Organizzare il Festival Internazionale delle Lingue: campo in Russia

Organizzare il Festival Internazionale delle Lingue: campo in Russia

Dal 23 al 29 ottobre 2017 un campo in Russia per supportare l’organizzazione del Festival Internazionale delle Lingue, promosso dalla Ong “Youth Esperanto Association of the Chuvash Republic”.

Quest’anno il Festival si svolgerà nella sua 18esima edizione e avrà luogo nella città di Cheboksary. Il principale obiettivo del festival è di centrare l’attenzione sulla diversità delle lingue e dei linguaggi, enfatizzandone il valore. Il festival è un evento grande e importante per tutta la Repubblica: più di 1000 partecipanti di diverse età vi prendono parte ogni anno.

I/le volontari/e partecipanti adempiranno ai seguenti compiti: supportare lo staff nella preparazione del festival, presentare la propria lingua e la propria cultura di provenienza durante il festival e prendere parte alle altre attività dell’evento. Durante i giorni di pausa dal lavoro verranno svolte gite in siti di interesse naturalistico.

Come parte studio i/le volontari/e impareranno le tradizioni della cultura e della lingua locale attraverso visite ai villaggi rurali circostanti. Cheboksary è la capitale della Chuvash Republic, all’interno della quale convivono due lingue ufficiali: il russo e il ciuvascio.

La lingua del campo è l’inglese, ma durante il festival saranno utilizzate molte lingue quali il francese, il tedesco, lo spagnolo, l’italiano, il russo e molte altre.

Leggi qui la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Restaurare gli antichi sentieri dei Pirenei: un campo in Catalunya

Restaurare gli antichi sentieri dei Pirenei: un campo in Catalunya

Dal 16 al 26 ottobre 2017 un campo in Catalunya per il restauro dei sentieri presenti nella località montuosa di Llagunes.

Questa zona è ricca di sentieri molto antichi, un tempo utilizzati per trasportare persone e merci; oggi, se restaurati, tali sentieri potrebbero essere un ottimo percorso per chi desidera praticare delle escursioni di montagna e godere della natura circostante.

L’obiettivo del campo è il restauro e la conservazione dei sentieri lungo la Vall de Siarb attraverso diversi interventi: eliminare le piante invasive, rimuovere le pietre che ostacolano il passaggio, restaurare gli argini del sentiero, recuperare la segnaletica originaria, sono solo alcuni di essi.

La parte studio sarà curata dall’organizzazione BalmesBlancs/Refugi Vall de Siarb, la quale preparerà varie attività da svolgere, come visite alle rovine medioevali dei villaggi vicini e quelle rimaste a testimonianze della guerra civile.

La lingua del campo è l’inglese, quella locale il catalano.

Leggi la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Recuperare le tradizioni locali dello Scintoismo: un campo in Giappone

Recuperare le tradizioni locali dello Scintoismo: un campo in Giappone

Dall’11 al 24 ottobre 2017 un campo in Giappone per promuovere il recupero delle tradizioni e le festività locali legate allo Scintoismo, la religione tradizionale giapponese.

Il progetto risale al 2011 ed è realizzato in cooperazione con il comitato locale “Light and Tradition festival”, il quale cerca di contrastare lo spopolamento e l’invecchiamento che minacciano gravemente molti villaggi rurali del Giappone tramite il recupero e la conservazione della memoria storica locale.

L’attività di recupero della tradizione scintoista si concretizza nella realizzazione di due eventi, il “Bamboo Lantern Festival” e il “Gaku-uchi”, durante i quali le persone locali marciano per i villaggi suonando i tamburi giapponesi e il flauto tradizionale, per augurare fertilità al terreno. In questo modo, le tradizioni locali hanno l’opportunità di rimanere vive e venire così tramandate alle generazioni future.

