Imaginatorium: un campo in Kosovo per i bambini di Mahalla

Imaginatorium: un campo in Kosovo per i bambini di Mahalla

Il campo:

Dal 17 al 30 agosto 2018 un campo in Kosovo, a supporto del progetto Imaginatorium. Questo progetto, promosso da GAIA Kosovo, nasce a Gracanica nel settembre 2016 prendendo la forma di un centro educativo alternativo.

Attraverso Imaginatorium, infatti, vengono forniti programmi educativi e attività che stimolano l’acquisizione di nuove competenze; vengono messi a disposizione spazi, strumenti, materiali, opportunità e supporto ai/alle bambini/e e ai/alle giovani della comunità locale.

I/le volontari/e che gestiscono l’Imaginatorium svolgono queste attività insieme alla comunità rom del villaggio. Sin dagli inizi, questo progetto ha permesso di incrementare le competenze letterarie e matematiche dei bambini, insegnando loro nuove lingue e sviluppandone le capacità creative attraverso progetti di arte manuale. Inoltre, i/le bambini hanno potuto usufruire di corsi sulle nuove tecnologie, sessioni musicali, fotografiche e molto altro.

Attività:

Il lavoro dei/delle volontari/e sarà incentrato sul proseguimento delle attività già avviate e sulla creazione di nuove attività, insieme ai/alle partecipanti dell’Imaginatorium. Inoltre, si richiede al gruppo di volontari/e di essere disponibile a far fronte a questioni logistiche e infrastrutturali di cui ci potrebbe essere bisogno.

Le attività che possono essere proposte dai volontari/e internazionali possono variare: da attività più ludiche e creative a workshop di riciclo, da corsi di matematica e letteratura a sessioni musicali, fino ad attività sportive e di giardinaggio. C’è la possibilità di lavorare anche al rinnovamento dell’edificio scolastico.

I/le volontari/e potranno anche prendere parte ad altre attività di GAIA Kosovo, dedicate alla comunità rom di Mahalla, visitando le famiglie e aiutandole laddove necessario.

Come parte studio, si approfondiranno questioni relative al lavoro con i gruppi marginalizzati: i/le volontari/e avranno l’opportunità di imparare fianco a fianco da chi lavora quotidianamente nella comunità rom, e di apprendere in questo modo in maniera diretta e concreta.

Alloggio:

Durante il campo il gruppo di volontari/e alloggerà presso la casa di GAIA a Gracanica. Vi sono disponibili due camere, una cucina e un bagno. I/le volontari si organizzeranno in gruppi per preparare i pasti e svolgere le pulizie. È richiesto di portare sacchi a pelo e materassini.

La lingua del campo è l’inglese, mentre i bambini/e parlano principalmente romani, serbo e albanese.

Leggi la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Tutela della biodiversità di un parco naturale: uno SVE con GAIA Kosovo

Tutela della biodiversità di un parco naturale: uno SVE con GAIA Kosovo

GAIA Kosovo è in cerca di 12 volontari/ e per uno SVE della durata di 1 mese, in supporto al lavoro estivo di tutela e conservazione della biodiversità nel parco naturale Sharr Mountain.

Come per ogni progetto SVE, sono garantite le spese di alloggio, vitto, viaggio, corso di lingua ed assicurazione.

Durata del progetto: 21 luglio – 19 agosto 2018

Descrizione del progetto

Il parco nazionale Sharr Mountain si estende oltre i confini di Kosovo, Macedonia e Albania. Al suo interno si riscontra un’elevata biodiversità, grazie al territorio incontaminato e ricco di laghi e ruscelli. Molte specie animali vivono in questo luogo, così come vi si possono trovare esemplari di piante mediche e farfalle rare.

GAIA da molti anni organizza in questo luogo scambi per giovani volontari/e internazionali, impegnandosi nella tutela del patrimonio naturale così come nella valorizzazione delle risorse del territorio. Per questo motivo la scorsa estate ha avuto luogo il BREfest, un festival di 3 giorni che ha riunito popolazione locale e volontari internazionali in un momento di condivisione e dibattito.

Attività

I/le volontari/e partecipanti saranno impegnati in attività di catalogazione della biodiversità naturale del parco, documentandone flora e fauna e cercando tracce degli animali selvatici.

Inoltre si svolgeranno attività di manutenzione dei sentieri e dei pannelli informativi, organizzando appuntamenti pubblici che coinvolgano la popolazione locale, sensibilizzandola sul tema.

I/le volontari/e parteciperanno anche all’organizzazione e la gestione del BREfest 2018.

Requisiti richiesti

Essere preparati/e a fare l’esperienza di vita ecosostenibile, in condivisione con altri/e volontari/e, partecipando alle attività di tutela della biodiversità.

