Emancipazione femminile e vita comunitaria: un campo in Bulgaria

Emancipazione femminile e vita comunitaria: un campo in Bulgaria

Dall’8 al 19 luglio 2017 un campo a sostegno dell’emancipazione femminile nel piccolo villaggio di Rumyancevo, in Bulgaria. In questo luogo, la mancanza di pari opportunità espone un gruppo di giovani donne (tra i 15 e i 30 anni) ad una condizione di estrema vulnerabilità. Terminati gli anni scolastici la maggior parte di loro non persegue una carriera personale o un livello di educazione superiore, ma diventa madre, e trasmette ai propri figli quella stessa tradizione che alimenta il circolo vizioso della povertà nelle regioni bulgare più piccole e povere.

Tra queste, c’è un gruppo di donne che desidera costituirsi in un Club, in modo da poter strutturare ed organizzare attività per i bambini e le bambine del villaggio che ancora vanno a scuola e iniziare così a lavorare in direzione di un cambiamento nella loro comunità. Il campo di volontariato servirà a supportarle.

I/le volontari/e e le donne organizzeranno insieme workshop creativi, come il riciclo e la trasformazione di vecchi vestiti in nuovi, o di oggetti di scarto in accessori. I pomeriggi saranno invece dedicati a sviluppare giochi e attività con l’obiettivo di creare legami solidali tra le donne del Club, aiutandole ad aprirsi e a scoprire i loro talenti ed interessi. Il campo terminerà con un grande evento pubblico che coinvolgerà tutta la cittadinanza, durante il quale verranno presentati i risultati delle attività creative svolte.

La parte studio sarà centrata sulla questione dell’emancipazione femminile, l’uguaglianza di genere e il diritto alla salute. Durante il tempo libero i/le volontari/e avranno la possibilità di fare escursioni e campeggiare presso i siti naturali poco distanti, come grotte, fiumi, vallate e pareti da scalare.

La lingua del campo è l’inglese, quella locale il bulgaro.

Leggi qui la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Ti piacerebbe coordinare un campo per il Castellarte Festival in Campania?

Ti piacerebbe coordinare un campo per il Castellarte Festival in Campania?

SCI-Italia organizza un campo di volontariato a sostegno della XXIV edizione del Festival Internazionale di Artisti in Strada dell’associazione Castellarte, che ha l’obiettivo di promuovere e tutelare le bellezze storico-culturali della cittadina di Capocastello.

I/le volontari/e partecipanti aiuteranno la cittadinanza di Capocastello nell’organizzazione del festival, che si svolgerà su tutto il territorio, e nella gestione dello stesso nel suo svolgimento.

Ti piacerebbe coordinare un campo come questo?

Partecipa alla formazione per coordinatori e coordinatrici di campi!

La prossima di terrà a Cesano Maderno (Monza e Brianza) il 9, 10 e 11 giugno 2017.

L’incontro sarà un momento indispensabile per acquisire le competenze e le capacità necessarie per coordinare un campo di volontariato con lo SCI, come la gestione di un gruppo internazionale, la capacità di gestione dei conflitti attraverso una modalità nonviolenta, sviluppare creatività, flessibilità, pazienza, e molto altro.

Anche l’attività di coordinamento è realizzata in modo volontario; proprio per questo, come SCI sosteniamo i/le candidati/e durante la loro esperienza anche oltre alla formazione, fornendo:

  • un kit di materiale informativo per accompagnare il coordinatore durante tutta la sua esperienza;
  • la quota campo gratuita per il coordinatore;
  • un rimborso integrale delle spese di viaggio (dal domicilio al campo, andata e ritorno);
  • il rilascio di un attestato/certificato che riconosce l’esperienza realizzata, spesso utilizzabile
    nell’acquisizione di crediti formativi o a fini curricolari.

Leggi qui la call completa.

Per candidarsi o ricevere informazioni scrivere a workcamps@sci-italia.it o contattare la Segreteria Nazionale al numero 06 5580644.

Interventi Civili di Pace in Palestina 2017 – Call aperta

Interventi Civili di Pace in Palestina 2017 – Call aperta

Il Servizio Civile Internazionale, Un ponte per…, Rete IPRI, Centro Studi Sereno Regis e Assopace Palestina lanciano per l’ottavo anno il progetto “Interventi Civili di Pace in Palestina”.

