Resistenze ambientali: difesa della cultura e delle tradizioni in Val Codera

Resistenze ambientali: difesa della cultura e delle tradizioni in Val Codera

Dal 28 luglio al 6 agosto 2017 un campo nella Val Codera, immersa tra le Alpi Retiche e scolpita nel granito: un presidio naturale, selvaggio e incontaminato nonostante i danni dovuti al cambiamento climatico e allo sviluppo industriale della città di Novate Mezzola, che ha causato l’erosione del suolo e delle rocce ai piedi della vallata.

L’associazione “Amici della Val Codera”, la cui sede è raggiungibile solo a piedi in due ore da Novate Mezzola, è impegnata da 35 anni a promuovere un approccio alla valle ecologista e sostenibile: attraverso il recupero e la pratica di antichi metodi agricoli, essa protegge e migliora l’ambiente e il patrimonio culturale della valle, rispettando gli abitanti e promuovendo un turismo eco-sostenibile rispettoso della montagna e delle sue bellezze.

I/le volontari/e del campo si impegneranno a ripulire e sistemare i campi abbandonati, incrementando la coltura di patate, fagioli e cavoli, costruendo sistemi di irrigazione, eliminando le piante infestanti, raccogliendo la legna e molto altro, sotto la guida dell’associazione.

La parte studio sarà centrata sulla storia delle popolazioni che abitavano la catena alpina e sulle ragioni che hanno portato allo spopolamento, causando la perdita dell’identità culturale, tradizionale e storica della vallata. Ai/alle volontari/e è richiesto di portare degli esempi di sviluppo sostenibile dei loro paesi, sia in contesto urbano che naturale, per scambiarsi esperienze e soluzioni legate al cambiamento climatico e alle “resistenze ambientali” che mirano a far accrescere la consapevolezza tra le persone.

 

La lingua del campo è l’inglese, quella locale l’italiano.

Leggi la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Conservazione del Killarney National Park: un campo in Irlanda

Conservazione del Killarney National Park: un campo in Irlanda

Dal 2 al 16 luglio 2017 un campo in Irlanda presso il Killarney National Park, situato nei pressi della cittadina Killarney, nel sudovest del paese.

Il Killarney National Park ha un’estensione di 10.000 ettari e comprende montagne, laghi e zone boschive. Sono moltissimi gli esemplari di flora e fauna, specie diverse di piante, alberi e animali che coesistono in tutta la zona. Nel IXX secolo, però, l’introduzione del rododendro ha avuto un impatto negativo sull’ecosistema, in quanto pianta particolarmente invasiva e infestante che ha colonizzato aree estese dell’intero parco. Ad oggi, il rododendro sta minacciando la biodiversità del parco e molte specie originarie di alberi, arbusti e muschi sono fortemente a rischio.

I/le volontari/e partecipanti saranno impegnati/e a controllare e monitorare il rododendro nelle aree remote del parco, ad esempio trattandone il tronco con strumenti predisposti, rimuovendo i piccoli esemplari e scegliendo sementi nuovi con cui sostituirli. Le tecniche di trattamento delle piante saranno approfondite nella parte studio ed utilizzate concretamente dai/dalle volontari/e partecipanti.

La lingua del campo è l’inglese.

Leggi la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Stili di vita 100% sostenibili, semina e conservazione: un campo in Germania

Stili di vita 100% sostenibili, semina e conservazione: un campo in Germania

Dal 15 al 30 luglio 2017 un campo nell’ovest della Germania, sulle montagne Hunsrück, nei pressi del fiume Mosel, per lavorare alla semina di piante rare.

