casale dei bambini presso La Città dell’Utopia in via Valeriano 3F (Metro B – San Paolo).

Si tratta di 5 laboratori di gioco, creazione e divertimento completamente liberi e gratuiti, rivolti a bambine e bambini dai 3 agli 11 anni e gestiti da educatori dell’Associazione Eduraduno in collaborazione con i Volontari Internazionali SCI.

Questi laboratori, che tratteranno diverse tematiche, nascono all’interno del progetto Casa dei Venti e promuovono l’idea di uno spazio aperto a bimbi/e di ogni età dove, attraverso il gioco e l’incontro, le diversità culturali possano convivere nel rispetto e nella valorizzazione reciproca.

I laboratori:

Domenica 9 aprile: “Alla ricerca della zuppa misteriosa!

h. 10-12 in occasione del X Festival Internazionale della Zuppa di Roma

…viaggio lungo la via delle spezie
Sabato 22 aprile: “Costruiamo Ludopia!”

h. 11-13

…creazione dello spazio bimbi con materiali di riciclo
Sabato 6 maggio: “FiabOfficina”

h.11-13

…costruzione di fiabe dal mondo
Sabato 20 maggio: “Riciclando Suoni”

h.11-13

…costruzione di strumenti musicali con materiali di recupero e sperimentazione sonora
Sabato 17 giugno: “Il movimento non ha barriere”

h. 16-18 in occasione del No Border Fest

…laboratorio di danza creativa per bambini e genitori
SI CRESCE SOLO ESSENDO BAMBINI/E!!!

Leggi la locandina di Ludopia.

Per Info: 3465019887, 3402430039

Mail: info@eduraduno.it e lacittadellutopia@sci-italia.it

Fb: Eduraduno Roma – fb: La Città dell’Utopia
Il progetto è sostenuto dall’8xMille della Tavola Valdese

bool(false)