Quattro settimane sul campo a sostegno delle attività della società civile palestinese e di associazioni impegnate nella difesa dei diritti umani quali i Comitati Popolari di Resistenza Nonviolenta di Betlemme e At Twani, Youth Against Settlements e Human Rights Supporters.

Il progetto è frutto della collaborazione con associazioni rappresentative della società civile palestinese che da anni lottano contro l’occupazione con metodi nonviolenti. L’accompagnamento alla raccolta delle olive, ostacolata e spesso impedita dalle forze militari israeliane, è mirata a tutelare il diritto dei contadini palestinesi ad accedere alle proprie terre e a mitigare le violenze dei coloni. Quest’anno saranno previste anche attività di accompagnamento e interposizione nonviolenta ai pastori e studenti delle colline a sud di Al Khalil (Hebron).
L’iniziativa si aggiunge alle altre azioni messe in campo dalla comunità internazionale come il boicottaggio (BDS), sostegni finanziari, solidarietà diretta e progetti di sensibilizzazione a supporto della resistenza per la libertà della Palestina.

Descrizione:

Il progetto sarà diviso in più fasi, con la finalità di entrare in contatto e supportare le comunità palestinesi residenti nelle aree di Betlemme, Nablus, colline a sud di Al Khalil ed Hebron. Anche se il programma prevede queste aree di intervento, potrebbe comunque essere soggetto a cambiamenti in base alle necessità e alle richieste delle comunità locali.
I/le volontari/e saranno accompagnati/e da una facilitatrice rappresentante di una delle associazioni partner, guidati da coordinatori locali e in contatto costante con il coordinamento italiano dei promotori del progetto.

Periodo permanenza in loco:

01/10/17 – 31/10/17

Luogo:

Cisgiordania

Compiti:

  • Accompagnamento nonviolento disarmato dei contadini palestinesi nel lavoro agricolo quotidiano e dei pastori e studenti, relativamente all’area delle colline a sud di Al Kahlil.
  • Monitoraggio delle violazioni commesse nei confronti della popolazione civile da parte delle forze di occupazione militare israeliana (presenza costante di militari, check point, presenza di insediamenti di coloni, impedimento dell’accesso ai terreni, aggressioni, arresti indiscriminati).
  • Redazione di articoli per il blog raccogliendolapace.wordpress.com.
  • Sostegno attivo all’organizzazione di eventi di sensibilizzazione e raccolta fondi in Italia.

E’ chiesto fin da ora l’impegno, al rientro, a condividere e promuovere il materiale raccolto (video, foto, interviste) per diffondere una informazione più consapevole delle dinamiche dell’occupazione. Il materiale raccolto dai volontari sarà utilizzato per le campagne a sostegno della resistenza popolare in Palestina promosse da SCI Italia, Un ponte per…, Rete IPRI, Centro Studi Sereno Regis e Assopace Palestina.

Requisiti:

  • Precedente esperienza in Palestina/Israele e conoscenza approfondita del conflitto.
  • Precedenti esperienze di volontariato.
  • Adattabilità al lavoro di gruppo, alle situazioni di stress e di difficoltà.
  • Conoscenza della lingua inglese.
  • Età minima: 22 anni.
  • Condivisione di obiettivi e metodi delle associazioni promotrici e desiderio di impegnarsi anche oltre l’esperienza in sé.
  • Partecipazione alla formazione residenziale che si terrà dal 20 al 23 Luglio 2017.

Costi:

  • Formazione: 30 euro di contributo per ospitalità e vitto.
  • Viaggio: a carico del partecipante.
  • Missione: 50 euro, quota amministrativa e di copertura assicurativa.
  • Vitto e alloggio in loco: coperti dal progetto, anche se si invitano i volontari ad organizzare eventi di auto finanziamento per supportare le spese.

Formazione residenziale:

Sono previste quattro giornate formative volte a favorire una presenza in loco consapevole delle dinamiche del conflitto e rispettosa delle tradizioni locali. In seguito alla formazione verrà selezionato il gruppo definitivo che prenderà effettivamente parte al progetto in loco.
Periodo: 20/23 luglio 2017 a Roma, presso La Città dell’Utopia, Via Valeriano 3/f (Quartiere San Paolo).
Candidatura:

Per la candidatura è necessario inviare il CV e la lettera di motivazione** a: palestineolive@gmail.com entro e non oltre il 21 giugno.