Negli anni del cambiamento climatico e delle ingiustizie globali occorre interrogarsi sui nostri stili di vita, le maniere in cui consumiamo e le risorse che sprechiamo. Un esempio di buone pratiche e di ritorno ad uno stile di vita naturale è dato da Friedmunt Sonnemann, al quale appartengono 4 ettari di terra situati in una foresta, nei pressi della cittadina Bernkastel-Kues, dove ha iniziato un progetto di semina e conservazione degli esemplari di piante oggi minacciate e in via di estinzione, rivendendo i semi ad altri agricoltori. Nel rifugio dove egli vive non c’è acqua corrente né elettricità, e la strada che vi conduce non è battuta. La vita in quest’area remota non è adatta a tutti/e; ai/alle partecipanti del campo si consiglia di essere preparati/e a vivere in condizioni rurali e rispettose dell’ambiente circostante.

Il lavoro previsto dipenderà dalle condizioni climatiche: si lavorerà nei campi o ai lavori di costruzione e ristrutturazione del rifugio.

La parte studio sarà dedicata ad approfondire elementi di botanica e alle ragioni dell’estinzione di alcuni esemplari rari di piante.

La lingua del campo è l’inglese.

Leggi qui la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Ecologismo e tutela ambientale nella contea Jarvamaa: un campo in Estonia

Ecologismo e tutela ambientale nella contea Jarvamaa: un campo in Estonia

Dal 30 luglio al 13 agosto 2017 un campo per la tutela ambientale e paesaggistica nel cuore dell’Estonia.

Jarvamaa è un’area che copre circa 2700 chilometri quadrati, con una popolazione totale di circa 40000 persone. Quest’area è nota per la sua ricca storia, i cui resti danno un’idea del patrimonio culturale della regione, ma anche per la bellezza della natura e del paesaggio, con le sue colline, foreste, sorgenti, fiumi e laghi. Il campo ha come obiettivo la conservazione di alcuni siti storico-culturali di fondamentale importanza per la cultura locale. Nonostante ciò, ancora più importante è la funzione del campo di introdurre elementi di multiculturalismo e di scambio con i/le giovani di quest’area rurale, che saranno coinvolti/e nel progetto. Ai/alle partecipanti del campo verrà chiesto di presentare le loro culture di provenienza e condividere con la gioventù locale l’importanza dell’attivismo e del volontariato.

I/le partecipanti del campo lavoreranno al mantenimento delle aree verdi, alla conservazione e alla catalogazione dei ritrovamenti di oggetti di importanza culturale e ad attività di rinnovo di alcuni spazi della contea, specialmente nel villaggio Imavere e nella cittadina Vhma.

La lingua del campo è l’inglese.

Leggi qui la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

“Mission: Wolf”: prendersi cura dei lupi e dei cani-lupo nati in cattività

“Mission: Wolf”: prendersi cura dei lupi e dei cani-lupo nati in cattività

Dal 21 agosto all’11 settembre 2017 un campo nelle riserve del sud-ovest del Colorado (USA), tra Gardner e Westcliffe, per prendersi cura dei lupi e dei cani-lupo nati e cresciuti in cattività.

Mission: Wolf (M:W) è un rifugio riabilitativo per i lupi e i cani-lupo che, essendo nati in gabbia e cresciuti segregati, maltrattati e trascurati, spesso non sopravvivono al primo anno di vita. M:W lavora con i lupi per educare e sensibilizzare le persone riguardo all’importanza della libertà per gli animali selvaggi, cercando di dissuaderle dal trattarli come dei cuccioli domestici; l’opera di convincimento è uno sforzo collettivo di persone con lo stesso fine: rispettare gli animali e vivere in maniera eco-sostenibile. L’obiettivo del progetto è tutelare un ambiente sano e aperto che promuova la crescita personale degli individui che lo attraversano, ispirando modelli positivi che possano far diventare ogni persona un/una nuovo/a difensore dell’ecosistema.

I/le volontari/e partecipanti saranno impegnati/e in attività di cura e assistenza a circa 30 tra lupi e cani-lupo, come preparare i pasti, nutrirli, portare l’acqua, organizzare e mantenere gli spazi per gli animali; ma anche organizzare le donazioni, gli accessi di eventuali visitatori, le aree ristoro, riparazione e manutenzione di veicoli, costruzioni, e via dicendo.