Essere disponibili a organizzare e gestire workshop o attività educative con gruppi locali e internazionali, con l’obiettivo di sensibilizzare sulla questione ambientale e l’importanza della tutela della flora e della fauna del parco.

È considerato importante avere competenze di scrittura e/o audiovisive per documentare le attività che si svolgeranno durante lo SVE.

Per maggiori informazioni sul progetto clicca qui.

Per candidarsi, inviare CV e lettera di motivazioni in inglese all’indirizzo gaia.kosovo@gmail.com entro il 13 aprile 2018.

Call aperta: workshop in Kosovo sulla permacultura sociale e l’educazione

Call aperta: workshop in Kosovo sulla permacultura sociale e l’educazione

 

Gaia Kosovo organizza un workshop sulla permacultura sociale e l’educazione aperto a 15 partecipanti, che avrà luogo dal 10 al 14 aprile 2018.

L’iniziativa si svolgerà in uno dei villaggi della municipalità di Novo Brdo, nella parte orientale del Kosovo. Quest’area è la meno sviluppata della regione, ma al contempo non soffre l’inquinamento urbano ed è immersa nella natura. In uno dei villaggi, Bozevce, GAIA sta portando avanti programmi dedicati allo sviluppo della permacultura. Il workshop non avrà luogo in questo villaggio ma ci sarà la possibilità di farvi visita.

Il workshop è focalizzato principalmente su due tematiche principali:

  • la permacultura sociale;
  • l’educazione attraverso la permacultura.

Verranno ripercorse e studiate le basi della permacultura: l’etica, gli elementi che la caratterizzano, le pratiche che mette in campo, i diversi percorsi a seconda dei contesti, e così via, confrontando le buone pratiche attraverso alcuni esempi di comunità che hanno portato avanti progetti basati sulla permacultura.

Per partecipare al workshop occorre versare un contribuito di 20 euro per la tessera associativa SCI e 30 euro di costi amministrativi. La spese di viaggio, vitto e alloggio sono coperte dal progetto.

I/le volontari/e devono arrivare in loco il 9 aprile e ripartire il 15 aprile.

Per candidarsi, inviare CV (italiano o inglese) e lettera di motivazione a coordinamento@sci-italia.it entro il 18 marzo 2018.

Gaia Kosovo è in cerca di 2 volontari/e per un progetto SVE di 6 mesi

Gaia Kosovo è in cerca di 2 volontari/e per un progetto SVE di 6 mesi

Gaia Kosovo, partner locale del Service Civil International, è in cerca di 2 volontari/e SVE per svolgere attività di catalogazione della biodiversità esistente nel parco nazionale Sharr Mountain, monitorarne la salute in ottica di proteggerne e tutelarne l’ecosistema.

Come per ogni progetto SVE, sono garantite le spese di alloggio, vitto, viaggio, corso di lingua ed assicurazione.

Durata del progetto: aprile 2018 – settembre 2018

Descrizione del progetto:

Il progetto Mountain spirit – Strategic EVS for Nature Conservation coinvolge vari volontari/e SVE di breve o lungo termine con l’obiettivo di unire la partecipazione di volontari/e internazionali e quella della popolazione locale (delle zone montane o rurali del circondario del parco) in attività di conservazione e tutela della natura, della biodiversità floristica e faunistica.

Requisiti richiesti:

  • amare la montagna e la natura;
  • essere disposti a passare molto tempo all’aria aperta;
  • essere interessati o avere competenze e conoscenze relative alle scienze naturali;
  • avere precedenti esperienze di attività legate alla protezione dell’ambiente;
  • avere competenze, anche minime, di fotografia e realizzazione video, finalizzate alla documentazione delle attività che verranno portate avanti;
  • essere indipendenti e avere spirito di iniziativa;
  • essere in grado di lavorare in gruppo;
  • avere una buona conoscenza dell’inglese ed essere disposti ad apprendere le basi della lingua locale.

Leggi qui la call completa.

Per candidarsi, inviare CV e lettera di motivazioni in inglese all’indirizzo gaia.kosovo@gmail.com entro il 18 febbraio 2018.

Sharr is more than snow: testimonianza di una SVE in Kosovo

Sharr is more than snow: testimonianza di una SVE in Kosovo

L’articolo è stato scritto da Leyla Tarahomi, volontaria SVE in Kosovo che ha supportato le attività di Gaia Kosovo durante il mese di agosto 2017.

Il Kosovo è uno di quei Paesi in cui sai che tornerai: posso dirlo con certezza perché a inizio agosto ho iniziato la mia esperienza di volontaria SVE sui monti Sharr, nei pressi del villaggio di Brezovica, e so che prima o poi vi farò ritorno.