**Si ricorda che la lettera di motivazione NON equivale ad una lettera di presentazione.

L’esito delle selezioni verrà comunicato il 7 luglio.

Leggi qui la call completa.

Promuovere il sostegno educativo e sociale dei bambini: campo in Grecia

Promuovere il sostegno educativo e sociale dei bambini: campo in Grecia

Dal 30 giugno al 26 luglio 2017 un campo sulla montagna Pateras, in Grecia, in cooperazione con l’organizzazione no profit Happy Children – Happy Youth Camps, che da 85 anni supporta le persone meno abbienti.

Durante il campo, i/le volontari/e aiuteranno lo staff locale nell’ospitare 140 bambini e bambine provenienti da famiglie con problemi finanziari e sociali, imparando dall’associazione le pratiche di supporto sociale e educativo messe in campo per i piccoli ospiti. I/le partecipanti avranno anche modo di imparare la storia del Tradizionale Teatro Greco delle Ombre e di elementi di danza greca, oltre ad avere l’opportunità di sviluppare attività creative di riciclo e riuso.

Oltre alle attività sopracitate, i/le volontari/e lavoreranno alla preparazione dei pasti, al mantenimento della pulizia dello spazio, alla preparazione del sito prima dell’arrivo dei bambini.

La parte studio sarà centrata sugli aspetti di management di un’organizzazione di volontari e sulle pratiche di supporto sociale e educativo ai bambini. Per chi avesse poi voglia di approfondire, ci sarà l’opportunità di apprendere nozioni di arte greca (musica, danza e teatro delle ombre) e verranno organizzate lezioni di lingua greca di base.

La lingua del campo è l’inglese, quella locale il greco.

Leggi qui la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Ti piacerebbe coordinare un campo alla Cavallerizza Reale occupata di Torino?

Ti piacerebbe coordinare un campo alla Cavallerizza Reale occupata di Torino?

Nel complesso reale stile di epoca barocca nel cuore di Torino, occupato dai cittadini e dalle cittadine nel 2014 per impedirne la privatizzazione, SCI-Italia organizza dei campi di volontariato internazionale a sostegno delle attività quotidiane dello spazio.

Ristrutturazione e restauro degli ambienti, organizzazione e gestione degli eventi culturali, gestione dello spazio tramite la partecipazione assembleare, pianificazione e organizzazione del Festival delle Culture, sperimentazione della gestione collettiva di un bene comune, saranno solo alcune delle attività che verranno svolte.

Ti piacerebbe coordinare un campo come questo?

Partecipa alla formazione per coordinatori e coordinatrici di campi!

La prossima di terrà a Cesano Maderno (Monza e Brianza) il 9, 10 e 11 giugno 2017.

L’incontro sarà un momento indispensabile per acquisire le competenze e le capacità necessarie per coordinare un campo di volontariato con lo SCI, come la gestione di un gruppo internazionale, la capacità di gestione dei conflitti attraverso una modalità nonviolenta, sviluppare creatività, flessibilità, pazienza, e molto altro.

Anche l’attività di coordinamento è realizzata in modo volontario; proprio per questo, come SCI sosteniamo i/le candidati/e durante la loro esperienza anche oltre alla formazione, fornendo:

  • un kit di materiale informativo per accompagnare il coordinatore durante tutta la sua esperienza;
  • la quota campo gratuita per il coordinatore;
  • un rimborso integrale delle spese di viaggio (dal domicilio al campo, andata e ritorno);
  • il rilascio di un attestato/certificato che riconosce l’esperienza realizzata, spesso utilizzabile nell’acquisizione di crediti formativi o a fini curricolari.

Leggi qui la call completa.

Per candidarsi o ricevere informazioni scrivere a workcamps@sci-italia.it o contattare la Segreteria Nazionale al numero 06 5580644.

Boombal Folk Festival: campo di volontariato nel Belgio Fiammingo

Boombal Folk Festival: campo di volontariato nel Belgio Fiammingo

Dal 20 agosto al 2 settembre 2017 un campo di volontariato per il Boombal Folk Festival a Lovendegem, villaggio rurale situato tra Ghent e Bruges.