I/le volontari/e partecipanti del campo saranno principalmente impegnati/e nella preparazione del festival, per poi essere invitati/e a prendervi parte; impareranno ad utilizzare gli strumenti musicali tradizionali e si uniranno poi al corteo che marcerà per i villaggi durante la celebrazione. Saranno infine coinvolti nella preparazione di incontri nelle scuole elementari per promuovere il festival stesso e il valore dello scambio interculturale.

Come parte studio verrà approfondita la storia delle tradizioni popolari giapponesi.

La lingua del campo è l’inglese, quella locale il giapponese.

Leggi la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Riforestazione e protezione ambientale: un campo in Uganda

Riforestazione e protezione ambientale: un campo in Uganda

Dal 3 al 21 ottobre 2017 un campo in Uganda presso il villaggio Ocea, situato nella sotto contea di Odupi, per partecipare al progetto ecosostenibile dell’Ocea Disabled Women’s Association.

Tale associazione possiede 12 ettari in questa zona, nei quali viene incoraggiata l’attività di riforestazione in contrasto al disastro ambientale imminente, causato dalla deforestazione selvaggia e incontrollata. L’obiettivo è prevenire le conseguenze del cambiamento climatico ponendo gli alberi al centro della strategia di sostenibilità ambientale, trasformando il progetto della Ocea Disabled Women’s Association in un centro di distribuzione di alberi da inviare a tutta la comunità della sotto contea Odupi.

I/le volontari/e partecipanti avranno diversi compiti, tra cui attività di conservazione dell’ambiente, la semina di 3 acri di terreno con diverse specie di alberi, la preparazione di 5 vivai per l’arbicoltura, attività di potatura, e via dicendo.

Come parte studio verranno svolte visite in luoghi naturali storici della regione, verrà visitato il mercato tradizionale di Siripi e verranno organizzate “nottate culturali”.

La lingua del campo è l’inglese, quella locale il Lugbara.

Leggi la scheda completa del campo.

Questo progetto fa parte dei programmi Nord/Sud. I volontari devono avere almeno 20 anni e aver preso parte alle formazioni (primo incontro e 2 livello) di preparazione organizzate dallo SCI Italia.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Sud del mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

“Semplicemente… Saharawi”: testimonianza dal campo Oasis of Care

“Semplicemente… Saharawi”: testimonianza dal campo Oasis of Care

Pubblichiamo la testimonianza di Donato Masi, coordinatore del campo di volontariato internazionale “Oasis of Care” realizzato in collaborazione con l’associazione Shanti Sahara, la quale si occupa dei bambini e delle bambine Sahrawi diversamente abili provenienti dai campi profughi di Tindouf (Algeria).

.\ La bacheca scorre veloce verso il basso come una slot machine /.

“E’ stato ieri:
…arrivarono e ci privarono della nostra casa, della nostra terra… da quel giorno il verde, che una volta era il primo colore della nostra bandiera, è rivolto verso il basso […]”
poi il racconto si ferma e muore,
nel disincantato interesse della gente

#POPOLOSAHARAWILIBERO
Scriverlo in un post
così scontato ma, così strano …
Ma qual è il confine fra pubblico e privato quando ti capitano incontri così speciali,
così inattesi e veri …?!

C’è poi invece, un altro confine quello fra Marocco e Sahara occidentale
C’è ma non si vede, perché nessuno ne parla
C’è chi è costretto a vivere da più di 40anni nei campi profughi dell’Hammada *
“ E’ stato ieri…” sembrerebbero i più svantaggiati ma non è così

i veri svantaggiati siamo noi
quando non sappiamo ammettere i nostri vantaggi,
non sappiamo schiodarci dalle nostre comodità, dai nostri “vitalizi quotidiani”.
Sappiamo giudicare quello sì, senza però mettere in discussione media e informazione
e respingiamo al mittente la proposta di modifica del #regolamentodiDublino

C’è poi chi ci prova: Shanti Sahara
non salva il mondo, non come ce lo immaginiamo noi.
Quello che fanno i volontari di Shanti Sahara è…
accarezzare un broncio e poi aspettare, aspettare… fino a che non si trasformi in sorriso
sul viso di un bambino ma spesso anche su tutte quelle facce stanche dei volontari!
con semplicità
e lo vedi!
Non hanno nessuna attitudine se non quella di imparare da questi ‘piccoli ambasciatori di pace’
dalla loro voglia di crescere pur non sapendo da dove cominciare