Prima della partenza sapevo poco del Kosovo: auto-dichiaratosi indipendente nel 2008, in difficili rapporti con la Serbia e con una guerra recente e complicata alle spalle. Tuttora mi è difficile capire le ragioni più profonde del conflitto, che risalgono a tempi lontani e continuano a ripercuotersi sul presente.

Il nostro gruppo era composto da volontari provenienti da sedici Paesi diversi, un coordinatore francese, il proprietario del motel in cui alloggiavamo e un amico di GAIA Kosovo, l’associazione ospitante. Il progetto aveva come fine l’organizzazione del BREfest, prima edizione di un festival dedicato alla sostenibilità ambientale, all’interculturalità, alla musica e soprattutto alla condivisione, in un luogo affollatissimo in inverno, ma semi-deserto d’estate. Dalla promozione all’ideazione dei workshops, noi volontari siamo riusciti a veicolare con successo il messaggio “Sharr is more than snow”, portando un pubblico variegato ad incontrarsi nella natura.

Prima del festival ci hanno raggiunto i ragazzi del “Tour of Freedom”, workcamp in bicicletta di tre settimane da nord a sud del Kosovo, che hanno preparato per il festival una mostra e una human library sulle esperienze vissute e le persone incontrate durante il percorso. I partecipanti di “A route to connect”, viaggio-studio sul campo lungo la rotta balcanica percorsa dai migranti, hanno condotto una discussione sulla situazione migratoria attuale, introdotta da un’esposizione di foto e testimonianze. Sabato infine, siamo stati impegnatissimi ad intrattenere bimbi e ragazzi di etnia rom del progetto “Imaginatorium” di Gračanica: sfiancante, ma tremendamente divertente.

La preparazione del festival ha richiesto un’azione di clean-up dei rifiuti abbandonati vicino ai luoghi del BREfest e la raccolta di legna da ardere per il falò: purtroppo l’abbandono di rifiuti è un problema evidente e grave in Kosovo e pulendo a ridosso del ciglio della strada siamo riusciti almeno a suscitare la curiosità dei tanti che passavano in macchina.

Lo SVE non è stato però solo preparazione e brainstorming: il primo giorno a Sharr Mountain siamo partiti per un intenso pomeriggio di hiking verso il lago Liqeni i Livadhit/Livadičko jezero, vicino al quale abbiamo trascorso la notte in tenda.

Nel tempo libero abbiamo inoltre potuto visitare alcune città, scegliendo in base ai consigli dei nostri coordinatori Mira e Jean: Prizren richiama molti turisti durante il“DokuFest” e lo stesso accade a Peja con l'”Anibar”; a Gjacova la via del vecchio bazar offre un’ampia scelta di locali e negozi. L’eredità ottomana e la convivenza, ancora non facile, della cultura albanese-musulmana e di quella serba-ortodossa, hanno un fascino senza eguali.

Potrei continuare ancora il racconto, ma credo che l’unico modo per apprezzare completamente la ricchezza del Kosovo e soprattutto i monti Sharr, sia viverli: le persone, i paesaggi, i profumi e i suoni della montagna non si possono descrivere efficacemente a parole. Il titolo del nostro progetto era “All colours of Sharr Mountain” e i tramonti che ci sono stati regalati danno un’idea del perché.

Per approfondire, sul sito di GAIA Kosovo si possono leggere i racconti degli altri volontari: https://gaiakosovo.wordpress.com/.

Restaurare il monastero di Draganac: un campo in Kosovo

Restaurare il monastero di Draganac: un campo in Kosovo

Dal 13 luglio al 29 luglio 2017 un campo in Kosovo, presso il villaggio abbandonato Draganac, famoso per il suo monastero e la fortezza risalenti al XIV secolo. Tutta l’area circostante, che include circa 10 ettari di foresta e diversi edifici storici, appartiene al monastero.

Nel tempo, tale proprietà è divenuta un villaggio etnico, con giardini, frutteti, serre e animali, oltre che un posto di ritrovo per pellegrini. Dallo scorso anno GAIA e alcune organizzazioni locali si sono impegnate nell’organizzazione di campi di volontariato internazionale, in partenariato col monastero. Durante il campo i/le volontari/e hanno aiutato nei lavori di rinnovo degli edifici abbandonati, nel mantenimento dei giardini e dei frutteti, nella costruzione di strutture per ospitare gli animali e hanno affiancato i monaci durante le celebrazioni dello Slava.

Quest’anno, i/le volontari/e partecipanti continueranno il lavoro avviato di rinnovo del villaggio, prendendosi cura degli spazi, assistendo i monaci nelle funzioni quotidiane, facendo lavori di giardinaggio e costruendo nuove strutture. Vi sarà l’occasione di celebrare insieme lo Slava, che si terrà il 26 luglio: in quanto evento importante per le comunità ortodosse, quel giorno il monastero si riempirà di fedeli provenienti da tutta la regione, e i/le volontari/e aiuteranno nella preparazione e nella gestione della giornata.