La parte studio sarà centrata sulle caratteristiche dei lupi e dei cani-lupo, dal comportamento all’ambiente naturale, sui modelli di vita ecologicamente sostenibile e vita comunitaria.

La lingua del campo è l’inglese.

Leggi qui la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

“Gotas de agua”, riserve naturali e orti biologici: un campo in Perù

“Gotas de agua”, riserve naturali e orti biologici: un campo in Perù

Dal 25 luglio al 15 agosto 2017 un campo presso la riserva naturale “Gotas de agua”, nei pressi della città Jaén, regione Cajamarca.

Nei dintorni del centro abitato esistono due ecosistemi molto differenti: il bosco secco, situato più nei pressi della popolazione, e per questo molto deteriorato; il bosco umido, ancora selvaggio e di difficile accesso, minacciato dalla realtà incontrollata del disboscamento indiscriminato.

La prima parte del progetto si svolgerà nella riserva Área de Conservación Privada ACP “Gotas de Agua”: i/le volontari/e partecipanti lavoreranno alla tutela e alla conservazione della fauna e della flora endemiche del bosco secco di Marañón-Chinchipe, fondato da Luciano Troyes Rivera (che nel 1990 ha reso possibile il recupero di un ecosistema ormai dato per perso, attraverso un lento lavoro di semina sul territorio; oggi più di 1800 ettari sono stati recuperati, riconosciuti e tutelati come riserva). Nella seconda parte, i/le volontari/e supporteranno gli attivisti locali nel lavoro di diffusione e informazione sul territorio, specialmente nelle scuole di alcune comunità.

La parte studio sarà centrata su elementi di botanica, sulla conoscenza delle piante medicinali e sulla fauna ornitologica della riserva “Gotas de agua”.

La lingua del campo è lo spagnolo.

Leggi la scheda completa del campo.

Questo progetto fa parte dei programmi Nord/Sud. I volontari devono avere almeno 20 anni e aver preso parte alle formazioni (primo incontro e 2 livello) di preparazione organizzate dallo SCI Italia.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Sud del mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Agricoltura e permacultura: un campo ecologista in Svezia

Agricoltura e permacultura: un campo ecologista in Svezia

Dal 28 giugno al 9 luglio 2017 un campo ecologista a Österfärnebo, in Svezia, presso il centro studi Färnebo folkhögskola.

Questo spazio collabora da anni con i movimenti sociali svedesi e supporta quelli internazionali; le attività che si svolgono al suo interno sono legate alla promozione della pace, dell’ecologismo e della solidarietà. Il profilo della Färnebo folkhögskola è sempre in transizione: al momento i/le partecipanti di un corso stanno da un lato costruendo una nuova serra, mentre dall’altro ragionano la cornice di un’azione collettiva in città atta coinvolgere tutti gli abitanti per ridurre il loro impatto ambientale, insegnando loro ad essere autosufficienti.

I/le partecipanti del campo verranno coinvolti/e nella costruzione di una cucina e lavoreranno alla gestione quotidiana delle faccende dell’orto. Impareranno grazie a delle visite guidate come si lavora con le api e con le capre. Verranno loro inoltre insegnati i principi della permacultura e apporteranno le loro idee per proseguire il progetto dello sviluppo di orti urbani nelle scuole, imparando e insegnando a vivere in maniera ecologicamente sostenibile.

Inoltre, poiché alcuni/e rifugiati arrivati in Svezia abitano presso il centro Färnebo folkhögskola e spesso necessitano di corsi di inglese, i/le volontari/e partecipanti, laddove volessero farlo, possono rendersi disponibili ad offrire qualche ora di lezione.

La lingua del campo è l’inglese.