Shanti lo fa, con l’aiuto di organizzazioni come Service Civil International (SCI) e Servizio Civile Internazionale Italia che dal 1920 promuovono attività e campi di lavoro su temi di pace, diritti umani, solidarietà internazionale e inclusione sociale, mobilitando migliaia di volontari internazionali
Senza barriere e senza confini

C’è chi nella vita è audace ma è inetto sui social,
chi qui, non è bravo a condividere qualcosa di personale…

Eppure
spesso è chi conosce cosa davvero vuol dire ‘sociale‘, cosa significa ‘condividere
perché vive sulla propria pelle, ogni giorno, il vero significato di queste parole…

“[…] E’ stato oggi: sono venuti e hanno preso le nostre parole, i nostri sentimenti…”
Ce li hanno rubati

il racconto non si ferma… Se vuoi, continua…

C’è chi tenta di toglierci la libertà
ma la speranza di essere liberi è già la nostra vendetta

#capovolgiamola #FreedomforSaharawiPeople #WesternSahara #MaroccoAgainstJustice
Saharawi Voice Free Saharawi SaharawInsieme Onlus

* Per approfondimenti sulle vicende nel Sahara Occidentale:
http://www.ilpost.it/2017/02/26/sahara-occidentale-tensioni/
https://www.economist.com/news/middle-east-and-africa/21717383-back-spotlight-fate-western-sahara-no-closer

** Per approfondimenti su Shanti Sahara e le altre organizzazioni:
https://www.shantisahara.com/
https://www.shantisahara.com/chi-sono-i-saharawi
SCI (Service Civil International): http://www.sci.ngo/ http://sci-italia.it/

Riabilitare il sito archeologico di Kokino: un campo in Macedonia

Riabilitare il sito archeologico di Kokino: un campo in Macedonia

Dal 9 al 18 ottobre 2017 un campo in Macedonia, presso il sito archeologico Kokino, luogo sacro e osservatorio risalente all’Età del Bronzo.

Il campo è organizzato dal Centro per il Dialogo Interculturale (CID), un’organizzazione della società civile che ha l’obiettivo di promuovere l’accettazione interculturale e la cittadinanza attiva attraverso percorsi di formazione ed educazione dei giovani. Tale attività è parte del progetto più ampio Volunteer Path, il cui obiettivo è quello di promuovere il volontariato internazionale e l’educazione non formale per valorizzare e supportare i progetti delle comunità locali, nelle loro specificità.

L’obiettivo del campo è di rendere l’area vivibile e piacevole per gli esploratori della montagna, gli amanti della natura e i visitatori del sito, in modo da permettere loro di esplorare al meglio la zona e rivalutare quello che è uno degli osservatori più antichi che restano al mondo.

I/le volontari/e partecipanti del campo saranno impegnati presso l’antico sito archeologico di Kokino, lavorando per appianare il terreno, riaprire un sentiero percorribile anche con la bicicletta, costruire panchine e docce all’aria aperta.

Come parte studio verranno messe a valore le competenze dei volontari stessi: linguistiche, di sopravvivenza in contesti selvaggi, di conoscenza della regione, di riciclo di materiali, e via dicendo.

La lingua del campo è l’inglese.

Leggi la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Teatro e musica con i bambini e le bambine: un campo in Svizzera

Teatro e musica con i bambini e le bambine: un campo in Svizzera

Dal 1 al 15 ottobre 2017 un campo in Svizzera organizzato dalla branca locale SCI, in supporto al progetto di teatro finalizzato a promuovere l’inclusione dei bambini e le bambine dei campi per rifugiati dell’area di Lucerna, insieme ai bambini e le bambine locali.