Come parte studio, i/le partecipanti del campo faranno l’esperienza di momenti di vita comunitaria in luoghi remoti, delle pratiche che rendono questo modello di esistenza sostenibile e in armonia con la natura. Verrà approfondita anche la storia del patrimonio culturale e naturale della regione, della vita monastica e delle tradizioni della Chiesa Ortodossa.

La lingua del campo è l’inglese.

Leggi la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Sharr Mountain: call aperta per uno SVE di breve durata in Kosovo

Sharr Mountain: call aperta per uno SVE di breve durata in Kosovo

Il nostro partner GAIA Kosovo cerca un/una volontario/a per un progetto SVE a breve termine che avrà luogo dal 1 al 20 agosto nelle suggestive Sharr Mountains, situate nei pressi del villaggio di Brezovica, a sud-est del Kosovo.

Il progetto abbraccia diverse tematiche, da quella ambientale a quella culturale, coinvolgendo 15 giovani da diversi paesi nella preparazione di un festival davvero speciale: il BREfest.

Tale festival, che prende il nome dal vicino villaggio di Brezovica e dall’intercalare “bre”, molto comune nell’aerea dei Balcani, sarò incentrato sull’educazione ambientale attraverso seminari e laboratori educativi, dibattiti, proiezione di film, musica e cibo locale, il tutto nel rispetto della natura e della sostenibilità. Durante i tre giorni del festival verranno svolte attività di vario genere con l’obiettivo di condividere nuove idee su come proteggere e sviluppare il patrimonio naturale e culturale, e incentivare il turismo sostenibile. Nondimeno ci saranno momenti dedicati alla condivisione interculturale attraverso la musica: concerti di musiche dal mondo e jam sessions aperte al pubblico, per agevolare un’interazione creativa ed inclusiva, oltre che divertente.

I/le volontari/e internazionali verranno coinvolti/e nella preparazione del festival, nella realizzazione del programma, nella documentazione video-fotografica della ricchezza e diversità naturale e culturale.

Oltre che un’opportunità per vivere tre settimane in un contesto variopinto ed interculturale, questo short term EVS a Sharr Mountain rappresenta una vera e propria opportunità di formazione nel campo dell’educazione ambientale!

Requisiti per la partecipazione:

  • avere tra i 18 e i 30 anni;
  • nutrire un forte interesse per l’educazione ambientale;
  • essere flessibili e motivati/e a coinvolgersi attivamente nel progetto;
  • essere disposti/e a disconnettersi dal mondo virtuale e connettersi a quello naturale, adattandosi a condizioni di vita spartane;
  • buona padronanza dell’inglese.

Le spese di vitto e alloggio sono coperte al 100% e quelle di viaggio verranno rimborsate entro una spesa massima di 275 euro. Per partire è necessario fare la tessera annuale a SCI Italia versando la quota di 20 euro.

Per candidarsi: inviare una motivation letter in inglese a evs@sci-italia.it, entro lunedì 5 giugno 2017.

In presenza di un/a candidato/a idoneo/a la selezione potrebbe essere chiusa anche prima.

Tour of Freedom: dal nord al sud del Kosovo, un campo di volontariato

Tour of Freedom: dal nord al sud del Kosovo, un campo di volontariato

Dal 20 luglio al 13 agosto 2017 un campo itinerante in Kosovo. In sella ad una bicicletta, l’obiettivo del campo è di connettere comunità diverse, da Nord a Sud: partendo da Mitrovica, il tour attraverserà l’intero paese fino a giungere a Brezovica.

I/le partecipanti soggiorneranno in ogni località per 3 o 4 giorni, di volta in volta promuovendo attività volte a riunire persone di provenienza e contesti diversi per condividere e discutere insieme di questioni riguardanti i diritti umani e ambientali, raccogliendo le storie locali. L’idea del viaggio in bici vuole essere messaggio di un modo alternativo e rispettoso dell’ambiente di muoversi e connettere le persone, in pace, creando spazi di dialogo e confronto.

Durante i primi 5 giorni a Mitrovica i/le volontari/e saranno impegnati/e in attività di ciclofficina, riciclo e riuso materiali. Attività educative, workshop su questioni ambientali, performance di strada, pitture murali, proiezioni e discussioni animeranno il viaggio fino a Brezovica, dove si prenderà parte all’Eco-Festival BREfest.

La lingua ufficiale del campo è l’inglese, oltre a l’albanese, il serbo e il romanì.

Leggi qui la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.