Il Boombal Folk Festival è conosciuto per la sua atmosfera piacevole che pervade pista da ballo e bancone del bar: tutti/e danzano con tutti/e, tutti/e ballano con tutti/e, insomma: un’atmosfera davvero sociale. Questo è l’undicesimo anno che il Boombal anima il Belgio, e di anno in anno riscuote sempre più successo. Ogni mese si svolgono piccoli Boombal nelle maggiori città, finché non arriva il momento del Festival. L’obiettivo del Festival è promuovere, supportare e diffondere la tradizione della musica folk europea, così come della danza tradizionale. Contemporaneamente al programma, durante il Festival si svolgono molti workshop per insegnare e condividere questa tradizione con chi si mostra interessato/a. Quattro giorni di musica e danza per grandi e piccini. Partecipando lo renderete possibile!

I/le partecipanti aiuteranno alla costruzione della location del Festival (tendoni, piste da ballo, recinzioni, decorazioni, etc) insieme ad un gruppo di volontari/e belgi, e la smonteranno dopo la sua fine.

Durante il campo si terranno workshop interni per i/le volontari/e con ballerini/e e musicisti/e professionisti/e, così che durante le sere si potrà ballare e imparare a suonare con loro. Sarà anche possibile partecipare ai workshop che si terranno durante il Festival.

La lingua del campo è l’inglese, quella locale l’olandese.

Leggi qui la scheda completa del campo.

Per maggiori informazioni sui campi SCI nel Nord nel mondo, ecco la pagina dedicata.

Tutti i campi di volontariato del Servizio Civile Internazionale sono consultabili sul database www.workcamps.info.

Vorresti coordinare un campo a Castiadas, in Sardegna?

Vorresti coordinare un campo a Castiadas, in Sardegna?

In collaborazione con la cooperativa sociale Villaggio Carovana, SCI-Italia organizza dei campi di volontariato nella località marittima di Castiadas, nel sud est della Sardegna, per supportare il lavoro quotidiano che la cooperativa svolge per e con persone con disabilità fisiche o mentali.

I/le volontari/e internazionali parteciperanno alle attività di tutti i giorni, dall’accoglienza agli/alle ospiti all’accompagnamento in spiaggia per coloro che non possono farlo da soli/e, fino all’organizzazione di attività ludiche e di divertimento, specialmente per i/le bambini/e.

Ti piacerebbe coordinare un campo come questo?

Partecipa alla formazione per coordinatori e coordinatrici di campi!

La prossima si terrà a Cesano Maderno (Monza e Brianza) il 9, 10 e 11 giugno 2017.

L’incontro sarà un momento indispensabile per acquisire le competenze e le capacità necessarie per coordinare un campo di volontariato con lo SCI, come la gestione di un gruppo internazionale, la capacità di gestione dei conflitti attraverso una modalità nonviolenta, sviluppare creatività, flessibilità, pazienza, e molto altro.

Anche l’attività di coordinamento è realizzata in modo volontario; proprio per questo, come SCI sosteniamo i/le candidati/e durante la loro esperienza anche oltre alla formazione, fornendo:

  • un kit di materiale informativo per accompagnare il coordinatore durante tutta la sua esperienza;
  • la quota campo gratuita per il coordinatore;
  • un rimborso integrale delle spese di viaggio (dal domicilio al campo, andata e ritorno);
  • il rilascio di un attestato/certificato che riconosce l’esperienza realizzata, spesso utilizzabile nell’acquisizione di crediti formativi o a fini curricolari.

Leggi qui la call completa.

Per candidarsi o ricevere informazioni scrivere a workcamps@sci-italia.it o contattare la Segreteria Nazionale al numero 06 5580644.

Festa dei Popoli: mini-campo a Desio [20-21/05]

Festa dei Popoli: mini-campo a Desio [20-21/05]

Sabato 20 e domenica 21 maggio un mini-campo a Desio, Lombardia, in supporto alla Festa dei Popoli di Desio (MB), giunta ormai a ridosso della ventesima edizione.