Il campo supporterà l’organizzazione di una “settimana teatrale” per i bambini e le bambine: l’obiettivo del progetto è dare la possibilità ai bambini e le bambine dei centri di avere un ricco scambio di esperienze con quelli locali, implementando la loro conoscenza del tedesco in un contesto creativo e ludico. Non solo teatro quindi, ma anche musica, danza e gioco. Al termine della settimana si terrà un saggio conclusivo, al quale prenderanno parte circa trenta bambini/e tra gli 8 e i 13 anni.

I/le volontarie partecipanti, durante la settimana preparatoria, riceveranno una formazione introduttiva sulla questione migratoria, sulla didattica teatrale e sull’animazione con i/le bambini/e; contestualmente, prepareranno le attività per la settimana successiva, affiancati da esperti di teatro e da musico-pedagogisti. Durante la seconda settimana, i/le volontari/e organizzeranno giochi ed altre attività per i/le bambini/e, accompagneranno quelli/e che risiedono nei centri dal centro alla città e viceversa, parteciperanno alle sessioni teatrali e ai workshop musicali. A turno, prepareranno i pasti per l’intero gruppo.

Come parte studio, verrà affrontata la questione migratoria, in particolare relativamente al contesto svizzero e alle procedure di richiesta d’asilo locali. Tali conoscenze teoriche saranno importanti nel tipo di relazione concreta che verrà instaurata poi con i/le bambini/e stessi/e.

La lingua del campo è il tedesco.

Leggi la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Rinnovare un centro di aggregazione giovanile: campo in Marocco

Rinnovare un centro di aggregazione giovanile: campo in Marocco

Dall’8 al 20 settembre 2017 un campo in Marocco, presso il Centro Giovanile di Jebha, piccola città portuale nella provincia di Chefchaouen, nel nord del Paese.

Il progetto è coordinato dal CSM (Chantiers Sociaux Marocains) in partenariato con la Delegazione della Gioventù e dello Sport.

I/le volontari/e del campo parteciperanno ai lavori di rinnovo del Centro Giovanile di Jebha: la struttura è in buono stato ma richiede degli interventi di restauro, in particolare per gli esterni. I compiti per i/le volontari/e consisteranno in interventi di rinnovo delle superfici e nella creazione di spazi verdi. Oltre alle attività manuali, i/le volontari/e saranno coinvolti/e nelle attività quotidiane della popolazione locale, con la quale vivranno strettamente a contatto e dalla quale apprenderanno usi e costumi della società marocchina.

Come parte studio verrà approfondito il valore dello scambio interculturale per la gioventù marocchina.

La lingua del campo è l’inglese, quella locale l’arabo.

Leggi la scheda completa del campo.

Questo progetto fa parte dei programmi Nord/Sud. I volontari devono avere almeno 20 anni e aver preso parte alle formazioni (primo incontro e 2 livello) di preparazione organizzate dallo SCI Italia.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Sud del mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Diritti delle donne e pratiche d’emancipazione: un campo in Bangladesh

Diritti delle donne e pratiche d’emancipazione: un campo in Bangladesh

Dal 28 settembre al 7 ottobre 2017 un campo in Bangladesh dedicato alle donne. Il campo si svolgerà a circa 95 chilometri da Dhaka, nella zona rurale del Paese, situata nella regione sud-occidentale.

In questo luogo è particolarmente evidente la necessità di agire sull’oppressione delle donne e sui problemi che più nel quotidiano le riguardano. Il più evidente è relativo all’accesso al mondo del lavoro e alla mancanza di supporto in questa direzione; a questo si aggiunge ad un corollario di discriminazioni che si interfacciano ad un sistema di dominazione agito dalla controparte maschile. Ciò si traduce nell’impossibilità di partecipare alla vita politica del paese, alle attività sociali, al controllo delle risorse o dell’educazione dei figli; le donne non sono padrone della propria fertilità, né possono accedere ad un’istruzione adeguata o alle nuove tecnologie. Anche la possibilità di incontrarsi e condividere le proprie conoscenze ed esperienze è fortemente ridotta.

