Interventi Civili di Pace in Palestina 2016 – Call aperta

Il Servizio Civile Internazionale, Un ponte per…, Rete IPRI, Centro Studi Sereno Regis e Assopace Palestina lanciano per il settimo anno il progetto: “Interventi Civili di Pace in Palestina – Accompagnamento internazionale nonviolento alla raccolta delle Olive”.

Donna palestinese che raccoglie oliveQuattro settimane sul campo, dal 1° ottobre al 31 ottobre 2016, a sostegno delle attività dei Comitati Popolari di Resistenza Nonviolenta e di Youth Against Settlements nella stagione della raccolta delle olive nei villaggi dellaCisgiordania.

Il progetto è frutto della collaborazione con i comitati popolari di resistenza palestinese che da anni lottano contro l’occupazione con metodi nonviolenti.

L’accompagnamento alla raccolta delle olive, ostacolata o impedita dalle forze militari israeliane, è mirata a tutelare il diritto dei contadini palestinesi ad accedere alle proprie terre e a mitigare le violenze dei coloni.

L’iniziativa si aggiunge alle altre azioni messe in campo dalla comunità internazionale come il boicottaggio (BDS), sostegni finanziari, solidarietà diretta e progetti di sensibilizzazione a supporto della resistenza per la libertà della Palestina.

Descrizione:

Il progetto sarà diviso in due fasi: la prima si svolgerà nel villaggio di Kfar Kaddoum e la seconda ad al –Khalil (Hebron). Anche se il programma prevede due tappe potrebbe comunque essere soggetto a cambiamenti in merito alla situazione sul campo e in base alle necessità dei contadini.

I volontari saranno accompagnati da un coordinatore locale e da un facilitatore italiano. Entrambi saranno in contatto costante con il coordinamento italiano delle associazioni partner.

Compiti:

  • Accompagnare nel lavoro agricolo quotidiano i contadini palestinesi dei villaggi
  • Garantire una presenza internazionale in loco, proteggere la società civile palestinese dalle conseguenze dell’occupazione militare (presenza costante di militari, check points, presenza di insediamenti di coloni, invasioni, aggressioni, arresti)
  • sostenere attivamente l’organizzazione di eventi di sensibilizzazione e raccolta fondi in Italia

È chiesto fin da ora l’impegno, al rientro, a condividere e promuovere il materiale raccolto (video, foto, interviste) per diffondere una informazione più consapevole delle dinamiche dell’occupazione. Il materiale raccolto dai volontari sarà utilizzato per le campagne a sostegno della resistenza popolare in Palestina promosse da SCI, Un ponte per…, Rete IPRI, Centro Studi Sereno Regis e Assopace Palestina.

Sono previste quattro giornate formative volte a favorire una presenza in loco consapevole delle dinamiche del conflitto e rispettosa delle tradizioni locali. Nel corso della formazione i partecipanti potranno conoscersi fra loro così da consolidare la coesione del gruppo. Periodo: 28 – 31 Luglio 2016, Roma.

Candidatura:

Per la candidatura è necessario inviare il CV e la lettera di motivazione a palestineolive@gmail.com: entro e non oltre il 25 giugno.

L’esito delle selezioni verrà comunicato l’11 luglio.

**Si ricorda che la lettera di motivazione NON equivale ad una lettera di presentazione.

Qui tutti i dettagli del progetto e i requisiti per prenderne parte.

bool(false)