Si tratta di un tradizionale momento di incontro e confronto tra associazioni ed enti che si impegnano in attività di integrazione tra culture e religioni e di cooperazione internazionale. La Festa è ospite degli spazi della sede desiana dei Missionari Saveriani ed organizzata da uno staff composito: cittadini e rappresentanti delle associazioni e dei gruppi di cittadinanza attivi sul tema dell’interculturalità. All’interno della festa è organizzata la Marcia della Pace, una colorata camminata tra le vie del centro cittadino per evidenziare la compresenza sul territorio di persone di diversa provenienza culturale e territoriale, impegnate tutte per costruire modalità di convivenza serena e partecipe.

Attività previste:  

Le attività previste nel mini-campo riguarderanno l’allestimento dello spazio dedicato alla Festa dei Popoli che si terrà a Desio, l’assistenza agli standisti, l’assistenza al reparto cucina e allo staff organizzatore per gestire il flusso dei partecipanti.

Informazioni pratiche:

Ritrovo alle ore 10.00 di sabato presso Comunità Nicodemo, piazza Arese 17 Cesano Maderno.

Il mini-campo terminerà domenica intorno alle 19.00.

Portare pranzo al sacco per il sabato e materassino e sacco a pelo per la notte.

Parte studio:

Attività proposta da una famiglia della Comunità sul tema dell’accoglienza. Nicodemo fa parte dell’Associazione Mondo Comunità e famiglia, di cui uno dei pilastri portanti è appunto il valore dell’accoglienza.

Vitto e alloggio:

I volontari sono impegnati dal sabato mattina (10.00) fino alle 19.00 di domenica. Per il pranzo di sabato chiediamo ad ognuno di portarsi un pranzo al sacco, mentre la cena di sabato e il pranzo di domenica sono a carico degli organizzatori: i volontari riceveranno un buono pasto per l’accesso al servizio mensa.

I volontari dormiranno presso la Comunità di famiglie Nicodemo a Cesano Maderno (a seconda del numero dei partecipanti e del tempo meteorologico si valuterà se suddividerli nelle case delle famiglie della comunità oppure allestire alcune tende in giardino).

Portare materassino e sacco a pelo!!

Requisiti di partecipazione:

Il mini-campo è aperto a 10 volontari. Per partecipare al mini-campo è richiesta la tessera di iscrizione allo SCI (20 euro) che consente di partecipare alle attività dell’associazione per tutto il 2017 e fornisce inoltre un’assicurazione di base durante il mini-campo (sarà possibile fare la tessera direttamente sabato mattina per chi ne è sprovvisto).

È richiesto inoltre un contributo di 10,00 euro come rimborso spese alla Comunità Nicodemo e supporto alle spese di organizzazione e gestione del campo.

Le iscrizioni dovranno essere fatte scrivendo a: lombardia@sci-italia.it entro il 17 Maggio.

Come raggiungere la Comunità Nicodemo:

In treno: Ferrovie Nord partendo da Cadorna o da Bovisa linea verso Meda-Como. Oppure Ferrovie dello Stato linea Monza Saronno.

In auto: da Milano imboccare la Milano-Meda, uscita 9 Binzago, seguire verso il centro di Cesano Maderno. La comunità si trova proprio affianco al Municipio. Parcheggiare in via Cozzi o in via Luigi Cerati (piccola viuzza a fondo cieco) o nel parcheggio di fronte alla scuola di via Duca D’Aosta. Ponete attenzione ai parcheggi a pagamento, a quelli riservati e a quelli con disco orario!

Note:

Mini-campo family friend: è possibile partecipare insieme ai propri figli!
Parteciperanno alle attività anche dei volontari rifugiati accolti nei comuni della zona, seguiti dalla cooperativa Ubuntu.
Per maggiori informazioni e iscrizioni contattare: lombardia@sci-italia.it

A Change For Media – Media For A Change: scambio giovanile, Budapest [18-27/08]

A Change For Media – Media For A Change: scambio giovanile, Budapest [18-27/08]

SCI-Italia cerca quattro partecipanti ed un/una Group Leader per lo scambio giovanile                     “A Change for Media, Media for a Change”, che si svolgerà dal 18 al 27 agosto in una piccola città vicino a Budapest, Ungheria. Lo stesso scambio l’anno scorso ha avuto un esito molto positivo, e siamo felici che questa opportunità possa aprirsi a nuovi partecipanti!