Conscio di tale contesto di partenza, SCI Bangladesh si è posto l’obiettivo di realizzare un campo di volontariato particolare, dedicato alle donne e ai loro bambini e bambine, per permettere loro di discutere e prendere consapevolezza dei propri diritti, per guidarle nell’identificazione dei propri bisogni reali, delle loro aspirazioni e degli ostacoli ai quali quotidianamente si confrontano.

Il lavoro dei volontari e delle volontarie partecipanti del campo sarà quello di affiancare e supportare le donne nei momenti di distensione in seguito a quelli di autocoscienza, aiutandole in lavori manuali quali la semina di alberi e attività di giardinaggio.

Come parte studio, verranno svolte discussioni sui diritti delle donne, sull’identificazione dei loro bisogni, aspirazioni e ostacoli da superare. Verranno inoltre effettuate visite nella comunità locale per diffondere campagne sull’empowerment femminile.

La lingua del campo è l’inglese, quella locale il bengali.

Leggi la scheda completa del campo.

Questo progetto fa parte dei programmi Nord/Sud. I volontari devono avere almeno 20 anni e aver preso parte alle formazioni (primo incontro e 2 livello) di preparazione organizzate dallo SCI Italia.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Sud del mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Call aperta: SCI Madrid in cerca di uno/una SVE per 10 mesi di progetto

Call aperta: SCI Madrid in cerca di uno/una SVE per 10 mesi di progetto

SCI Madrid è in cerca di un/una volontario/a per uno SVE della durata di 10 mesi in supporto alle attività dell’organizzazione.

L’obiettivo principale del progetto è la promozione del volontariato internazionale, agita dai suoi stessi e le sue stesse protagoniste, come ad esempio chi partecipa al Servizio Volontario Europeo.

Il/la volontario/a prenderà parte e supporterà le attività dell’associazione previste per il prossimo anno, promuovendo il volontariato in quanto fattore di cambiamento e azione positiva nel sociale, in particolare nei settori giovanili spagnoli.
Tra le attività, il/la volontario/a sarà impegnato/a nei seguenti compiti:

  • promozione del volontariato internazionale nelle sue varie forme e in diversi programmi;
  • ruolo di orientamento e informazione per i/le giovani che vogliono prendere parte ai programmi di scambio offerti dalla nostra rete (di corto o lungo termine);
  • gestione dei volontari in arrivo (incoming) o in partenza (outgoing) per i campi di volontariato internazionale;
  • promozione e gestione della presenza di volontari provenienti da paesi esteri nei gruppi locali SCI e nelle loro attività;
  • organizzazione, partecipazione e ideazione di workshop di sensibilizzazione rispetto al valore dello scambio interculturale, nei suoi differenti aspetti;
  • partecipazione all’organizzazione delle formazioni per i volontari e le volontarie spagnoli/e che parteciperanno a un campo;
  • partecipazione agli incontri che si terranno con altre associazioni di volontariato regionali e nazionali;
  • collaborazione alla preparazione di materiale informativo e alla sua disseminazione (newsletter, manifesti, volantini, brochures e via dicendo);
  • assistenza allo svolgimento di eventi, forum e iniziative di promozione del volontariato;
  • partecipazione ai campi di volontariato internazionale organizzati sul territorio spagnolo.

Al/alla candidato/a è richiesta un’elevata conoscenza della lingua spagnola, un’attitudine positiva e una mentalità aperta, un forte interesse per il multiculturalismo e il volontariato e una buona predisposizione a lavorare in ufficio quotidianamente.

Durata del progetto: 05/02/2018 – 30/11/2018

È previsto un pocket money mensile per coprire le spese di vitto e alloggio del/la volontario/a e le spese di viaggio a/r sono rimborsate (entro un limite previsto dal progetto).

Per candidarsi: inviare CV (in spagnolo o in inglese) e lettera di motivazioni (in spagnolo) all’indirizzo evs@sci-italia.it entro il 12 settembre 2017.

bool(false)