Leggi qui la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Sulla rotta Transiberiana per Baikal: un campo in Russia

Sulla rotta Transiberiana per Baikal: un campo in Russia

Dal 27 luglio al 9 agosto 2017 un campo di volontariato presso il lago Baikal, la più grande riserva di acqua dolce del mondo, situato nel parco nazionale Pribaikalski. L’obiettivo del campo è il restauro del percorso turistico che collega la stazione del treno al villaggio.

I/le volontari/e partecipanti lavoreranno alla manutenzione del sentiero e alla costruzione di un ponte di legno. Poiché tali attività richiederanno prestanza fisica e lavoro intenso, nei giorni precedenti al campo è previsto un viaggio lungo la ferrovia Transiberiana, la ferrovia più lunga del mondo che attraversa il territorio russo in tutta la sua ampiezza. Il viaggio inizierà da Mosca e terminerà a Irkutsk (Siberia), un percorso di 7 giorni e 6000 chilometri fino al sito di Baikal. Durante il viaggio si avrà la possibilità di visitare alcune delle città russe lungo la linea ferroviaria, scoprendone la storia e la cultura millenaria.

La parte studio del campo sarà centrata sulla conoscenza del patrimonio naturale del lago e delle foreste che lo circondano, e sulle forme di tutela e preservazione di tale ecosistema.

La lingua del campo è l’inglese.

Per partecipare è richiesta una lettera di motivazione e la vaccinazione per l’encefalite.

Leggi qui la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Sharr Mountain: call aperta per uno SVE di breve durata in Kosovo

Sharr Mountain: call aperta per uno SVE di breve durata in Kosovo

Il nostro partner GAIA Kosovo cerca un/una volontario/a per un progetto SVE a breve termine che avrà luogo dal 1 al 20 agosto nelle suggestive Sharr Mountains, situate nei pressi del villaggio di Brezovica, a sud-est del Kosovo.

Il progetto abbraccia diverse tematiche, da quella ambientale a quella culturale, coinvolgendo 15 giovani da diversi paesi nella preparazione di un festival davvero speciale: il BREfest.

Tale festival, che prende il nome dal vicino villaggio di Brezovica e dall’intercalare “bre”, molto comune nell’aerea dei Balcani, sarò incentrato sull’educazione ambientale attraverso seminari e laboratori educativi, dibattiti, proiezione di film, musica e cibo locale, il tutto nel rispetto della natura e della sostenibilità. Durante i tre giorni del festival verranno svolte attività di vario genere con l’obiettivo di condividere nuove idee su come proteggere e sviluppare il patrimonio naturale e culturale, e incentivare il turismo sostenibile. Nondimeno ci saranno momenti dedicati alla condivisione interculturale attraverso la musica: concerti di musiche dal mondo e jam sessions aperte al pubblico, per agevolare un’interazione creativa ed inclusiva, oltre che divertente.

I/le volontari/e internazionali verranno coinvolti/e nella preparazione del festival, nella realizzazione del programma, nella documentazione video-fotografica della ricchezza e diversità naturale e culturale.

Oltre che un’opportunità per vivere tre settimane in un contesto variopinto ed interculturale, questo short term EVS a Sharr Mountain rappresenta una vera e propria opportunità di formazione nel campo dell’educazione ambientale!

Requisiti per la partecipazione:

  • avere tra i 18 e i 30 anni;
  • nutrire un forte interesse per l’educazione ambientale;
  • essere flessibili e motivati/e a coinvolgersi attivamente nel progetto;
  • essere disposti/e a disconnettersi dal mondo virtuale e connettersi a quello naturale, adattandosi a condizioni di vita spartane;
  • buona padronanza dell’inglese.

Le spese di vitto e alloggio sono coperte al 100% e quelle di viaggio verranno rimborsate entro una spesa massima di 275 euro. Per partire è necessario fare la tessera annuale a SCI Italia versando la quota di 20 euro.

Per candidarsi: inviare una motivation letter in inglese a evs@sci-italia.it, entro lunedì 5 giugno 2017.

In presenza di un/a candidato/a idoneo/a la selezione potrebbe essere chiusa anche prima.

bool(false)