Verranno coinvolt@ 25 ragazz@ provenienti da Italia, Serbia, Spagna e Bulgaria; tra questi, saranno inclusi giovani migranti, la cui partecipazione è prioritaria, data la tematica del progetto.

Durante lo scambio verrà affrontata la tematica migratoria, con particolare focus su come l’uso dei media possa incidere su tale fenomeno; i/le partecipanti verranno invitati/e a tirare fuori la loro creatività e ad esprimere le proprie idee all’interno di uno spazio accogliente, stimolante ed interculturale.

Le spese di vitto e alloggio sono coperte dall’associazione ospitante “Utilapu Hungary”, mentre il trasporto sarà rimborsato al 100%, fino a un massimo di 170 euro per partecipante. Prima della partenza deve essere effettuato il tesseramento annuale di 20 euro a SCI-Italia.

I partecipanti dovranno avere un’età compresa tra i 18 e i 25 anni, avere una conoscenza basica della lingua inglese ed essere spinti a partecipare allo scambio da una forte motivazione verso i temi trattati.

Per il/la Group Leader sono richiesti i seguenti requisiti:

  • età minima 25 anni;
  • esperienze pregresse in ambito sociale/educativo;
  • interesse e/o esperienza in ambito migrazione e in ambito mediatico;
  • buona padronanza della lingua inglese;
  • attiv@, positiv@, paziente e di mentalità aperta;
  • disponibile a supportare il proprio gruppo e a coinvolgersi attivamente nell’organizzazione dello scambio;
  • disponibile a partecipare alla visita preliminare a Budapest il 29 e 30 luglio.

Per candidarsi è necessario mandare una motivation letter in inglese all’indirizzo:
evs@sci-italia.it, entro mercoledì 7 giugno, indicando per quale profilo ci si candida.

Risoluzione dei conflitti: corso di formazione a Puszczykowo, Polonia [25-31/07]

Risoluzione dei conflitti: corso di formazione a Puszczykowo, Polonia [25-31/07]

In arrivo la seconda parte del corso di formazione One Last Chance, volto a favorire l’acquisizione di strumenti pratici per la gestione e la risoluzione dei conflitti attraverso pratiche ludiche e di gioco.

In particolare, il corso è rivolto a chi lavora con e per i/le giovani per dar loro strumenti per affrontare situazioni di conflitto in generale.

Dei giochi da tavolo, pensati proprio per far emergere e simulare numerosi aspetti riguardanti le origini del conflitto, faranno anche emergere le maniere di risolverlo – come la comunicazione, l’interculturalità, il rispetto reciproco, l’empatia, la diplomazia, la mediazione e molto altro.

Gli obiettivi del progetto sono i seguenti:

  • incrementare le capacità di chi lavora con i/le giovani attraverso strumenti pratici e la sperimentazione di attività non formali su conflitto, gestione del conflitto, pregiudizi e questioni migratorie;
  • migliorare la qualità del lavoro in questi contesti accrescendo il ruolo dei/delle operatori/rici e delle Ong in quanto facilitatori sociali e portatori della cultura di pace;
  • sviluppare le competenze empatiche come qualità strettamente connessa ad una gestione positiva del conflitto;
  • accrescere l’attitudine dei/delle partecipanti a trasformare le situazioni di conflitto in situazioni di crescita collettiva;
  • condividere e discutere tra operatori/rici e partner le preoccupazioni legate a queste tematiche, favorendo lo scambio di buone pratiche e strumenti utili;
  • aumentare la cooperazione internazionale, inclusa la fiducia tra partecipanti e organizzazioni;
  • amplificare l’importanza dei valori educativi in direzione di costruire una società più consapevole e comprensiva.

Leggi qui la call completa.

Per partecipare, è necessario inviare la propria candidatura con allegato CV e lettera motivazionale a: coordinamento@sci.italia.it

Verranno selezionate 2 persone, le quali dovranno poi versare il contributo richiesto per la tessera SCI (20 euro) e quello per la quota amministrativa (30 euro). I costi del viaggio saranno rimborsati dal partner ospitante, e le spese di vitto e alloggio sono ugualmente coperte.

La deadline per candidarsi è il 2 giugno.

bool(false)